Morto Caffarra: la "maledizione" di Francesco

Il cardinale dei "Dubia" è morto ieri mattina, improvvisamente e a quanto pare inaspettatamente

È morto ieri mattina, improvvisamente e a quanto pare inaspettatamente, il cardinale Carlo Caffarra. Viveva a Bologna, di cui era arcivescovo emerito. Aveva settantanove anni. Il 5 luglio era morto l'ottantatreenne suo collega Joachim Meisner, mentre era in vacanza in Germania. Così, scendono drammaticamente a due i cardinali firmatari dei famosi «Dubia»: Raimond Burke (69 anni) e Walter Brandmüller (88).

Visto che quel che li accomuna è un caso spinoso, può darsi che i due ancora in vita si mettano a fare gli scongiuri. Come si ricorderà, i quattro avevano letto ed esaminato l'esortazione papale Amoris laetitia, con cui papa Francesco tirava in qualche modo le somme dei due sinodi sulla famiglia. Avendo trovato alcuni passi a loro giudizio ambigui o almeno non chiarissimi, i quattro cardinali avevano espresso, correttamente in latino, i loro dubbi («dubia») e chiesto spiegazioni all'autore. Il quale, però, non si era degnato di rispondere. Dopo un anno e rotti, stufi di essere considerati - nel frattempo - come «la banda dei quattro» di maoista memoria, i cardinali in questione avevano domandato udienza, cioè di essere ricevuti direttamente per parlare una buona volta della ardua questione. Avranno pensato: mah, forse il papa, indaffarato com'è, non ha tempo di farsi tradurre e leggere i «dubia», perciò incontriamolo «de visu» (anche questo è latino, vuol dire «faccia a faccia») e così risolviamo la faccenda.

Macché. Niente anche questa volta. Ora, non tutti sanno, forse, che il papa ha uno staff «postale» che risponde perfino agli auguri di Natale. E tutti sanno che Francesco, quando gli gira, alza il telefono e, di sua iniziativa, conversa anche con le casalinghe. È chiaro che se non risponde è perché non vuol rispondere. E allora perché non ha mai voluto rispondere agli estensori dei «dubia»? Bella domanda. Avrà avuto i suoi motivi. Il fatto è che anche i quattro avevano i loro, e non di secondaria importanza. Infatti, stanti certi passaggi dell'Amoris laetitia non proprio chiarissimi, alcune conferenze episcopali hanno interpretato in senso, diciamo così, largo la «vexata quaestio» della comunione ai divorziati risposati; altre, come ad esempio quella polacca, hanno interpretato in senso restrittivo. Qual è, allora, l'interpretazione giusta? È proprio ciò che chiedevano i quattro. La non-risposta può essere, dunque, un «quod scripsi, scripsi» (copyright Pilato), ciò che ho scritto ho scritto ed è sufficiente? O una tattica dilatoria? Se lo è, funziona, visto che i quattro sono in breve diventati due. Il più anziano rimasto è Brandmüller, che si avvicina alla novantina. Ciò non toglie, comunque, che se fossi l'altro, Burke, a questo punto toccherei ferro. Non si sa mai.

Commenti

justic2015

Gio, 07/09/2017 - 08:53

Se ne andato un'altro vagabondo mangia franco sia lodato americano.

tosco1

Gio, 07/09/2017 - 09:11

Dal titolo si potrebbe anche capire che e' morto a causa delle maledizioni di Bergoglio. A conoscenza delle peregrinazioni psichiatriche del sudamericano, e della tipica reazione stizzita alle contestazioni, direi che tutto potrebbe essere anche possibile. Ma ne sono rimasti ancora due.

Atlantico

Gio, 07/09/2017 - 10:14

Credevo che Cammilleri fosse cattolico. Invece è superstizioso.

antonmessina

Gio, 07/09/2017 - 10:14

ehhh la lunga mano di don cecco e dei suoi padroni :D

Altoviti

Gio, 07/09/2017 - 11:01

Sono sempre i migliori a partire prima.

Una-mattina-mi-...

Gio, 07/09/2017 - 11:22

LA DIALETTICA PER FRANCESCO E' UN FASTIDIOSO DETTAGLIO: LUI AMA PONTIFICARE SENZA ASCOLTARE PARERI DEMOCRATICATICAMENTE O RISPETTARE CHI DISSENTE. ECCO PERCHE' E' UN PERSONAGGIO CHE MI FA RIBREZZO.

vottorio

Gio, 07/09/2017 - 11:42

a Siena, invece, sono più sbrigativi perché usano le finestre del quarto piano.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 07/09/2017 - 12:03

La Chiesa omette di proclamare il comandamenti di non desiderare la roba/donna degli altri perché grazie a Dio è istituita la proprietà privata. Invece dire che tutto è proprietà di Dio è una forma di paganesimo perché così il Papa rivendicherebbe la proprietà del mondo... Come Adolf Hitler. Allora i due morituri vescovi dovevano applicare il decalogo mosaico "in toto", (che vuol dire per intero) senza dubbi né ripensamenti. "Quod scripsi, scripsi" Parola di Dio.

salvatore40

Gio, 07/09/2017 - 12:25

La Chiesa-Istituzione ha, per definizione,sempre ragione. Tutto è sempre giustificato, in un modo o l'altro. Così è .

evuggio

Gio, 07/09/2017 - 13:24

segue evuggio - ed è lecito pensare che lui stesso non sia convinto e/o sicuro del suo operato

Andrea_Berna

Gio, 07/09/2017 - 13:33

Burke stia molto attento quando prende il caffe' o anche un semplice bicchiere d'acqua. Sindona insegna.

Ritratto di Farusman

Farusman

Gio, 07/09/2017 - 15:05

La stessa maledizione di Papa Luciani?

Tuthankamon

Gio, 07/09/2017 - 15:24

La Chiesa ha superato ben altre crisi. Potrei citare decine di nomi di cardinali e vescovi che prenderanno la staffetta di Caffarra e co.

manente

Gio, 07/09/2017 - 23:07

Il "Misericordioso" non risponde in quanto non sa che cosa rispondere e, viste le "entrature massoniche" di Bergoglio e della sua banda che hanno occupato il Vaticano, la morte di questi due illustri e coraggiosi cardinali comincia ad essere molto ma molto sospetta...