Militari sul piede di guerra: "Qui l'emergenza siamo noi"

Il Cocer denuncia: "Non abbiamo mezzi: ci facciamo lasciare il vestiario dai colleghi che vanno in pensione"

«Non abbiamo mezzi, non abbiamo fondi per il vestiario, ci facciamo lasciare il materiale dai colleghi che vanno in pensione»: ieri i rappresentanti dei Cocer delle forze armate e i sindacalisti del comparto sicurezza non le hanno mandate a dire al governo, per l'inizio dei lavori per il rinnovo del contratto a favore del personale per gli anni 2016-2018. Una misura che arriva troppo in ritardo, peraltro, da quella sentenza della Corte costituzionale che, nel 2015, dichiarò illegittimo il blocco dei rinnovi contrattuali.

Il punto è: come fanno i militari a operare nell'ambito delle emergenze del Paese in condizioni così disagiate? «Per l'emergenza incendi di questi giorni - spiega Marco Cicala, delegato dell'Aeronautica nel Cocer interforze - abbiamo visto quali sono state le difficoltà. Abbiamo una forza armata tra le migliori al mondo, ma è innegabile che i mezzi manchino. Se avessimo avuto i Canadair saremmo stati ancora più efficaci». E, oltre ai mezzi, non ci sono neanche i pezzi di ricambio per gli aerei, così come, per la Marina militare, quelli per le navi, come denunciato da alcuni rappresentanti.

Come poter fare a lavorare in questo modo? E come poter pretendere che il recupero e l'accoglienza migranti possa avvenire senza alcun problema quando il personale viene disincentivato da meno soldi e condizioni di lavoro precarie? A rispondere, ieri pomeriggio, però, non c'erano i ministri, come tutti si aspettavano, ma i sottosegretari alla Difesa, alla Funzione pubblica all'Economia. «Ci saremmo aspettati che fossero presenti i titolari dei ministeri - ha detto Antonello Ciavarelli, del Cocer Guardia Costiera Marina militare -. Va detto che veniamo pagati, per mesi e mesi di navigazione, appena 3 euro all'ora di straordinario. I nostri uomini impegnati nell'emergenza migranti in Sicilia, sulle motovedette, fanno un super lavoro, recuperando tutti questi immigrati e non dico cosa succede a bordo. Ricordo che poi si deve anche pulire, sistemare prima del recupero successivo e tutto per una cifra irrisoria».

Sulla stessa linea Sergio Belviso, del Cocer Marina: «I colleghi - chiarisce - operano in allerta continua per l'allarme terrorismo, l'emergenza migranti, per l'operazione Strade sicure, per eventuali calamità naturali. Nel 2009 parlavamo di un aumento di 123 euro medie mensili. Ora di 85. Ma i soldi saranno molti meno. Per noi gli 85 euro saranno solo il punto di partenza e se questo governo vuol dare un segnale concreto questa possibilità c'è». Di fatto, secondo i vari rappresentanti Cocer e sindacali, i famosi 85 euro di aumento mensile si ridurranno a un massimo di 12 euro. «Come si fa ad aprire un contratto di lavoro - spiega il segretario generale del Sap, Gianni Tonelli - quando allo stato attuale ci sono 11 euro netti per un agente al mese, che corrispondono a poco più di un'ora di straordinario? Questo contratto viene proposto, guarda caso, prima dell'approvazione della nuova legge di stabilità. Non siamo in grado di fare proposte perché non conosciamo la disponibilità di fondi. E questo è qualcosa di semplicemente assurdo. Dobbiamo affrontare l'emergenza migranti e il controllo del territorio. Le divise ce le dobbiamo comprare. Questo governo deve fare una scelta, deve decidere se la maggior parte delle famiglie degli agenti debba essere collocata vicino alla soglia di povertà, non garantendo l'indipendenza della funzione».

Commenti

routier

Mer, 26/07/2017 - 08:50

A che serve un esercito che non fa nulla per bloccare l'invasione clandestina del nostro Paese? Tanto vale eliminarlo con grande beneficio della spesa pubblica.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mer, 26/07/2017 - 09:20

Si deve prima dimostrare l'utilità dell'Esercito Italiano in Italia e nel mondo, poi si può parlare di soldi. Al momento direi che si dovrebbe cominciare con il taglio al personale.

gneo58

Mer, 26/07/2017 - 09:20

CHIEDETE I SOLDI AI POLITICI E COMPAGNIA CANTANTE - CON TUTTI QUELLI CHE SI SONO MESSI IN TASCA QUALCOSA ESCE.

