L'Ordine dei giornalisti censura anche le parole: vietato dire clandestino

L'ordine dei giornalisti pretende di imporre termini ritenuti politicamente corretti. Al bando persino zingari e nomadi

Chi entra clandestinamente in Italia non va chiamato clandestino, potrebbe restarci male. Anche se la Treccani indica come significato del termine proprio quello («colui che entra in un paese illegalmente») vanno preferiti, al posto di quel sostantivo denigratorio, vocaboli più rispettosi, come «migrante irregolare», o «richiedente asilo», «rifugiato», «beneficiario di protezione umanitaria», «vittima della tratta», «migrante», o nel caso «migrante irregolare», tutti più adeguati. Non clandestini, ma diversamente regolari. Un clandestino viene fermato dalla polizia con pistola e proiettili (fatto di cronaca successo giovedì ad Ancona)? Non è corretto titolare «Clandestino arrestato», ma va invece scritto «migrante irregolare» oppure «richiedente asilo fermato con pistola e proiettili». «Un extracomunitario scippa la borsetta con 700 euro a signora di 70 anni» (successo l'altro giorno a Reggio Emilia)? È preferibile non scrivere così, meglio «Un migrante scippa la borsetta», o anche «Un beneficiario di protezione umanitaria scippa una settantenne». Anche l'immigrazione ha il suo vocabolario certificato ed eticamente approvato, in questo caso dall'organo che vigila (solo in Italia e pochi altri paesi al mondo) sul comportamento e sulle opinioni dei giornalisti, l'Ordine dei giornalisti. Da qualche anno l'Ordine, in sinergia con l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (quello che aveva Laura Boldrini come sua portavoce), ha stabilito un «Protocollo deontologico concernente richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti», con allegato un glossario delle parole da usare e una spiegazione su quelle da non usare più perché razziste. Regole che, se violate, possono costare un procedimento disciplinare per un giornalista, un processino che può concludersi anche con la sospensione, o in casi estremi con la radiazione. Insomma c'è poco da scherzare per chi di mestiere scrive.

Con quel protocollo l'Ordine, e il sindacato dei giornalisti Fnsi, si impegnano a «promuovere periodicamente seminari di studio sulla rappresentazione di richiedenti asilo, rifugiati, vittime di tratta e migranti nell'informazione, sia stampata che radiofonica e televisiva», a «monitorare» l'informazione quando parla di migranti, a premiare gli articoli più migrantemente corretti. Ma non solo, spiega come bisogna scrivere. «Lo stesso termine “extracomunitario” può non essere appropriato - si legge nella circolare dell'Odg -, chiediamoci, ad esempio, per quale motivo non viene mai utilizzato negli episodi di cronaca che riguardano statunitensi o australiani o canadesi (che pure sono extracomunitari), ma sempre quando i protagonisti delle cronache sono di provenienza africana. Devono essere evitate espressioni che hanno valenza dispregiativa come ad esempio “Vu' cumprà”. Anche il termine “clandestino” può avere valenza negativa e ingenerare allarme sociale, risultando perciò improprio: molti dei migranti fuggono da guerre e rivoluzioni e, più che clandestini, sono richiedenti asilo per motivi umanitari o di sicurezza».

Non ci vuole molto per finire sotto procedimento. Due colleghi dell'Unione sarda sono stati sanzionati dall'Ordine per un articolo sull'assegnazione di case a famiglie rom da parte del Comune di Cagliari nel 2012. Dopo un esposto dell'«Associazione sarda contro l'Emarginazione» l'Ordine ha aperto il procedimento e concluso che era stata violato il protocollo deontologico su migranti e minoranze: censura e avvertimento. L'Ordine invita proprio a non usare il termine «zingaro», perchè è «stigmatizzante» e discrimina i nomadi. Anzi, nemmeno «nomadi» va usato, perché si riferisce a popolazione che spesso non sono più nomadi, ma stanziali, e finisce con il ghettizzarli linguisticamente. Rom? Nemmeno, l'Ordine lo sconsiglia vivamente, a meno che non si conosca con precisione il loro ceppo, perché potrebbero essere Sinti, oppure Camminanti, e non Rom. E allora, un accampamento di zingari come si può chiamare? Ci si può recare lì e chiedere se si tratti di Rom o piuttosto di Sinti o Camminanti, e annotare la risposta del capo della baraccopoli. Oppure optare per «Romanì», con l'accento sulla «i» finale. Sempre che non si dia adito a confusione con «Romeni», perché non c'entrano e poi si finisce col discriminare loro. In alternativa, nell'imbarazzo, si può restituire il tesserino dell'Ordine.

