Maxi taglio ai vitalizi ma il vero obiettivo sono le nostre pensioni

Ricalcolo per 1.338 ex deputati, il Senato frena. Cavallo di Troia per tutti gli assegni

Il partito Cinque Stelle pianta finalmente la sua prima bandierina della legislatura, presenta la proposta per abbassare la pensione ad un migliaio di ex parlamentari (e alle loro vedove, laddove defunti) ed esulta come la Corea del Sud ai Mondiali. «Una giornata storica per il Paese, finalmente possiamo ridare dignità alla politica», proclama il questore grillino di Montecitorio, Federico D'Incà, un filo sopra le righe.

L'operazione «taglio dei vitalizi», che nello scorso Parlamento è stata oggetto di una lunga gara (finita nel nulla) tra Pd e Cinque Stelle a chi tagliava di più, è stata messa a punto dal presidente della Camera Roberto Fico. Ieri l'esponente pentastellato ha illustrato all'Ufficio di presidenza di Montecitorio la sua proposta di delibera, che verrà votata tra il 9 e il 13 luglio e, se approvata, entrerà in vigore a partire dal prossimo novembre. Riguarda quindi i soli ex deputati, 1338 per la precisione, che si vedrebbero ricalcolare l'assegno mensile in base al sistema contributivo, che è in vigore dal 2012 per i parlamentari delle ultime legislature. Altri 67 ex membri della Camera, che hanno al loro attivo più di 4 legislature, saranno invece esonerati dai tagli, che arriveranno fino al 50% dell'importo. «Quaranta milioni di risparmi, un ulteriore passo per il superamento definitivo dei privilegi», annuncia trionfalmente il presidente Fico. Ma la proposta, sottolineano le opposizioni, resta assai «fragile», e su di essa pende un concreto rischio di incostituzionalità, visto che riguarda una sola categoria (i deputati) va ad incidere sui famosi «diritti acquisiti». Uno dei tanti presidenti emeriti della Corte Costituzionale, Valerio Onida, aveva già messo in guardia tempo fa: «Potrebbero risultare incostituzionali le norme che riducono fortemente l'importo dei vitalizi già in essere».

I primi a fare ricorso saranno gli ex deputati messi nel mirino, che ieri hanno annunciato una bellicosa controffensiva e una vera e propria «class action». «Abbiamo inviato una diffida stragiudiziale a ciascun membro dell'Ufficio di presidenza della Camera», annunciano Antonello Falomi e Peppino Gargani, che guidano l'associazione degli ex. In altre parole, «chi voterà la delibera sarà responsabile personalmente del voto che darà, e sarà chiamato a risponderne personalmente», cioè a risarcire di tasca loro chi è stato colpito se i ricorsi venissero accolti. Un «obbrobrio costituzionale», denunciano, che rischia di aprire la strada a chi «vuole mettere le mani sulle pensioni di tutti gli italiani» andati in pensione con il vecchio metodo retributivo: «Si tratta di un attacco allo Stato di diritto, non si può applicare retroattivamente». Forti perplessità anche in Senato, dove si nota come il presidente della Camera si sia mosso in proprio, senza neppure informare l'altro ramo del Parlamento. «Si interviene -frena la presidente Casellati- su persone che rischiano di avere anche un'età rilevante e che si trovano improvvisamente ad avere uno stipendio magari inferiore al reddito di cittadinanza» Pd e Forza Italia non si opporranno, ma avanzano dubbi: «Operazione facile ma incompleta: senza taglio ai vitalizi di senatori e consiglieri regionali si rinuncia a criteri uguali per tutti, come prevedeva la mia proposta», dice Matteo Richetti del Pd. «Sì al ricalcolo dei vitalizi per eliminare un privilegio, no alla rapina di Stato contro le vedove», dice la capogruppo Fi Mara Carfagna.

Intanto prosegue il braccio di ferro sulle commissioni di garanzia (Copasir e Vigilanza): Fico chiede che entro il 3 luglio siano completate, ma sulle presidenze - che spetterebbero alle opposizioni, Pd e Fi - manca ancora il via libera della maggioranza.

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 28/06/2018 - 08:10

Stanno già pensando ai ricorsi.

Ritratto di ..s@ndrino.

..s@ndrino.

