Mancia di addio di Crocetta 40 milioni ai suoi dipendenti

Nella finanziaria elettorale aumenti per forestali e impiegati regionali. Tagli alle tasse con le casse vuote

L a Sicilia che si prepara ad andare a nuove elezioni tra poche settimane è la «Regione più virtuosa del Paese», nell'idilliaca fotografia scattata ieri dall'assessore uscente al Bilancio (confermato dal candidato governatore del centrosinistra) Alessandro Baccei. Tanto virtuosa da poter disseminare l'ultima manovra finanziaria prima della scadenza del mandato di aumenti, sgravi fiscali, misure «attese da anni» divenute improvvisamente possibili nell'isola speciale grazie al «risanamento» sui conti. Gli stessi su cui la Procura contabile solo tre mesi fa aveva posto il veto chiedendo la bocciatura, poi respinta, del rendiconto finanziario regionale.

Era zeppo, secondo i magistrati, di «irregolarità» su cui aleggiava lo spettro del «dissesto». Invece ecco i cordoni della borsa riaprirsi: ce n'è per tutti nell'anno elettorale e nei 40 milioni di euro che la Regione ha trovato per finanziare gli aumenti contrattuali a 40mila dipendenti pubblici, tra regionali e forestali che intascheranno 80 euro in più in busta paga. Senza dimenticare l'esenzione dal ticket per i disoccupati, il salvataggio delle ex Province resuscitate dal parlamentino siciliano e l'assorbimento in regione dei dipendenti delle partecipate.

Ma guai a sospettare del tempismo alla vigilia della competizione per la poltrona di Palazzo D'Orleans: i risultati «straordinari» della manovra presentata ieri in conferenza stampa sono frutto del duro «lavoro compiuto». Anche se toccherà al nuovo governo che uscirà dalle urne del 5 novembre approvarla, la ricca eredità è ormai stata messa nero su bianco dal presidente uscente Rosario Crocetta. Che certo non si aspettava di essere tagliato fuori dalla partita elettorale. Ieri il Tar di Catania ha respinto il ricorso avanzato contro l'esclusione dalla competizione nel collegio di Messina, l'unico in cui il governatore uscente si era candidato, della lista «Arcipelago Sicilia - Micari presidente» a sostegno del candidato dem, perché presentata oltre i termini. Nelle prossime ore è atteso anche il verdetto del tribunale amministrativo di Palermo su un secondo appello in cui spera il governatore. Che così, dopo aver ceduto al pressing del segretario del Pd Matteo Renzi a fare un passo indietro per lasciare campo libero al rettore prediletto dai democratici, rischia di restare col cerino in mano.

Forse non nella memoria dei siciliani, che si ricorderanno degli «sforzi» dell'amministrazione nell'ultimo miglio prima della fine del mandato: ne beneficeranno 18mila dipendenti di Regione ed enti, che grazie a uno stanziamento di 18 milioni di euro, in aggiunta ai 10 già messi quest'anno per avviare la contrattazione per i rinnovi, avranno finalmente l'aumento di 85 euro al mese. Ottanta euro in busta paga anche ai 22mila forestali dell'isola, con un esborso per le casse regionali di 12 milioni. Nella manovra non manca nemmeno l'attenzione a imprese e cittadini: già, perché nella regione che non riesce a riscuotere nemmeno le sue tasse e che ha una partecipata, Riscossione Sicilia, alle prese con una voragine finanziaria da 52 miliardi di euro di tributi non incassati negli ultimi dieci anni, è previsto un taglio alle imposte per 257 milioni di euro. Come? Azzeramento dell'Irap dal 2018 e dimezzamento dell'Irpef. «Un risparmio concreto per i cittadini siciliani, aziende e famiglie. Non era mai successo prima. La Sicilia si colloca tra le Regioni più virtuose del Paese». Pronta per andare al voto.

Commenti

Siciliano1

Ven, 13/10/2017 - 09:11

Bravo Rosario. Con questi 40 milioni potevi realizzare un bel termovalorizzatore da farla diventare ancora più virtuosa la nostra terra, 80 euro cosa vuoi che siano? Con le mollichine non sazierai mai la fame di riscatto di questa terra. Comunque sarà tutto da vedere nel prossimo governo. (speriamo). W la SICILIA.

