Adesso i vu' cumprà girano per la spiaggia col pos

Hanno regolare licenza e si sono attrezzati prima degli italiani. E ora la borsa finta si paga col bancomat

Vorresti comprare l'anello di onice o la borsa simil coccodrillo ma non hai contanti dietro? Non c'è problema, se sei in Versilia. A Forte dei Marmi, infatti, i vu cumprà si sono fatti furbi e accettano anche Bancomat e Carta. Sembra un paradosso, ma loro si sono attrezzati ancora prima degli artigiani e dei commercianti italiani. Hanno capito, infatti, che passeggiando tra gli ombrelloni può scapparci l'affare. E le clienti, tra un bagno e una chiacchiera, volentieri si fermano a sbirciare tra la merce e la maggior parte delle volte ne vengono rapite. Mosè, 25 anni di via vai in questi lidi, sa perfettamente come funziona e i suoi oggetti vanno a ruba tra le più modaiole. La figlia, 19 anni (nella foto), spiega con orgoglio che sono creazioni fatte dalla sua famiglia in Burkina Faso. Il padre è arrivato in Italia nel 1988 in Italia e conosce a memoria non solo i gusti e le possibilità delle italiane, ma anche delle straniere, russe, americane e inglesi. E sa che un po' per pigrizia, un po' per praticità, la maggior parte di loro non ha denaro liquido con sé. Ha una licenza da ambulante e un'attività commerciale registrata e per questo lui, la figlia e gli altri familiari girano con disinvoltura porgendo il pos a chi vuole acquistare collane di onice e smeraldi, perle e bracciali. Anche Alì ha avuto la stessa idea e vende cinte, occhiali e borse firmatissime ma contraffatte. Hermes, Gucci e Chanel, false ma fatte benissimo, che arrivano a costare anche duemila euro. «Era impensabile per me lavorare senza il Bancomat - spiega sorridendo dall'alto dei suoi due metri e della sua esperienza - può vado incontro alle esigenze delle signore, più vendo. E cliente porta cliente». «Compro da lui già da tre anni - racconta Maria Cristina, 47 anni, commercialista, sdraiata su un lettino del Bagno Annetta - e quando torno a Bologna sfoggio con orgoglio le mie borse nuove. Tanto nessuno si accorge che sono finte. Sono fatte benissimo, anche se sono molto care. Ma sono identiche a quelle originali e questo è quello che conta di più. Perché allora andare a negozio e comprarne una quando allo stesso costo ne compro cinque e senza muovermi dal lettino? Digito il codice segreto e acquisto comodamente e in sicurezza».

Commenti

Noidi

Ven, 18/07/2014 - 09:08

Non so se ridere o piangere. Ridere perchè questi si sono adattati più velocemente o piangere, per lo stesso motivo. Quanto siamo caduti in basso.

Raoul Pontalti

Ven, 18/07/2014 - 09:12

Ci facciamo dare lezioni di commercio non solo dai mediorientali ma anche dai subsahariani....Complimenti a quella famiglia burkinabé che vende artigianato africano, peste e corna a quell'Alì che vende merce contraffatta e ogni maledizione a chi compra la sua roba e soprattutto alle forze dell'ordine che non gli sequestrano la merce e non lo denunciano. Chi vende merce contraffatta commette un reato e danneggia il "made in Italy". Chi vende regolarmente prodotti dell'artigianato africano non danneggia il produttore italiano, così come chi vende banane (estere per definizione) non danneggia i produttori di pesche o susine in quanto soddisfanno gusti diversi, ma chi vende prodotti con marchio italiano contraffatto danneggia gravemente l'economia italiana. Ecco perché non si deve fare di ogni erba un fascio in materia di "vu cumprà" da un lato ma anche non si deve dall'altro lasciar correre certi comportamenti che sono autenticamente delittuosi. Ma le nostre pletoriche forze dell'ordine pensano a ritirare lo stipendio, non a fare il mestiere per cui quello stipendio ricevono.

berserker2

Ven, 18/07/2014 - 09:45

Mi sembra......delirante!

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Ven, 18/07/2014 - 09:46

Adesso chi lo dice ai nostri amici elettori commercianti , che anche gli africani ci stanno dando lezioni di comportamento e onestà ?

Orson

Ven, 18/07/2014 - 09:46

Pensa ce l'hanno i "vu cumprà" il POS ma avvocati commercialisti idraulici ecc no...

Noidi

Ven, 18/07/2014 - 09:48

@Raoul Pontalti: Condivido tutto il Suo post, o quasi. Non condivido solo l'ultima frase. Le nostre forze dell'ordine sono pagate una sciocchezza rispetto al rischio che corrono. Quindi non si può pretendere più di tanto. Mettiamo le forze dell'ordine nella possibilità di operare con tutti i mezzi oggi a disposizione e pghiamoli bene e vedrà che le cose cambiano (oltre a togliere personale dai servizi di scorta in alcuni casi ridicoli come assessori, sindaci etc.)

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Ven, 18/07/2014 - 09:59

Chissà se Maria Cristina, 47 anni, commercialista s'incazza se uno fa il commercialista abusivo a Bologna ad un quarto del suo onorario e fa i bilanci meglio di lei. Scommetto di sì.

Rossana Rossi

Ven, 18/07/2014 - 10:05

Tipica buffonata da governo italiano, abbiamo una plettora di leggi e leggine sulla contraffazione e poi diamo la licenza e permettiamo la vendita delle cose contraffatte......e le forze dell'ordine dove sono? E i controlli dove sono? Forse son tutti impegnati dietro a Berlusconi?..........buffoni!

grandeoceano

Ven, 18/07/2014 - 10:17

...e se questi pos fossero fatti per clonarti il bancomat???

