Mutui sospesi per un anno Ma le tasse invece restano

Le promesse dell'esecutivo: "Ai privati 5mila euro e alle aziende 20mila". Intanto raddoppiano i commissari

Se il Mose funzionasse come la macchina sforna-commissari (ordinari, super, straordinari) Venezia sarebbe bella e asciutta. Invece, da oltre mezzo secolo, è alle prese con quell'acqua alta che il Mose (quello senza l'accento sulla «e») non è in grado né prosaicamente di arginare, né biblicamente di separare. In compenso, dal 1966 (anno in cui si cominciò a «ideare» il Mose) ad oggi, il miracolo della moltiplicazione delle mangiatoie si è ripetuto puntualmente fino a fagocitare quasi 7 miliardi di euro. Con una sola variazione di tipo contabile: fino a gennaio 2002 le mazzette venivano pagate in lire, poi si passò all'euro. Un'immane macchina corruttiva che, come dimostrato dai processi, ha coinvolto un esercito di politici e burocrati senza neppure che i veneziani avessero mai la «soddisfazione» di vedere mai in funzione il fatidico «modulo sperimentale». Un - presunto - «gioiello di ingegneria idraulica» che però oggi più di qualche esperto definisce con termini decisamente meno onorevoli: «bluff», «ferrovecchio», «fregatura». Sarà anche per questo che la città, ormai rassegnata all'apnea, ha accolto con comprensibile scetticismo i «provvedimenti salva Venezia» annunciati dal governo. Il premier Conte, con sprezzo del ridicolo, ha annunciato finanziamenti «a pioggia» (come se quella dei giorni scorsi non fosse stata sufficiente): «Il Consiglio dei ministri ha deliberato lo stato di emergenza che potrà durare 180 giorni con una proroga per altri 180. Stanziati poi 20 milioni per le spese urgenti, fino a 5 mila euro per i privati, fino a 20 mila euro per le attività produttive»; inoltre dovrebbe essere certo «il blocco per un anno dei pagamenti dei mutui», mentre l'ipotesi di «sospendere le tasse» è naufragata nell'acqua alta.

«Stiamo ascoltando solo chiacchiere, intanto le nostre vite sono rovinate - replicano i commercianti che si sono ritrovati i negozi sommersi dall'acqua -. I vertici istituzionali continuano a fare passerella (dopo Conte, Salvini e Franceschini, ieri è stata la volta di Lamorgese e Casellati ndr) ma qui tra poche ore è prevista un'altra «piena» di oltre un metro e mezzo».

E a tranquillizzare i veneziani non basta certo l'impegno via Twitter di Conte: «Il governo è solidale e presente, nessuno resterà da solo». Una litania sentita già in passato in occasione di tante altre calamità naturali (terremoti in testa), poi sappiamo come sono andate le cose: con migliaia di famiglie che, dopo anni, attendono ancora la ricostruzione delle proprie case.

Intanto l'animo della Serenissima è davvero poco sereno. Chi più, chi meno, tutti battono cassa. Da «alcune decine di milioni di danni» si è passati presto a «oltre un miliardo»: il governatore Luca Zaia e il sindaco Luigi Brugnaro (neo commissario all'emergenza) hanno l'ingrato compito di aggiornare le cifre del disastro.

L'Actv, l'azienda veneziana di trasporti, si è vista spazzare via cinque vaporetti e distruggere cinque approdi: una mazzata da circa 20 milioni di euro. Le chiese danneggiate sono una settantina e per ognuna di esse - secondo i calcoli della sovrintendenza - andrebbero stanziati non meno di 60-70 mila euro. Somma almeno da decuplicare per la Basilica di San Marco e la sua cripta, per la Basilica di Torcello e per la Chiesa di San Donato a Murano; idem per i musei pubblici, dalle Gallerie dell'Accademia a Ca' d'Oro, da Palazzo Ducale a Palazzo Reale o le Prigioni.

Gli occhi del mondo fissi su Venezia. Sarà la sua salvezza?

