M5s nel caos: pronta una raccolta firme dei parlamentari contro Di Maio

Secondo Il Fatto i parlamentari grillini sarebbero insofferenti allo strapotere del capo politico sulle nomine di capigruppo e membri del direttivo

Se di fronda non si può parlare, di certo le acque all'interno del MoVimento 5 Stelle non sono così calme come la narrazione pentastellata di un blocco monolitico serrato intorno al capo Luigi Di Maio vorrebbe suggerire.

E non si sta parlando solamente della rivolta della base, furibonda per un governo che sembra ostaggio della Lega salviniana. Oggi su un giornale che non si può certo accusare di pregiudizi anti-M5s come il Fatto Quotidiano compare un interessante retroscena a firma di Luca De Carolis che ricostruisce come anche all'interno delle pattuglie parlamentari grilline alle Camere crescano sempre più i malumori per la gestione del partito da parte dell'attuale direttivo.

Nel mirino c'è il vicepremier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio, che a norma dello statuto del MoVimento è "capo politico". Una carica che accentra un potere enorme e che anche nelle nomine del direttivo interno sembra praticamente onnipotente. Tanto che nell'assemblea dei parlamentari ha iniziato a circolare la proposta di lanciare una petizione interna per ridimensionarne i poteri.

La parola d'ordine è "condivisione": quella che non abbonda, in una formazione politica da sempre abituata ad mettersi sugli attenti ogni volta che parla Beppe Grillo e in cui le voci critiche rispetto alla linea dei vertici non sono mai state troppo ben accolte. La raccolta firme punterebbe a modificare gli statuti dei gruppi parlamentari, restituendo alle assemblee di senatori e deputati il potere di nominare i propri organi. Attualmente il nome del presidente del gruppo è "proposta" dal capo politico e quindi ratificata a maggioranza assoluta dai membri. Ma il capo, cioè Di Maio, conserva il potere di revocare il presidente e può proporgli i nomi che andranno a costituire il direttivo. Praticamente un dominus incontrastato.

Questo strapotere nelle mani di una persona sola ormai va stretto a molti, soprattutto dopo che negli ultimi giorni le cronache giudiziarie - di cui i grillini sono sempre attenti lettori - hanno trascinato nella bufera alcuni fedelissimi del vicepremier come il neo ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Da qui l'idea della petizione.

Secondo il Fatto, tuttavia, Di Maio per ora non pare avere alcuna intenzione di cedere nemmeno una fettina di potere, delegando il meno possibile e comunque affidandosi solo ai "pretoriani" più fidati. Nel frattempo, però, i parlamentari stellati sarebbero già all'opera per contare le firme.

Commenti

titina

Gio, 21/06/2018 - 11:10

Di maio esegue gli ordini dei capi, non ha potere.

Duka

Gio, 21/06/2018 - 11:15

Fate in fretta è atteso al San Paolo per Settembre.

Ritratto di MaddyOk

MaddyOk

Gio, 21/06/2018 - 11:18

Fake news....Non ci crederei nemmeno se lo vedessi con i miei occhi.

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 21/06/2018 - 11:24

Questo sbarbatello è solo un grande bluf mediatico travestito da politico.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 21/06/2018 - 13:54

DIMaio vai a casa..

ilpassatore

Gio, 21/06/2018 - 14:32

Quasi tutti dei 5Stelle, non hanno ancora capito l'immensa differenza che c'e' tra lo sbraitare in Parlamento e gestire una intera nazione. Il popolo rischia di farne le spese.

lavieenrose

Gio, 21/06/2018 - 14:42

povero di maio, mi stava diventando quasi simpatico....

venco

Gio, 21/06/2018 - 16:08

I grillini senza Di maio forse sarebbero arrivati alla metà dei consensi che hanno avuto

jaguar

Gio, 21/06/2018 - 16:55

Forse Di Maio in questo periodo sta pagando lo strapotere di Salvini, il quale in poco tempo ha oscurato completamente il leader dei 5Stelle.

Ritratto di tomari

tomari

Gio, 21/06/2018 - 17:33

Salvini agisce, Di Maio raglia...

mifra77

Gio, 21/06/2018 - 18:39

Arriva Dibba e fra sei mesi ne arriva un altro. Sono come i pdioti .

tonipier

Gio, 21/06/2018 - 18:53

" SONO DEGLI INFILTRATI TRADITORI... SONO UGUALI AGLI ALTRI" Il tradimento e di casa nostra.

flip

Gio, 21/06/2018 - 19:30

è un guappo. e quindi si crede un padreterno! oltretutto "ministro" de che? sin' ora non belato niente!

flip

Gio, 21/06/2018 - 19:31

è un guappo. e quindi si crede un padreterno! oltretutto "ministro" de che? sin' ora non ha belato niente!

OttavioM.

Gio, 21/06/2018 - 19:31

Chi sono questi grillini che raccolgono le firme? Quanti voti avrebbero preso senza Di Maio? Scommetto che sono quelli che pensano che il mov. 5 stelle deve essere tipo SEL, in pratica un partito del 3,3%. Si facciano il loro partito che qualche percentuale da prefisso telefonico la prendono alle elezioni.

flip

Gio, 21/06/2018 - 19:33

titina i "capi" di di maio sooo in rosso profondo con il bilancio 2017. praticamente falliti.

il sorpasso

Ven, 22/06/2018 - 06:57

E' quasi finita la sua epoca, ha rotto le balle!