Maxi incendio a Roma: evacuate 40 abitazioni Chiusa l'autostrada

Le fiamme nella zona Nord della Capitale Vigili del fuoco a protezione di un distributore

Roma Giornata di fuoco nella Capitale. Non soltanto per le temperature elevatissime, ma anche per i numerosi incendi che ieri hanno fatto evacuare diverse case al nord di Roma e hanno minacciato il comune di Capena, dove il fuoco ha raggiunto il centro storico.

I vigili del fuoco hanno effettuato circa 100 interventi per domare diversi roghi. La situazione più grave nei pressi di Capena, lungo la via Tiberina. Qui decine di persone sono state evacuate, soprattutto nella zona San Marco, per un vasto incendio che, con un fronte di circa due chilometri, ha lambito anche il vicino comune di Morlupo. Le fiamme sono arrivate nei pressi di una zona abitata composta da circa una quarantina di abitazioni, i cui abitanti, circa 150 persone, sono stati costretti ad uscire perché le loro case sono state intaccate dal rogo. Il fuoco ha colpito anche le strutture esterne di una scuola comunale. Anche gli abitanti dell'area sono intervenuti per aiutare i soccorritori a domare l'incendio e il comune ha disposto un bus navetta per trasportare le persone al campo di accoglienza allestito presso lo stadio dalla Croce Rossa per accogliere gl sfollati. I vigili del fuoco hanno lavorato con quattro squadre, quattro autobotti, un Canadair, sei elicotteri regionali, 15 squadre con oltre 50 volontari della protezione civile, nonché sette pattuglie dei carabinieri della compagnia di Monterotondo e i carabinieri forestali presenti anche con un elicottero. Una situazione davvero difficile, dunque. Al punto che il sindaco di Capena, Roberto Barbetti, ha chiesto alla cittadinanza di evitare di uscire di casa se non necessario e di non entrare nel centro abitato in macchina per agevolare gli interventi dei soccorritori.

Un altro rogo ha interessato lo snodo tra via di Portonaccio e viale della Serenissima, a due passi dal tratto urbano della A24. Qui i pompieri hanno anche trovato il cadavere di un uomo in avanzato stato di decomposizione, quindi evidentemente non vittima dell'incendio, che ha messo invece a rischio un vicino distributore di benzina, circondato da sterpaglie e rifiuti che hanno preso fuoco, costringendo anche a chiudere per qualche ora il traffico sulla vicina A24 in direzione del Grande raccordo anulare.