Commenti
Ritratto di stamicchia

stamicchia

Dom, 17/11/2019 - 12:16

I problemi di Venezia si chiamano Brugnaro e Zaia, non pervenuti

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 17/11/2019 - 12:23

come avrete notato babbei comunisti e grulli, ci sono differenze tra governi locali e governo nazionale! quindi non è solo l'uomo che fa la differenza, ma pure il partito che sostiene quell'uomo! :-) a proposito, vi ricordate alcuni anni fa scoppiò un caso di tangenti proprio sul mose? furono proprio gli esponenti di sinistra a finire indagati (ma in carcere ci vanno mai?) ! uno si chiama orsoni, ed era un importante politico locale di venezia..... se poi non volete capire il perchè il centrodestra vince ormai ovunque.....

lucianidis

Dom, 17/11/2019 - 12:27

Il Mose e' una invenzione del vostr8 datore di lavoro Silvio Berlusconi che lo promosse con il "Decreto Sviluppo". Ve lo siete dimenticato!! E che dire di Galan il prenditore di..... !!!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 17/11/2019 - 12:36

@stamicchia - quelli di prima invece erano immuni, forse perchè comunisti? Hai delle carte, cifre, prove? O parli a vanvera ripetendo gli slogan dei centri sociali, senza capire? Siete proprio tutti uguali voi, scarpe grosse cervello ridotto?

cavolo4

Dom, 17/11/2019 - 12:51

Queste sono cxxxxxe che dice Conte. Possono essere sospese la restituzione del capitale ma non gli interessi. Cosa significa l’importo di una rata del mutuo è composto da capitale e interesse più anni passano e con una rata si restituisce più capitale che interessi. Se uno ha il mutuo da un anno e paga la rata di 800 euro al mese pagherà per esempio 150 di capitale e 650 di interessi. Significa che i 150 euro di capitale son bloccati ma i 650 di interesse li deve pregare. Anche perché alle banche dell’alluvione non interessa nulla. Morale: caro Conte sei un cazzarlo come di maio che si affaccia alle finestre e urla :”abbiamo eliminato la povertà”. Ma dico in mano a quali imbecilli siamo?

lucianidis

Dom, 17/11/2019 - 12:59

Uguali alla sinistra ..guardate soli dove volete PER 15 ANNI IL FIDO DEL VERLUSCA........................... Giancarlo Galan, il potente politico del Nordest, ex governatore veneto e poi sottosegretario nell'ultimo governo Berlusconi: l’indagato numero uno per le tangenti del Mose, che ha patteggiato una condanna 2 anni e 10 mesi per corruzione continuata.

Calmapiatta

Dom, 17/11/2019 - 13:04

Dovrebbero essere arrestati e processati tutti coloro che, a qualsiasi titolo, hanno avuto parte nella progettazione, realizzazione e manutenzione del Mose. Politici locali e nazionali, presidenti del consigli e ministri, presidenti di regione, assessori e sindaci. Tutti colpevoli....ma nn succederà nulla. Un ponte è crollato sono morte 43 persone e abbiamo fatto una figura di palta davanti al mondo ma nulla è accaduto. Un paese senza più dignità....

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 17/11/2019 - 13:06

Hanno dormito per quasi 40 anni ed ora si cono svegliati male" Di chi é la colpa? Non tanto di Luca Zia, quanto dei suoi predecessori che non hanno spinto per la sistemazione degli indispensabili ostacoli all'invasione marina.

Gattagrigia

Dom, 17/11/2019 - 13:33

mortmermouse, veramente il MOSE è stato inaugurato da Berlusconi sotto il suo governo e il governatore del Veneto che è andato in galera per corruzione è un esponente di FI. C’erano anche esponenti della sinistra coinvolti marginalmente ma il pasticcio è stato fatto dalla destra

Gattagrigia

Dom, 17/11/2019 - 13:36

Colgo l’occasione per proporre di utilizzare tutti i percettori del reddito di cittadinanza residenti in Veneto per aiutare privati e commercianti a sistemare al meglio la città. Magari anche chi prende la cassa integrazione. Così si vedrà anche una notevole diminuzione del lavoro nero