"Messo alla gogna senza alcun motivo"

Il maresciallo capo Roberto Mandolini, accusato per il caso Cucchi: "Una perizia scagiona me e l'Arma"

Il maresciallo capo Roberto Mandolini

«Le lesioni contusive riportate da Stefano Cucchi dopo il 15 ottobre 2009 non possono essere considerate correlabili con l'evento morte»: è questa la frase che scagiona il maresciallo capo Roberto Mandolini (nella foto), comandante, all'epoca della morte del giovane arrestato e portato nella stazione Roma Appia (nella quale Stefano fu portato dopo l'arresto) e i suoi uomini. «Siamo innocenti - spiega Mandolini - siamo stati messi alla gogna senza alcun motivo. L'Arma è pulita e questa perizia lo dimostra».

Maresciallo, come entrò Cucchi nella sua vita?

«All'epoca comandavo interinalmente la stazione di Roma Appia. Arrestammo Cucchi dopo una segnalazione di spaccio e dopo le procedure del caso fu portato in cella a Tor Sapienza. I miei uomini perquisirono la casa dei genitori del giovane, ma l'ingente quantitativo di droga fu trovato dopo in un secondo appartamento sempre di proprietà del Cucchi, ma all'epoca sconosciuto. La mattina dopo fu portato in tribunale per il rito direttissimo. Incontrò il padre, si abbracciarono e l'uomo dichiarò (e lo prova un video) che Stefano stava benissimo, parlava e che non aveva nulla».

Che successe dopo?

«Il giudice convalidò l'arresto e dispose la custodia cautelare in carcere. Venne allora portato a Regina Coeli. Venne preso in carico e noi andammo via. E chiunque del mestiere sa che la polizia penitenziaria, se il detenuto ha lesioni evidenti, non lo accetta, ma lo manda a fare una visita al pronto soccorso. Questo non avvenne. Per noi l'arresto Cucchi, amministrativamente e burocraticamente finì lì».

Quindi voi non lo avete sfiorato neanche con un dito?

«Non lo dico io che sarei di parte, lo dice il padre, come da sempre le varie perizie (comprese quelle dei Cucchi)».

E gli ematomi che si vedono nella foto postata dalla sorella Ilaria Cucchi?

«Dalla perizia formata da 14mila lastre, da ogni esame esterno o interno risulta che non si tratta di ecchimosi o lividi, ma di macchie ipostatiche dovute alla condizione post mortem».

Coi suoi uomini si sente vittima di una gogna mediatica?

«Devo dire che a me ha salvato l'opinione pubblica quella vera, formata da gente che ha letto le carte. In due giorni ho ricevuto 10mila messaggi privati. Mi ricordo che ho dovuto portare mio figlio a scuola in divisa per far vedere che tutto andava bene ed è stato come Mosé quando si aprono le acque. Non auguro a nessuno di dover spegnere il telegiornale per non far sentire il nome del padre ai figli oppure nascondere ogni cosa al coniuge per far vedere che tutto è come prima. Non è semplice».

L'Arma come è stata con lei?

«Integerrima e super partes, come è giusto che sia. Ha controllato ogni minima cosa, ogni minimo atto. Io sono stato interrogato per ore e ore dal pm e non c'è stato mai nulla perché vi assicuro che se avessi sbagliato di un millimetro starei già dentro da qualche anno».

In che fase processuale siamo?

«Siamo ancora in fase di indagini preliminari. Il gip Tamburelli, per dissipare ogni dubbio dalle perizie medico legali precedenti, ha fatto fare una perizia sulle perizie. È stato fatto un lavoro certosino. È qualcosa di straordinario, da cui emerge la vera verità».

Per lei chi ha ucciso Stefano, allora?

«Ha chiarito la perizia».

Commenti

unosolo

Gio, 06/10/2016 - 09:40

sappiamo bene come si comportano persone con attacchi di epilessia , aggiungiamoci ex pugile anche se dilettante credo sia normale avere delle contusioni sia per aiutare o per fermarlo per evitare conseguenze magari poi è sfuggito al controllo , non c'eravamo noi e i presenti non credo siano capro espiatorio , mi scuso ma a volte chi lavora in prevenzione deve usare anche i sistemi duri e non come dicono persone fuori , pestaggio ? non ci credo affatto ne sono convinto .

giovauriem

Gio, 06/10/2016 - 10:33

mah !

tzilighelta

Gio, 06/10/2016 - 10:38

Gli egiziani ci fanno un baffo, peggio del caso Regeni, i lividi sono ecchimosi post morte, Cucchi è morto per gli spasmi provocati dall'epilessia, e Gesù come tutti sappiamo è morto di freddo!

