Ma quale boom economico, la vita costava più di adesso

Per il televisore ci volevano due stipendi, per il frigo quasi uno. Al mercato la spesa era la stessa. Eppure gli italiani sono più poveri. Di fiducia nel futuro

Non è vero che si stava meglio quando si stava peggio. É il contrario: si stava peggio quando si stava meglio. Colpa della retorica del miracolo economico, dell'Italia che si tirava su le maniche, della gente che si dava una mano. Gli anni del mondo che non si è fermato mai un momento, del western fatto spaghetto, dove tutto era più , super , extra e non smart , cyber e social , erano in realtà anni belli, ma poveri, più poveri di adesso che non sono manco belli. All'alba dell'Italia moderna, cinquant'anni fa, prima che l'immaginazione pretendesse di andare al potere, la rivoluzione erano le mamme che volevano un frigorifero in ogni cucina e i papà che si mettevano in fila per comprarsi una Fiat. E quell'alba era simile, o peggio, del tramonto dell'Italia decandence di oggi, dove in cucina manca di tutto e gli italiani, grandi, piccoli e medi, fanno la fila per comprarsi lo smartphone.

L'Ansa fa quattro conti e scopre che a parità di acquisti, prezzi e stipendi, il 2014 è gemello diverso del 1965, pur calcolando inflazioni, svalutazioni, rivalutazioni monetarie e cambio di moneta. Un operaio a Milano, per non restare sul vago, guadagnava mediamente circa 86.000 lire al mese. L'acquisto di un televisore, per esempio, era un fatto epocale che andava pianificato con un certo anticipo e con il dovuto rispetto perchè costava quasi due stipendi, qualcosa come 150.000 lire. Oggi una tv a schermo piatto si trova in offerta anche a 150 euro, poco più di un decimo dei 1.327 euro di stipendio di un'operaio di oggi stimati dalla Cgil.

Un po' meglio il frigorifero: costava 60.000 lire, quasi due terzi della busta paga, oggi non vale più del 20%. Anche per comprare un'auto bisognava tirare la cinghia. Un modello di quelli economici, metti una Fiat 600, costava 640mila lire, cioè 7 stipendi e mezzo: la Panda è tua in promozione a 9.450 euro, circa 7,1 volte lo stesso stipendio. Non abbiamo guadagnato moltissimo ma abbiamo guadagnato considerato che nel 1965 le auto erano cinque milioni e oggi trentaquattro. Lire o euro, forse avevamo qualche sogno in più e qualche pretesa in meno, la sconfitta, il limite, l'ostacolo, erano uno stimolo per misurarsi e non una ragione per sfogare risentimenti su facebook. Anche allora ci si lamentava delle riforme che non arrivavano, dei cervelli che fuggivano, della burocrazia che strangolava, della benzina che aumentava troppo e della casta che si approfittava di tutto. E i consumi di tutti i giorni non erano diversi: il caffè, 60 lire, incideva praticamente come oggi, la spesa al supermercato (pane, un litro di vino e uno di latte, un chilo di pasta, uno di riso e uno di zucchero e un chilo di manzo) era sui 31.000 lire contro i 32 euro di adesso, il 2,42% dello stipendio contro il 3,7% di allora.

Qualcosa, certo, è peggiorato. Il giornale, prendiamocela con noi stessi, costa il doppio di allora, ma i giornali oggi per colpa della rete, vendono meno della metà di allora, quando sui mezzi pubblici si leggeva invece di chattare. Dieci corse sul tram costavano 500 lire, oggi 15 euro, con un peso sulla spesa corrente quasi raddoppiato. E la vacanza, vera mazzata, una volta costava meno del venti per cento dello stipendio, oggi quasi tutto lo stipendio. Il Duemila che doveva cambiarci la vita alla fine ci ha lasciati come eravamo, la differenza è che ci sentiamo più poveri di quando eravamo poveri, soprattutto di orizzonti. E che crederci, una volta, non aveva prezzo.

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 02/01/2015 - 11:19

Vi siete dimenticati di parlare e confrontare di:"TASSE"(tasse vere e proprie,accise varie),di "privati" e Aziende",costo/incidenza della Pubblica Amministrazione/pro capite,Costo dell'"accoglienza",incidenza del "debito pubblico" pro capite....Poi vediamo!!!

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Ven, 02/01/2015 - 11:25

Tra un po' arriverete a sostenere che Silvio ha realizzato il nuovo miracolo italiano per il fatto che si stava peggio quando si stava meglio. Ma per favore... Una piccola parentesi: quanti stipendi costava comprarsi una casa a Milano rispetto ad oggi?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 02/01/2015 - 11:52

@Carlito Brigante:mi ero dimenticato il costo degli affitti,e delle case...

gigetto50

Ven, 02/01/2015 - 12:49

.....anni 50,60,70...forse si. Ma da quando c'é l'Euro no di certo. Tutti i prezzi sono raddoppiati perché hanno preso, come noto, riferimento dell'uno a uno (mille lire uguale 1 Euro). Mentre gli stipendi e le pensioni invece non sono raddopiati ma anzi dimezzati: un milione di allora sono purtroppo meno di 600 Euro. Vero, no? Senza parlare di tasse, poi.

Berlin78

Ven, 02/01/2015 - 15:21

Non si può fare un raffronto con il 1965, almeno nei termini da lei preposti. La differenza di prezzo nei prodotti da lei indicati è data dal costo della manodopera, allora preponderante, oggi sostituita con la tecnologia.

aldopastore

Ven, 02/01/2015 - 15:21

gigetto 50 ha ragione, ma la maggior parte dei coglioni nn lo ha ancora capito.

Berlin78

Ven, 02/01/2015 - 15:33

Non si può fare un raffronto con il 1965 almeno negli esempi da lei indicati, dato che l'eccesso di costo è relativo alla manodopera che all'epoca costituiva la parte di costo maggiore del prodotto finito.

titina

Ven, 02/01/2015 - 15:45

state scherzando? Io che faccio la spesa constato che i prezzi, rispetto alla lira sono triplicati e stipendi e pensioni sono gli stessi. Aggiungete l'aumento delle tasse e dell'iva. Certo chi guadagna molto riesce a vivere lo stesso.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 02/01/2015 - 16:21

Ovvio le nuove tecnologie all'inizio sono inarrivabili com era la Tv e il frigo negli anni 50. Compratevi oggi un 40 pollici oled, che sarà lo standard del futuro, altro che due stipendi. Non scrivete cxxxxxe.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 02/01/2015 - 17:30

L’enorme debito pubblico che l’Italia ha accumulato tra il 1965 e il 1995(€ 2.700/persona nel 1965....€30.724 nel 2012....) non è stato utilizzato a fini produttivi: i soldi che abbiamo preso in prestito sono andati in impiego pubblico e pensioni. Ne hanno beneficiato soprattutto i nati ("padri")nel decennio 1940-1950. A pagare il conto saranno i loro "figli" Con maggiori tasse, ma anche con minori servizi. I tagli alla spesa previsti dalle recenti manovre per istruzione, sanità e trasporti colpiscono infatti di più questa generazione. Anche perché in Parlamento i "padri "continuano a essere sovra-rappresentati.

killkoms

Sab, 03/01/2015 - 22:15

i televisori all'epoca erano tutti "made in Italy",o tutto al più europei,oggi sono tutti "made in china"!nel 1965 doveva ancota venire il "boom giapponese",quello degli orologi al quarzo,delle moto e dei cartoni animati!