"Nessun rilancio per l'Ilva". Lo Stato chiude a Jindal-Cdp

Parere negativo dell'Avvocatura all'ipotesi di una nuova offerta economica. Salvo sorprese il gruppo passa ad Arcelor

Nessun rilancio per l'Ilva che lunedì, salvo colpi di scena, passerà definitivamente di mano, per decreto, alla cordata di ArcelorMittal e Marcegaglia (a cui va ad aggiungersi Intesa pronta ad acquisire un quota del 5-10%), che ha presentato un'offerta da 1,8 miliardi di euro, 600 milioni di euro in più rispetto all'offerta concorrente presentata da AcciaItalia (consorzio guidato da Jindal, di cui fanno parte Arvedi, Cdp e Del Vecchio). Lo ha stabilito l'Avvocatura di Stato su richiesta del ministero dello Sviluppo economico, dopo che, nelle ultime ore, erano trapelate voci di una possibile riapertura delle offerte con la cordata di Jindal e Cdp pronta a mettere mano al portafoglio e compensare il divario economico rispetto all'offerta concorrente. Niente da fare.

Il procedimento «non prevede e non consente una fase di rilancio delle sole offerte economiche presentate. Una determinazione in tal senso sarebbe pertanto illegittima» precisa, in una nota, il ministero dello Sviluppo economico a seguito del parere richiesto in merito all'Avvocatura, secondo cui una riapertura della gara basata solo sulle offerte economiche, senza quindi la previsione di nuovi piani industriali e ambientali, sarebbe illegittima. Una simile prospettiva allungherebbe troppo i tempi ed è per questa ragione da ritenersi «incompatibile» con la normativa sull'attuazione del piano ambientale e la continuità produttiva di Taranto.

Lo stop ai rilanci sembra, tuttavia, aver destato qualche perplessità politica. «L'importanza delle offerte e la disponibilità ulteriore a migliorarle, che non può non essere colta, testimoniano che abbiamo giustamente difeso l'importanza dell'azienda presente sul nostro territorio» ha dichiarato il governatore della Puglia Michele Emiliano per poi sottolineare: «Bisogna consentire di migliorare le offerte in termini economici e occupazionali: è nell'interesse di tutti».

Nel frattempo i sindacati sono sul piede di guerra. Subito dopo l'emissione del decreto di aggiudicazione dell'Ilva inizieranno le trattative con i nuovi proprietari per verificare la disponibilità a rivedere e migliorare i numeri relativi agli suberi previsti dai rispettivi piani. Numeri drammatici: il piano di Am Investco prevede infatti 4.800 tagli da subito, su 14.200 dipendenti che costituiscono l'attuale organico aziendale per poi salire a 5.800 complessivi nel 2023, mentre la cordata AcciaItalia ne contava a 6.400. Per i rappresentati dei lavoratori si tratta di numeri inaccettabili. I sindacati puntano, infatti, a riassorbire nella nuova Ilva tutti gli attuali 14.200 dipendenti, con «Cigs» autorizzata per 4.100 dipendenti, senza lasciare nessuno in capo alla società in amministrazione straordinaria. I due incontri svoltisi al Mise non sono stati ritenuti soddisfacenti dai sindacati, nonostante il governo abbia assicurato che nessuno rimarrà senza protezione. Dopo lo sciopero di giovedì svoltosi a Taranto, lunedì potrebbe essere la volta di Genova dove a Cornigliano è stato indetto un consiglio di fabbrica. Sarà, comunque, una lunga estate bollente. L'aggiudicatario, presumibilmente la cordata guidata da Arcelor Mittal, ha poi 30 giorni per chiedere la nuova Autorizzazione integrata ambientale, che dovrà essere approvata per decreto entro il 30 settembre.

Commenti

curatola

Dom, 04/06/2017 - 20:10

un'impresa che vive di mercato non può essere soggetta a vincoli capestro a meno che ciò che non riceve dal mercato le venga dato dallo Stato in forme poco trasparenti. Ricordo che alfaromeo chiudeva sempre in passivo ma il bilancio veniva ripianato ogni anno dall'iri.