Mafia Capitale, ecco la lista dei 101

Giovedì si apre il processo: l'elenco della Prefettura con amministratori, dirigenti e imprenditori coinvolti

Roma - Sarà pure, come dice il prefetto di Roma Franco Gabrielli, una sorta di legenda, una «guida predisposta per agevolare la lettura della corposa relazione», con l'elenco delle persone citate nella relazione della commissione d'accesso al Comune di Roma che all'inizio dell'estate consegnò a Gabrielli il suo atto d'accusa contro il Campidoglio «infiltrato». Eppure, per quanto nessuno dei presenti sulla lista sia inedito, e per quanto non tutti siano indagati nell'inchiesta Mondo di Mezzo, probabilmente ognuno di quei 101 nomi avrebbe volentieri fatto a meno di apparirvi.

Questa lista di 101 nomi è l'unico allegato ancora riservato dopo la desecretazione delle due relazioni (quella della commissione e quella del prefetto Gabrielli), concessa per permettere alla Procura di utilizzarla nel processo a Mafia Capitale che si apre giovedì. Dentro ci sono protagonisti dell'indagine che ha scosso il Campidoglio e Roma a dicembre scorso come il «rosso» Salvatore Buzzi e il «nero» Massimo Carminati. E ci sono, a vario titolo, anche i politici finiti nelle carte, perché indagati e poi pure arrestati - come l'ex assessore alla Casa Daniele Ozzimo, l'ex consigliere regionale Luca Gramazio, l'ex presidente del Consiglio comunale Mirko Coratti - o perché intercettati con Buzzi e compagnia, come l'ex vicesindaco Luigi Nieri, costretto a dimettersi sull'onda delle polemiche per i contatti con la coop di Buzzi, che aveva secondo la commissione (e gli inquirenti) un rapporto definito «fiduciario» con il boss delle cooperative. Un lungo elenco di consiglieri comunali, dirigenti e dipendenti capitolini, dal servizio giardini all'Ama: molti sono già fuori dal Campidoglio (tutti quelli sottoposti a misure cautelari, ha spiegato ieri Gabrielli), altri ancora no, perché finiti nella lista per un finanziamento incassato dalle coop travolte dall'inchiesta (come per esempio la piddina Erica Battaglia) o perché - è il caso di molti dipendenti del Comune - il Campidoglio sta ancora «approfondendo».

I nomi e le accuse

CLORINDA ACETI

Dirigente amministrativa del Comune, non è indagata

GIOVANNI ALEMANNO

L'ex sindaco di Roma è indagato per corruzione aggravata, l'accusa di mafia è caduta a chiusura indagini

LORENZO ALIBRANDI

L'imprenditore indagato per associazione mafiosa è il fratello del terrorista nero Alessandro, camerata del «Cecato» morto durante una sparatoria con la polizia nel 1981. Carminati l'ha messo sotto la sua «protezione». Alibrandi gestisce la casa famiglia «Piccoli passi» ad Acilia

GAETANO ALTAMURA

Il direttore del dipartimento Tutela ambientale Protezione civile del Comune è indagato

STEFANO ANDRINI

L'ex ad di Ama servizi ambientali è indagato per associazione mafiosa. Ultrà laziale, ex naziskin, 20 anni fa massacrò due ragazzi a sprangate

GIOVANNA GIUSEPPINA ANELLI

L'ex dg Ama è indagata per corruzione e turbativa

ERICA BATTAGLIA

La consigliera comunale del Pd non è indagata

SVEVA BELVISO

L'ex vicesindaco della giunta Alemanno è indagata

GIUSEPPE BERTI

L'avvocato nominato nel Cda Ama è indagato per associazione mafiosa

CLAUDIO BOLLA

È il vice di Buzzi alla coop 29 Giugno. È stato arrestato

RICCARDO BRUGIA

Il braccio destro di Massimo Carminati è indagato per associazione mafiosa e estorsione aggravata

