Marocchino scroccone dai cinesi si abbuffa, non paga e spacca tutto

Recidivo e in stato di ubriachezza resiste agli agenti: in manette

Scroccone e violento. Prima mangia e beve a sbafo in un ristorante cinese di Ragusa, in Sicilia. Poi inizia a urlare e a disturbare i clienti, reagendo violentemente alle rimostranze del titolare del locale, un cittadino cinese, e al suo invito ad accomodarsi fuori. Il 30enne marocchino Addyani Tawfik, con diversi precedenti penali della stessa tipologia, spacca tutto a suon di calci e minaccia il cinese di morte. Poi esce dal ristorante ancora in evidente stato di euforia e attinge delle bottiglie di vetro dal contenitore per la raccolta differenziata lanciandole contro il titolare del locale, che riesce a dribblare i colpi e a uscirne incolume. Diversa sorte per la vetrina del ristorante che finisce in frantumi. Che non gli sia piaciuto il cibo? Nossignore. Il giovane marocchino era un habitué del ristorante. Peccato che non fosse altrettanto avvezzo a saldare il conto. È stato il titolare a denunciarlo agli uomini dell'ufficio Volanti della questura di Ragusa, intervenuti dopo la segnalazione di una violenta aggressione in atto nel ristorante a colpi di bottiglie di vetro. Il cinese ha raccontato che altre volte il marocchino si era recato nel suo ristorante mangiando e bevendo a sazietà e scappando prima di pagare il dovuto. Gli agenti lo hanno trovato già fuori dal locale, poco dopo avere distrutto la vetrina. Sembrava un campo di battaglia tra vetri infranti e, all'interno del locale, arredi distrutti. Ancora in preda ai fumi dell'alcol, il 30enne aveva iniziato a procurarsi delle ferite alle braccia e al collo utilizzando un coccio di vetro. Il giovane straniero, bloccato, si rifiutava categoricamente di entrare nell'auto di servizio della polizia. E per sfuggire alla cattura scalciava contro il poliziotto che coi suoi colleghi ha faticato non poco per assicurare il giovane nella volante. I poliziotti lo hanno condotto al pronto soccorso per le cure del caso e lo hanno tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e minaccia aggravata. Adesso si trova nel carcere di Ragusa. Chissà se lì il cibo sarà di suo gradimento. Quel che è certo è che sarà anche questa volta gratis e senza dover fare danni o avere la necessità di scappare per evitare il conto. Lo pagheranno i contribuenti italiani. Al menu però mancheranno gli alcolici. Chissà come la prenderà.

Annunci

Commenti

epc

Mer, 10/02/2016 - 08:32

Eh eh, questa risorsa ha sbagliato locale.... Gli è andata bene che è finito in gattabuia, altrimenti ci pensava la Triade....

epc

Mer, 10/02/2016 - 08:32

Eh eh, questa risorsa ha sbagliato locale.... Gli è andata bene che è finito in gattabuia, altrimenti ci pensava la Triade.....

portuense

Mer, 10/02/2016 - 08:33

SUL PRIMO AEREO IN PARTENZA PER IL MAROCCO. ha vari precedenti, MA QUANTO CI COSTA COSTUI ? la polizia è impegnata solo per lui. VIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

Agus

Mer, 10/02/2016 - 08:43

Ma per la miseria i cinesi non sono i padri del Kung-Fu?

Ritratto di pedralb

pedralb

Mer, 10/02/2016 - 08:49

Cosa ci fa ancora in questo paese un marocchino con diversi precedenti penali???? Ormai abbiamo oltrepassato la frutta...presto l' amaro conto!!!!!

franco-a-trier-D

Mer, 10/02/2016 - 09:09

POVERETTO SI STAVA INTEGRANDO DIREBBE IL PD ABBIATE UN PO DI PAZIENZA.

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Mer, 10/02/2016 - 09:35

Appena uscirà dal carcere (presto) dovrà vedersela con i cinesi. Gli converrà cambiare aria ...

