Mucciante e Radio Rai Continua l'epurazione del "manuale Renzelli"

Dell'applicazione dei parametri meritocratici Renzi ha sempre fatto la propria bandiera. Ora che siede nella stanza dei bottoni ha cambiato spartito

La sede della Rai in viale Mazzini

Roma - La bomba è stata fatta esplodere su Twitter dal deputato renziano con licenza di eterodossia, Michele Anzaldi. «Mucciante (Gr Rai): +400mila ascoltatori, via dopo 2 anni. Berlinguer (Tg3): -400mila telespettatori, via dopo 7 anni. Per chi ci si indigna?», ha scritto sul social network. Poi ha rincarato la dose: «Mucciante dopo due anni di risultati e nessuna critica: senza incarico. Berlinguer avrà 2 trasmissioni, Masi vice Verdelli. Bene così?». Insomma, il premier Matteo Renzi, che dell'applicazione di severi parametri meritocratici ha sempre fatto la propria bandiera, sembra aver cambiato spartito ora che siede stabilmente nella stanza dei bottoni.

I rilievi di Anzaldi, infatti, sono fondati. Come ha scritto l'ex direttore di Rai RadioUno e dei Giornali Radio, Flavio Mucciante, nella lettera di commiato alla redazione, Rai RadioUno nel 2015 ha totalizzato un +6% di ascolti (+238mla ascoltatori, +400mila su aprile 2014 quando Mucciante fu nominato alla guida). Dati sostanzialmente confermati anche nel primo semestre 2016 (-0,7% annuo a circa 4,2 milioni di ascoltatori medi). La scelta di fare un canale all news con l'aggiunta di Tutto il calcio minuto per minuto è stata premiata dal pubblico e RadioUno è l'unica rete pubblica a tenere testa non solo alle radio private, ma anche ai programmi di massimo ascolto di Radio 105 (Tutto esaurito e Lo zoo di 105) e di Rtl 102.5 (La famiglia giù al Nord) cui la concorrenza commerciale oppone ormai una debole controprogrammazione. Discorso diverso per Bianca Berlinguer che, dopo aver raggiunto picchi di 2,5 milioni di telespettatori del Tg3 nel 2010 all'apice delll'antiberlusconismo militante, ha lasciato il telegiornale delle 19 a una media di 1,5 milioni di audience.

A differenza della anchorwoman, però, Mucciante è rimasto senza incarico, mentre il suo collega del Tg2 Marcello Masi è stato ricollocato come vice di Carlo Verdelli all'Offerta informativa. E dire che dopo le brillanti dirette sui fatti di Nizza e di Monaco nonché sull'incidente ferroviario tra Corato e Andria, sia Verdelli che il dg Rai Antonio Campo dall'Orto si erano personalmente complimentati per la qualità dei servizi di Radio Uno. Salvo poi defenestrarlo insalutato ospite. Poiché il mandato di Mucciante è triennale e scade nel prossimo aprile 2017, egli continuerà tuttavia a percepire il proprio compenso senza far nulla.

Perché sprecare dunque una risorsa? La risposta forse è nel comunicato del comitato di redazione del Giornale radio Rai. «Radio Uno è e deve mantenere la sua natura di canale di informazione di flusso», si legge nella nota di saluto a Mucciante e di benvenuto al nuovo direttore Andrea Montanari. Un chiaro riferimento alle idee del direttore artistico di Radio Rai, Carlo Conti, che intenderebbe, secondo quanto trapela dai rumor, traslocare alcuni programmi di Radio Due sul primo canale. In questo modo potrebbe essere più difficile trasmettere dirette sui grandi temi se il palinsesto è meno fluido. Idem per Radio Due se il suo futuro sarà legato alla musica mainstream. E, tutto sommato, questo nuovo andazzo potrebbe andar bene sia al direttore generale Campo dall'Orto che al Premier Matteo Renzi, soprattutto nel periodo autunnale quando ogni sforzo dovrà concentrarsi sul sì al referendum.

Bocciando il merito, però, Renzi si espone alle polemiche. Ultima quella dell'autrice Francesca Fornario che ha lamentato il divieto di satira sul premier nella sua trasmissione Mamma non mamma su Radio Due. Peccato avesse già accettato di fare un programma di costume e non a sfondo politico. Ma, dopo l'occupazione manu militari di Renzi, vale tutto.

Commenti

un_infiltrato

Mer, 10/08/2016 - 08:31

Adesso che ha capito che lo cacciamo, ne combinerà una al giorno per farci credere di essere forte. E' solo un debole, un insicuro. Uno pneumatico scoppiato. A casa.

Piergiacomo74

Mer, 10/08/2016 - 09:44

Stessa cosa fece Berlusconi a suo tempo, ma in modo molto più plateale e imbarazzante: come dimenticare i famosi editoriali di Minzolini?!

Libertà75

Mer, 10/08/2016 - 11:06

come rispettano l'etica, la democrazia, la libertà quellli di sinistra, come loro nessuno...

ziobeppe1951

Mer, 10/08/2016 - 14:23

Piergiacomo74...09.44...si ma adesso ci siete voi che vi definite democratici e poi dove la mettiamo la questione morale?

Piergiacomo74

Mer, 10/08/2016 - 16:37

ZioBeppe, non sono di sinistra. Renzi fa delle porcate, ma per ora non ha ancora raggiunto il livello di Berlusconi e ce ne vorrà