Mafia Capitale, Di Pietro riabilita Craxi

L'ex pm: "Lui denunciò il sistema in parlamento e in tribunale, gli altri partiti facevano finta di non vedere". E punta il dito sulle cooperative

Di Pietro interroga Craxi

Fa un certo effetto sentire Di Pietro riabilitare Bettino Craxi. Dopo quasi ventitre anni dallo scoppio di Mani pulite, l'inchiesta che spazzò via la Prima repubblica, facendo tabula rasa delle forze politiche che, nel bene o nel male, avevano retto il Paese per 45 anni, il pm testa d'ariete del pool milanese riconosce che, in fondo in fondo, il leader del Partito socialista qualche ragione ce l'aveva. In un'intervista a Lettera43.it Di Pietro parte da un assunto: "Craxi si assunse le sue responsabilità e denunciò in eguale misura quelle degli altri, aiutando così la nostra inchiesta. E questo Craxi lo sapeva, non lo fece insomma a sua insaputa, non era un ingenuo. Denunciò il sistema di Tangentopoli nell’aula della Camera e davanti ai giudici del tribunale di Milano. Gli altri invece hanno fatto gli ipocriti e hanno continuato a farsi i ca… loro".

Di Pietro fa un parallelo con l'ultimo scandalo che ha investito la politica, quello di Roma: "Mafia capitale ha fatto emergere con forza il ruolo delle cooperative che anche per conto della sinistra, ex Pci-Pds-Ds, ha messo in piedi un sistema tangentizio molto sofisticato, con modalità innovative e di tipo ingegneristico. Ma quel sistema emergeva già dalla nostra inchiesta". Emergeva già dalle inchieste, dunque, ma gli ex comunisti furono solo sfiorati dai pm. E per i loro leader valse sempre, a differenza di Craxi, l'assunto che "potevano non sapere". 

Nell'intervista a Lettera43 Di Pietro sottolinea di non avere nulla da rimproverarsi su Craxi. Ma per la prima volta sottolinea una differenza non di poco conto tra l'ex leader socialista e quelli degli altri partiti "che finora hanno fatto finta di non vedere e non sentire e che ora fanno ipocritamente gli scandalizzati, come se cadessero dalle nuvole". 

Con minuzia di particolari Di Pietro spiega il sistema ingegneristico delle tangenti usato dall'ex Pci. "Vi era un sistema delle imprese che rispondeva economicamente e periodicamente a questo o quel partito (Dc, Psi partiti laici minori), suddividendosi fra loro la quota di tangente da pagare in cambio dell’appalto da loro ricevuto come associazione temporanea d’impresa (Ati) che avevano nel frattempo costituito appositamente per realizzare l’appalto in questione senza mettersi in concorrenza reale fra loro. In tali Ati molto spesso veniva inserita questa o quella cooperativa, la quale, però non pagava direttamente una quota di tangente al proprio partito di riferimento ma si assumeva l’onere di far fronte alle spese di gestione ed alle campagne elettorali del partito stesso, senza alcun specifico riferimento all’appalto a cui avevano partecipato, eliminando così furbescamente il rischio di poter essere incriminati per corruzione".

Un sistema molto sofisticato e ben congeniato dal punto di vista giuridico. E che secondo Di Pietro, "alla luce di quel che si sta scoprendo ora a Roma si è ulteriormente ingegnerizzato, addirittura interloquendo con organizzazioni criminali in grado di far valere le loro richieste anche con la forza e la violenza". Insomma, nulla di nuovo sotto il sole. Ma solo una drammatica evoluzione della specie. 

Nell'ultima domanda Paola Sacchi (Lettera43) chiede a Di Pietro se si sia mai pentito di aver detto, pubblicamente, che Craxi era affetto da un "foruncolone" e che si fingeva malato per non finire in carcere in Italia. Di Pietro prova a smussare i toni e risponde così: "Quella di Craxi è una storia che dovrà essere ancora scritta e non voglio fare polemiche". Glissa evitando di tornare sull'argomento. Ma le sue parole di allora - così come molte di quelle accuse a senso unico - pesano ancora oggi come macigni.

