Matematici e giocatori di scacchi: i piccoli geni sempre più giovani

Taylor, 14 anni, fa l'ingegnere. Christopher scrive bestseller

Scrittori, musicisti, scienziati: pensiamo che questi mondi siano inaccessibili fino all'età adulta, la stagione della maturità, un'altezza della vita in cui il talento incontra la capacità di sopportare il sacrificio. Sbagliato. Sono numerosi i genietti che, durante l'infanzia, hanno dettato legge nelle arti e nelle scienze. Taylor Wilson, classe 1994, americano, a soli 14 anni ha prodotto una fissione nucleare. Prometteva bene già in tenerissima età, quando affisse nella sua stanza la tavola periodica degli elementi chimici e la sua mente li ingurgitò a memoria in pochissimo tempo. Oggi partecipa alle conferenze internazionali più importanti dove, come successo nel 2013, propone idee sperimentali. Farrel Wu, di origini cinesi, è stato segnalato come uno dei bambini più intelligenti al mondo dal Business Insider (un sito internazionale che si occupa anche di straordinarie professionalità); nel 2012 ha ottenuto il maggior punteggio scolastico in matematica di tutta l'Australia. Oggi è allievo di un noto professore universitario di algebra in Michigan. Il suo sogno è fare carriera in ambito bancario. Il suo corrispettivo femminile, sempre alle prese coi numeri, è la piccola Priyanshi Somani, che a undici anni, nel 2010, ha vinto i mondiali di calcolo matematico mentale; non solo è stata la prima classificata, ma è anche stata l'unica a raggiungere il 100% di precisione. È un piccolo portento anche negli scacchi e nel ping-pong. Non solo chimici e matematici, i bambini prodigio. Christopher Paolini è l'autore di quattro bestseller fantasy. Un romanziere fin da quando era in fasce. Eragon, Eldest, Brisingr e Inheritence, i titoli dei suoi libri. Istruito dai suoi genitori in casa, senza mai frequentare una vera scuola, il ragazzino aveva già guadagnato il successo e il profitto di grandi autori internazionali nella sua adolescenza. Ha scritto il suo secondo romanzo, Eragon, a soli 15 anni: distribuito nella seconda edizione dal New York Times e diventato film nel 2006. Akrit Jaswal oggi ha vent'anni, ma è un medico attivo da quando di anni ne aveva dieci. Di lui si racconta, come se fosse il personaggio di un mito o di una leggenda, che abbia imparato a camminare e parlare prestissimo, ma soprattutto che a sette anni abbia eseguito il suo primo intervento chirurgico in famiglia. A dodici anni è stato ammesso alla facoltà di Medicina in India, entrando nel guinness del più giovane studente mai iscritto. E ci sono bambini prodigio anche in fatto di muscoli. Il piccolo Giuliano Stroe, perfettamente vestito sembrerebbe un ragazzino come tutti gli altri. Ma sotto la camicia ha addominali e bicipiti da vero body-builder. Il piccolo è rumeno, e rientra nei record mondiali, in fatto di giovane età e body-building. Le sue acrobazie sono cliccate ogni giorno su Youtube. Il bambino, ci tiene a spiegare suo padre, si allena di sua iniziativa e per passione personale, ma non è mai abbandonato a se stesso durante le sue attività.

Commenti
Ritratto di Giano

Giano

Lun, 02/01/2017 - 14:21

Bene, bene, complimenti e auguri per il futuro. Ma se volete avere successo nella vita non basta essere dei piccoli geni in matematica, musica o medicina. Volete il successo assicurato? Fate i cuochi, oppure inventate oroscopi; si diventa subito idoli della folla. In ogni caso fate di tutto per andare in televisione e partecipare ad un reality, un talent, o come semplici ospiti opinionisti. Dopo breve tempo, anche se siete dei perfetti asini, diventerete personaggi di successo, finirete su tutte le prime pagine dei rotocalchi, sarete richiestissimi da tutti i salotti Tv e sarà fama e gloria. Altro che Einstein. Comunque, personalmente, consiglierei di fare il cuoco; il massimo.