Il modulo Berlusconi: coalizione "pentagono" per centrare il 40%

Il leader Silvio Berlusconi insiste sull'unità con Lega e Fdi e guarda a Quagliarello e Parisi. Il progetto proporzionale

In politica tutto può cambiare velocemente. Ma dopo mesi di punture di spillo, battute al vetriolo e piccole provocazioni, i rapporti tra i (potenziali) alleati di centrodestra si vanno consolidando e rinsaldando. L'intervista di Silvio Berlusconi al Mattino in cui l'accento viene posto in maniera inequivocabile sul format del centrodestra unito ha tolto alibi e strumenti a chi vuole impostare la competizione interna al centrodestra sulla presunta ambiguità di Forza Italia. La linea del Cavaliere è chiara: il Pd è un avversario da sconfiggere nelle urne, le politiche adottate in questi anni hanno prodotto solo danni al sistema Italia, pur nella diversità delle posizioni e delle identità l'alleanza con Lega e Fratelli d'Italia può assicurare un governo al Paese, come già avvenuto in passato e come accade tuttora nelle Regioni del Nord dove si governa insieme.

Naturalmente la coalizione non potrà che prendere forma in maniera compiuta soltanto quando le forze politiche troveranno un accordo sulla legge elettorale. Nonostante alcune indiscrezioni riportate sui quotidiani, non esiste alcuna apertura di Forza Italia sul Mattarellum, una soluzione che non trova il gradimento dello stesso Berlusconi e su cui i parlamentari azzurri del Sud sono pronti a fare le barricate. Berlusconi, insieme allo stato maggiore del partito pensa sempre a un progetto su base proporzionale con premio di maggioranza al 40% alla coalizione, senza preferenze ma con collegi piccoli. Un progetto su cui, inevitabilmente, ci si dovrà confrontare con un Pd a trazione renziana.

Naturalmente bisognerà vedere nel dettaglio come sarà composta la coalizione. Renato Brunetta ieri parlando a Corriere Live faceva notare come la «biodiversità del centrodestra possa rappresentare una sua grande ricchezza. Il centrodestra può arrivare al 40%: non credo che la componente salviniana sia maggioritaria dentro questo 40%. Salvini è fondamentale, ma non ha la maggioranza della coalizione». Con una postilla: «Noi siamo antitetici a Renzi. Il Nazareno era stato pensato per la riforma costituzionale ed elettorale, e Renzi ha prevaricato e si è imposto violentemente su tutto, venendo meno alla parola data. La nostra prospettiva è una e una sola: centrodestra unito di governo».

Lo schema di cui si sente parlare sempre più spesso tra Arcore, Palazzo Grazioli e Via dell'Umiltà è quello del «pentagono». Quindi Forza Italia come «locomotiva», il fronte sovranista composto da Lega e Fratelli d'Italia a presidiare le estreme, poi un soggetto capace di intercettare il mondo centrista, guidato da Gaetano Quagliariello e da Raffaele Fitto, e infine Energie per l'Italia di Stefano Parisi ad agire sui delusi di Forza Italia, a recuperare quote di astensionismo. Oppure i delusi di Ncd, soprattutto i ciellini di rito ambrosiano distanti da una alleanza organica con il centrosinistra, fermo restando che sulla consistenza elettorale di questo nuovo soggetto non esistono finora riprove e riscontri e non si avranno fino alle prossime Politiche.

Di certo dai sondaggi continuano ad arrivare segnali interessanti e incoraggianti. Un sondaggio Winpoll segnala che Forza Italia stacca la Lega di 2 punti: 13,2 contro 11,2, con Fratelli d'Italia al 5% e il centrodestra unito in testa. Stesso verdetto arriva da Euromedia Research che dà il centrodestra unito al 33,1%.

Commenti

FRANGIUS

Mar, 04/04/2017 - 09:38

PENSO CHE SE PRENDE I VARI QUAGLIARIELLO E TRADITORI CONSOCIATI + PARISI NON VEDRA' CERTAMENTE ALLEATI FDI E LEGA E QUINDI NON ARRIVERA' NEPPURE AL 15%

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 04/04/2017 - 09:49

I SOGNI SON DESIDERI. La realtà è che AL MOMENTO non esiste un "sistema legislativo" con il quale andare alle urne. Vi sono solo due rottami legislativi, non omogenei tra loro, che l'intero sistema del "potere politico" non vuole toccare, dato che tale è l'interesse generale dei vari partiti, per motivi singolari quanto diversi. Anche l'inquilino del Quirinale dà l'impressione che la questione non lo preoccupi affatto ed anche lui veda con favore che si arrivi alla fine della legislatura. Così è se vi pare, anche se Pirandello non c'entra affatto.