 

Commenti

Nerone2

Mer, 10/12/2014 - 16:22

Di Pietro SANTO!!!!!! Accidenti che cosa hai detto! Quel che Craxi denuncio e fu perseguitato proprio da te!!! Mxxxxxa!!!!

Libertà75

Mer, 10/12/2014 - 16:24

ho capito male o Di Pietro sta accusando il PD di ruberie ben organizzate?

Ritratto di Nanuq

Nanuq

Mer, 10/12/2014 - 16:25

Ipocrita, falso, toga con l'occhio sinistro nopn vedente, pagatore con scatole da scarpe, Arricchito come? Che vomito

gio 42

Mer, 10/12/2014 - 16:29

Buonasera, dopo aver detto questa frase e se le cose stanno così questo signore si è permesso di far morire una persona in esilio? da ramingo? ed aver permesso ad altri di salire sull'altare dei senza peccato? e di aver la pretesa di insegnare agli italiani il giusto modo di governare? Scusate ma non riesco a capire bene dove si vuole arrivare. Comunque le mie sono domande che vogliono parlare solo di un uomo, di una persona secondo me trattata in maniera palesemente in maniera diversa da tutti e certamente non più colpevole di altri, non certo entrare nei meandri politici. Saluti

Ritratto di Amsul Parazveri

Amsul Parazveri

Mer, 10/12/2014 - 16:38

Questa toga smessa è stato il braccio armato del PIDDI, dal quale poi è stato ricompensato con un seggiolino dorato, che gli hanno poi subito tolto da sotto le terga, mentre non se lo aspettava....

marinaio

Mer, 10/12/2014 - 16:39

Chissà quante cose avrebbe da dire il compagnuzzo Greganti a proposito di tangenti e mani pulite!!!! Ma lui a domanda rispose: Niente sò!! E in tutta fretta la magistratura (Di Pietro compreso) disse enfaticamente: Il PCI E' L'UNICO PARTITO CON LE MANI PULITE!!! Da allora il CSM è di sinistra, ANM pure, la Corte Costituzionale pure, e poi tutti i Presidenti della Repubblica di sinistra, abbiamo anche i Presidenti di Camera e Senato di sinistra, un governo di sinistra, gli organi di informazione di sinistra..., Mi sa che la "macchina da guerra" di Occhetto, che all'epoca dissero fosse stata distrutta dalla vittoria di Berlusconi, ha funzionato e funziona alla grande. Vai Italia che fra un pò facciamo il gemellaggio con la Corea del Nord.

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 10/12/2014 - 16:53

ma nooo suuu il pci? i DS?? IL PD?? LADRI?? non e' possibilee! i kompagni possono aver sbagliato, interpretato, mal consigliati..ma seeempre in buoona fede!! il trattorista persona "intelligentissima" e non in malafeeedee...lo sapeva e li grazio'..monellacci!!

nonnoaldo

Mer, 10/12/2014 - 16:57

Forse mi sbaglio, ma mi pare che Di Pietro stia mandando un messaggio (paramafioso) al PD in vista delle future elezioni politiche. Guardate che io so tante cose sul vostro conto...

Duka

Mer, 10/12/2014 - 17:00

Sig. Di Pietro prima di imbastire tante cazzate sarebbe stato molto meglio riflettere. Il problema in questo paese sta nella testa di modeste capacità della classe dirigente. Parlare adesso è tardi e inutile.

linoalo1

Mer, 10/12/2014 - 17:12

Di Pietro,stia zitto!Oggi,guardandosi indietro,certamente si pente!Ma,ormai,è troppo tardi!Ha rovinato l'Italia,credendo di essere il Salvatore Della Patria!Invece,l'ha consegnata in mano ai Comunisti che negli anni e malgrado Berlusconi,si sono insediati in tutti i punti nevralgici di comando dello Stato,dell'Economia e del Mondo del Lavoro!Ossia,oggi in Italia,vige un Regime Totalitario!Il Regime Comunista!E noi,Popolo Bue,dobbiamo sempre sottostare,senza commenti,alle sue volontà!Lino.