VittorioMar

Ven, 13/10/2017 - 09:17

...COSI' POCHI ??...PER IL DISASTRO E IL DISSESTO FINANZIARIO CAUSATO , MERITAVANO DI PIU'....MOLTO DI PIU'...L'ARRESTO !!

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 13/10/2017 - 09:34

Possibile che le mafie del governo siciliano, siano peggio dei delinquenti che arrivano con i migranti e che i loro colleghi al governo di Roma, via un ladro al governo siciliano, ne votano uno altro che può essere pure assassino!!! """DOVE È RIMASTA LA CENTE ONESTA"""???

Duka

Ven, 13/10/2017 - 09:44

SOGGETTO VOMITEVOLE

filoforte

Ven, 13/10/2017 - 09:44

Crocetta hai fatto più danni tu che il petrolio

Vigar

Ven, 13/10/2017 - 10:12

Che figura ambigua e disgustosa....sotto tutti i punti di vista.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 13/10/2017 - 10:19

Da documento ufficiale di bilancio della Regione Sicilia, si legge : "Al 31 dicembre 2016, il debito di finanziamento residuo della Regione ammonta complessivamente a oltre 8 miliardi di €uro, con un incremento rispetto all'inizio del quinquennio del 41,4 per cento." - MA QUALE REGIONE PIU' VIRTUOSA DEL PAESE ?!? La Regione Sicilia è la regione PIU' INDEBITATA d'Italia, il principale motivo per il quale, nel 2016, ogni cittadino della Regione Lombardia (inclusi neonati, minorenni e ultracentenari) ha dovuto versare al fisco [per sostenere Sicilia ed altre regioni del sud-italia] qualcosa come 11.900 €uro procapite! (dati da Uff.Studi CGIA di Mestre)

gneo58

Ven, 13/10/2017 - 10:41

ma cosa aspettiamo a togliere alla sicilila lo statuto speciale ?

ginobernard

Ven, 13/10/2017 - 10:48

e pensate se dovesse interrompersi il flusso di denaro dal nord italia in seguito ad un serio federalismo fiscale. Diventerebbe terzo mondo. Finchè sperperano denaro non si svilupperanno mai. Ammesso che gli interessi svilupparsi ovviamente.

Angelo664

Ven, 13/10/2017 - 11:14

Scusate, fatemi capire... dove li prende 40 milioni se la Sicilia ha buchi come voragini ??? Quale stato permette di far fare a questi quello che vogliono in barba a tutte le regole del buon senso ???

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 13/10/2017 - 11:17

@ ginobernard "pensate se dovesse interrompersi il flusso di denaro dal nord italia" = il risultato sarebbe che la Sicilia (probabilmente accompagnata da alcune altre regioni del sud, Calabria e Campania per prime) va in DEFAULT (non si può più dire "fallimento") IL GIORNO DOPO che i rubinetti del credito sono stati CHIUSI (quelli che da Roma assicurano flussi alle regioni del sud; MA SOPRATTUTTO QUELLI che da LOMBARDIA, VENETO, EMILIA ROMAGNA -quali Regioni italiane CHE PIU' SONO CHIAMATE A VERSARE AL FISCO- si CHIUDEREBBERO in direzione di Roma...). Finchè alcune regioni del sud saranno abituate a vivere di sovvenzioni ed assistenzialismo [grazie alla generosità di alcune regioni del nord] non cambieranno MAI le proprie abitudini ultra decennali.

nerinaneri

Ven, 13/10/2017 - 11:19

...ma dove li trova tutti questi soldi?...

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 13/10/2017 - 11:26

@ Gneo58 "cosa aspettiamo a togliere alla sicilia lo statuto speciale ?" - Pur avendo quel PRIVILEGIO consentitole dalla Costituzione (quindi da molti decenni), la Sicilia (con i suoi 5 milioni di siciliani) riesce ad essere la Regione italiana più INDEBITATA in assoluto -come ho già ricordato più su- immagini cosa accadrebbe se le venisse tolto lo "statuto speciale" : che gli abitandi delle Regioni del nord [che ho citato prima] dovrebbero PEDALARE assai più forte e velocemente per consentire alla Sicilia di continuare con i propri vizi e privilegi.

