Gli elettori vogliono leader carismatici. E Toti vale solo il 2%

N essuno sa quali saranno le prossime mosse di Giovanni Toti, probabilmente nemmeno lui. La situazione all'interno di Forza Italia è in continuo fermento e le prossime settimane (e ancor più le prime settimane di settembre) saranno decisive al riguardo. In ogni caso, la prospettiva di una scissione da Forza Italia, pur essendo stata negata durante la convention di Roma, rimane una delle possibilità da considerare. Ci si può dunque domandare, considerando l'attuale distribuzione del consenso elettorale, quali potrebbero essere le potenzialità di una nuova forza politica fondata da Toti, staccandosi da Forza Italia e avendo come prospettiva una più stretta alleanza con la Lega di Salvini. Occorre considerare al riguardo che l'attuale base elettorale, sempre più ampia, del Carroccio appare molto legata alla figura del segretario e alla sua capacità di leadership. In altre parole, sembra improbabile un flusso di voti significativo che si muova dalla Lega verso una eventuale nuova forza politica di centro destra. Certo, qualche spostamento di voti (anche da Fratelli d'Italia) ci potrebbe essere, ma sarebbe ragionevolmente e relativamente poco consistente. Più probabile potrebbe essere una erosione di voti dal (già scarso e in continua decrescita) elettorato di Forza Italia. Ma bisogna ricordare che anche quest'ultimo è in larga misura legato alla figura del leader. Berlusconi gode tuttora di un carisma molto consolidato all'interno del suo partito. È quindi ragionevole pensare che solo una minoranza lascerebbe Forza Italia, «tradendo» il Cavaliere.

Resta l'ampia platea degli astenuti. Non sono pochi gli elettori, riferibili al centrodestra, che, anche in occasione delle ultime consultazioni europee, non si sono recati alle urne. Non riuscendo a trovare tra le forze che hanno costituito l'offerta politica un riferimento coinvolgente e adatto alle loro inclinazioni politiche. In qualche misura spaventati dall'estremismo di Salvini e, al tempo stesso, delusi e non convinti da Forza Italia. Va ricordato tuttavia che anche questo genere di elettorato, come ormai la gran parte degli italiani, è molto sollecitato dall'esistenza di un leader convincente. Si tratta di vedere dunque se la capacità carismatica di Toti si rivelerà sufficiente a smuoverli dalla loro attuale apatia politica.

Nell'insieme, quindi, le prospettive elettorali di una nuova forza politica appaiono in questo momento relativamente modeste. La gran parte dei sondaggi effettuata sin qui la stimano attorno al 2%. Ma abbiamo imparato dall'esperienza passata che in Italia tutto, a partire dagli orientamenti e dalle preferenze degli elettori, cambia molto rapidamente

Commenti
Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Mar, 16/07/2019 - 09:39

Leggo le previsioni del mago MANNIHIER che nella sua carriera non ne ha mai indovinatto un di sondaggi. Solo ha ragione che Toti da solo non avrebbe che pochi elettori e pertanto resto certo che restarà in Forza Italia perchè con la lega andrebbe a fare il subalterno dei leghisi. In quanto a Forza Italia vedrete che sara una sorpresa ora questi ciarlieri di sodaggisti la danno al 8/9% ma cretetemi vale molto molto di più e saranno alle elezioni la sorpresa che lascera la bocca amara a questi maghi ciarlieri.

gianfran41

Mar, 16/07/2019 - 10:19

Un leader carismatico ce l'abbiamo già: SALVINI!

Popi46

Mar, 16/07/2019 - 10:52

Che Salvini sia “carismatico” è una parolona....lui è solo uno che è stato capace di cavalcare la tigre anti immigrazione selvaggia. Mi si illumini su cosa di concreto ha,ad oggi,nel suo carniere governativo, quota 100? Flat tax? Riduzione della pressione fiscale? Autonomia regionale? Ciao,core....no,solo la sensazionale alleanza con i campioni a 5*!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 16/07/2019 - 10:56

Leader sono le idee,i comportamenti,il sostegno di questo e non di quello,le posizioni giuste al momento giusto,le dichiarazioni giuste al momento giusto..."CERCASI"!

Giovanni2.1

Mar, 16/07/2019 - 10:57

2%?? quando ci conteremo alle urne sorpasseremo fi viste le ultime "performance".

epc

Mar, 16/07/2019 - 11:54

E' vero. Gli elettori vogliono leader carismatici che abbiano posizioni chiare sulle faccende. Berlusconi è sicuramente piu' carismatico di Toti, ma quale è la posizione di Berlusconi sul contrasto all'immigrazione selvaggia? Quale è la posizione di Berlusconi sulla faccenda Rakete? Quale è la posizione di Berlusconi sulla autonomia differenziale delle Regioni, compreso il capitolo scuola? Quale è la posizione di Berlusconi sulla flat tax?

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mar, 16/07/2019 - 12:16

Meglio il 2 per cento di Toti alla percentuale degli altri pseudo leader carismatici in FI. Almeno si ha a che fare con un uomo. Gli altri non si riconoscono più. Sembrano delle iene affamate e rabbiose.

ex d.c.

Mar, 16/07/2019 - 13:56

Sarà un po' ottimistico! Gli elettori di FI lo hanno cancellato dalla campagna elettorale per le elezioni 2018

Ritratto di dlux

dlux

Mar, 16/07/2019 - 16:09

Dunque, facendo un rapido calcolo, se Toti vale un 2% e Forza Italia vale un 6%, Toti vale un bel 33% dell'attuale Forza Italia che passerebbe al 4%, quindi varrebbe (sempre Toti) il 50% della futura Forza Italia. Messa così vi sembra poco?

SpellStone

Mar, 16/07/2019 - 19:14

2percento di 6 è un terzo... E poi governa la Liguria. Meditate