EMANUELA BUGITTI

L'ex Br ed ex presidente della coop 29 Giugno è indagata per estorsione aggravata e turbativa d'asta

SALVATORE BUZZI

Il ras della coop 29 Giugno è in carcere per associazione mafiosa, corruzione aggravata, turbativa, trasferimento fraudolento di valori e rivelazione di segreto d'ufficio

CLAUDIO CALDARELLI

Il presidente della coop Formula sociale è indagato per associazione mafiosa e corruzione aggravata

ROSSANA CALISTRI

La dipendente del Comune di Roma è indagata per turbativa d'asta e rivelazione di segreto d'ufficio

MATTEO CALVIO

Detto «spezza pollici», si occupava del recupero crediti per conto di Mafia Capitale. È indagato per associazione mafiosa ed estorsione aggravata

MICAELA CAMPANA

È la moglie di Ozzimo, non è indagata

GIOVANNI CAMPENNÌ

È l'anello di collegamento tra l'organizzazione di Carminati e la 'ndrina Mancuso di Vibo Valentia

FRANCO CANCELLI

Il presidente di coop Edera è indagato per turbativa

MASSIMO CAPRARI

Il consigliere del Centro democratico è indagato

PATRIZIA CARACUZZI

È indagata per corruzione aggravata

MASSIMO CARMINATI

L'ex Nar è considerato il capo del sodalizio criminale Mafia Capitale con Buzzi. È in cella per associazione mafiosa, estorsione aggravata, trasferimento fraudolento di valori, corruzione, turbativa d'asta e false fatturazioni

CARLA CARNIERI

Ingegnere e dirigente Ama

NADIA CERRITO

La segretaria di Buzzi è stata arrestata

PIERINA CHIARAVALLE

È indagata per corruzione aggravata

NICOLA CIANO

Il funzionario del Comune, ufficio Bilancio, è geometra del Dipartimento manutenzione urbana

BRUNO CIGNINI

È un dipendente del Comune di Roma come geometra al servizio Giardini

MARIO CIOTTI

È un dipendente del Comune di Roma

MARCO CLEMENZI

Il dirigente della società «Uno srl» era in contatto con Buzzi e risulta indagato

ALESSANDRO COCHI

L'ex delegato di Alemanno allo Sport è indagato

ORNELLA COGLITORE

È dipendente del Comune di Roma

MARIO COLA

È dipendente del Comune di Roma

SANDRO COLTELLACCI

L'ex braccio destro di Buzzi è indagato per corruzione

MIRCO CORATTI

L'ex presidente del Consiglio comunale è indagato per corruzione aggravata e finanziamento illecito

LIONELLO COSENTINO

L'ex segretario del Pd romano si è dimesso a dicembre 2014, subito dopo l'esplosione dell'inchiesta. Indagato

ISABELLA COZZA

Direttore del Dipartimento Politiche sociali di Roma. Indagata per abuso d'ufficio e rimossa da Marino

FRANCESCO D'AUSILIO

L'ex capogruppo Pd si è autosospeso in seguito all'inchiesta. Non indagato, viene citato da Buzzi

MIRELLA DI GIOVINE

Architetto, dipendente del dipartimento Patrimonio del Comune di Roma, indagata per corruzione

PAOLO DI NINNO

Il commercialista è indagato per mafia, corruzione, turbativa e trasferimento di valori. Per il Ros sarebbe il direttore finanziario dell'organizzazione

MARCELLO DURANTI

Il presidente Sel del municipio Appia Antica non è indagato

ANTONIO ESPOSITO

È un avvocato, è indagato

EMANUELE FEDERICI

Lavora alla Coop 29 Giugno, non è indagato

FRANCESCO FERRARA

Il vice presidente della coop La Cascina è indagato

ALFREDO FERRARI

Il consigliere Pd, ex presidente della commissione Bilancio, si è autosospeso. Non è indagato

FRANCO FIGURELLI

Il membro della segreteria dell'ex presidente del Consiglio comunale Pd Coratti è stato arrestato nella seconda tranche di Mafia Capitale

