Mr Tasse boccia la manovra: "Una serie di balzelli inutili"

L'ex ministro stronca anche le misure green del governo: "Colpiscono la plastica, ma non propongono alternative..."

Il presente ha superato il passato. Tassare la plastica, le bibite gassate, il contante, incentivare l'uso delle carte... Neppure ai tempi di Vincenzo Visco si era osato tanto. Ministro del Tesoro con Giuliano Amato, delle Finanze nei governi di Romano Prodi e Massimo D'Alema, artefice delle politiche economiche di sinistra. Facciamola breve. Come lui nessuno mai.

Professore, cominciamo dalla tassa sulla plastica. In pratica una tassa sulla bottiglietta d'acqua.

«In pratica una tassa che non produce gettito. Così, come prevista, finirà per scaricarsi sull'acquirente. Si tratta di tasse che dovrebbero servire a spostare i consumi, ma il problema è sempre quello: esiste l'alternativa a ciò che si tassa?».

Non ce ne voglia. Ma qui, più che spostare i consumi, siamo di fronte a un odioso balzello.

«Sono tasse ecologiche, ma funzionano solo se prevedono un'alternativa. Non uso la plastica, ma al suo posto cosa uso? Io non vedo l'alternativa che vedo invece per le bibite gassate. Così come pensata non è altro che una fregatura. Quella sulla plastica è una tassa problematica».

E il problema è tutto nostro.

«Mi permetto di dire che c'è un altro problema: chi vigilerà, come si vigilerà, chi la riscuoterà? La verità è che la pagherà chi acquista. Se funzionerà saremo comunque di fronte a un gettito modestissimo. Non mi convince».

Passiamo all'uso delle carte di credito. Per incentivarlo il premier Conte ha promesso il bonus Befana.

«Discutibile. Non ci credo e non ci crede nessuno dei miei colleghi economisti. Non è così che si incentiva l'uso della moneta elettronica e non certamente premiando chi le usa. Sarebbe solo uno spreco di risorse».

Volevano toglierci anche il contante e tassare i prelievi. Ma che ha fatto di male il contante alla sinistra?

«Tassare il contante è inutile. Ma la norma sul prelievo del contante mi sembra che non sia passata. Limitarlo invece è giusto. Anche la Bce non stampa più la moneta da cinquecento euro. Ma si tratta sempre di norme non efficaci, non decisive».

Accettiamo proposte.

«La cosa migliore è fare funzionare la fatturazione elettronica. E poi, diciamolo francamente, si ripete sempre che sono tutte norme per combattere l'evasione, ma l'evasione è destinata a finire nel giro di qualche anno».

Con questa manovra, a finire, rischiano di essere i consumi. Non le pare?

«Spiego. Per combattere l'evasione basta già la tracciabilità, la tecnologia. Con i nuovi mezzi in possesso è possibile individuarla senza inventare altre norme».

Hanno detto: «Anche l'idraulico vi farà la fattura». Perché questo luogo comune dell'idraulico che non rilascia la fattura?

«Premetto che nel dl fiscale la norma sull'idraulico non l'ho trovata. Detto questo, è scientificamente dimostrato che ci sarà sempre qualcuno che si metterà d'accordo per non farsi rilasciare la fattura. Ripeto: meglio la tracciabilità».

Ripetiamo noi. Ancora l'aumento sulle sigarette?

«Ormai una sigaretta costa più di un lingotto d'oro».

Non fuma pure lei?

«Mezzo sigaro toscano. Dopo pranzo e dopo cena. Almeno in questo ce l'hanno fatta. Ci hanno fatto smettere di fumare. Ormai chi fuma si vergogna».

Fumare non si può, lo zucchero neppure. Che ci rimarrà?

«Quella sullo zucchero è una tassa per combattere il junk food. Per la salute».

Ma non basta la pubblicità virtuosa?

«Tutto il mondo va in quella direzione. La via più drastica era tassare le imprese alimentari».

Non lo dica, altrimenti Conte finisce che la aggiunge.

«Conte ha imparato in fretta. Ormai si comporta da politico consumato. In questo momento deve però fare attenzione. Mi pare chiaro che la maggioranza gli stia esplodendo».

E Zingaretti deve fare attenzione a Renzi e alla Boschi che definisce il Pd il «partito delle tasse».

«Renzi si deve far vedere, esibire. Non vuole rifare il Pd ma fare l'altro Berlusconi. E poi c'è Beppe Grillo che ormai ha scelto Conte al posto di Di Maio. È un gioco pericoloso. Non so quanto funzionerà».

Ormai ci spaventa più questo governo che lei. È il segno del pericolo.

«La mia intenzione è sottolineare che alcune misure di questa manovra mi lasciano perplesso. Mi raccomando. Fate i bravi».

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Lun, 21/10/2019 - 09:21

...AZZZZZ SE LO DICE LUI CHE SE NE INTENDE....VUOL DIRE CHE STANNO SCAVANDO IL FONDO!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 21/10/2019 - 09:31

a parte che è una intervista strana questa, ma ci sono alcune verità. le tasse si aggiungono o si tolgono quando abbiamo la possibilità o meno di pagarle! se paghiamo tutte le tasse, i rischi sono due: o crepiamo quasi subito ma siamo onesti fino in fondo, o diventiamo furbi (cioè eludendo per quanto possibile, le tasse)e possiamo campare di piu. in USA le tasse sono al 36 % al massimo, potevano andare anche oltre, ma si sono limitati al 36% e quasi tutti pagano (solo gli immigrati clandestini non le pagano, chissà perché...) . agli americani non conviene evadere per risparmiare briciole....