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Mar, 04/04/2017 - 09:50

Ma sicuramente non sarà il 40% arriverà al 99,9%. Tutti saranno felice e contenti con le dentiere e le protesi. Solo lui si lamenterà dei partitini che non gli lasceranno realizzare , reali zzare cosa cosa cosa ,cribbio mi sono dimenticato cosa ho detto nei giorni pari e cosa nei giorni dispari. ma oggi cosa è ????' Aiutoooo bubu

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 04/04/2017 - 10:11

A Silvio va tutto bene così. Che poi il "sistema legislativo" sia in contraddizione con se stesso non interessa a nessuno. Primo e principale obbiettivo: si arrivi al termine della legislatura e si salvi la poltrona alla classe politica "in servizio", con relativi "vitalizzi". Per il resto si rimandi tutto alla prossima legislatura, atteso che alla politica sta bene così: quattrini e potere per fare i fatti loro. Triste, ma così stanno le cose: Renzi e gli 80 euro ormai sono un mito.

Ritratto di ..repubbliQetta...

..repubbliQetta...

Mar, 04/04/2017 - 10:38

magari se nella coalizione magnamagna imbarca anche i compari di merende ladri di pisa del piddi arriva anche al 50%

antipifferaio

Mar, 04/04/2017 - 10:49

Sempre chiacchiere...al momento non vedo nessun accordo, alleanza o simile nel c-destra. Il Berlusca parla esattamente come il suo omologo pIDIOTA fiorentino che ha rovinato l'Italia e che ora, a quanto pare, darà il colpo di grazia al partito dei PiDocchi rossi...almeno questo!!Per il resto qui è l'apoteosi dei faremo e vinceremo. Perà a sentire Salvini-Meloni la musica è ben diversa!!! Questo Giornale, con gli articolisti preposti a narrare le gesta "eroiche" del Nostro, sembra sempre di più un libro dei sogni...

Ritratto di ..repubbliQetta...

..repubbliQetta...

Mar, 04/04/2017 - 11:30

quacquaraquà chi?

vottorio

Mar, 04/04/2017 - 11:56

se Lega e/o Fratelli d'Italia dovessero colludersi con Berlusconi, io che per vent'anni l'ho sempre votato e sono stato vilmente da lui tradito e così come me tantissimi altri elettori, voteremo in massa per il M5S e, poi si vedrà. ceri rifiuti umani, traditori per vocazione, devono essere isolati.

handy13

Mar, 04/04/2017 - 12:13

...ma quale pentagono,...dove i partitini poi ricattono e NON si può fare più niente,...c'è diversità, quindi ognuno dovrebbe avere un ruolo preciso x esempio, al governo ministri di forza italia, nei comuni sindaci della lega,...nelle province e regioni i moderati,...in europa mandare i Quagliarella che tanto NON fanno niente...

napolitame

Mar, 04/04/2017 - 13:13

ne hai fatte troppe, troppo grosse e troppo malfatte. E la peggiore di tutte e' stata salvare il piddi. Non votero' mai per una coalizione in cui compaia berlusconi o forzitalioti vari.

fjrt1

Mer, 05/04/2017 - 08:24

Dopo la bocciatura dell'italicum una bella legge elettorale su un proporzionale puro gli italiani andranno a votare. Nel frattempo si assiste alla nascita continua di nuove forze politiche. Il centro destra ha percentuali importanti se fosse unito ma per ora vedo troppi galli in questo pollaio. Il centro sinistra con le sue lotte interne si sta sfasciato.Rimane Grillo con le sue epurazioni e chi non obbedisce ai suoi ordini li caccia via. Stando alle attuali indagini statistiche sembra essere Grillo il gruppo più numeroso presente nel prossimo parlamento. Mattarella dovrà perciò chiamare Di Maio per formare un nuovo governo. In Inghilterra si dice Dio salvi la Regina. Da noi diremo Dio salvi l'Italia

Duka

Sab, 08/04/2017 - 08:55

Lo state ripetendo da troppo tempo orma e non avete le PALLE nemmeno per fare il vostro dovere di opposizione. Le SCHIFOSATE successe in Italia dal 2011 verso le quali avete solo sbavato sentenze sterili la dicono lunga.