Ritratto di scappato

scappato

Mer, 10/02/2016 - 09:40

franco-a-trier-D: Non ho nessuna simpatia per il PD, ma ancora meno per la tua kulona, maestra nel volere questa gente in Europa.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Mer, 10/02/2016 - 10:04

Intanto a Prato, dove come tutti sanno la comunità cinese è particolarmente nutrita, leggo che già per due volte qualche "risorsa" nordafricana dedita alle rapine è uscita con le ossa rotte dalla locale "Chinatown", dopo essere incappata in quelle che, a detta degli inquirenti, sembrerebbero essere squadre di ronda di cittadini cinesi.PS. Fanno solo che bene...noi italiani siamo messi male, tra amichetti e difensori d'ufficio delle risorse straniere, maschietti femminilizzati ed impauriti ed anziani che, giustamente, non riescono più a difendersi...e gli unici che ancora reagiscono per difendersi vengono condannati al carcere ed alla perdita dei propri beni in risarcimenti ai delinquenti...

pagu

Mer, 10/02/2016 - 10:05

cari cinesi, questo è il letamaio di paese che vi aspetta, credevate di trovare il paradiso?? eccovi accontentati... tra un ora grazie al solito magistrato compiacente sarà fuori, e caro cinese preparati, perché se lo tocchi ti aspettano 325mila euro di rimborso ed un accusa per omicidio...

Aegnor

Mer, 10/02/2016 - 10:08

Un bel lanciafiamme no?

linoalo1

Mer, 10/02/2016 - 10:15

Povero marocchino!!Non vorrei essere nei suoi panni!!!I Cinesi hanno la memoria lunga e tanta pazienza!!!

smoker

Mer, 10/02/2016 - 10:26

x portuense : in effetti non capirò mai per quale motivo sul territorio si lasciano circolare marocchini , tunisini ecc nullafacenti , non profughi di guerra , che , secondo le leggi UE andrebbero rimpatriati con diffida dal ritornare .

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Mer, 10/02/2016 - 10:35

....Presto...affrettiamoci ad offrire alla talentuosa risorsa anche caffe...e che sia della più pregiata miscela arabica, Kopi Luwak indonesiano ovviamente, e ammazzacaffè.....e che sia per lo meno un Cognac "L'Age des Fleurs" Leopold Gourmel . Per carità!! Altrimenti Sua Magnificenza la Presidenta Boldrina tuonerà dall' alto del Suo Scranno indirizzando ,verso di noi razzisti, i Suoi strali.Colpevolmente stavo dimenticando un bel sigaro Cohiba Behike

marco.olt

Mer, 10/02/2016 - 10:54

Da consegnare allo Stato Islamico, pagherà il mal tolto con la mano destra, ... Ah già siamo in Italia ..da noi i giudici lo metteranno in castigo dietro la lavagna per qualche giorno.

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Mer, 10/02/2016 - 11:30

Credo che il marocchino abbia sbagliato interlocutori da buggerare. I cinesi non perdonano e si fanno giustizia da soli. Vi ricordate quei due nord africani che avevano rapinato un cinese uccidendo lui e la sua bambina che aveva in braccio? Nel giro di poche settimane i due marocchini sono stati trovati suicidati in modo orrendo, uno addirittura impiccato ad un gancio da macellaio. Per quanto ne so, la cosa è poi finita lì.

risorgimento2015

Mer, 10/02/2016 - 11:35

Controlli controlli....a tappeto....controllare tutti iposti publici per verificare documenti permessi stato di rifugiato (COMICO). Le forze dell `ordine devono essere PRO ACTTIVE ===intervenire prima del danno.

titina

Mer, 10/02/2016 - 11:42

Il marocchino sa che noi li accogliamo, li sfamiamo e li alloggiamo. li perdoniamo. Poteva andare in un locale italiano. Cinesi, non aspettate la giustizia italiana che non c'è!

Ritratto di Dentes72

Dentes72

Mer, 10/02/2016 - 12:34

Governo assente. E' chiaro che vogliono provocare una rivolta popolare che prima o poi avverrà. Non vedo l'ora...

Carboni oreste

Mer, 10/02/2016 - 13:04

negraccio islamico di emme. Perche' non vieni qui ad Hong Kong a fare cio' che hai fatto. Paura di trovare un vecchio sardaccio che ti fa scappare come il tuo simile trentenne che alle 4 di notte pretendeva di bloccare il pullman,in quanto nella notte di S.Silvestro si era bevuto(ma l'alcool non e' proibito nel libro sacro del pedofilo cammelliere?)gli ultimi spiccioli rimanendo senza biglietto. bastardi,e venite che vi aspetto(con un accendino a fiamma lunga a bruciarvi i barboni pieni di piattole.

Una-mattina-mi-...

Mer, 10/02/2016 - 13:36

Adesso chiede i danni perchè l'arrabbiatura gli ha rovinato la digestione