Cesare46

Mer, 10/12/2014 - 17:14

UNA SOLUZIONE INFALLIBILE PER NON FARLI PIU RUBARE ! NON PAGHIAMO PIU NIENTE....SOLO COSI NON POTRANNO PIU RUBARE.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Mer, 10/12/2014 - 17:16

E bravo don Antonio (detto Tonino) dopo gli sfracelli fatti e annunziati, quando indossava la toga, e,poi, quando si è buttato in politica con i compari di merenda di sinistra, ora ci viene a fare il pistolotto che lui sapeva tutto...ma ci faccia il piacere! Pensi a potare la vigna che è meglio!

Ritratto di Nanuq

Nanuq

Mer, 10/12/2014 - 17:25

Schifoso personaggio.

scipione

Mer, 10/12/2014 - 17:28

Vorrei sapere dei rimorsi di coscienza di " resistere,resistere,resistere " e del" rivoltatore dell'Italia come un calzino" per come hanno ridotto l'Italia con Mani Pulite.

scipione

Mer, 10/12/2014 - 17:29

Bisogna avere proprio una faccia di m....a.

glasnost

Mer, 10/12/2014 - 17:30

Il povero DiPietro, colpendo gli altri politici e salvando solo il PCI, ha autorizzato il PCI ed i suoi sodali a rubare a manbassa essendo "non punibili". Quindi adesso è meglio che taccia e, magari se ne è capace, si vergogni.

unosolo

Mer, 10/12/2014 - 17:33

la colpa è del pul di mani pulite , dovevano prendere i sindaci , e i presidenti non imprenditori , oggi paghiamo quegli attacchi mirati a due persone mentre le accuse mosse a suo tempo proprio dal CRAXI nessuno le ha ascoltate per attivare almeno un freno.

Ritratto di semovente

semovente

Mer, 10/12/2014 - 17:45

E come mai il sig. Di Pietro all'epoca non mise la stessa veemenza nei confronti di quei partiti (comunisti compreso) che a suo dire facevano testuale "Gli altri invece hanno fatto gli ipocriti e hanno continuato a farsi i ca… loro". Se parla in tal modo significa che era al corrente ma, da magistrato, non è intervenuto. Mistero.

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Mer, 10/12/2014 - 17:45

D'accordo con @marinaio: Presto gemellaggio con la Corea del Nord.

gio 42

Mer, 10/12/2014 - 17:46

Buonasera ora si dirà che è stato frainteso, che le sue parole sono state male interpretate, che ha detto ma non voleva dire. La solita storia all'italiana. Saluti

Zizzigo

Mer, 10/12/2014 - 17:52

Ma come si stava meglio, quando si stava peggio! E, comunque, non cambia nulla in meglio, perché i cretini insistono a rimanere cretini!

Nonmimandanessuno

Mer, 10/12/2014 - 17:54

Come ha fatto finta di non vedere lui quello che faceva non solo Greganti. Se lo avesse incalzato e condannato come ha fatto ad esempio con Forlani, oggi, lo stesso non sarebbe invischiato nel caso Expo. E la storia di Craxi noi diversamente italioti l'abbiamo studiata bene, la conosciamo a memoria, e non è certo lui il professore che può insegnarla. Perciò questo BUFFONE (come da sentenza) farebbe meglio a tacere e a sparire per sempre. Mi spiace che si perda tempo a dargli risalto con queste interviste.

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Mer, 10/12/2014 - 17:55

Persona di cui non si sentiva la mancanza. Vuole riabilitarsi dopo 23 anni disastrosi come conseguenza della lotta morale a senso unico portata avanti da lui e dai suoi compari? No grazie, anche lui, in questo martoriato paese, sfruttando con arroganza tutto ciò che era sfruttabile, carriera politica compresa, da nullatenente che era si è arricchito. Figura ignobile. - saluti

fiducioso

Mer, 10/12/2014 - 17:58

Ora che non ha più da guadagnare dalla politica e gli basta quel che ha rubato, gli scappa un barlume di verità sulla storia del PCI, ma stava ben zitto quando aspirava alla poltrona! La storia del trattorista è l'emblema della statura del politico italiano.