Annunci
Commenti

giovanni PERINCIOLO

Sab, 30/08/2014 - 12:44

LOa stessa cosa vale per i giornalisti responsabili dell'ordine, d'ora in avanti non si possono più definire come meriterebbero, é permesso solo definirli "diversamente" giornalisti!

francescoud

Sab, 30/08/2014 - 12:51

CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINOCLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO CLANDESTINO. MA NON SI PUO' ELIMINARE QUESTO INUTILE ORDINE IN QUALCHE MODO?

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Sab, 30/08/2014 - 12:55

Siamo al ridicolo .... tra poco verrà censurata anche la parola "terrorista" e sostituita con "operatore di botti".

Ritratto di stufo

stufo

Sab, 30/08/2014 - 12:57

VAFFA si può? È politicollicorret ? Allora VAFFA a tutti quei beneficiari che so io.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Sab, 30/08/2014 - 12:58

SIETE COMICI!!! Citate la Treccani: «colui che entra in un paese illegalmente» e non controllate i fatti!!! Ovvero una persona che, raccolta dalle autorità italiane (Polizia e Militari sono o non sono autorità della Repubblica Italiana?) in acque internazionali e dalle stesse, e alla luce del sole, introdotta sul territorio italiano perché mai poi si sarebbe "introdotta illegalmente"? Ma se ce l'anno portata i militari italiani in Italia dove sarebbe la clandestinità?

giseppe48

Sab, 30/08/2014 - 12:58

dire clandestino è vietato,lo chiameremo rompicoglioni forse è più appropriato

Ritratto di marcotto73

marcotto73

Sab, 30/08/2014 - 12:59

tanto già sò che il mio commento non verrà accettato però ci provo..... ehhmmmm scusate ma.... cos'è stà storia di Totò Riina che dava ogni mese bei quattrini a sor Berluska??? qualche giornalista qua può dircelo o facciamo come le 3 scimmie.... non sento, non vedo e non parlo!!!!

Efesto

Sab, 30/08/2014 - 13:00

Vorrei sapere se nell'ordine dei giornalisti sia conosciuta ed interpretata la parola IPOCRISIA. O non si può dire nemmeno quella?

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Sab, 30/08/2014 - 13:01

Povere bestie (scusate bestie) questi IRREGOLARI. E cosa si aspetta a correggere "...colui che entra in un paese illegalmente..." dell'ENCICLOPEDIA Treccani? Ma l'Ordine dei giornalisti non doveva essere sciolto? Cosa si aspetta.

agosvac

Sab, 30/08/2014 - 13:02

Credo che questi del'ODG siano completamente scemi, e lo posso dire perché non essendo giornalista non posso essere sanzionato!!! Se una persona entra in Italia senza il permesso dello Stato italiano è, di forza, un clandestino. Se poi lo Stato giudicherà che abbia gli estremi per diventare rifugiato politico, ok.Ma intanto il reato lo ha commesso. Temo che lo Stato italiano abbia perso la dignità del suo essere "Stato". In uno Stato serio ed efficiente, "nessuno" può violare le sue frontiere senza permesso e se non ha questo permesso deve essere sanzionato. Se invece si tratta di uno Stato barzelletta, allora tutto va bene. L'Italia vuole essere uno Stato barzelletta??? se lo vuole, allora fanno bene i clandestini a "pretendere" di essere considerati come persone elette, a volere un resort a 5 stelle, non di meno, mi raccomando, con piscina e centro benessere, ristorante con 5 forchette ed autista a carico dello Stato ed a disposizione completa dei " migranti". Quasi, quasi, mi viene da piangere!!!!!

