Migranti, la Corte Ue tutela gli irregolari: "I clandestini non vanno reclusi"

La Corte di giustizia europea bacchetta gli Stati membri: "I migranti irregolari vanno rimpatriati, non reclusi"

A meno che non commettano reati, i migranti irregolari vanno rimpatriati, non incarcerati. A deciderlo è stata la Corte di giustizia europea che si è pronunciata su un caso sollevato da una cittadina ghanese con passaporto belga fermata in Francia nel 2013 mentre tentava di raggiungere il Regno Unito attraversando il tunnel della Manica. "Gli Stati membri non possono consentire la reclusione dei cittadini di paesi non Ue, nei confronti dei quali la procedura di rimpatrio non sia stata ancora conclusa - ha sentenziato l'organismo di Lussemburgo - tale reclusione è idonea a ostacolare l'applicazione della procedura stessa e a ritardare il rimpatrio, pregiudicando quindi l'effetto utile della direttiva".

La direttiva europea sui rimpatri impedisce che, prima di essere sottoposto alla procedura di rimpatrio, un immigrato possa essere recluso per il solo motivo del suo ingresso irregolare nel territorio di uno Stato membro attraverso una frontiera dell'area Schengen. Tale principio, stabilito oggi la Corte di Giustizia europea, vale quando il migrante, che si trova in una situazione di mero transito nel territorio dello Stato membro, viene fermato in uscita dall'area Schengen e viene, quindi, sottoposto a una procedura di riammissione nello Stato membro da cui proviene. In assenza di una partenza volontaria, la direttiva obbliga gli Stati membri a "procedere all'allontanamento forzato mediante misure il meno possibile coercitive". "Solo quando l'allontanamento rischia di essere compromesso - ha deciso la Corte europea - lo Stato membro può ricorrere al trattenimento dell'interessato, per una durata che non può in nessun caso superare i 18 mesi".

Nella sentenza di oggi l'organismo di Lussemburgo ha ricordato che la direttiva rimpatri del 2008 "osta a qualsiasi normativa di uno Stato membro che reprime il soggiorno irregolare mediante la reclusione di un cittadino di un paese non Ue nei confronti del quale non sia stata ancora conclusa la procedura di rimpatrio prevista da tale direttiva".

Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Mar, 07/06/2016 - 11:14

sono i rischi di una società sboldriniana

Una-mattina-mi-...

Mar, 07/06/2016 - 11:55

"I clandestini non vanno reclusi ma vanno rimpatriati", cosa ovviamente spesso impossibile perchè, essendo AUTOCERTIFICATI, non si sa neppure come si chiamino veramente. Meglio sarebbe invece, per loro e per noi, che non arrivassero per niente, ma si bloccherebbe il business peloso "dell'accoglienza" che si basa, contraddizione, sulla propaganda delle "porte aperte per tutti".

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Mar, 07/06/2016 - 12:11

forse non vanno reclusi se la clandestinità non è reato, ma sicuramente vanno espulsi ... e forse sarebbe il caso di iniziare a rispedirli al mittente prima che diventino centinaia di migliaia, il che creerebbe non pochi problemi logistici e di pubblica sicurezza e prima di essere obbligati, causa l'alto numero, di fare intervenire l'esercito, già usato in passato, anche se per motivi differenti, in sicilia (regione italiana abitata da italiani)

paolonardi

Mar, 07/06/2016 - 12:57

Insisto: i burocrati fi Bruxelles, non sono solo inutili, ma costosi e dannosi come solo gli idioti riescone ad essere.

agosvac

Mar, 07/06/2016 - 13:18

I clandestini non vanno reclusi ma vanno espulsi. Il che significa che il 90% degli immigrati, visto che sono clandestini , andrebbero espulsi. Mi sta più che bene! Ora vorrei vedere l'espulsione di queste persone arrivate clandestinamente!!!!!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 07/06/2016 - 13:21

La "corte europea"? Solo un carrozzone, uno dei tanti in cui si articola la UE, per gli esclusivi interessi di Mekel e compagni. Uscire dall'euro, tagliare le tasse e ricominciare da capo. Purtroppo un sogno irrealizzabile, perché in contrasto con gli interessi di casta interna, quella che infesta il bel paese, occupata solo a garantire la prosecuzione dei suoi privilegi.

moshe

Mar, 07/06/2016 - 13:23

... e in attesa dell'espulsione, cosa dobbiamo fare, lasciarli liberi di girare a loro piacimento?

Finalmente

Mar, 07/06/2016 - 13:48

si ma è una regola che vale per gli altri paesi, da noi il governo in associazione con il biancovestito, li considerano doni, risorse, i veri italiani del futuro, la feccia per loro siamo noi, utili solo per pagare le tasse e il canone rai...

nopolcorrect

Mar, 07/06/2016 - 14:12

Vanno rimpatriati se possibile. Altrimenti vanno controllati e se necessario reclusi. Vogliamo ricominciare a essere padroni a casa nostra si o no? Aspettando il brexit.

Keplero17

Mar, 07/06/2016 - 14:32

Perfetto, ma non si potrebbe uscire da questa Europa? Nessun contratto è a vita e per fortuna la Ue è solo una associazione di stati e non uno stato federale. L'Italia come sta facendo il regno Unito ha tutte le possibilità per uscire da questa organizzazione come anche dalla NATO:

venco

Mar, 07/06/2016 - 14:49

Da sempre e in tutti gli stati di diritto del mondo l'ingresso clandestino è sempre stato un reato.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 07/06/2016 - 16:31

Fin che saremo(rete) nelle "mani" di questi SUPERPAGATI BUROCRATI, gli Africani desiderosi di FARSI MANTENERE arriveranno a MILIONATE. Azzi Vostri Italiani che NON andate a votare. Io sto bene qui dove ho deciso di venire 17anni FA Saludos.

istroveneto

Mar, 07/06/2016 - 19:02

Per poter espellere i clandestini, prima bisogna espellere Alfano e la Boldrini.

petra

Mar, 07/06/2016 - 22:54

Il titolo è fuorviante. La norma in effetti prevede sì, che non si possano arrestare e mettere in prigione immigrati irregolari, prima che abbiano ricevuto l'ordine di espulsione (tutti quelli che arrivano sono irregolari, anche i cosiddetti rifugiati). Ma, una volta appurato che non hanno diritto di asilo, ricevuto l'ordine di espulsione, se rimangono, commettono un reato e come tali vanno arrestati. Mi sembra una decisione di buonsenso.

mila

Mer, 08/06/2016 - 06:02

Una dimostrazione in piu' del fatto che bisogna uscire dalla UE, senza perdersi in discussioni di lana caprina sull'Euro, se la Lira andrebbe meglio o peggio ecc. Il problema e' che la UE e i suoi padroni hanno deciso di sostituire i popoli europei. Punto.

Ritratto di Antero

Antero

Gio, 09/06/2016 - 09:56

Allora si proceda con massicci e salutari rimpatri !

Ritratto di Antero

Antero

Gio, 09/06/2016 - 10:31

Espulsioni di massa ...