Accademico

Mer, 10/12/2014 - 18:11

Di Pietro (chi) dovrebbe solo vergognarsi. Io so che lui sa che "io" so...

alby118

Mer, 10/12/2014 - 18:12

Ha scoperto l'acqua calda !!!

moshe

Mer, 10/12/2014 - 18:12

E punta il dito sulle cooperative ..... ..... ..... ma chi vuoi prendere per il c... adesso!? le cooperative dal tuo "mani pulite", le hai sempre tenute fuori!!! Fatti un lavaggio del cervello.

Ritratto di lettore57

lettore57

Mer, 10/12/2014 - 18:19

ma VFC !!!

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mer, 10/12/2014 - 18:20

E' meglio evitare di fare commenti su questo "signore". Sarebbe tempo sprecato. Povera Italia come è stata e viene ancora stuprata dagli anni '60 in qua. Ci sarà una fine?

Mario Marcenaro

Mer, 10/12/2014 - 18:35

Che mente rapida! Da non perderlo.

eloi

Mer, 10/12/2014 - 18:35

di tutto questo l'unico a non preoccuparsi mi pare sia Re Giorgio.

Ritratto di Sniper

Sniper

Mer, 10/12/2014 - 18:40

Il teorema del Giornale e del suo gregge:"Siccome c'e' chi e' piu' delinquente del pregiudicato Craxi, allora Craxi non e' piu' un delinquente". Del resto questo si applica gia' all'altro famoso compare di anello...

Ritratto di Sniper

Sniper

Mer, 10/12/2014 - 18:45

Giova forse ricordare agli intrepidi e smemorati detrattori di Di Pietro, che il buon Silvio gili offri' un posto di Ministro degli Interni, nientemeno. Andate a spalare il fango che vi offusca la mente.

Bellator

Mer, 10/12/2014 - 18:46

Oltre ad indagare su Fiorito e questo !!!.La Finanza controlli i politici, alti funzionari dello Stato,delle Istituzioni per conoscere i beni posseduti,ad inizio carriera e quelli posseduti attualmente(anche dei più stretti familiari !!)ed accertare la provenienza del Danaro,occorrente per l'acquisto. Di Pietro !!, pensate da quale Pulpito vien la Predica,mi faccia il piacere !!.

Armandoestebanquito

Mer, 10/12/2014 - 18:46

Nanuq, ti quoto in toto

diwa130

Mer, 10/12/2014 - 18:47

Mi sembrano parole in liberta' e senza dati oggettivi. Il primo a parlare di moralita' pubblica in Italia fu Enrico Berlinguer nel 1974 ! Ed il malaffare era ben identificato nella DC ed i suoi partiti satelliti cui si e' aggiunto da protagonista il PSI di Craxi che ha inaugurato il nuovo corso del PSI bastonando ed isolando la vecchia dirigenza onesta del partito portandolo a rotta di collo verso il disastro (con tutto il paese appresso). Questi sono i fatti ! Il PDS e poi il PD non hanno nulla a che vedere con il PCI ne' dal punto di vista organizzativo ne' da quello economico / finanziario. Infatti i magistrati di mani pulite nulla riuscirono a trovare ne' tanto meno a provare. E questi sono i fatti oggettivi, non le chiacchere.

marco46

Mer, 10/12/2014 - 18:49

Mi domando il perché non sia entrato nel covo comunista di via botteghe oscure, per paura della P3,.o per convenienza? visto come sono andate le cose penso per ambedue, sei campato e arricchito molto bene in nome del popolo italiano.