Klotz1960

Mer, 26/07/2017 - 10:05

Ecco l'Italia dei cattocomunisti. Esercito senza soldi, umiliato ed inutilizzato durante una invasione. Siccome e' pacifica, non e' una invasione....

SAMING

Mer, 26/07/2017 - 10:27

Ma non sappiamo nemmeno quanti militari, in tutte le armi,abbiamo.Faccio un'ipotesi: 100.000 ? 200.000 ? 1.000.000 ? e poi una domanda: quanti ne servono? Servono le missioni all'estero? e poi il domandone finale: CHI CI GUADAGNA?

Ritratto di Starbuck

Starbuck

Mer, 26/07/2017 - 10:33

Prima di parlare di mancanza di mezzi e di risorse, i militari delle forze armate dovrebbero innanzitutto guardare a quello che succede in casa propria. Sono all'ordine del giorno episodi di malversazioni, corruzione, truffe e sprechi in merito agli appalti, agli acquisti, alle forniture. Per non parlare di concorsopoli nelle varie armi e dello scandalo degli arruolamenti facili.

de barba rossano

Mer, 26/07/2017 - 10:47

Leggo i soliti commenti forzati in maniera ideologica di persone che non sanno di cosa parlano. A parte il fatto che la presenza delle forze armate e' sancito dalla nostra costituzione, vorrei ricordare a costoro, oltre a quanto scritto nell' articolo, l' impegno quotidiano dei militari per la sicurezza di tutti, voglio citare gli interventi per le calamita' naturali, la sicurezza nelle citta', i trasporti urgenti di malati, l' assistenza al volo, la meteorologia e potrei continuare. parlo con cognizione di causa essendo un sottufficiale in pensione. ricordo che mentre molti di voi dormono al calduccio nel loro lettino, tanti di noi stanno svegli, magari fuori al freddo, per la vostra sicurezza.

Una-mattina-mi-...

Mer, 26/07/2017 - 10:59

NESSUNA MERAVIGLIA: LA DEMORALIZZAZIONE DELL'ESERCITO E DELLE FORZE DI POLIZIA FA PARTE DEL PIANO DI QUESTA DITTATURA VIGENTE.

Cheyenne

Mer, 26/07/2017 - 11:02

che paese da opera dei pupi

vince50

Mer, 26/07/2017 - 11:07

Senza risorse? eh no questo non potere proprio dirlo.Ne abbiamo da vendere e altri ancora ne avremo,e per questi le "risorse" non mancano mai.Soluzione?una e soltanto una e senza mezze misure,non credo sia necessario specificare.

vigpi

Mer, 26/07/2017 - 11:11

Ma meno male che non hanno pochi soldi e pochi mezzi!!!! Anzi speriamo che, soprattutto la marina, li finisca tutti e che le navi si fermino del tutto (volendo anche in mezzo al mare). Mi scusino i militari ma siamo all'esasperazione.

routier

Mer, 26/07/2017 - 11:18

Se la nostra "sicurezza" è quella di cui sono sature le cronache nere quotidiane e, in maggioranza, a carico di clandestini negro/magrebini, allora l'esercito attuale ha ancora molto da imparare.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mer, 26/07/2017 - 11:39

de barba rossano: sei il solito ex militare che difende l'indifendibile. Sai meglio di me che nelle Forze Armate italiane quello che fanno in 10 potrebbe essere fatto da 1. Così come nei luoghi a rischio si è sempre sotto organico mentre negli uffici dove girano solo scartoffie c'è un esubero impressionante di personale. Così come per la guerra alla criminalità organizzata ci sono 4 gatti mentre per andare a moltiplicarsi lo stipendio nelle missioni all'estero ci sono le file indiane. Visto che sei un ex, abbi il buon gusto di non insistere su questo filone. Grazie

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mer, 26/07/2017 - 11:41

de barba rossano: sei il solito ex militare che difende l'indifendibile. Sai meglio di me che nelle Forze Armate italiane quello che fanno in 10 potrebbe essere fatto da 1. Così come nei luoghi a rischio si è sempre sotto organico mentre negli uffici dove girano solo scartoffie c'è un esubero impressionante di personale. Così come per la guerra alla criminalità organizzata ci sono 4 gatti mentre per andare a moltiplicarsi lo stipendio nelle missioni all'estero ci file interminabili. Visto che sei un ex, abbi il buon gusto di non insistere su questo filone. Altrimenti comincia a dirci a che età sei andato in pensione e se ti hanno applicato il metodo contributivo. Grazie

michettone

Mer, 26/07/2017 - 12:00

...basterebbe smetterla con il recupero dei clandestini ed invasori! Si risparmierebbero miliardi e miliardi con i quali si potrebbe acquistare il pezzo mancante per una nave, carro o aereo.... Ma tanbto, sappiamo benissimo di parlare al vento!!!

