"L'Unità" trasloca al "Corriere". E i suoi debiti li ereditiamo noi

Il neodirettore di via Solferino promuove gli uomini che erano con lui nel quotidiano del Pci. Il governo manovra per salvare il giornale fondato da Gramsci con i beni dei Ds

Ci mancava solo la tegola, arrivata ieri, dell'inchiesta per bancarotta sul nuovo editore, Guido Veneziani. L'operazione «rilancio dell' Unità », che Matteo Renzi sperava di chiudere entro il mese, arranca tra mille difficoltà: i tempi, i soldi, il progetto editoriale e persino la cabina di regia: per il momento pare non si riesca neppure a trovare un direttore.

Ed è una coincidenza paradossale che, proprio ieri, il giornalone della borghesia milanese, ossia il Corriere della Sera , abbia annunciato il proprio nuovo assetto di vertice. E che esso arrivi tutto da quella stessa Unità , a cominciare dal neodirettore Luciano Fontana, per continuare coi due nuovi vice, Antonio Polito (che avrà la delega su Roma) e Giampaolo Tucci, e finire con il nuovo capo della redazione di Roma, Roberto Gressi. Si sono tutti fatti le ossa nel vecchio giornale fondato da Gramsci, gestito dal Pci e affondato dai suoi epigoni, prima di intraprendere brillanti carriere in quella che un tempo veniva chiamata a sinistra la «stampa padronale».

Intanto, sempre ieri, il governo si è trovato a dover rispondere in aula alla Camera ad un'interrogazione dei parlamentari del gruppo Cinque stelle che sintetizzava, in un italiano assai claudicante, i contenuti del servizio andato in onda sulla Rai nella trasmissione Report sulla questione dell'affondamento dell' Unità e sui debiti pregressi del giornale ereditato dal Pd (110 milioni, con un pool di banche creditrici). E sul quesito di fondo: chi dovrà pagare alla fine quei debiti, per ora inevasi, lo Stato (che in base ad una apposita leggina emanata dal governo Prodi si faceva «garante» del debito in capo al partito) oppure gli antichi proprietari, ossia il Pci-Pds-Ds? E il messaggio mandato dal governo Renzi, per bocca del sottosegretario Benedetto Della Vedova, è stato chiaro: per quanto ci riguarda, i soldi li dovrebbero cacciare gli ex Ds, ricorrendo al proprio vasto patrimonio immobiliare blindato nel 2007 - alla nascita del Pd - in un complesso sistema di Fondazioni locali studiato dall'allora tesoriere diessino Ugo Sposetti, vero genio (del male, dicono in molti nel Pd) delle finanze ex Pci. Palazzo Chigi, ha spiegato Della Vedova, è «impegnato ad accertare la consistenza del patrimonio immobiliare facente capo ai DS» e poi «confluito nelle numerose fondazioni riconducibili - anche - al Pd», dalla cui «espropriazione le banche avrebbero potuto recuperare, in tutto o in parte, i loro crediti».

Insomma, il governo di Matteo Renzi sta cercando il modo per espugnare il fortino immobiliare degli ex Ds, al fine di valutare «se sia ancora possibile esercitare, in via cautelativa, azioni revocatorie di tale patrimonio immobiliare nell'interesse dell'Amministrazione». Si prefigura dunque una sanguinosa battaglia finanziaria tra il Pd renziano e la Ditta ex Ds? Per il momento, Ugo Sposetti si limita ad una replica sorniona: «La risposta data in aula dal governo è ineccepibile, è giusto che Palazzo Chigi esplori tutte le strade per non aderire alla richiesta delle banche». Ma si intuisce che ride sotto i baffi, convinto che sarà un buco nell'acqua, e che il sistema da lui messo a punto per «proteggere» i beni ex Pci sia inespugnabile. E che, quindi, alla fine, dovrà essere Pantalone a metter mano al portafogli.

Commenti

mezzalunapiena

Sab, 23/05/2015 - 08:52

Questa è l'ultima ciliegina di mortadella prodi che a mio giudizio pur avendo ricoperto ruoli politici di primo piano rimane personaggio insignificante e inutile alla comunità.

Ritratto di manasse

manasse

Sab, 23/05/2015 - 08:57

l'unica specialità dei rossi sono i brogli in tutte le salse da quelli elettorali ai cooperativi e finanziari ecc tutto per metterlo in quel posto al popolo bue senza distinzioni a parte s'intende la nomenclatura SINISTR....A

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Sab, 23/05/2015 - 09:00

Bravi bell'esempio di come si buttano i soldi. Certo a questo modo i soldi non bastano mai. Siete degli economisti e governanti del c....

VittorioMar

Sab, 23/05/2015 - 09:03

..hanno deciso di far fallire anche il Corriere??

linoalo1

Sab, 23/05/2015 - 09:08

Ossia ed in poche parole:tra Sinistrati ci si aiuta e,spesso,anzi:troppo spesso,si nascondono gli scheletri negli armadi e,per sicurezza,si insabbiano anche!