Ritratto di bracco

bracco

Sab, 30/08/2014 - 13:31

Sai che dispiacere?....questi cialtroni se tanto hanno a cuore questa gente invece di produrre solo parole e sentenziare verso chi la pensa diversamente da loro, vadano al concreto dimostrando che non producono solo chiacchere...SE LI PORTASSERO A CASA LORO, IO CON TINUERO' A CHIAMARLI CLANDESTINI, MANTENUTI NULLAFACENTI E ARROGANTI ROMPICOGLIONI.

MEFEL68

Sab, 30/08/2014 - 14:27

La nuova nomenclatura che vuole imporre il DisOrdine dei Riferitori di Notizie (va bene così?)mi sembra una str..z.ta. Chiedo scusa (materiale di scarto residuo dell'alimentazione)forse è più deontologico. Perchè mai dire immigrato, negro o clandestino dovrebbe essere un'offesa, quando è solo un modo della lingua corrente per indicare uno stato di fatto? Allo stesso modo un assassino o un ladro dovrebbero essere chiamati "eliminatore di vita altrui" e "asportatore di beni non ceduti spontaneamente". E' proprio vero che quando non si ha nulla da fare, la mente va per fatti suoi.

laura

Sab, 30/08/2014 - 14:33

Chiamateli come vi pare. la sostanza non cambia. Chi invade un paese senza averne i requisiti e' un invasore o un illegale. Abolire il reato di clandestinità, vigente nei paesi seri, e' stata una cosa demenziale.

oropira64

Sab, 30/08/2014 - 14:33

Omar El Mukhtar,se non ti va come vi chiamiamo allora te ne puoi anche andare.........................

C.Piasenza

Sab, 30/08/2014 - 14:34

E' proprio vero che all'imbecillità umana non c'è limite ... roba da Min.Cul.Pop !!! Quanto poi a Marcotto73 ( esco anch'io un po' fuori tema ) , che evidentemente si abbevera alle fonti di Repubblica et similia, dovrebbe almeno , prima di citarle, tentare di capire ciò che legge.

moichiodi

Sab, 30/08/2014 - 14:37

inutili bizantinismi. tutto per imporre il pensiero unico che la nostra cultura è superiore alle altre. da qui è iniziata la seconda guerra mondiale.

moichiodi

Sab, 30/08/2014 - 14:40

se il giornale vuole fare una cosa seria, abbandoni tutti questi ghirigori e proponga l'abolizione dei medioevali ordini. e non solo di quello giornalistico. queste ipocrtite diatribe non portano a niente.

km_fbi

Sab, 30/08/2014 - 14:43

Quindi voi giornalisti siete stati messi sotto tutela da parte dell'OdG e dell'Alto(??? quanto alto? che vuol dire?) Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (quello che aveva Laura Boldrini come sua portavoce),che ha stabilito un «Protocollo deontologico concernente richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti», con allegato un glossario delle parole da usare... E non vi vergognate???? Cosa aspettate a ribellarvi e a mandarli tutti....a quel paese?

Joe

Sab, 30/08/2014 - 14:44

x agosvac:Non è lo Stato che è barzelletta , lo sono sicuramente questi quarantenni che con "spoccheria" pensano di risolvere TUTTI i problemi dall'alto della loro ( io direi presunta) esperienza politica. All'uopo vi racconto l'esperienza di un giovane politico PD (sigh) che divenuto assessore alla Pubblica Istruzione senza che nessuno glielo chiedesse si vantò di possederla adducendo perchè nel suo curricolo aveva fatto alcuni mesi di supplenza!!!!!! ALLA FACCIA DELL'ESPERIENZA NEL SETTORE

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Sab, 30/08/2014 - 14:48

Ma l'Ordine dei giornalisti non e' lo stesso organo stalinista che alcuni decenni orsono auspicava che le Brigate Rosse fossero definite "sedicenti"?

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Sab, 30/08/2014 - 14:50

Ordine? e come dovrei dire per esprimere il concetto : ma che se lo vadano a prendere in quel posto? Francamente me ne fotto.

elio2

Sab, 30/08/2014 - 14:52

Anche se non piace a quei 4 comunisti di merda che si credono giornalisti, la parola CLANDESTINO è e rimane sempre colui che entra illegalmente in un'altro Paese.

Mobius

Sab, 30/08/2014 - 15:10

Omar El Mukhtar, li vanno a prendere per salvargli la vita, non per lasciarceli sul gobbo.

