Londra si sente ancora europea e vuole staccarsi dal Regno Unito

Anche la Scozia pensa a un altro referendum sulla secessione

Londra Superato lo choc di Brexit, Scozia e Londra si ribellano e pensano ad un loro «Independence day». E se Londra è una sorpresa, la reazione scozzese era invece più che prevedibile. Da sempre a favore di Remain, le autorità scozzesi avevano già messo in conto la possibilità di un secondo referendum per chiedere l'indipendenza dalla Gran Bretagna in caso di una vittoria di Leave. L'occasione si è presentata su un piatto d'argento e ieri, dopo una riunione d'urgenza dell'esecutivo, il primo ministro Nicola Sturgeon ha dichiarato che un nuovo referendum è a questo punto «altamente probabile». «Questa mattina abbiamo discusso soprattutto di che cosa possiamo fare per proteggere le relazioni con l'Unione Europea e il nostro posto nel mercato unico. Siamo concordi nel cercare dei contatti immediati con le istituzioni europee e con i membri degli altri Stati europei per individuare tutte le opzioni possibili in grado di salvaguardare il nostro posto in Europa». La Sturgeon, che si è detta orgogliosa del voto di sostegno a Remain dato dai suoi connazionali, ha dichiarato di essere determinata ad agire immediatamente in modo da trovare una via d'uscita dal problema che non comprometta l'unità nazionale. Commentando poi l'annuncio delle dimissioni di Cameron e la tempesta politica che sta travolgendo il governo inglese, Sturgeon ha assicurato che «a differenza di Westminster dove viene a mancare una leadership, la Scozia è guidata da un governo efficiente e stabile, che s'impegnerà non solo a proteggere gli interessi dei nostri cittadini, ma anche a migliorare le nostre scuole, i nostri ospedali e la nostra economia». Il premier scozzese ha infine sottolineato come i cittadini europei siano i benvenuti nel Paese invitando i consoli degli altri Paesi a un summit per discutere quanto il loro contributo sia tenuto in considerazione». Un messaggio che subito dopo Brexit anche il nuovo sindaco di Londra Sadiq Khan aveva inviato agli ospiti europei della capitale. «Niente panico - aveva detto - da noi sarete sempre benvenuti» . E ieri, la voce dei londinesi che in massa hanno votato per rimanere si è fatta sentire più forte, una vera esplosione di protesta contro il risultato finale del referendum. Più di 40mila persone hanno già sottoscritto una petizione per chiedere che la capitale venga dichiarata indipendente dal Regno Unito e le sia concesso di rientrare nell'Ue. «Londra è una citta internazionale e noi vogliamo rimanere il cuore d'Europa - si legge nel testo della petizione -. Diciamolo chiaro, il resto del Paese non è d'accordo. Così, piuttosto di continuare a votare gli uni contro gli altri a ogni elezione, ufficializziamo questo divorzio e uniamoci ai nostri amici nel Continente. Questa petizione chiede al sindaco Khan di proclamare Londra indipendente e di unirsi alla Comunità Europea». Cosa più semplice a dirsi che a farsi anche se il sindaco europeista ha già chiesto che la capitale possa avere voce in capitolo nelle prossime negoziazioni che definiranno nei dettagli il distacco dall'Unione. «Pur essendo al di fuori della Comunità - ha scritto in nota il primo cittadino della City--è cruciale che rimaniamo parte del mercato unico. Uscire da un mercato che conta 500 milioni di persone con i benefici della libera circolazione sarebbe un errore».

Commenti
Ritratto di mario_caio

mario_caio

Dom, 26/06/2016 - 09:43

Londra si sente europea per via del coacervo di persone differenti che ospita e dell'insieme di istituzioni che hanno base in quella città. E' un "feeling" di conto economico piuttosto che di sincera accettazione al progetto continentale.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Dom, 26/06/2016 - 09:49

Ovviamente, questa di Londra staccata dal Regno Unito è una manifestazione tipica dello humour britannico. La cosa grave è che in Italia ci sono degli "esperti" che fingono di prenderla sul serio.

Ritratto di gloriabiondi

gloriabiondi

Dom, 26/06/2016 - 10:00

Londinesi, volete staccarvi dal regno unito? venite tutti in Italia, così in questa fogna toccherete con mano gli enormi benefici di far parte dell'Europa unita!

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Dom, 26/06/2016 - 10:00

Me lo immaginavo che ora le sirene del Sistema avrebbero cominciato a metterla nei termini che l' articolo propone, che paventa la "disgregazione " del Regno Unito soffiando sul fuoco del mai sopito indipendentismo di scozzesi e nordirlandesi! Ma il "giochino" che già si è tentato all' incontrario con Ukraina e Regioni exsovietiche, non potrà ripetersi con la contrapposizione tra i fautori del Brexit e quelli del Remain. Gli inglesi sono troppo esperti di democrazia e del loro Splendido Isolamento per lasciarsi abbindolare dal Sistema mondialista che si è insediato "manu militari" in Europa e che è eteroguidato da USA e Oligarchie finanziarie. Attenzione invece che anche da noi non cresca l' insofferenza contro Questa Europa dominata da Banche e Massoni che altro non sanno produrre se non disoccupazione e erosione dei salari.

Ritratto di Shard

Shard

Dom, 26/06/2016 - 10:07

Ma che cosa farebbe Londra da sola, con una alta percentuale di islamici e anche con un sindaco islamico? E che razza di Democrazia è quella che non accetta iil volere della maggioranza, sia che tratti di elezioni che di referendum? Democrazia islamica: quelli hanno portato le loro beghe e la loro mentalità in casa nostra. empi duri, molto duri per L'Europa!

Maura S.

Dom, 26/06/2016 - 10:26

Il sindaco musulmano dovrà starsene bel zittino, il Brexit ha vinto e non ha la possibilità di essere discusso. In un senso gli sta bene, Londra non è una città cosmopolita ma solamente imbastardita.

rossini

Dom, 26/06/2016 - 10:33

Bella questa lezione di democrazia che i guru del politically correct di sinistra ci stanno impartendo. Il referendum non è andato come volevamo noi? Rifacciamolo: una, due, tre, cento volte. Finché il popolo bue di ignoranti non laureati e di settantenni rimbambiti non avrà capito che l'Europa è bella, l'Europa è giusta, l'Europa è buona. Se questa è la democrazia erano meglio Benito, Adolfo e Francisco Franco.

Ritratto di Aulin

Aulin

Dom, 26/06/2016 - 10:52

I socialisti navigano nell'ignoranza da secoli, e quando non la controllano la stigmatizzano.

ilario1961

Dom, 26/06/2016 - 11:08

A parte il fatto che a Londra ci sono molti mussulmani e hanno votato anche loro, gli anziani pensano con la loro testa, i giovani sono telefonino-diretti

Anonimo (non verificato)

ilario1961

Dom, 26/06/2016 - 11:09

almeno sapevamo di che morte dovevamo morire

Ritratto di MLF

MLF

Dom, 26/06/2016 - 11:15

Londra è una sorpresa?! Scherzate vero? Non credo ci siate stati recentemente... il quantitativo di VERI londinesi, inglesi endemici, è quasi nullo.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 27/06/2016 - 09:24

saggia decisione il cervello serve per farlo funzionare.Gloriabiondi i londinesi non vogliono un comunismo di mierda come il vostro in Italia, la fogna è in Italia non in Germania Belgio Lussemburgo Francia ecc ecc, siete voi degli infami comunisti con un governo sinistro in tutti i sensi non i londinesi...Italiani tornatevene a casa in Italia ci penserà il PD a darvi il lavoro...sulla schiena.