GIOVANNI FISCON

L'ex Dg di Ama è sotto inchiesta per turbativa d'asta e corruzione aggravata

SALVATORE FORLENZA

Il direttore commerciale del Centro Italia, big di Lega Coop Lazio, è indagato per turbativa d'asta

AGOSTINO GAGLIANONE

È sotto inchiesta per associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori e false fatturazioni

EMILIO GAMMUTO

È sotto inchiesta per corruzione aggravata

ALESSANDRA GARRONE

È sotto inchiesta per associazione mafiosa, corruzione aggravata e turbativa d'asta

FABIO GAUDENZI

È sotto inchiesta per associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori e usura. Arrestato per mafia e leader degli ultrà giallorossi di «Opposta fazione»

LUCA GIANSANTI

È l'ex capogruppo della Lista Marino

LUCA GRAMAZIO

Ex consigliere regionale e capogruppo Pdl, agli arresti

CARLO MARIA GUARANY

È sotto inchiesta per associazione mafiosa e turbativa

CRISTIANO GUARNERA

È indagato per associazione mafiosa e turbativa d'asta

GIUSEPPE IETTO

È sotto inchiesta per associazione mafiosa

ROBERTO LACOPO

È sotto inchiesta per estorsione aggravata e mafia

LUIGI LAUSI

È un commercialista ed è indagato

EMILIANO LIMITI

L'ex dirigente dell'Ama è indagato

ANTONIO LUCARELLI

L'ex capo della segreteria di Alemanno è indagato per associazione mafiosa

RANIERO LUCCI

È indagato per turbativa d'asta e corruzione aggravata

RICCARDO MANCINI

L'ex ad di Eur Spa è indagato per associazione mafiosa

ANGELO MARINELLI

L'ex membro della segreteria di Ozzimo è indagato

MARCO MATTEI

L'ex assessore della giunta Polverini non è indagato

CLAUDIO MILARDI

Il componente dello staff di Alemanno non è indagato

GIUSEPPE MOGLIANI

È sotto inchiesta per false fatturazioni e riciclaggio

MARIO MONGE

Il dirigente della coop Sol.co. è indagato

GIAMPIERO MONTI

Membro della segreteria di Alemanno, è indagato

MICHELE NACAMULLI

L'ex consigliere Pd del IX municipio è stato assunto da Buzzi. In carcere poi ai domiciliari, avrebbe preso parte alla turbativa della gara per l'affidamento di 580 immigrati e per quella sui servizi per due residence

LUIGI NIERI

L'ex vice sindaco della giunta Marino viene più volte citato nelle carte dell'inchiesta senza mai essere indagato

ANTONIETTA(O ANNAMARIA) NIGRO

È il direttore segreteria dipartimento Grandi Eventi del Comune di Roma

LUCA ODEVAINE

L'ex vicecapo di gabinetto di Veltroni e membro del tavolo nazionale sui Rifugiati del Viminale è stato arrestato per corruzione aggravata. Ha cambiato cognome per nascondere una condanna per droga, poi cancellata dall'indulto per non compromettere la carriera

DANIELE OZZIMO

L'ex assessore Pd ai Servizi sociali è a processo per corruzione e turbativa d'asta

FRANCO PANZIRONI

L'ex ad dell'Ama è indagato per mafia, corruzione aggravata e turbativa d'asta. È già stato condannato in un'altra indagine a 5 anni e tre mesi per abuso d'ufficio e falso. Secondo i pm, il suo ruolo sarebbe stato quello di fare da cerniera per gli appalti assegnati sui rifiuti

BRIGIDINA PAONE

Pensionata, assunta per chiamata diretta del sindaco Marino come collaboratrice all'assessorato alla Casa

LAURA PASTORE

Consigliere comunale, definita nell'inchiesta come «cavallo» di Buzzi. Non è indagata