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Sab, 30/08/2014 - 15:11

Io dirò sempre : Clandestino, Zingaro Adesso stiamo veramente esagerando. Ma dove arriviamo ? Dovremo anche tirarci giù i pantaloni???? BASTA !!!

claudio faleri

Sab, 30/08/2014 - 15:46

mukctar, detto la mucca, abbiamo anche il filosofo, non si capisce se arabo italianizzato, o italiano stronzo che vuole farsi passare per arabo-comunista

Agostinob

Sab, 30/08/2014 - 16:08

Da qualche tempo tutti i media, radio TV e quotidiani, hanno ricevuto chiare istruzioni su come presentare nel modo migliore, agli italiani, ciò che sta avvenendo. Se notate bene, coloro che arrivano con i barconi, anzi meglio, coloro che si mettono sui barconi e a poche miglia dalla loro costa chiamano in Italia per farsi andare a prendere a spese nostre, vengono sempre presentati come " la nostra Marina ha SALVATO numerosi nord africani che rischiavano di affogare ecc...ecc.....". Anche quando arrivano sulle nostre coste, il termine usato è sempre "salvati". Questo per iniziare ad inculcare nella gente il concetto che non si poteva fare altrimenti. Salvare una persona viene sempre percepito come azione inderogabile, umanitaria e conseguentemente il suo venire sul suolo italico inizia, anche questo, ad essere percepito dagli italiani, come necessità dovuta al salvataggio.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 30/08/2014 - 16:11

I REGIMI DITTATORIALI sono sempre iniziati così. Con uno che diceva quello che si puo o NON si puo fare e/o scrivere. Vedrete che fra non molto ci arriveremo!!!! Saludos dal Leghista Monzese

krgferr

Sab, 30/08/2014 - 16:11

Ho sempre pensato che nelle dittature fosse il Potere, direttamente, ad impedire il diritto di parola e cronaca ai cittadini ( ed alla stampa ); è evidente che 'Italia più che ad una dittatura è assimilabile ad un lager od a un gulag dove il Potere esercita il comando attraverso i Kapò ( nel caso proprio i giornalisti ). Saluti. Piero

petra

Sab, 30/08/2014 - 16:15

Quanta ipocrisia in Italia! In tutta Europa si chiamano "sans papier", "clandestinos", illigale Einwanderer", anche gli immigrati provenienti da altri Stati europei, che non sono in regola con i documenti. Da noi invece è proibito chiamarli con il loro nome. Che assurdità.

petra

Sab, 30/08/2014 - 16:18

Quanta ipocrisia in Italia! In tutta Europa si chiamano "sans papier", "clandestinos", illigale Einwanderer", anche gli immigrati provenienti da altri Stati europei, che non sono in regola con i documenti. Da noi invece è proibito chiamarli con il loro nome. Che assurdità.

ANTONIO1956

Sab, 30/08/2014 - 16:23

Siamo forse l'unico paese al mondo ad aver abolito il reato di immigrazione clandestina... siamo noi i più furbi di tutti?? i più ricchi ? i più Cristiani di tutti ??

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 30/08/2014 - 16:35

@Marcotto73:cosa c'entra "Berluska",Totò Riina,con l'argomento "clandestini"??A proposito,"questa volta",(contrariamente alle solite cavolate),dò ragione a @Omar....Quelli che andiamo a prendere,con tanto spirito "umanitario",ad "accogliere",in quanto "accolti",non sono più "tecnicamente" tali,ma semplicemente "indesiderati" ospiti,di una subita "accoglienza"(voluta da PD,"farsa italia",SEL,M5S,Alfano % C,Monti &C,sindacati,patronati,magistratura,ONLUS varie,Vaticano,istituzioni varie,etc.etc).Comunque sia,@ Marcotto73,La prossima volta,quando l'argomento,sarà la "l'erba medica",mi raccomando di cambiare l'accostamento...