Ritratto di echowindy

echowindy

Sab, 23/05/2015 - 09:28

PER DIVERSE RAGIONI SEMBREREBBE PIUTTOSTO ‘LOGICA’ UN’AZIONE PER UN INTERVENTO DI DEFINITIVA CHIUSURA DEI BATTENTI DEL QUOTIDIANO ‘L'UNITA'. COSTITUIREBBE UNA GARANZIA DOVUTA AL LETTORE NEI RIGUARDI DI UN GIORNALE NATO ‘SFORTUNATO’, DOVE ANCORA OGGI SI FONDANO IDEOLOGICAMENTE PRINCIPI E ATTEGGIAMENTI SOCIALI DI UN'EPOCA CHE APPARTENGONO AL PASSATO OTTOCENTESCO.

vittoriomazzucato

Sab, 23/05/2015 - 09:38

Sono Luca. Con Fontana, neo direttore, si poteva immaginare un fatto del genere, ma , mi chiedo, Elkann il maggior azionista di Rcs cosa aspetta ad intervenire. Contento sarà il calzaturiere Tod's, Diego Della Valle che con Cairo Editore ha da sempre sperato che il Corriere della Sera prendesse la strada della sinistra ed Ezio Mauro con alla spalle Scalfari vede tempi facili per la sua "La Repubblica"

marcomasiero

Sab, 23/05/2015 - 09:49

scordatevi le mie tasse !!! idioti komunisti !

giovauriem

Sab, 23/05/2015 - 09:55

tra il corriere e l'unità , non ci sono difformità di vedute e di ideologie, almeno per ore che la sinistra sta a governo, è ovvio che l'unità sabbe sfrattata se alle prossime elezioni(ove mai ci saranno)vince la destra , il corriere si è sempre adeguato al colore del governo in corso .

cameo44

Sab, 23/05/2015 - 10:09

quella dell'idetoria è una grossa balla i giornali se si vendono si fanno se nessuno li compra non si fanno più come tutto il libero mer cato quando un prodotto non è valido non si produce non si tratta di libertà come ci dicono chi legge un giornale come "L'europeo" nessuno così tanti altri perchè tassare i cittadini per sovvenzionare cose inutili i partiti hanno tanto di quelle risorse basta vedere i tanti immobili di cui sono proprietari se li sovvenzionassero loro i loro giornali

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Sab, 23/05/2015 - 10:53

Finché arrivavano i finanziamenti dalla vecchia URSS tutto filava liscio, finito il grasso si è cercato di ungere in mille modi ma la realtà, per mancanza di veri lettori, si è dimostrata tutt'altra cosa. Anche questo è segno del fallimento del comunismo che nel nostro paese cerca di sopravvivere succhiando soldi pubblici dalle casse dello stato e sfruttando il potere delle istituzioni e degli enti in mano ai sinistroidi nonché i proventi delle lobby finanziarie e assicurative e delle coop di parte.

Ritratto di Nopci

Nopci

Sab, 23/05/2015 - 11:39

SPERO CHE L'ITALIA VADA IN DEFAULT,MUORE SANSONE POPOLO CON TUTTI I FILISTEI COMUNISTI.

steacanessa

Sab, 23/05/2015 - 11:52

A questo punto che bisogno c'è di riesumare l'unità? Hanno il corriere dei piccoli. Che belinoni i cosiddetti borghesi che continuano a leggerlo!

elpaso21

Sab, 23/05/2015 - 12:09

In fondo il "Corriere" è diventato una succursale dell'"Unità".

agosvac

Sab, 23/05/2015 - 12:27

Non si riesce a capire quale possa essere il motivo per cui tutti gli italiani debbano pagare per i debiti di questo giornalaccio che pochissimi hanno mai letto. Forse Renzi dovrebbe capire che anche la pazienza degli italiani ha un limite!!! Se si tira troppo la corda, questa si rompe ed allora sarebbero guai seri, molto seri!!!

pastello

Sab, 23/05/2015 - 13:02

Beh, tutto il male non vien per nuocere: il Corriere diventerà un po' meno "rosso".

semperquel

Sab, 23/05/2015 - 13:12

Povero Montanelli chissà come si rigira nella tomba vedendo che il suo Corrierone è stato di fatto conquistato dall'orda barbarica di tutti i falliti dell'Unità . Farà la fine che fanno tutte le attività dove mettono piede i sinistrati : il fallimento e il conto da pagare a noi pecore da tosare.