EUGENIO PATANÈ

L'ex consigliere regionale Pd è indagato per turbativa d'asta e finanziamento illecito

PIERPAOLO PEDETTI

Membro della segreteria del Pd Lazio, presidente della commissione Patrimonio, è indagato per corruzione

GIUSEPPE PERRONE

Dirigente Ama, non indagato

COSIMO PICA

Architetto, dirigente all'Urbanistica di Ardea

ITALO WALTER POLITANO

L'ex capo della direzione capitolina Integrità, Trasparenza e semplificazione è indagato per mafia

ANNAMARIA PROIETTI CESARETTI

Ex assessore ai servizi sociali di Roma Capitale in quota Sel, presidente della commissione Mobilità del Campidoglio. Indagata per tangenti e transazioni illecite

CARLO PUCCI

Il funzionario di Eur è indagato per associazione mafiosa e corruzione aggravata

GIOVANNI QUARZO

Da presidente dell'organo di controllo su bandi e appalti, è indagato per mafia

ALFREDO ROMANI

È dipendente del Comune di Roma

ALBERTO ROSSI

EMANUELA SALVATORI

È indagata per corruzione aggravata

MARIO SCHINA

Responsabile del decoro urbano del Comune dal 2005 al 2007 durante la giunta Veltroni, è ai domiciliari

ANGELO SCOZZAFAVA

L'ex responsabile della prevenzione della corruzione dell'azienda ospedaliera Sant'Andrea è tra gli indagati

RICCARDO SOLFANELLI

È l'ex capo segreteria dell'assessorato alle Politiche sociali

PAOLO SOLVI

L'ingegnere, ex Margherita ed ex Udc, è ai domiciliari

MATTIA STELLA

L'ex componente della segreteria del sindaco Marino non è indagato. Si è dimesso per una cena con Buzzi

FABIO TANCREDI

L'ex dirigente del dipartimento capitolino Politiche Ambientali è indagato

ANDREA TASSONE

L'ex presidente del Municipio di Ostia è ai domiciliari

FABRIZIO FRANCO TESTA

È indagato per associazione mafiosa

GIORDANO TREDICINE

Esponente del Pdl, aveva una stretta rete di relazioni con Buzzi e Carminati. È indagato

CLAUDIO TURELLA

Il dipendente comunale del settore Giardini è indagato per corruzione, turbativa e rivelazione di segreti

STEFANO VENDITTI

Il presidente asset Camera di Commercio di Roma e presidente Legacoop Lazio è ai domiciliari per corruzione

GIACOMO ZARELLI

Geometra alla manutenzione urbana. Non indagato

ANDREA ZUCCAROLI

dirigente Ama

TIZIANO ZUCCOLO

Camerlengo dell'Arciconfraternita del Santissimo Sacramento e di San Trifone

Annunci

Commenti

little hawks

Mar, 03/11/2015 - 15:33

Come sarei contento se tra di loro ci fosse anche il dirigente che ha chiesto ai frontisti di via Benedetto Musolino di pagare loro la voragine che da tre anni fa bella mostra di se senza che il comune si preoccupi dei cittadini che strapagano le tasse!

Mechwarrior

Mar, 03/11/2015 - 15:38

Solo 101? guardate meglio!!!

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mar, 03/11/2015 - 15:43

e che volete fare.........tutti MORTI DI FAME, l'hanno fatto per sopravvivere "dignitosamente"!!!! CHE SCHIFO!!

Italianoinpanama

Mar, 03/11/2015 - 16:06

e allora? come sempre non succedera nulla

Gianni000

Mar, 03/11/2015 - 16:07

Suggerirei di salvare questa pagina, immagino che dall'alto dei (non) eletti si muoverà qualcosa per tentare di salvare i propri protetti, sopratutto di quelli che sanno e se parlassero farebbero coinvolgere e cadere molti politici. Già mi immagino i ricorsi di urgenza degli avvocatoni per far ritirare e bloccare tutto. E poi se non ci riescono.... beh allora partirà la campagna discriminatoria e la presa di distanze, l'espulsione dal partito, ecc, ecc.