Trinky

Ven, 13/10/2017 - 11:33

Quel fenomeno da baraccone che ce l'ha con i patani non è che faccia parte degli statali o dei forestali?

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 13/10/2017 - 11:37

@ nerinaneri : tutti questi soldi la Sicilia li trova da CHI glieli dà, visto che le sue casse sono VUOTE, anzi peggio, con un debito da PAURA (quello che ho citato più su, da libro di bilancio chiusura esercizio 2016)

flip

Ven, 13/10/2017 - 11:38

quanto denaro abbiamo buttato via per il sud in tutti questi anni? quanto milioni di miliardi si sono mangiati gratis? la sicilia è una regione a "statuto speciale" chissòà perchè lo è ancora dopo oltre 70 anni.

DRAGONI

Ven, 13/10/2017 - 11:40

Il campione del PD Sicilia. Doveva essere il rinnovatore e il garante contro la MAFIA.

pierk

Ven, 13/10/2017 - 11:40

mi complimento davvero con siciliano 1 per il suo commento, drammaticamente intelligente e pieno di buon senso. auguro di cuore che tutti i siciliani comincino a pensarla come lui, ma la lotta culturale alle mafierie è lunga...

Siciliano1

Ven, 13/10/2017 - 11:41

per gneo58: egregio su internet, trovi tutte le copie che vuoi. L'originale lasciala a noi che oltre a NON attuarla la custodiamo bene. Chissà se in futuro ci saranno politici con i giusti attributi pronti ad attuarla. E poi saranno uccelli senza zucchero. A buon intenditor poc parol. Ad maiora.

mariod6

Ven, 13/10/2017 - 11:42

Da bravo comunista è abituato a mentire spudoratamente ed a vendere fumo per poi ricevere un voto di scambio dettato dalla criminalità che usufruisce delle sue elargizioni.

ginobernard

Ven, 13/10/2017 - 12:01

aorlansky60 - incomincio a pensare che chi grida al secessionismo (inapplicabile) lo faccia per mandare in vacca il progetto federalista (applicabilissimo). Bossi quando grida Padania libera, una decisione anticostituzionale come quella catalana, alla fine fa il gioco dello stato centralista. Questa volta hanno invece preso meglio la misura. Stiamo pure in Italia, ma teniamoci i soldi delle tasse, che sono quello che alla fine conta. Mi sbaglierò ma ne vedremo delle belle. Zaia è già sul piede di guerra.

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 13/10/2017 - 12:12

I soliti straccioni che fanno i grandi di spagna con i soldi degli altri. secondo invio.

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 13/10/2017 - 12:12

I soliti straccioni che fanno i grandi di spagna con i soldi degli altri. terzo invio.

roberto.morici

Ven, 13/10/2017 - 12:14

Se mi fossi fermato al titolo avrei pensato che i 40 mil. di euro sarebbero usciti dalle tasche di Crocetta. Da mia moglie: Roberto, amore mio, non si può essere tanto ingenui, a 84 anni! P.S. 22000 forestali in Sicilia, contro i quasi 5000 dell'intero Canada?

semelor

Ven, 13/10/2017 - 12:17

Basta basta basta domenica 22 ottobre bisogna TUTTI andare a votare per il referendum cari veneti e lombardi. Fare un insurrezione contro questi debosciati para..li predatori. Basta on questo mezzogiorno rapace,arraffone, scriteriato. Chiagni e fotti, piangere miseria collettiva mentre si prosegue il ladrocinio.

wintek3

Ven, 13/10/2017 - 12:35

Crocetta e indisponente tanto quanto il suo capo bastone e come lui ha promesso gli 80€. Intanto la Sicilia va a rotoli, ma probabilmente ai siciliani non interessa perchè alla fine qualcuno che paga il conto c'è sempre. Altro che regione autonoma, andrebbe commissariata.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 13/10/2017 - 13:11

Tanto poi lo paga lo stato, quindi il nord, quindi i cittadini del nord.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 13/10/2017 - 13:30

@ wintek3 12:35 "ai siciliani non interessa perchè alla fine qualcuno che paga il conto c'è sempre" - ESATTAMENTE; non solo loro, ma anche gli abitanti di altre regioni del sud italia : finchè uno crede [o peggio ancora che GLI VENGA FATTO CREDERE] di poter vivere di assistenzialismo che magicamente gli arriverà sempre a cascata come una "manna" dal cielo, egli non cambierà MAI (correggendolo opportunamente) il proprio stile di vita.

