Lupi stoppa i ferrovieri. Poi l'accordo con la Cgil "Meno ore di sciopero"

Dopo le polemiche e la trattativa il ministro ritira la precettazione per i dipendenti del settore ferroviario

A meno di 24 ore dallo sciopero generale, è già polemica. Ieri sera, infatti, il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi ha deciso su richiesta del Garante per gli scioperi di precettare i ferrovieri che domani dovranno quindi garantire il servizio.

"Considerata anche la segnalazione dell’Autoritàdi garanzia per gli scioperi e valutata la situazione che verrebbe a crearsicon lo sciopero generale indetto per il prossimo 12 dicembre, cioè il fondato pericolo di un pregiudizio grave e imminente ai diritti della persona costituzionalmente tutelati per i cittadini utenti del servizio pubblico del trasporto ferroviario, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi ha emanato questa sera un’ordinanza di precettazione per i dipendenti del suddetto servizio", spiega il ministro.

"L’autorità non fa politica, non è né di destra, né di sinistra, ma adempie in modo scrupoloso al proprio mandato istituzionale", ha poi spiegato a Radio 24 Roberto Alesse, presidente della commissione di garanzia, "Abbiamo assunto una decisione tecnica. Abbiamo più volte detto ai sindacati di escludere dalla manifestazione del 12 l’intero comparto del trasporto ferroviario. E questo perché era stato proclamato un altro sciopero nello stesso settore per il 13 e il 14. La concentrazione eccessiva è vietata dalla legge e i sindacati hanno ribadito ;la volontà di non adeguarsi alle indicazioni dell’autorità".

Un "atto gravissimo" per il segretario della Cgil Susanna Camusso, secondo cui in questo modo il governo "alza i toni" e vuole "intervenire a gamba tesa". Poi ha aggiunto: "Se la regolamentazione degli scioperi si presta a delle strumentalità dobbiamo riflettere. Governo dovrebbe intervenire". "È legittimo che ci possano essere manifestazioni e scioperi. Quello generale è una forma di alta protesta alla quale dobbiamo avvicinarci con profondo rispetto", ha detto poi Matteo Renzi, "Spero che si possano risolvere le polemiche di queste ore tra il ministro delle Infrastrutture e il leader della Cgil. Ho sentito ieri Lupi e mi ha detto di avere avuto dei contatti con la Camusso per trovare una soluzione e spero che ciò accada".

La trattativa è andata avanti per tutta la giornata, finché Cgil e Uil hanno deciso di rimodulare lo sciopero da 8 a 7 ore (dalle 9 alle 16). Dal canto suo Lupi ha revocato l’ordinanza di precettazione emanata nei confronti dei dipendenti delle ferrovie. "La ragionevolezza dimostrata dai sindacati (Cgil, Uil, Ugl e Orsa da una parte e CAT dall’altra) che hanno ridotto il tempo sia dello sciopero di domani (che finisce alle 16 invece che alle 17 con un grande vantaggio per i pendolari) sia di quello di sabato e domenica (che salva la fascia serale di sabato iniziando alle 24 invece che alle 21) e la rassicurazione di Trenitalia sulla possibilità di ridurre così i disagi per i cittadini ho deciso revocare il provvedimento di precettazione", spiegano dal Ministero.

Commenti

zadina

Gio, 11/12/2014 - 15:31

il ministro Lupi ha fatto benissimo ha precettare i ferrovieri, la Camusso dimostri la sua busta paga per vedere che il giorno dello sciopero generale del 12 /12 /2014 ha aderito allo sciopero perdendo la giornata lavorativa come la perdono tutti coloro che aderiscono, quella giornata di lavoro perso è il regalo di NATALE della Camusso a tutti gli operai, ma se avesse organizzato uno sciopero con una fascia nera al braccio segno di lutto e continuare il lavoro avrebbe avuto un successo enorme gli operai non avrebbero perso il danaro e lo stato non avrebbe perso la produzione, BUON NATALE A TUTTI

noinciucio

Gio, 11/12/2014 - 15:37

Tanto alla Camusso che gliene frega, mica prende il treno...lei!!!!

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Gio, 11/12/2014 - 15:39

Il ruggito del lupetto. Si vede che tra i ferrovieri non ci sono iscritti a Comunione e Fatturazione.

marinaio

Gio, 11/12/2014 - 15:56

La Camusso, quando c'è uno sciopero, viene pagata il triplo perchè fra straordinari, trasferte, albergo, ristorante ecc. per lei diventa un vero affare.

vince50

Gio, 11/12/2014 - 16:38

La Camusso?preferisco non commentare,e neppure in merito ai pecoroni che la seguono agitando bandiere.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 11/12/2014 - 16:38

Alla fine ste canaglie di sindacalisti fottono solo i pendolari. I poveracci che vanno al lavoro passano giornate d'inferno, i porci in auto blu o suv se ne fregano.