Ritratto di gammasan

gammasan

Sab, 30/08/2014 - 16:39

non clandestino, ma "diversamente benvenuto" non nomade, ma "diversamente stanziale" non zingari, ma "diversamente bravi rumeni"

mbotawy'

Sab, 30/08/2014 - 16:52

Dove ci portera'questo Governo Renzi? Proibito chiamarli Vu'Cumpra' proibito chiamarli Clandestini,quindi "Nuovo Italiano"...anche se il suo lavoro e'Venditore di Droga,Assaltante Armato,Contrabandista Ladro di Appartamenti,ecc.La storia ne sara'testimone e accusatrice

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 30/08/2014 - 16:56

@gammasan:l'ipocrisia,mascherata dal "politicamente corretto" dei partiti che ho citato sopra,e delle persone che hanno avuto il coraggio di votarli,è somma!!

Manux

Sab, 30/08/2014 - 17:10

Anche i ladri sorpresi nelle abitazioni, soprattutto se neri, rom ecc meriterebbero maggior rispetto... Del resto "fuggono dalla guerra dalla fame e dalla disperazione" e devono pure tirare a campare... Ladri e' troppo dispreggiativo... potrebbero chiamarsi "diversamente inquilini"...

laran

Sab, 30/08/2014 - 17:11

Ma a quelli dell'Ordine chi glielo paga lo stipendio ? Credo sia sufficiente operare sui loro introiti per far sì che costoro perdano meno tempo in inutili raccomandazioni. Non sapete quanto possa essere convincente un bel bilancio in rosso......

vince50_19

Sab, 30/08/2014 - 17:21

Siamo alle solite: la paura delle parole fotte il cervello di questa gente.

Cowpuncher

Sab, 30/08/2014 - 17:23

Il termine corretto è "illegal immigrants". Poi, chi vuole, li chiami pure diversamente regolari (se piace) così per farsene una ragione della illegalità. Tanto, il concetto di illegalità da noi non esiste.

gigetto50

Sab, 30/08/2014 - 17:25

.....Renzi, in coferenza stampa con il presidente egiziano Al Sisi al Cairo qualche mese fa', ha detto che " l'80% (credo proprio questa percentuale) dei CLANDESTINI arriva dalla Libia" Allora, se proprio non possiamo farne a meno, chiamiamoli "irregolari", visto che arrivano senza permesso di ingresso, il visto appunto oppure senza documenti, "sans paier". Provate a cercare di entrare in quei paesi senza visto oppure, dove non richiesto, almeno senza documento valido che puo' essere o passaporto o carta identita'.

Giorgio5819

Sab, 30/08/2014 - 17:25

Vero, non e' corretto dire clandestino, si deve dire NEMICO. Al massimo si può dire amico della sinistra.

innocentium

Sab, 30/08/2014 - 17:37

sottoscrivo l'analisi di Agostinob ed evidenzio altresì che ci siamo arrivati: oltre al danno le beffe (autoinflitte?) del sedicente Muktar

italianodeluso

Sab, 30/08/2014 - 17:39

x Agostinob non mi interessa come chiamarli politicamente corretto ma una volta sulle nostre navi si deve scaricarli in Libia. x Hernando45 e Leghista Monzese purtroppo ci siamo già arrivati da quando c'è la repubblica kattokomunista.

plaunad

Sab, 30/08/2014 - 17:44

Ormai l'Europa é completamente condizionata dall'ipocrisia e dalla demagogia più demenziale. E il bello é che c'é qualcuno che sfotte il Fascismo perché imponeva parole di suo gusto. E questi che fanno allora?

domenico.fumante

Sab, 30/08/2014 - 17:47

Effettivamente hanno ragione BISOGNA CHIAMARLI COMPAGNUCCIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

lento

Sab, 30/08/2014 - 17:57

Si puo' dedurre in una parola sola: L'ordine dei giornalisti e queste categorie sono una lobby sola !

obiettore

Sab, 30/08/2014 - 18:01

Se vengo fermato dalle autorità devo dare i miei dati e documenti sennò mi fanno un "deretano" così. E perchè i "clandestini" hanno un trattamento diverso ? Perchè non avete pubblicato la mia precedente che aveva lo stesso tenore ? E' proibito dire "deretano" ?