vincenzo1956

Mer, 10/12/2014 - 18:51

A Di Pietro bisogna riconoscere almeno l'onesta' intellettuale.Ovvero:non negare cio' che e' palese e documentato incontrovertibilmente.Basta vedere su Youtube il famoso discorso di Craxi in parlamento nel 93,quando denuncio' il sistema tangentaro senza che alcuno sollevasse obiezioni.O quando Craxi ,durante l'interrogatorio proprio con Di Pietro espose filo per filo come funzionava il sistema delle tangenti a dx e sx.Lo stesso Di pietro ha gia' riconosciuto in passato come le tangenti servissero al partito socialista per poter resistere sulla scena politica a fronte di finanziamenti che rpovenivano a Dc e PCI da " altre fonti".Pertanto ha ragione nell'affermare oggi che allora era tutt'altra pasta di classe politica.

antipodo

Mer, 10/12/2014 - 19:05

Questo analfabeta merita di essere torturato e se l'inferno esistesse veramente dovrebbe restarci eternamente.

Giampaolo Ferrari

Mer, 10/12/2014 - 19:22

Meno male prima di morire ammette che anche lui tonino di bisaccia si è fermato altrimenti metteva al fresco anche i comunistelli. Ha scambiato forse il suo miracolo economico con l'immunità??

Ritratto di lettore57

lettore57

Mer, 10/12/2014 - 19:24

@sniper lei dovrebbe essere ibernato, forse (ma non e' detto) tra qualche centinaio d'anni potrebbero aver trovato un antidoto.

Ritratto di micheleciaramella2

micheleciaramella2

Mer, 10/12/2014 - 19:26

Sig. Di Pietro, Lei non ha nessun titolo, né politico e men che meno morale per parlare di un martire chiamato Bettino Craxi, che ha pagato da solo le colpe di un'intera classe politica codarda e ipocrita. Cordialità a Tutti

geronimo1

Mer, 10/12/2014 - 19:31

Ma come Di Pietro avevi salvato solo il PCI dalla strage ed ora hai dei pentimenti???? Sei peggio di Erode che li voleva uccidere tutti quei poveri bimbi...!!!!! Oppure sei stato abbandonato dai tuoi protettori che hanno capito il tuo valore???

odifrep

Mer, 10/12/2014 - 19:31

@ Nanuq (16:25) - .............allora non è scemo

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Mer, 10/12/2014 - 19:32

e chi è di pietro? quello che ha fatto suicidare Cagliari (non la città) in carcere, e poi risultato innocente?

geronimo1

Mer, 10/12/2014 - 19:32

p.s.: scusa don Antonio, non ho mai capito come hai fatto a vincere un concorso in magistratura tu che non parli neanche l' italiano??? O i componenti della commissione erano tuoi omogenei e hanno detto "Finalmente uno dei nostri!!!!!!!!!!!"

beale

Mer, 10/12/2014 - 19:34

Conversando con amici evidenziavo che nessun giornale, nè giornalista abbiano fatto qualche riferimento all'intervento di Craxi in parlamento quando scoppiò mani pulite; ma tutti si dichiararono senza peccato mentre Di Pietro e gli "untouchables" tennero (e molti continuarono nel tempo)loro bordone. Mi ha fatto piacere leggere che Di Pietro abbia fatto parzialmente ammenda, ha concesso seppure in ritardo, l'onore delle armi. Avrebbe potuto aggiungere, dato che ha conoscenza dei fatti, che allora "l'illecito" prevalente era per finanziare i partiti, oggi invece molti si sono messi in proprio approfittando del fatto che chi doveva controllare era impegnato per far fuori Berlusconi.

odifrep

Mer, 10/12/2014 - 19:36

@ Sniper (18:40-45) - lo ripeto per l'ultima volta : BERLUSCONI voleva fargli arrivare sulla scrivania di Ministro, una scatola di scarpe con dentro del danaro, per toglierselo dalle balle. Sei rimasto il solo in Italia a non averlo capito.

scipione

Mer, 10/12/2014 - 19:39

Mi piacerebbe sapere se si pente anche del suo proposito di m...a contro Berlusconi :" io quello lo distruggo ".

Ritratto di Amsul Parazveri

Amsul Parazveri

Mer, 10/12/2014 - 19:49

Ma chi è quel truce fuori sagoma che si è convinto di essere il Divo Apollo? Non c'è un vaso giusto per i suoi bisogni.....