Gio, 28/06/2018 - 08:12

ora tocca ai PAPPONI di regioni, provincie e comuni

Ritratto di Nitrogeno

Nitrogeno

Gio, 28/06/2018 - 08:21

Speriamo.

oracolodidelfo

Gio, 28/06/2018 - 08:38

Laura Cesaretti, non mi pare che si voglia mettere le mani su tutte le pensioni. E' giusto e sacrosanto che i parlamentari che hanno fatto una o due legislature, percepiscano un vitalizio adeguato ai contributi versati. Come è giusto esaminare tutte le pensioni d'oro e ridimensionarle in base agli effettivi contributi pagati. In quanto alle eventuali "vedove" degli ex parlamentari, è giusto che vengano trattate come vengono trattate le vedove degli italiani comuni. E non si venga a dire che si toccano diritti acquisiti poichè Monti e la Fornero ci hanno messo un minuto a tagliare le pensioni degli italiani Sovrani. Quello non è stato toccare i diritti acquisiti?

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 28/06/2018 - 08:41

Finirà tutto nelle mani della Corte Costituzionale: sulla retroattività di quanto prospettato, pur concordando con il taglio dei vitalizi, ho parecchi dubbi. Certo sarà una battaglia dura e senza esclusione di colpi.

rise

Gio, 28/06/2018 - 08:50

La Carfagna e la Casellati, mi dispiace, ma arringano i popolo per salvare i loro interessi di casta. La riforma mancata di welfare e pensioni è sotto gli occhi di tutti: le pensioni hanno carattere assicurativo e dovevano essere accantonate in base ai contributi versati, altrimenti si rischia di equiparare un fannullone ad un lavoratore. Altro è l' assistenza (sanità, servizi anziani,..ecc.) agli incapienti e alle fasce deboli a cui ognuno dovrebbe contribuire in base alle proprie capacità economiche, ma non versando quote in denaro. Il mix mantenuto ad arte dai governi succeduti dal dopoguerra ad oggi ha fatto il resto.

rise

Gio, 28/06/2018 - 08:55

Il diritto acquisito non mi sembra si trovi fra i 10 o 20 articoli della costituzione non emendabili...se poi Carfagna, Casellati e altri vogliono essere rieletti è meglio che studino meglio la materia e rinuncino ai loro privilegi. Pensioni ricalcolate con i contributi versati con soglia minima da definire. Con mille euro al mese le famiglie italiane campano, male ma campano, se i servizi assitenziali sono garantiti e non tagliati per garantire il privilegio di pochi! La casta si adegui se non vuol innescare tensioni sociali!

KAVA

Gio, 28/06/2018 - 08:56

...tranquilli. Non morirete di fame, i servizi essenziali sono garantiti.

mcm3

Gio, 28/06/2018 - 09:05

Chiaramente quando si tocca la Casta, quando si toccano i privilegi di pochi, quando si pensa a chi e' piu' debole, questo Giornale si mette di traverso e comincia a cercare polemiche

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 28/06/2018 - 09:07

Non basta intervenire sugli ex parlamentari. Ci sono anche Regioni, "Province" e Comuni. Da esplorare ci sono anche le aziende pubbliche.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 28/06/2018 - 09:22

questa è la meno "dolorosa" non avevano scelta! c'era solo un alternativa, tagliare le mani ai ladri! ma facendo questo "taglio" gli italiani non si potevano più salutare con la stretta di mano ma solo con il tocco dei moncherini.

Darbula

Gio, 28/06/2018 - 10:12

Titolo fuorviante, articolo fazioso. Se questo è il modo di fare giornalismo...

Ritratto di stufo

stufo

Gio, 28/06/2018 - 10:16

Ricalcolo con i versamenti effettivi per tutti, effetto retroattivo e restituzione della differenza. Togliere a chi comunque ha lavorato per dare il maltolto ai fancazzisti che votano grillo. Che fico !

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Gio, 28/06/2018 - 10:35

2nd tent -Ricalcolare non solo i vitalizi parlamentari ma anche tutti i trattamenti pensionistici rapportandoli in base ai contributi effettivamente versati non è solo giusto, ma un ESIGENZA INDEROGABILE, in rapporto con i tagli a certe spese statali (la famosa "spending review" indicata da più di un commissario incaricato a farlo negli ultimi anni) che l'Italia non si può più permettere. In relazione a questo, ci sarebbe anche da mettere mano, FACENDO PULIZIA, a quelle quasi 10mila società partecipate dallo Stato, per le quali in molti casi (una su tre almeno) queste hanno solo il cda (da pagare con soldi pubblici) e NESSUN DIPENDENTE A CARICO, classici esempi di gente "amici" degli "amici" della politica collocati in certe posizioni di puro favoritismo.

no_balls

Gio, 28/06/2018 - 10:35

che tenerezza nel leggere del terrorismo psicologico come se i privilegi rubati da certuni possano interessare in qualche modo il comune cittadino. Alle vedove possiamo dare la pensione sociale . 480 euro mensili, si lo so sono pochi....ma e' quello che i loro mariti defunti hanno lasciato al popolo italiano. Non moriranno di fame, si vendessero qualche proprieta' accumulata dai maritini. Il giornale come sempre e' schierato dalla parte dell'elite...... o contro i piu' miseri.