Anonimo (non verificato)

mutuo

Sab, 30/08/2014 - 18:03

Tutte le strutture di potere esistenti in Italia sono state infettate dal morbo del "68". Perfino i seminari hanno patito e continuano a patire il ferale morbo. Fino a quando non sarà possibile effettuare una derattizzazione, l'Italia non avrà alcuna speranza di diventare un paese dignitoso. Il morbo del sessantotto è molto più insidioso e letale del colera comunista. L'ordine dei giornalisti va abolito, come tutti gli ordini ancora esistenti in Italia. Viva Allam!!!!!!!!!! Se non tifano più scrivere sui giornali inonda i muri nazionali con i tuoi articoli.

ilbarzo

Sab, 30/08/2014 - 18:13

Ipocrisia tutta italiana.L'europa a ragione di prenderci per il culo.Meritiamo questo ed altro!

linoalo1

Sab, 30/08/2014 - 18:25

Solo una infinita Ignoranza fa arrivare a questi estremi!E questa è Democrazia?Da domani però,pretendo che nessun Dizionario,Vocabolario od Enciclopedia nel Mondo,contenga tali parole!Altrimenti,tutti,potranno usarle perchè possono sempre dire,a discolpa, che le hanno trovate su testi pubblici!Il Rododentro!

Ritratto di alejob

alejob

Sab, 30/08/2014 - 18:26

E perchè NO, bisogna dire FRATELLI e mentre lo dici,ti piantano un coltello in GOLA, poi con un RANTOLO, puoi dire loro GRAZIE.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Sab, 30/08/2014 - 18:36

Capperi Omar El Mukhtar, punto di vista geniale. Con la scusa di salvarli stiamo facendo una tratta di neri e li portiamo, coartatamente in Italia. I natanti di Mare Nostrum sono in verità navi negriere. Probabilmente verremo processati per crimini contro l'umanità e reitroduzione della schiavitù.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Sab, 30/08/2014 - 18:43

Il complesso de "I nomadi" deve cambiare nome!!!

corto lirazza

Sab, 30/08/2014 - 18:44

Ha ragione il lettore "Omar El Mukhtar", quali irregolari? Questi sono "sgraditi e costosi ospiti importati da un governo di imbecilli"!

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Sab, 30/08/2014 - 18:53

E' tutta una questione di nomenclatura, ah, ah, ah, ah! Se trovassimo un bel nome per dire crisi, finalmente comincerebbe la ripresa...Idea! Chiamiamo ripresa la crisi e siamo a posto. D'altra parte, lo avete visto anche voi, da quando il cieco è non vedente, ha riacquistato la vista di colpo, vero? Ecco, queste sono le riforme che riesce a fare questa classe dirigente diversamente abile.

antonio54

Sab, 30/08/2014 - 19:17

Lo diciamo noi, dov'è il problema...

Dako

Sab, 30/08/2014 - 19:24

I cretini non ci sono solo nel governo ipocrta "della repubblica italiana, ma anche dentro l`ordine die giornalisti più stupidi del mondo!

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 30/08/2014 - 19:24

L'ORDINE DEI GIORNALISTI E' DIVENTATO PEGGIO DI UNA BANDA DI ROM E DI FANATICI ISLAMICI. I CLANDESTINI SONO PIU' INTELLIGENTI DI CERTI GIORNALISTI. CHE REATO E' CHIAMARE UNO CLANDESTINO...SECONDO VOI BRANCO DI GIORNALISTI INUTILI.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Sab, 30/08/2014 - 19:43

Pensate che potrebbero evitare dai complessi cambiando semplicemente il metro di misura. Ci ritroveremmo tutti superdotati. Che ci vuole per stabile che la Tirina è un quaranta chili. Si cambia il riferimento del peso e il gioco è fatto. Che siano le prove per la neolingua?

altair1956

Sab, 30/08/2014 - 19:47

L'Ordine dei Giornalisti si va screditando ogni giorno di più, va sciolto immediatamente.

marcothai

Sab, 30/08/2014 - 20:10

siamo........anzi siete (io fortunatamente abito all'estero) nel piu' radicale comunismo, ma branco di italiani stupidi, ma ve ne rendete conto o no

Ritratto di ohm

ohm

Sab, 30/08/2014 - 21:02

Loro arrivano ed io me ne vado! Gli italiani non fanno più figli ? Ma è ovvio ...noi italiani vogliamo che i nostri figli possano vivere una vita tranquilla e agiata mentre i 'clandestini' fanno figli tanto vengono mantenuti dallo Stato Italiani.....cioè da voi.....loro hanno una ISEE pari a zero ( vedi vari concorsi, asili nido, asili materni, scuole di ogni grado , pannolini, SSN e chi più ne ha più ne metta e i cretini pagano ....ciao ciao!