g.ringo

Mer, 26/07/2017 - 12:14

Non abbiamo fondi, non abbiamo i soldi per il vestiario...? Mi verrebbe da ridere, se non ci fosse da piangere. Una soluzione per questi militari alla canna del gas? Semplice. Si imbarcano sulle navi che vanno a prendere i migranti, quando i barconi sono vuoti i militari prendono il posto di quelli traghettati per andare nel Continente Nero. Poi, ovvio, ripartono con gli stessi barconi verso il nostro Paese Meraviglioso e dichiarano di essere rifugiati da uno Stato privo di risorse. Sei rifugiato? Eccoti qui i fondi e i vestiti che ti occorrono. Serve altro, egregio signor rifugiato?

LostileFurio

Mer, 26/07/2017 - 12:47

I vari governi di sinistra hanno sempre penalizzato le forze armate. I militari piacciono poco alle varie Boldrini... potrebbero essere di intralcio al loro potere...

de barba rossano

Mer, 26/07/2017 - 20:32

cangrande17 , combattere la criminalita' organizzata non e' compito delle forze armate, al massimo possono fornire del supporto in certe circostanze.per quanto riguarda le missioni all' estero, non e' che fai la domanda a piacer tuo, ci sono militari che ne farebbero a meno. riguardo ai compensi ti pare che 6 mesi in zona di guerra, praticamente 24 ore su 24 impegnato, con i pericoli che ne conseguono, non sono mai abbastanza pagati, stacci te sotto il sole o la pioggia con 30 kg addosso. sei il solito qualunquista ideologizzato.

Tino86

Gio, 27/07/2017 - 12:21

cangrande17: 24mila euro LORDI per 6 mesi, in tenda, utilizzabile e disponibile 24h su 24..li prenderesti pure tu in fabbrica per 6 mesi dormendo in catena di montaggio..ah scusa..è vietato dai diritti dei lavoratori.... Eri costruttivo se ti fermavi al rapporto operativi/logistici, sul numero di generali ma con la cazzata delle missioni e del retributivo del signore qua sotto (anche una maestra d'asilo andata in pensione 20 anni fa è andate in retributivo) se sceso al livello del populismo. Se l'Italia spende solo 1,1%di PIL in Difesa (a cui andrebbero scorporati i Carabinieri, non mi sembra vadano in giro con l'F35) ci sta che manchino divise e parti di ricambio (ampia parte di cui parla l'articolo).Dove l'avete ficcato il restante 98,1%?in sanità e pensioni magari..tutta roba che vale 7 e 10 volte il costo della Difesa ma col cavolo che quelle le si vuole tagliare eh?

Tino86

Gio, 27/07/2017 - 12:25

A tutti quelli che incolpano le FA per l'invasione sappiate che si limitano ad obbedire a ordini..ordini della classe dirigente che fa quello che dice l'elettorato (o vogliamo negare che per anni c'è stata un ampia porzione della popolazione per cui l'accoglienza era un obbligo?..insomma è solo pochi gg fa che un esponente di sinistra ha detto aiutiamoli a casa loro...). Le FA obbediscono come quando spalano le neve, le macerie, la monnezza o pattugliano le strade..tutte cose, parliamoci chiaro che con la guerra, PRIMO COMPITO DI FORZE ARMATE, non hanno nulla a che fare. Poi quando una guerra scoppierà non lamentatevi di come andrà a finire..non credo voi giochereste bene a scacchi dopo una vita passata a giocare a poker...

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Ven, 28/07/2017 - 10:52

Tino86, sei tu che fai populismo e alimenti le leggende dei militari sottopagati, senza divisa e senza benzina. Io non ci credo e ho le prove per non crederci. Tu, che sia militaare, ex militare o parente di militare, sei libero di crederci o di raccontarlo in giro. Ciao

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Ven, 28/07/2017 - 10:54

L'età di pensionamento e il metodo applicato servono solo a ricordare che i militari sono statali come tanti altri, né peggiori né migliori degli altri, ma pur sempre inefficienti nel loro complesso.