Ritratto di Nitrogeno

Nitrogeno

Gio, 28/06/2018 - 10:55

Insisto: Speriamo!

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 28/06/2018 - 11:38

Fico sembra un Bravo di Don Rodigro.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Gio, 28/06/2018 - 11:48

2Ndo tent - Ricalcolare non solo i vitalizi parlamentari ma anche tutti i trattamenti pensionistici rapportandoli in base ai contributi effettivamente versati non è solo giusto, ma un ESIGENZA INDEROGABILE, in rapporto con i tagli a certe spese statali (la famosa "spending review" indicata da più di un commissario incaricato a farlo negli ultimi anni) che l'Italia non si può più permettere. In relazione a questo, ci sarebbe anche da mettere mano, FACENDO PULIZIA, a quelle quasi 10mila società partecipate dallo Stato, per le quali in molti casi (una su tre almeno) queste hanno solo il cda (da pagare con soldi pubblici) e NESSUN DIPENDENTE A CARICO, classici esempi di gente "amici" degli "amici" della politica collocati in certe posizioni di puro favoritismo.

Ernestinho

Gio, 28/06/2018 - 12:04

E per i pensionati fregati dalla fornero non esistono i "diritti acquisiti"? "Rapina di Stato" contro le vedove! Poverine!

steacanessa

Gio, 28/06/2018 - 12:11

È la tecnica del carciofo. Si toglie a chi ha tanto con l'approvazione di chi ha meno scendendo via via finché sono tutti in mutande.Lo insegna la teoria delle illusioni finanziarie.

Ernestinho

Gio, 28/06/2018 - 12:38

In ogni caso i "politicanti", se avessero una coscienza, ma ne dubito fortemente, dovrebbero VERGOGNARSI di prendere stipendi, pensioni e vitalizi stratosferici!

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 28/06/2018 - 12:46

Sono senza vergogna.

luna serra

Gio, 28/06/2018 - 13:55

signora Laura Cesaretti mi pare che i vitalizi non sia una pensione poui le sembra giusto che uno che fa un giorno al parlamento o consiglio Regionale prenda il vitalizio di due-tre mila euro ? se non sbaglio il vitalizio è un regolamento interno al Parlamento e consigli regionali non è una legge dello stato e non è conteplato nella costituzione FORSE MI SBAGLIO ?

venco

Gio, 28/06/2018 - 14:01

Li chiamano diritti acquisiti, se li son fatti loro a nostre spese, orrendi.

OttavioM.

Gio, 28/06/2018 - 14:08

I vitalizi aboliti alla Camera non c'entra nulla con le pensioni degli italiani, i vitalizi sono un privilegio e saranno aboliti, mentre con il superamento della Fornero, finalmente tanti lavoratori potranno andare in pensione.

Ritratto di Light_Yagami

Light_Yagami

Gio, 28/06/2018 - 15:25

Fico per favore non arrenderti!

mariolino50

Gio, 28/06/2018 - 15:51

aorlansky60 Bravo furbo, il pericolo è proprio quello, che poi lo facciano a tutti, peccato che il contributivo è una TRUFFA. Io da pensionato ho svolto lavori extra, ben pagati e con i contributi, quel monte contributi è stato calcolato un assegno con il contributivo, aggiunto alla pensione, con la percentuale attualmente vigente, è venuta fuori una cifra di alcuen decine di euro. Secondo il contributivo dovrei prendere circa quanto versato secondo l'aspettativa di vita, una buffonata anche quella, peccato che dovrei campare fino a 108 anni, circa 30 in più dell'aspettativa di vita per i maschi, un furto del 60& e oltre. Quando dicono che l'atuale calcolo è giusto mentono in modo spudorato, ne ho la prova tutti i mesi, non dia retta a quello che dice il Boeri.

angelovf

Gio, 28/06/2018 - 19:51

Ma tagliati la barba è inutile.....