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Mer, 10/12/2014 - 19:54

Be', alla mia età credevo di averle viste tutte, ma Di Pietro che loda Craxi... è vero che c'è già passato il nostro Vittorione Feltri, che, dopo averlo soprannominato il cinghialone, ultimamennte ha alquanto rivalutato il povero Bettino. E d'altra parte, visto quello che passa il convento, come non farlo?

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Mer, 10/12/2014 - 19:55

Non so se sia una coincidenza..ma appena si scoperchia qualche cloaca con politici corrotti et affini..rispunta puntuale sui media il Contadino Manettaro di Montenero..che ha già finito li sordi?

fiducioso

Mer, 10/12/2014 - 20:09

Sniper, quando vai alla tua cellula rossa guardati attorno, potrai osservare quali sono i veri delinquenti.

FRANCO1

Mer, 10/12/2014 - 20:10

E perchè hai disfatto solo Craxi e non quei delinquenti di comunisti???? mani pulite, sì del c...o!!!! Dalla vergogna dovresti stare in una caverna e non farti più sentire!!

19gig50

Mer, 10/12/2014 - 20:12

Mi dispiace che i figli di Craxi non gli abbiano mai messo le mani sul muso.

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 10/12/2014 - 20:43

Di Pietro chi ???????.......i'ex magistrato di mani pulite ahahahahahhm roba da pisciarsi addosso dal ridere, siamo alle comiche.

giovannibid

Mer, 10/12/2014 - 20:57

wela!!!!!!! parla proprio uno, che insieme ai suoi colleghi, ha distrutto una classe politica senza capire un............. della vita italiana SI VERGOGNI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

brunog

Mer, 10/12/2014 - 21:58

Questo pezzo di escremento e' marcio come loro e anche di piu'. La poltrona di senatore del Mugello faceva comodo, parla adesso perche' e fuori dei giochi, pezzo di mxxxa.

gio 42

Mer, 10/12/2014 - 22:51

Buonasera. signor ""Sniper"" se la gente parla di questo signore in una certa maniera, e se così sono stati anche Craxi e Berlusconi, questo non giustifica il primo e il suo modo di fare, ne tanto meno non dire le cose come stanno. L'odio su altre persone non può far cambiare le cose come la storia dice che sono andate. Se Berlusconi voleva ministro Di Pietro si dice che Berlusconi è stato al tempo opportunista, non altre cose. Saluti

Ritratto di sitten

sitten

Mer, 10/12/2014 - 23:34

Ma, inizialmente chi portò l'ignorantone in parlamento? Il Msi, la Dc, il Psi? Forza Tonino, dicci chi ti fece eleggere.

Alessio2012

Mer, 10/12/2014 - 23:48

Ma questo chi vuole prendere in giro? Craxi l'ha rovinato proprio lui...

Ritratto di MelPas

MelPas

Gio, 11/12/2014 - 00:11

Mafia Capitale, Di Pietro riabilita Craxi E punta il dito sulle cooperative. " Caro Tonino, non si può chiudere la stalla quando i buoi sono scapati. Hai fatto morire Craxi in terra straniera e per quello la gente piano piano ha iniziato a capire e grazie a Dio ti ha punito. MelPas.

MeloniMarco

Gio, 11/12/2014 - 00:31

http://mmcm23.wordpress.com/ http://melonimarcocm.altervista.org/ http://melonimarcocm.blogspot.it/

Alessio2012

Gio, 11/12/2014 - 00:47

E' vero che Berlusconi gli offri' un posto... ma ancora non aveva capito chi fosse Di Pietro. O forse fingeva di non averlo capito... cercava magari di tenerselo buono. Del resto è quello che fa la stragrande maggioranza degli italiani! Quando dicono che Corona è stato condannato a 10 anni di galera per aver fatto 4 foto (che poi è normale amministrazione per qualsiasi paparazzo)... che cosa rispondono gli italiani? "Ah, ma Corona è antipatico". Non si pongono il problema della giustizia... ma lo sanno anche loro che è tutto falsato. Il fatto è che se poi ti sbattono in galera come fai a dimostrare al mondo che sei innocente? Perché in tutta Europa nessuno l'ha capito che c'é una giustizia malata in Italia... Del resto chi è che potrebbe credere a una cosa simile? "La mafia occupa i posti di giustizia". Ma dai, direbbe chiunque, è fantascienza.

