Moscovici: "Inammissibili interferenze sull'Italia"

"Sono gli italiani che decideranno del loro destino e naturalmente noi rispettiamo tutti il posto dell'Italia come fondatore dell'Europa e come Paese al cuore della zona euro". È il commissario europeo agli Affari Economici e Finanziari Pierre Moscovici a intervenire, questa volta a difesa di Roma, rispondendo sul quel "piano B" che la Germania avrebbe pronto per isolare i Paesi del Sud Europa dal contagio nel caso in cui un governo giallo-verde desse seguito all'ipotesi di uscire dall'euro.

"Quello che è chiaro è che la democrazia deve avere l'ultima parola, non devono esserci piani qui o là che contraddicano la democrazia - dice Moscovici - Sarebbe inammissibile speculare e ancora di più interferire. Siamo pronti come Commissione Europea a lavorare con i nuovi interlocutori quando entreranno in carica: è la nostra intenzione, come con tutti i governi dell'Ue".

Sono parole apprezzate dai grillini quelle del commissario. "Ringraziamo il commissario europeo agli Affari economici, Pierre Moscovici, per le sue parole in difesa della democrazia e del voto libero di tutti i cittadini. Il 4 marzo gli italiani hanno scelto il cambiamento. Tutti devono rispettare questa volontà", si legge in una nota della delegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo.

Commenti
Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Gio, 31/05/2018 - 15:06

Almeno sembra essere rimasto ancora qualcuno con la mente lucida, dalle parti di Bruxelles, non mi stupisce che ad esserlo sia Moskovici, uno che con le sue dichiarazioni si è [quasi] sempre mostrato cauto e ragionevole, a differenza di altri suoi colleghi di pari profilo, che dovrebbero verificare (e spesso NON l'hanno fatto) che il cervello sia collegato prima di esprimersi, pensando sopratutto alle conseguenze delle proprie dichiarazioni in relazione al ruolo che occupano, che possono avere un impatto decisamente DIVERSO rispetto ad un comune cittadino anonimo.

fgerna

Gio, 31/05/2018 - 15:12

Questa gente prima ti spara in testa poi ti chiedono scusa, ma tanto oramai il danno l'hanno fatto. Mi meraviglio che i garanti della nostra democrazia subiscano senza reagire, senza neanche un pizzico di orgoglio nazionale, senza palle

accanove

Gio, 31/05/2018 - 15:12

e da quello che mi risulta l'uscita dall'euro non era nei programmi di governo, sono stati gli isterici tedeschi che si sentono ogni giorno di più contestati e criticati ad aver visto volare pipstrelli da un "piano B" ideato da Savona, uno dei tanti piani che in questi anni si sono visti, qualche anno fa quando si cominciava a sentire il peso della troika ogni settimana si leggeva come qualcuno consigliasse la strategia di uscita.

jenab

Gio, 31/05/2018 - 15:59

perchè si continua a parlare di una cosa già fuori discussione? non è che sono i tedeschi a volere la nostra uscita dall'euro?

ILpiciul

Gio, 31/05/2018 - 16:34

Forse qualcuno, da oltre oceano, ha detto a qualcun'altro di qua dall'oceano di farsi una spaghettata di ca... propri. Mi sa che la fifa (non quella del calcio) comincia a tingersi di blùùùùùùùùùùùùù. Yeeeeaaaahhhh!

Reip

Gio, 31/05/2018 - 16:47

Non credo che le violente interferenze tedesche cosi plateali siano casuali! Forse i tecnici tedeschi, volutamente cercano di provocare una reazione populista anti euro. Il motivo? Costringere l’Italia a uscire dalla moneta unica! La Germania probabilmente cerca il default italiano, per potersi ricomprare dopo il bel Paese a basso prezzo! Mi rifiuto di credere che gli econimisti tedeschi a cuor leggero si intromettano pubblicamente nell’economia, nella finanza e nella politica italiana! Per loro da sempre l’Italia è il giardino fatto di sole e di mare dove trascorrere le vacanze a basso costo. La strategia è: fare entrare un Paese nel sistema euro, annullare la sua sovranità con il controllo finanziario. Farlo impoverire a suon di spread e crisi pilotate, fare aumentare il suo debito pubblico, diventando creditori anche. Infine strangolarlo economicamente, fino a costringere quel sistema a uscire dall’euro, distrutto e povero e debitore, per poi riacquistarlo.

Ritratto di orcocan

orcocan

Gio, 31/05/2018 - 17:07

Quello che mi stupisce è il comportamento e le valutazioni di molti esponenti (e governi) di tutto il mondo. L'Italia è praticamente considerata ininfluente in quasi tutti gli ambiti e allora mi chiedo: perchè gli stessi soggetti sono tutti preoccupati e le borse, lo spread, le agenzie di rating etc. virano in negativo in tutto il globo per colpa nostra? Allora, nonostante i nostri gravi difetti, siamo comunque importanti.

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Gio, 31/05/2018 - 17:44

Dopo le demenziali ed irricevibili uscite di diversi krauti mononeuroni che hanno contribuito ad aumentare i voti di Lega e m5s di diverse unità percentuali, la ue ha tirato fuori questo moscovici che non so se plurineurone o mononeurone, ha finalmente imbroccato l'unico ragionamento corretto che poteva e doveva fare.

d_amod1

Gio, 31/05/2018 - 18:12

E chi gliel'ha detto che ci sarà un governo giallo-verde? La Germania avrebbe il suo piano B dunque. E perché non dovrebbe averlo anche l'Italia? Quest'Europa sembra sempre di più un dibattito tra sordi! Sarà la babele delle lingue...

leopard73

Gio, 31/05/2018 - 18:30

CI PRENDONO TUTTI PER I FONDELLI "siamo gli zimbelli d'Europa" ABBIAMO AVUTO UNA POLITICA ASSENTE PER NOI ITALIANI ma molto attiva per i loro affari purtroppo!!

Ritratto di abate berardino

abate berardino

Gio, 31/05/2018 - 18:39

credo che prima dei commenti tedeschi sull italia e sull euro l`80% degli italiani non pensava minimamente a un uscita dall europa.Mi suona come un accusa provocatoria di comodo per arrivarci .Alla fine compreranno l italia per un pezzo di pane .

Ritratto di Arduino2009

Anonimo (non verificato)

Ritratto di cape code

cape code

Gio, 31/05/2018 - 21:00

Furbo Moscovici...ha capito che le intereferenze stanno aumentando ancora di piu' i consensi a Salvini e Di Maio.

MOSTARDELLIS

Gio, 31/05/2018 - 22:04

A differenza dell'ubriacone Juncker e di qualche altro scemo, Moscovici ha detto una cosa giusta. Era ora.