MEFEL68

Sab, 23/05/2015 - 13:13

La democrazia dovrebbe garantire la libertà di stampa, non il suo mantenimento. Il giornale, è bene che si assimili il concetto, è una merce come tutte le altre; se piace si vende, se non piace rimane in edicola. Con lo stesso principio si dovrebbe sovvenzionare il negoziante che non riesce a vendere la propria merce. Oltre agli immigrati, chiederci di mantenere anche i giornalisti è troppo.

Ritratto di Paolo700

Paolo700

Sab, 23/05/2015 - 13:30

La cosa schifosa, in sintesi, è che il fogliaccio non vogliono assolutamente chiuderlo (non sia mai!!!) però non vogliono nemmeno tenerlo sotto flebo con i loro amati soldini!!!

terzino

Sab, 23/05/2015 - 13:46

aggirata anche la legge sui fallimenti,sono diabolici e prendono per i fondelli gli italiani, come al solito.

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Sab, 23/05/2015 - 13:54

Bene il passaggio! Così quei quattro analfabeti faranno fallire anche il corrierone; uno in meno a sparare minc....e.

Gioa

Sab, 23/05/2015 - 14:21

riesumare chi ha rubato....re rubare ancora.... COATTICOMUNISTI VERGOGNATEVI.....fortuna siete giovani avreste avuto 60anni vi sareste rubato il MONDO...PONIAMO UN FRENO AI COATTICOMUNISTI..... QUANDO IN RICORDO DEL PASSATO IL FUTURO SERVE PER CONTINUARE A FREGARE.....

Antonio43

Sab, 23/05/2015 - 14:35

Ma se L'unità ha un centinaio di milioni di debiti come ha fatto a trovare un nuovo editore? Questo Veneziani è proprio un pollo? Per quanto uno possa essere babbeo se gli avessero proposto l'edizione di questo libercolo avrebbe risposto con qualche invito ad andare a.... Se Veneziani ha accettato è perchè gli hanno promesso che comunque ci avrebbe guadagnato, quindi i debiti stratosferici dell'Unità non ricadranno sul partito ed i suoi tesserati e simpatizzanti ma, zitti zitti, su tutti noi. Chiamarli farabutti è fargli un complimento.

gedeone@libero.it

Sab, 23/05/2015 - 14:52

Non c'è niente di strano, i due soviet si riuniscono...

Ritratto di Margherita Campanella

Margherita Camp...

Sab, 23/05/2015 - 14:55

E così dopo il Monte dei paschi gli italiani debbono prendersi ancora una volta sul cosiddetto groppone i debiti del PC,PDS,DS ora PD. Dove questi passano, lasciano solo cumuli di macerie e fumo. Sono i barbari del nuovo millennio. Ladri, approfittatori, delinquenti! Io non ce l'ho con loro, ma con chi li vota. La compagna Conchita distruggerà anche il Corriere, ma non credo che mi dispiacerà più di quel tanto. Un organo di propaganda comunista in meno!

Ritratto di semovente

semovente

Sab, 23/05/2015 - 14:57

Bancomat itaglia (uguale portafogli delle persone oneste) è sempre aperto. Non occorre PIN.

eternoamore

Sab, 23/05/2015 - 15:33

LO STATO NON DEVE PAGARE

eternoamore

Sab, 23/05/2015 - 15:34

SE PAGA LO STATO SCIOPERO DELLA FAME

eternoamore

Sab, 23/05/2015 - 15:35

I DEBITI LI DEVONO PAGARE TUTTI I RESPONSABILI DEL PCI, DS, ULIVO E PD.

ghorio

Sab, 23/05/2015 - 15:40

Ma bisogna dire che i vari Fontana, Polito, Tucci e Gressi( quest'ultimi due sentiti nominare per la prima volta), nel frattempo si cono allontanati dalle idee dell'Unità: certo l'ideale sarebbe che i giornali venissero editi da editori puri, non da banche e industrie, etc con interessi. Sul giornalismo poi personalmente noto che impera troppo il "buonismo" e il"politicamente corretto".

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 23/05/2015 - 15:44

Storie del bel paese. Ci sono giornalmente notizie molto peggiori. E poi, ogni volta che Renzi apre la bocca, a raffica, abbiamo la prova vivente che la democrazia nel bel paese è morente, se già non è morta. Adesso ne abbiamo un simulacro, che nasconde i magheggi di una casta politica affamata ed incapace.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 23/05/2015 - 16:42

02121940 Condivido!!! Saludos dal Leghista Monzese

Ritratto di pinox

pinox

Sab, 23/05/2015 - 21:01

sposetti vero genio?....sposetti vero malfattore e mentecatto degno del suo partito!!!!!il patrimonio per pagare i debiti dei suo giornale il pd ce l'ha, ma ha rogitato tutti gli immobili di proprietà a favore delle proprie fondazioni per farli pagare agli italiani....ma questo il bulletto incapace non va in televisione a spiegarlo con lavagna e gessetto vero????? BUFFONE VERGOGNATI!!!!