Esculoapio

Gio, 11/12/2014 - 00:49

ma quando governava il povero Bettino, stavamo meglio o peggio? sono passati piu' di 20 anni e non abbiamo visto nessun bum economico.... che Bettino sia stato peggio di una guerra mondiale?

Ritratto di gangelini

gangelini

Gio, 11/12/2014 - 01:18

Di Pietro Di Pietro, sei un bel Pinocchietro. Tanti innocenti hai messo in galera, alcuni di questi si sono ammazzati, però adesso minimizza e pure perdona. Riabilitare i morti dopo 23 anni seduto su una morbida poltrona di pelle è troppo comodo. Una bella faccia da fianchi.

curiositybear

Gio, 11/12/2014 - 05:51

... e l'ha capito dopo 23 anni ! - idiota !!! - io avevo 27 anni all'epoca pensavo a slavoricchiare ma soprattutto a trombare come un cinghiale - solo una cosa avevo capito della politica: ciò che successe l'avremo pagata molto cara negli anni a venire, (...è stato addirittura peggio!) - ora ne ho 50 e da 7 anni me ne sono andato dall'italia e, una delle tante cause, è questo pezzo di ixxxxxxxe.

Angel59

Gio, 11/12/2014 - 07:33

Ma ancora date voce a questo tanghero? Perché piuttosto non gli chiedete conto del suo repentino arricchimento coinciso con la sua entrata in politica? Popolo di cretini ancora ridete alle battute in italiano approssimativo che questo ceffo semianalfabeta diffonde nei media? Ma due calci al cxxo nessuno glieli da?

Ritratto di Loudness

Loudness

Gio, 11/12/2014 - 09:27

Questo dovrebbe farvi ben capire che razza di gente sono i giudici ed i pm e che potere immenso ed incontrollato essi abbiano.

@ollel63

Gio, 11/12/2014 - 09:45

nell'elenco dei buffoni d'Italia compare anche il tuo nome. Taci e sparisci.

Ritratto di scoglionato

scoglionato

Gio, 11/12/2014 - 09:48

Di Pietro falso ,ipocrita,meschino arrivista;dopo aver costretto all'esilio Craxi ,ora lo vuole riabilitare: Se fossi Craxi ,uscirei io dalla tomba per sputargli in quel occhio "sinistro" che lui ha usato per rilanciare i compagni . Ora,li critica,BOH!

nino47

Gio, 11/12/2014 - 09:51

Caro manettaro: certo stavolta avresti avuto difficoltà a procedere trattandosi tutto di coop rosse!!!!

Ritratto di malamente

malamente

Gio, 11/12/2014 - 10:07

certo di Pietro avrebbe dovuto approfondire anche sugli altri partiti con le indicazioni di Craxi . ma non lo fece . una cosa è certa la storia deve ancora scrivere una pagina sul caso . comunque è bene anche rivedere le proprie idee nella vita .

Cinghiale

Gio, 11/12/2014 - 10:09

Questo articolo mi fa incavolare come una bestia. Craxi era l'unico che denunciava ed è stato l'unico a pagare? Ho sempre pensato che non fosse più colpevole o meno innocente di altri, ma qui si stanno facendo delle piroette incredibili.

elgar

Gio, 11/12/2014 - 10:48

Ergo questi sono peggio di Craxi. E questo è detto da una persona idolatrata da sinistra. E quel che è peggio che nessuno fiata o smentisce.

Libertà75

Gio, 11/12/2014 - 13:40

@sniper scusi, il fatto che altri prima del PD abbiano rubato, rende il PD innocente? Spero lei sia scandalizzato come me dall'esser governato dal partito che pare sia referente politico della malavita.