Ritratto di Italiano__a_Monaco

Italiano__a_Monaco

Sab, 30/08/2014 - 21:27

Interessante, in Germania anni fà ci chiamavano Gastarbeiten,ossia lavoratori ospiti, ora ci chiamano Ausländer, ossia stranieri..... chissa perchè mai nessuno a reclamato..... so bravi i krukki a farsi rispettare???????

scoglionato

Sab, 30/08/2014 - 21:36

Giornalisti,giudici e sindacati,sono categorie da eliminare. Il giornalista scrive cazzate,rovina la reputazione della gente e non paga(libertà di stampa) che minghiata. I giudici condannano la gente in base alla fede politica,lasciano in libertà ,stupratori ,pedofili e e non pagano per gli ERRORI CHE FANNO. I sindacati,belli questi,se siamo nella merda oggi è anche colpa loro; che proteggendo lavativi e scansafatiche politicizzati hanno ridotto questo paese allo stato in cui ci troviamo. Un pensierino alle BANCHE,usuraie statalizzate grazie alle coperture politiche .CLANDESTNO,no,come ha scritto qualcuno ,siamo noi italianetti ad andare a raccoglierli e portarli in Italia,quindi giusto dire che non sono clandestini,ma nostri OSPITI.M............A

woodstock60

Sab, 30/08/2014 - 21:39

potrebbe andare "DIVERSAMENTE RESIDENTI"?

GVO

Sab, 30/08/2014 - 21:43

.....siamo al trionfo dell'imbecillismo...! Caro Giornale cosa possiamo fare..? sperare che tutti gli imbecilli muoiano? non penso che serva, tanto ne nascono dei nuovi...espatriare? non serve , purtoppo sono un po' ovunque..,e allora? Mettiamoci il cuore in pace, anche se sono tanti, sono ancora una minoranza..,e noi non possiamo fare altro che sperare di non diventare un giorno come loro...!

Valvo Vittorio

Dom, 31/08/2014 - 09:21

Ho sempre sostenuto che di fronte al fanatismo religioso o ideologico non c'è logica che regga. Pertanto la migliore arma è l'ironia e il proseguimento dei termini italiani consolidati dall'Accademia della crusca. Mi fa ridere il termine "femminicidio", da contraltare si dovrebbe usare "maschicidio", ma si scende nel grottesco. Il termine camerata si dovrebbe usare, anche se richiama alla memoria il periodo fascista. Mi chiedo come mai si continua a sostenere l'ordine dei giornalisti?

colapesce

Dom, 31/08/2014 - 10:04

non avete capito : è un modo di censurare i media , praticamente puoi pubblicare le veline , ma non puoi pubblicare un pensiero e figuriamoci una critica , ormai vietata !!!!!!!!!!!!!

terzino

Dom, 31/08/2014 - 10:56

L'insipienza di certe gente non ha limiti. Guarda alle parole che devono essere politicamente correct ma non ai fatti e le conseguenze di essi. Sciocchi servi del potere.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Dom, 31/08/2014 - 10:59

Siamo diventati sudditi dell'Armata Rossa con al comando Abu Bakr al Napolitadi.E I nostri Marò????? chi se ne frega sono carne da macello, vero renzie e KOMPAGNO alf.ano???? Vi da fastidio anche ad accennarne i nomi.

paolonardi

Dom, 31/08/2014 - 11:00

Sono anche ignoranti e meriterebbero di tornare sui banchi di scuola a studiare la grammatica e la sintassi italiana. Il participio presente deve essere usato per indicare un'azione in corso; il clandestino che si trova sul suolo italiano ha terminato la sua azione e pertanto deve essere usato il participio passato: tollerabile quindi migrato, ma piu' corretto "immigrato". Capito, spero ma non mi illudo, banda di ignoranti!