Duka

Lun, 21/10/2019 - 09:38

Già perchè secondo questo individuo, tra i tanti che si sono riempite le tasche prima di sparire, ci sono BALZELLI utili?

cgf

Lun, 21/10/2019 - 09:40

Se nemmeno vampiro rosso giustifica queste manovre, di certo allora c'è la zampona di Bersani/Franceschini

hectorre

Lun, 21/10/2019 - 09:41

e se lo dice la sanguisuga è una sentenza....ricordo ai gretini e al governo che la plastica si ricicla!!!....sarebbe più logico imporre la raccolta differenziata con sanzioni pesantissime!!...da Roma in giù è inesistente, ho 5 contenitori e divido tutto ciò che getto via!!!!....ribadisco, la plastica si ricicla!!!!!!...se poi si vuole giocare con l’ignoranza delle persone per tassare anche l’aria, è un’altro discorso!!!!

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Lun, 21/10/2019 - 09:41

Uno statalista liberticida.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 21/10/2019 - 09:52

Giusto colpire tutto, dalla plastica al vetro ed altro, ma devi incentivare, che se una riporta indietro in discarica tot chili di queste materie dai un incentivo. Peggio per quelli che li gettano per strada che se beccati una bella multa non guasterebbe. Sui zozzoni devono rivalersi non su chi ha una casa che lo colpiscono con varie tasse.

Epietro

Lun, 21/10/2019 - 09:54

Se lo dice perfino Lui, il Tassator Cortese, come non credergli.

carpa1

Lun, 21/10/2019 - 09:59

Avete fatto parlare proprio quello che, più d'ogni altro, ha messo le mani sui risparmi degli italiani. Mi deve ancora spiegare perchè (come recita il SUO TESTO UNICO), dopo l'acquisto di un fondo di investimento, vendendone 1l 50% in perdita ed acquisendo così una minus valenza, questa non possa esere compensata se vendo il restante 50% in guadagno, ma la posso compensare solo con titoli azionari o altro che vanno sotto la denominazione di "diversi"; costringendo chi volesse recuperare la minus, ad investire di nuovo o non recuperare nulla qualora non avesse intenzione di reinvestire. Se fosse onesto, dovrebbe convenire che una perdita generata da investimento dovrebbe poter essere compensata con qualsiasi guadagno indipendentemente dalla tipologia di investimento, senza ipocriti sotterfugi per sottrarre ai risparmi più del dovuto.

Tommaso_ve

Lun, 21/10/2019 - 09:59

Ma siete sicuri che avete intervistato Visco, l'ex ministro??? Avrà picchiato la testa o lo avete drogato? Al Visco che conosco piacevano tutte le tasse, grandi piccole, belle e brutte... bastava mettere fieno in cascina. Ricordiamoci che fu LUI ad introdurre la IRAP, e tutti sappiamo cos'è. Visco deve aver picchiato la testa, non c'è spiegazione.

Mborsa

Lun, 21/10/2019 - 10:00

Povero Visco, vittima della politica fiscale del PD! Non mai fatto l'economista quando era al governo, perché in Italia gli economisti forniscono al governo la giustificazione per introdurre tasse, non programmi di piano.

carpa1

Lun, 21/10/2019 - 10:06

Avete fatto parlare proprio quello che, più d'ogni altro, ha messo le mani sui risparmi degli italiani. Mi deve ancora spiegare perchè (come recita il SUO TESTO UNICO) dopo l'acquisto di un fondo di investimento, vendendone 1l 50% in perdita ed acquisendo così una minus valenza, questa non possa esere compensata se vendo il restante 50% in guadagno, ma la posso compensare solo con titoli azionari o altro che vanno sotto la denominazione di "diversi"; costringendo chi volesse recuperare la minus, ad investire di nuovo o non recuperare nulla qualora non avesse intenzione di reinvestire. Se fosse onesto, dovrebbe convenire che una perdita generata da QUALSIASI investimento dovrebbe poter essere compensata con QUALSIASI plus valenza indipendentemente dalla tipologia di investimento, senza ipocriti sotterfugi per sottrarre ai risparmi più del dovuto. E ci cucchiamo pure i bolli del Monti. Unica soluzione: sotto il materasso.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Lun, 21/10/2019 - 10:49

Premesso che le opposizioni contestano sempre le manovre altrui, neppure esse hanno trovato sprechi o condoni su cui ridire, segno che l’impianto stesso della manovra è valido e, finalmente, per una volta, colpisce l'evasione fiscale in modo serio.

Ritratto di saggezza

saggezza

Lun, 21/10/2019 - 10:56

Migliaia di aziende sono andate all'estero per colpa delle tasse. E danno zero euri al fisco. Meglio se avessero pagato meno tasse e dato quel tanto al fisco. Meglio di niente. E non avrebbero, tra l'altro, fatto aumentare la disoccupazione. Chi vuole aumentare le tasse mira a distruggere la nostra economia.

Ritratto di adl

adl

Lun, 21/10/2019 - 10:58

Ha ragione gli strumenti per combattere l'evasione ci sono già da da una decina di anni se non di più, la deroga al segreto bancario è il primo e la possibilità di accedere a tutte le banche dati finanziarie del contribuente il secondo. Tutte le altre gretinate impositive, servono a prendere in giro i giovani a cui non sono capaci di dare lavoro.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 21/10/2019 - 11:10

Finché non elimineranno il coacervo di Leggi che ingarbugliano il quadro fiscale e contemporaneamente non tapperanno le falle della spesa pubblica non se ne verrà praticamente fuori.

andrea45

Lun, 21/10/2019 - 12:29

Questi non hanno mai capito (a volte solo in ritardo, ma sono ritardati o furbi?) che è sempre meglio prendere poco che niente.

agosvac

Lun, 21/10/2019 - 12:41

Se lo dice mister Fisco, pardon, Visco, allora si vede che questo Governo PD/PD sta rischiando grosso.