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 06/10/2016 - 11:17

----------bla bla bla bla---caro maresciallo --solo gli stolti credono ad una morte per epilessia-----questa invece è l'ennesima morte di stato di un lunghissimo e tragico elenco----quando un tipo finisce dietro le sbarre dovrebbe perdere solo la libertà e non la vita----molte divise dalle caserme alle carceri hanno purtroppo degli istinti sadici che possono esercitare tranquillamente coperti dal sistema---quasi ogni carcere in italia ha la sua cella zero o cella liscia che serve all'uopo--ossia al divertimento del personale col malcapitato di turno----ci sono ampie chiazze di marcio nelle caserme e nelle carceri ed un'omertà diffusa da parte degli operatori onesti che temono per il loro lavoro---hasta siempre

VittorioMar

Gio, 06/10/2016 - 11:50

...SEMPRE ONORE SOSTEGNO E RISPETTO PER TUTTE LE FORZE DELL'ORDINE ED IN PARTICOLARE ALL'ARMA "FEDELE NEI SECOLI"!!!

giovauriem

Gio, 06/10/2016 - 11:57

come è strana la vita , oggi sono d'accordo con elkid che di solito fa solo pistolotti politici , hai solo dimenticato di dire che nella cella zero ci vanno solo i poveracci , provassero a portarci qualche capetto di mafia 'ndrangheta camorra o sacra corona unita ,io ritengo che la maggioranza , risicata , delle forze dell'ordine è onesta e fa il proprio dovere , ma la "minoranza" restante , usa il potere che ha arbitrariamente e anche per interessi propri , cacciare via questa gente dai corpi di polizia andrebbe a favore di tutti ed in primis delle forze dell'ordine invece c'è copertura e magari connivenza .

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 06/10/2016 - 13:11

Sempre più torbido questo caso.

Ritratto di Inhocsignovinces

Inhocsignovinces

Gio, 06/10/2016 - 13:44

ELKID PENSA AL MARCIO CHE C'E'NEI CENTRI SOCIALI,E IN TUTTA LA SINISTRA ITALIANA!!

Ritratto di Inhocsignovinces

Inhocsignovinces

Gio, 06/10/2016 - 13:45

ONORE AI CARABINIERI

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 06/10/2016 - 14:18

--------Inhocsignovinces-----gli errori giudiziari sono all'ordine del giorno----non vorrei che tu un giorno infausto ti trovassi ad assaggiare in prima persona il metodo cucchi o aldrovandi e potrei continuare con almeno 150 cognomi di casi riaperti di recente --e poi non aver modo di gioire di una tua assoluzione che arriverebbe ormai tardiva ed inutile----hasta siempre

agosvac

Gio, 06/10/2016 - 14:20

Le perizie sono perizie, ma la signorina Cucchi è al di sopra di ogni perizia. Niente, neanche l'evidenza, la potrà distogliere dalle sue convinzioni. Anche perché ci sono in gioco un bel po' di soldini.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 06/10/2016 - 14:26

@Inhocsignovinces - lo sa il nostro elkid, ma non vuole ammetterlo. Ormai è da quella parte, ma piuttosto che dire ho sbagliato, continua a sostenere le loro tesi, sapendo che fanno disastri. Poveretto. E di conseguenza, con tanti come lui, poveretti noi, che subiamo.

Ritratto di Inhocsignovinces

Inhocsignovinces

Gio, 06/10/2016 - 15:44

ELKID,IO DAVANTI A UN MORTO NON GIOISCO MAI.E TANTO MENO FESTEGGIO E BANCHETTO DAVANTI A UN CADAVERE FORSE I MORTI FANNO +PAURA A LEI. DI ERRORI GIUDIZIARI E FALSITA' QUESTO E' IL PAESE CHE NE HA PARTORITO DI PIU DALLA SUA NASCITA.

Ritratto di Inhocsignovinces

Inhocsignovinces

Gio, 06/10/2016 - 15:54

ELKID,scusami dimenticavo eia eia alalà