Ritratto di Loudness

Loudness

Dom, 31/08/2014 - 11:58

D'altronde se siamo al 40° posto come libertà d'informazione e dopo, Cile, Bulgaria, Namibia, Corea del Sud ecc ecc... un motivo ci sarà, o no? O forse più di uno.

Armandoestebanquito

Dom, 31/08/2014 - 12:15

Paolo Bracalini cosa fa'. cerca consensi provincialisti.. come on si aggiorni un'attimo. Li chiami irregolari o qualcosa altro perche vedi .. qui si parla di essere umani. Non sarebbe una questione politica, piuttosto educativa che comunque non ha niente a fare coi problemi del paese

Triatec

Dom, 31/08/2014 - 12:24

Ordine di cosa? Non passa giorno che non si rendano ridicoli, a difesa di una casta corporativa ignorante e arrogante. Si sono mai chiesti perché è in continuo calo la lettura dei giornali? Per quel che mi riguarda gli zingari restano zingari, i clandestini restano clandestini e i componenti dell'odg restano ridicoli.

Gaeta Agostino

Dom, 31/08/2014 - 12:53

Secondo me ha ragione l'ordine dei giornalisti.Non si devono e non si possono chiamare clandestini, è riduttivo e denigratorio e poi non da l'idea di chi sono veramente.Io li chiamo DELINQUENTI, ASSASSINI,STUPRATORI,BORSEGGIATORI,SPACCIATORI,TERRORISTI,APPROFITTATORI E PARASSITI.Mi fermo qua. Penso che l'Italia sia il paese dell'ipocrisia del linguaggio, certi sostantivi non si possono usare, però si può delinquere, rubare,stuprare e assassinare.Ma per l'amor di Dio non chiamiamoli col loro nome, cerchiamo un sostantivo più consono che non li offenda.E' vero li andiamo a prendere, ma proprio per questo siamo stupidi ed ipocriti, io li porterei sulle coste libiche e gli farei pagare il supplemento del passaggio, visto che pagano tanti soldi ai trafficanti di schiavi possono anche permettersi di pagare il passaggio per il ritorno.

Ritratto di Margherita Campanella

Margherita Camp...

Dom, 31/08/2014 - 12:55

L'Italia è la culla della letteratura, patria di Dante e di Petrarca e ahimè, anche patria che genera da qualche decennio un numero enorme di imbecilli. Adattiamoci pure al nuovo linguaggio "politically correct". Questi signori evidentemente non hanno capito che una parola assume la connotazione che il parlante vuole affidarle, ergo, se uno si è rotto le palle di vedere assediata la propria patria da "migranti irregolari" che pisciano negli angoli delle strade, che commettono furti e rapine, stuprano e molto altro ancora, ecco che questa definizione appena coniata, si caricherà di tutta la sua connotazione negativa. Allora i benpensanti moralisti e moralizzatori, cosa faranno? Cos'altro si inventeranno? Vero, verissimo che gli Statunitensi sono extracomunitari, così come gli Australiani e i Canadesi, ma i vari Boldrini possono dire quello che vogliono: le spiagge italiane non sono invase da "venditori irregolari" statunitensi. Non vedo "massaggiatori irregolari" canadesi o australiani, ma solo cinesi, indiani e marocchini. CLANDESTINI! VU CUMPRA'! EXTRACOMUNITARI! Io parlo come mi pare e non consento ad alcuno di mettermi la museruola alla bocca.

GabrielePoma

Dom, 31/08/2014 - 13:40

clandestino e' una parola che deriva dal latino, non da un barbone in strada. cerchiamo di capire cio' chi siamo. L'ITALIA E' UN PAESE DA ANNI PIENO DI CULTURA. Dobbiamo onorare la NOSTRA cultura..non quella degli altri. SE SONO CLANDESTINI COME LI DEVI CHIAMARE???? VOGLIAMO CHIAMARLI ZINGARI DEPORTATI? Chiamiamoli cosi'. 1 mano posso chiamarla anche 5 dita, l'acqua H2O, la pasta carbpidrati..MA IL SENSO SEMPRE QUELLO E'!!

GabrielePoma

Dom, 31/08/2014 - 13:55

Loro pero' non cambiano i loro linguaggi. Imprigionano nostri concittadini per poi chiamarli -lo storpio; naso grosso, il nano ecc..- che belle pecore siamo.