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 11/12/2014 - 16:45

cominciamo a rimettere in busta paga quanto detratto per i sindacati lasciando liberi i lavoratori di decidere se pagare una tale tangente o no! poi per legge stabiliamo che siano i sindacati a pagare gli stipendi o le ore dedicate agli scioperi: credo che tante signore Camusso arriverebbero a più miti consigli.

Zizzigo

Gio, 11/12/2014 - 18:00

Alle volte non si capisce contro chi scioperano gli addetti ai pubblici servizi... forse ce l'hanno con la popolazione.

celuk

Gio, 11/12/2014 - 18:11

E' comodo governare per il cialtrone: con lui si possono bloccare pure gli scioperi! mi dispiace cari commentatori ma renzi non può continuare a governare senza nessuna opposizione, senza i media contro e senza nemmeno i sindacati: troppo facile! perciò mi turo il naso ma appoggio lo sciopero!

Ritratto di onollov35

onollov35

Gio, 11/12/2014 - 18:54

Bravo Ministro Lupi! Ritorna con noi a Forza Italia.

nucciofasciolo

Gio, 11/12/2014 - 20:10

Praticamente si è calato le braghe !

giosafat

Gio, 11/12/2014 - 20:21

Svanita l'euforia per la decisione, l'unica, presa si è ricordato di che colore sono le mutande del suo datore di lavoro...e ha rinfoderato gli artigli.

scipione

Gio, 11/12/2014 - 20:45

La solita ipocrisia italiana ; anche se violi la legge ,mettiamoci d'accordo per non perdere la faccia sia io che tu.Viva l'Italia.

cotia

Gio, 11/12/2014 - 21:36

lupi dimostra ancora una volta che chi gestisce l' Italia sono mezze calzette pronte a sottomettere l' interesse generale a quello particolare se questo soprattutto consente il mantenimento della sedia. Il dramma per noi è che questi si credono indispensabili ed unici per la soluzione di problemi mentre, se fossero lasciati soli come tutti noi, non saprebbero nemmeno da dove cominciare .

jeanlage

Gio, 11/12/2014 - 23:39

Il ministro Lupi si è dimostrato diversamente uomo. Può correre per le prossime elezioni a governatore della Puglia.

Roberto C

Ven, 12/12/2014 - 00:17

Il garante per gli scioperi ha detto che 2 scioperi dei trasporti così ravvicinati violano la legge. Risultato, prima si dice che uno dei due scioperi viene revocato, 2 ore dopo si revoca la revoca grazie alla buona volontà dei sindacati che regalano ben un'ora, dicasi una, e addirittura rinunciano a scioperare dalle 21 alle 24 di Sabato quando già di treni regionali in giro ce ne sono pochissimi - salvo che poi vai sul sito di trenitalia e vedi che gli orari restano quelli già annunciati (e inseriti evidentemente dopo la revoca dato che fino a ieri sera sul medesimo sito di trenitalia a questi scioperi non si faceva alcun cenno). Qualcuno mi dice perchè allora dobbiamo pagare un "garante per gli scioperi"?

Roberto C

Ven, 12/12/2014 - 00:26

Gli scioperi ferroviari nei giorni festivi dovrebbero essere drasticamente regolamentati, nei festivi non sono previsti servizi minimi; inoltre moltissime città italiane - in generale quelle NON servite dai frecciarossa e frecciabianca (che guarda caso viaggiano anche quando c'è sciopero) - nei giorni festivi non hanno attivi gli autobus di linea extraurbani, il ché vuol dire che restano per l'intera giornata TOTALMENTE isolate, tanto più che gli scioperi nei festivi sono sempre dalle 21 alle 21... Questo è comunque altamente DISCRIMINATORIO nei confronti di chi abita in questi centri. O bloccano tutto, oppure se a chi abita a Milano danno delle alternative, devono darle anche a chi abita a Forlimpopoli, che paga esattamente le stesse tasse allo stesso Stato...

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 12/12/2014 - 00:42

Quando riusciremo ad avere in Italia ministri che non trattano con i sindacati che scioperano ABUSIVAMENTE contro le decisioni del governo?. Quando riusciremo ad avere finalmente dei ministri con le palle che dicano ai sindacati: IL VOSTRO COMPITO È QUELLO DI TRATTARE LE VERTENZE CON I DATORI DI LAVORO E NON CON IL PARLAMENTO. Abbiamo organi di controllo che impediscano ai sindacati di interferire con il potere legislativo?

Ritratto di onollov35

onollov35

Ven, 12/12/2014 - 09:10

Ministro Lupi, non mi aspettavo un dietrofront calando le braghe di fronte a questa Camusso.Povera Italia con questi politici.Rimanga pure con Alfano.