FRANZJOSEFVONOS...

Mar, 03/11/2015 - 16:17

SI INTRAVEDONO NOMI DI EX BR EX NAR E SOPRATUTTO DONNE, MA NON ERA QUELLE CHE ERANO TENDENZIALMENTE ONESTE DOVE C'ERANO LORO NON C'ERA CORRUZIONE? ALMENO COSI' SI VANTAVA DI DIRE UN EX MINISTRO CATTOCOMUNISTA TANTO CARO PER LE DONNE

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Mar, 03/11/2015 - 16:54

Ovvero: LA CARICA DEI 101

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mar, 03/11/2015 - 16:57

Vogliono far credere che dopo 40 anni di PCI/PD,nelle diverse tonalità di colore,dal rosa al rosso deciso,sia bastato 1 mandato ad Alemanno per creare la cupola.Come si i vari municipi (quartieri) ed il personale,dirigente o meno,assunto dai sindaci più o meno rossi,non avrebbe potuto e dovuto segnalare al partito ed alle forze dell'ordine di certi comportamenti anomali? Alla fine diranno che è stata colpa di papa BenedettoXVI .

ziobeppe1951

Mar, 03/11/2015 - 17:02

Ammazza oh quanti nomi, cos'è la carica dei 101?

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Mar, 03/11/2015 - 17:06

FRANZJOSEFVONOS, misogino fino al midollo come il pastore tedesco di riferimento. piuttosto segnala a quelli del giornale che lo scandalo a roma non e' solo "comunista" come invece viene sempre detto qui sopra...

RobertRolla

Mar, 03/11/2015 - 17:08

Certo che a Roma, se hai un curriculum criminale, di sicuro fai carriera. Dov'è lo sportello assunzioni? A Rebibbia.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 03/11/2015 - 17:14

oh che strano! su 100 indagati, 99 sono di sinistra! a proposito... ma nieri, ex assessore di roma, come mai non viene indagato? :-) ah si, opportunismo politico... IPOCRITI!!!!!!!!!!!!!

glasnost

Mar, 03/11/2015 - 17:40

vedrete che tutti i sinistri (99) verranno prosciolti per i motivi più strampalati (magari perdono i fascicoli) e gli altri condannati. Perché dico questo : estrapolando dalle serie del passato.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mar, 03/11/2015 - 17:50

A Roma si erano abituati ai decreti salvaqualcosa ed ogni volta chiedevano di più.Ora il debito anzichè diminuire è aumentato,dove c'è il cadavere di sora Roma le mosche sono aumentate ed in giro si vede uno zombie,il commissario,che gira con mezzo filne sottobraccia nel tentativo di fare la "scarpetta" .Di andare al voto non se ne parla nemmeno,il PD diverrebbe il Partito Deceduto e questo il 3° di 3 fratelli concubini (Monti e Letta i precedenti),tale Pinocchio Renzi-no, non lo vuole davvero.

ziobeppe1951

Mar, 03/11/2015 - 19:24

@rikkiolino 17.06 ....ma eravate voi quelli della "questione morale" memoria corta eh

CIGNOBIANCO03

Mar, 03/11/2015 - 19:35

SOLO????? cercate.......cercate!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 03/11/2015 - 23:56

Walt Disney aveva fatto il noto cartone animato "La carica dei 101". Oggi la virago Sabina Guzzanti potrebbe girare un film sui suoi compari "L'INCARICO DEI 101" senza però farsi finanziare dallo stato.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 04/11/2015 - 07:41

Il nome in codice di questa inchiesta evidentemente era "La carica dei 101", ma ci sono altre inchieste in arrivo: "Biancaneve e i sette nani", "Cappuccetto rosso", "I tre porcellini", "La piccola fiammiferaia", "Le mille e una notte" (immagino già il processone)...tutte a Roma, per via della favola degli anticorpi ihihihihihihihihih!