Michele diventa sindaco a 20 anni con FdI: sul web critiche e insulti

Il giovanissimo primo cittadino è stato accusato di essere "il più giovane fascista al comando"

È il sindaco più giovane di Italia. Il neo eletto primo cittadino di Onore, un paesino di 896 abitanti in provincia di Bergamo, infatti, è un ragazzo di appena 20 anni, Michele Schiavi.

Ma il neo sindaco, appena salito in carica, oltre ai molti complimenti, ha ricevuto anche diversi insulti e accuse di appartenere ai movimenti fascisti. Appena data la notizia della sua vittoria, su Facebook sono comparsi i primi commenti e le prime critiche, da "Piccoli fasci crescono" e "Fasci a 19 anni. Vomito", fino a "La peggio gioventù" e "Il più giovane fascista al comando". Ma il motivo di tanto disprezzo sembra poter essere individuato solamente nel partito da cui è stato appoggiato il giovanissimo sindaco. Michele, infatti, si era candidato per la lista "Innanzitutto Onore", che fa capi a Fratelli d'Italia.

E le critiche verso Michele, che sembra avere la sola colpa di essersi impegnato nella politica del suo paese, sarebbero dovute solo alla sua appertenenza a un movimento di destra. "Se fosse stato di sinistra tutti a dire bravo, avanti i giovani", scrive un utente su Facebook. Libero fa notare come vengano esaltate e ammirate "le Greta di turno", che si impegnano per l'ambiente, mentre non sembra sortire alcun effetto (almeno positivo) un ragazzo di destra, che si impegna per il suo paese e nella politica. Lui, infatti, a detta di alcuni utenti, sarebbe troppo giovane per il ruolo di sindaco, perché mancherebbe dell'esperienza necessaria per interpretare il suo ruolo da primo cittadino.

Ma Michele, nonostante la giovane età, non si lascia impressionare dalle critiche e dice a Libero: "Mi piace ricordare la quantità enorme di messaggi di sostegno e di augurio: ne ho ricevuti almeno duemila, più dei voti stessi. I leoni da tastiera, con le loro vite da depressi e i loro insulti, invece non mi toccano. Anzi, ci rido sopra". E così, il ragazzo del '99 si prepara a guidare il suo paese con passione.

Commenti
Ritratto di adl

adl

Gio, 30/05/2019 - 13:01

Il disastro dell'istruzione in Italia è quello di non aver saputo insegnare la storia ai giovani. Il fascismo è morto 70 anni orsono, ma i giovani studenti o ex studenti, non lo sanno.............CHIUDIAMO LE SCUOLE.

ABBONDIO

Gio, 30/05/2019 - 13:05

Bravo Michele, ti faccio i complimenti per il tuo incarico e per averti messo in gioco. Non ci far caso se qualcuno ti offende o fa dell'ironia sul tuo conto. Continua per la tua strada per fare il bene del tuo paese. Quelli che ti insultano sono quei poveracci di sinistra che non hanno argomenti ed è il loro modo di comportarsi. ti faccio anche se non ti conosco un grandissimo in bocca al lupo

evuggio

Gio, 30/05/2019 - 13:08

BRAVO, FATTI ONORE!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 30/05/2019 - 13:37

Te pareva che i soliti noti non gli rifilassero il termine fascista, invece di cercare di comprendere, esaminare le sue proposte che lo hanno fatto preferire al suo concorrente! Mononeurone monotono di certa agente in azione. Nihil suob sole novi.

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Gio, 30/05/2019 - 13:52

Per gli sfascebookisti il solo difetto del giovane Sindaco è di appartenere ad un partito di destra, come sempre gli anonimi non guardano al merito delle persone ma solo all'esteriorità delle loro idee. Sono i grossi limiti dei social sparlare a vanvera coperti dall'anonimato. Ciò detto faccio i migliori auspici al giovane Sindaco che sappia adoperarsi per il bene dei Suoi concittadini e che lavori con impegno ed onestà ed ottenga il rispetto degli abitanti del piccolo Comune. Questo è ciò che conta per una persona che si impegna nella politica.Ad maiora Sindaco Schiavi.

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 30/05/2019 - 14:07

Non ti curar di loro ma guarda e passa!ONORE al sindaco più giovane d'Italia!

valerie1972

Gio, 30/05/2019 - 14:15

Il nervo scoperto è la parola 'onore', tipica parola mostruosa di quelle che danno gli incubi ai murgioidi di tutta Italia. La sinistra, ricollegandosi a Sade attraverso tutto il marasma paralibertario postsessantottino, preferisce le metafore dell'organicità corporale, delle varietà orifiziali, dei fluidi, delle secrezioni, e odia tutto ciò che rischia di evidenziare in chiave polemica la sua gaia inclinazione escrementizia.

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Gio, 30/05/2019 - 14:15

complimenti al ragazzo del '99. ricordate catto-comunistelli che se aveste fermato anche i ragazzi del '99 del tempo precedente, come era nelle vostre intenzioni, oggi parleremo tutti tedesco.

Ritratto di Nahum

Nahum

Ven, 31/05/2019 - 07:50

Più che disprezzo perplessità