Quella mezzaluna sulla città eterna

Franco Cardini: "Il sogno è antico. Ma era più propaganda che un progetto realistico"

Franco Cardini è uno dei più importanti medievalisti italiani. Prendendo spunto dalle nuove minacce dell'Isis contro il Vaticano e la Capitale, abbiamo fatto una chiacchierata con lui, per capire quanto Roma sia un simbolo importante per il mondo islamico. Oggi e nella storia.

Professor Cardini, ma la conquista di Roma è un must del mondo islamico?

«Durante le crociate che in senso ampio sono durate dall' XI secolo sino al XVIII, era abbastanza normale il riferimento alla conquista di Roma. Mi spiego: come i cristiani dicevano che sarebbero arrivati sino alla Mecca, così i Califfi, i signori arabi del nord Africa o i Sultani, dicevano che avrebbero preso Roma. Era uno schema retorico normale nel conflitto. Ma attenzione bisogna sottolineare retorico. Nel mezzo c'erano paci, trattati, commerci, alleanze interreligiose. Ma, ovviamente, si diceva».

In che termini?

«Uno dei termini allegorici più usati per dire che si sarebbe conquistato Roma era prendere la Mela rossa. Il termine va spiegato perché, probabilmente, il riferimento era alla cupola di Santa Sofia a Costantinopoli. Bisanzio era la prima Roma intesa come simbolo dell'Occidente che i musulmani si sono trovati davanti. Poi, ovviamente, dopo la sua caduta il termine poteva indicare sia l'Occidente in generale che proprio la città di Roma come suo simbolo».

Ma piani reali per attaccarla?

«Il richiamo a prendere la Mela rossa c'era in tutti i discorsi del Sultano turco all'esercito. Ma era tutto sommato un modo di dire, come il Ci rivedremo a Gerusalemme dei crociati... Non ci furono piani precisi per prendere la città. Alla fine anche il famoso assedio di Vienna del 1683 non era stato pianificato dal Sultano. No: Rum, come veniva chiamata nei testi arabi, era più che altro un richiamo simbolico».

E l'attacco alla città portato avanti dai pirati saraceni nell'846 d.C?

«Lo ha detto lei: quello fu un attacco di pirati. Depredarono le campagne attorno alla città, San Pietro e San Paolo. Fu anche a seguito dell'attacco che vennero costruite le Mura leonine. Ma fu comunque solo un'incursione, non rispondeva a un piano di conquista, e il tentativo di replicarla nell'849 finì malissimo. E all'epoca va detto che Roma alla fine era un grosso borgo non molto di più... Non un vero bersaglio, contava più la Sicilia».

Ma nella letteratura e nell'immaginario arabo islamico la città aveva una qualche importanza?

«Sì, era un luogo fantastico. Nei secoli molti scrittori ne parlarono descrivendone le meraviglie, vere o inventate poco importa. Divenne una specie di luogo magico un po' come per i cristiani lo era l'araba Damasco. Divenne un oggetto di cultura popolare, favolistico».

Di questa cultura popolare è rimasto qualcosa al giorno d'oggi?

«Nel mondo arabo le tradizioni sopravvivono più che nel nostro. Ancora oggi le nonne dei bambini palestinesi se fanno i capricci gli dicono: Guarda che arriva re Riccardo. Il richiamo è a Riccardo Cuor di Leone anche se magari quelle anziane donne non lo sanno... Quindi sì, è probabile che della Rum mitica qualcosa sia rimasto».

Quindi per il Califfo è un buon argomento propagandistico?

«Quei poveracci che nei territori sotto il controllo di Isis sono costretti a subirsi le sue trasmissioni radio avranno sentito parlare di attaccare Roma. Non credo che sia un argomento con qualche presa, fa parte soltanto dell'armamentario retorico degli estremisti...».

È pericoloso secondo lei?

«Non credo che spinga qualcuno a cercare di venire dalla Siria. È pericoloso nel senso che se un messaggio così, grazie al web, finisce nelle orecchie di qualche musulmano che vive qui, che abbia poca cultura e magari una personalità disturbata, può spingere ad azioni folli. Mi sembra evidente, anche se non è il mio campo, che la strategia sia quella di buttare l'amo per spingere all'azione singoli psicopatici e poi arruolarli a posteriori come martiri...».

Commenti

francab

Lun, 18/07/2016 - 09:20

vorrei tanto sapere perché quando qualche erudito parla di terroristi islamici, trova sempre la giustificazione del disturbo mentale, psichico o l ignoranza. io sono ignorante, ma non vado in giro a seminare morte

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 18/07/2016 - 09:51

@francab, 9.20. L'italiano è un esterofilo per eccellenza, quindi siamo sempre noi da condannare. Qualunque atto terroristico possa accadere, la colpa sarà sempre la nostra che non siamo sufficientemente ospitali e altruisti. Non lo dice forse anche il papa in ogni sua, inutile, esternazione?

biricc

Lun, 18/07/2016 - 10:09

Ma per favore, questi non sono pazzi psicopatici, sono ben organizzati e preparano gli attentati con scrupolo. Godono dell'appoggio di persone che condividono i nostri territori e conoscono i punti deboli da colpire. Pure per l'attentato di Nizza andavano dicendo che si trattava dell'azione di uno squilibrato, salvo poi scoprire che era tutto ben pianificato da tempo con l'appoggio di vari complici. Pensare che queste azioni siano opera di singoli pazzoidi ci porterà alla rovina.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 18/07/2016 - 10:45

I nostri intellettuali, come al solito, hanno capito tutto. Si tratterebbe, dunque, di arruolamento di personalità morbose in astinenza di qualche farmaco antipsicotico. Ma dove li andate a scovare questi raffinati opinionisti?

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Lun, 18/07/2016 - 11:33

Ma non è quello che vuole FRANCESCO PRIMO? Egli si rende benissimo conto che il cattolicesimo è sull' orlo dell' abisso, e il desiderio di dargli una spintarella, per un gesuita nostalgico di una religione forte per rispolverare i fasti della santa inquisizione, dev'essere quasi irresistibile.

Maver

Lun, 18/07/2016 - 11:58

La mia impressione è sempre stata che il Dottor Cardini sulla cui competenza in ambito storico non è possibile avanzare alcun dubbio abbia per la Civilta Islamica un'attenzione molto sviluppata, parimenti a quanto si dimostra critico sugli sviluppi della civiltà aglosassone-protestante che a sua volta pare contrappone alla civiltà cattolico-mediterraneo-latina. In questo binomio antitetico (cattolicità-protestantesimo) sembra ravvisare una frattura persino superiore alla nostra alterità all'Islam e così cogente da mettere in discussione la stessa validità dell'appartenenza dell'Europa al mondo Occidente. Personalmente sento di dover prendere le distanze da talune sue prese di posizione fra le quali questa volontà (a mio giudizio reiterata) di sminuire i rischi e la portata della sfida che l'Islam da secoli ha rivolto all'Europa.