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 13/10/2017 - 13:57

Disgustevole e vomitevole. Votate PD, questo è il risultato!

dagoleo

Ven, 13/10/2017 - 14:00

E quando questa Regione cadrà nel totale dissesto finanziario, come di sicuro accadrà, chi pagherà per rimetterla in sesto? Crocetta sa bene che le prossime elezioni saranno vinte dalla destra, pertanto stà facendo di tutto lasciare alla destra una situazione finanziaria disastrosa in maniera da impedire o rendere comunque difficoltoso ogni tentativo di risanamento economico.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 13/10/2017 - 14:01

Aggiungo una cosa : la Sicilia, in quella posizione geografica come fortuna o destino le hanno attribuito, è una terra dal potenziale ENORME (TURISMO e agricoltura soprattutto); personalmente non ci sono mai stato, ma molti miei conoscenti che l'hanno girata (uno in particolare che è stato là anni per lavoro) mi hanno tutti trasmesso la stessa impressione un volta ritornati : quella di una regione lasciata VOLUTAMENTE a CORTO di infrastrutture di base e di conseguenza CARENTE di accoglienza a potenziali visitatori dall'esterno, una cosa assai difficile da comprendere specie per una Regione che si è vista concedere il privilegio di "statuto speciale"; ma una cosa facile da comprendere se uno osserva attentamente le radici STORICHE di quella terra, e non aggiungo altro, chi ha orecchi intenda.

jenab

Ven, 13/10/2017 - 14:13

le elezioni in sicilia sono semplicemente ridicole, non hanno alcun senso!! Lì comanda solo una entità e non è lo stato italiano

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 13/10/2017 - 14:23

Se la Sicilia dovesse fare come la Catalogna, trovo difficile pensare che gli italiani alzino una barriera per trattenerli.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 13/10/2017 - 14:25

Riferito solo a quelli che vorrebbero fare politica in Sicilia penso che siate la più brutta razza che esista al mondo.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 13/10/2017 - 14:37

Mancia di addio di Crocetta 40 milioni ai suoi dipendenti...A che glie frega...tanto pagheranno tutte le altre regioni "non autonome"!!Ciaparatt

Ritratto di cape code

cape code

Ven, 13/10/2017 - 15:48

Ma uno con quella faccia da leader palestinese, puo' mai essere una persona perbene?

honhil

Ven, 13/10/2017 - 18:25

Le cronaca racconta che, per la sciatteria profusa dai più stretti collaboratori di Crocetta, nel presentare le liste, l’uscente presidente della regione Sicilia non è tra i candidati che si contenderanno Palazzo d’Orleans. Ma si è proprio sicuri che così è? Non è che l’ex sindaco di Gela, e a poco ex presidente della Sicilia, nella consapevolezza che sarebbe stato difficile, se non difficilissimo, che i siciliani lo potessero rivotare, abbia tutto architettato alfine di evitarsi una cosi bruttissima figura? In quanto poi alla mancia lasciata da Crocetta ai dipendenti della regione Sicilia, poiché ad approvarla deve essere il prossimo governatore dell’Isola, c’è da sperare, indipendentemente da chi verrà eletto, che farà cadere, anche per non finire sotto la tagliola della Procura contabile, questo ulteriore regalo ai “40mila dipendenti pubblici”. Per rispetto alla fiumana di famiglie siciliane che soffrono la fame.

flip

Sab, 14/10/2017 - 07:57

40 milioni di euro per 40 mila dipendenti. 1.000,00 euro a testa. chissà che salti gioia faranno i dipendenti. Però 40 mila dipendenti sono tantissimi, e TUTTI con il cartellino facile.

flip

Sab, 14/10/2017 - 08:00

se i 40mila dipendenti votassero PD sarebbero si e no lo 0,8% della popolazione.