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 18/07/2014 - 10:21

Ecco perchè hanno aperte le frontiere a questi bei negretti, per imparare cme FREGARE MEGLIO E PIÙ IN FRETTA LA POPOLAZIONE, QUELLI PIÙ DEBOLI E GLI ANZIANI.

lorenzo464

Ven, 18/07/2014 - 10:22

a questo punto credo che il termine vu cumprà vada usato quando si parla dei commercianti italiani (evasori per definizione...)

il corsaro nero

Ven, 18/07/2014 - 10:28

@raoulpontalti: è mai stato a Roma? ha visto mai le forze dell'ordine e, in particolare i Vigili Urbani accerchiati e malmenati da orde di vu cumprà nigeriano ai quali stavano sequestrando la merce? E' chiaro che se non vengono forniti di mezzi adatti, non ci provano nemmeno a sequestrare la merce! Inoltre, qualora avvenisse, ci sarebbe sempre qualche anima bella della sinistra che li taccerebbe per razzisti! Se poi si procedesse al loro arresto oltre al danno assisteremmo anche alla beffa perchè ci penserebbero i giudici a rimetterli fuori dopo due ore in quanto nel nostro Paese no esiste la certezza della pena! Si ricordi che siamo in Italia...purtroppo!!!

BlackMen

Ven, 18/07/2014 - 10:32

Raoul Pontalti: ma voi ragionate prima di scrivere? questa boiata della tutela del made in italy ve la servono da anni e ve la bevete tutte le volte. Un borsa contraffatta, mettiamo di Vuitton, costa circa 20/30 euro dagli ambulanti e 1200/1500 se acquistata originale al negozio. Ora seriamente. Lei veramente crede che i due prodotti abbiano lo stesso target di mercato? Crede sul serio che chi è ha la possibilità di spendere più di 1000 euro per una borsa decida di prenderne una contraffatta da 20? Ragionate ogni tanto santo dio!

lorenzo464

Ven, 18/07/2014 - 10:37

@il corsaro nero; ma quali sarebbero i mezzi adatti?Se le forze dell'ordine non riescono a sequestrare la merce agli abusivi come possiamo pensare che prendano gli assassini?La realtà è che l'attesa dei presunti mezzi ideali è la sempiterna scusa per starsene al bar a fare 4 chiacchiere...

max.cerri.79

Ven, 18/07/2014 - 10:40

Hanno regolare licenza per VENDERE FALSI???? mi vergogno sempre più di essere italiano

Ritratto di daybreak

daybreak

Ven, 18/07/2014 - 10:51

Ma lo sanno tutti dove questi prendono la merce che poi vanno a vendere sulle spiaggie.A Roma ad esempio lo sanno tutti anche i cocci di Testaccio che vanno a rifornirsi a Piazza Vittorio dai cinesi e poi vanno sul litorale a vendere oppure prendono la merce direttament a Napoli quindi se non si stronca all'origine sto mercato che prendano la merce a uno o due Africani ogni tanto non si risolve il problema.Mi fa specie perché tutti sanno in che condizioni poi lavorano i cinesi in Italia ridotti in schiavitu' ma evidentemente non c'e' la volonta' di stroncare sto mercato delle contraffazioni per arrivare poi al ridicolo del vu' cumpra con il pos poi se vi clonano la carta ben vi sta.CHE PAESE DI PULCINELLA E' L'ITALIA DOVE L'ILLEGALITA' CAMMINA SOTTOBRACCIO ALLA LEGALITA'.

cecco61

Ven, 18/07/2014 - 10:54

@ marino.birocco: perché non se ne va in Africa visto che sono tutti bravi e onesti? La verità è che vendono merce contraffatta (è reato) del valore di poche decine di euro a prezzi di centinaia di euro(mezza truffa pure questa) e quindi conta poco l'eventuale commissione che pagano per il POS. Se viene ad acquistare da me, e Le chiedo il doppio di quello che è il prezzo corrente, mi denuncia o, altrimenti, invoca la grande bufala del "commercio equo e solidale" per cui io devo applicare un margine minimo (altrimenti sono ladro e sfruttatore) mentre gli africani possono fare quello che vogliono. Perché non va a sparare scemate altrove o scende, almeno per una volta in vita sua, coi piedi per terra?

il corsaro nero

Ven, 18/07/2014 - 10:57

lorenzo464: mi sembra che di assassini e di mafiosi ne stiano arrestando parecchi, se poi lei non legge i giornali no è colpa mia!!! Ma lo sa che a Roma i Vigili Urbani fino a poco tempo fa giravano disarmati a anche oggi non tutti hanno la pistola?

il corsaro nero

Ven, 18/07/2014 - 11:03

@blackmen: visto il nick name che si è scelto (uomo nero..ops, scusi di colore!!!) chiaramente difende gli individui della sua razza!!! Mi dice che diamine c'entra il target di mercato con il reato di contraffazione? Perchè, qualora non lo sapesse, la contraffazione è un reato previsto dall'art. 473 del codice penale!!!

BlackMen

Ven, 18/07/2014 - 11:16

il corsaro nero: no guardi non difendo nessuno...solo la vostra intelligenza...e senza successo a quanto pare. Che il reato si configuri non è nemmeno in discussione...è la fantomatica tutela del made in italy che fa ridere! Inoltre mi sembra un po sciocco incolpare gli ambulanti che sono solo l'ultima maglia di una catena che vede al vertice le solite e note associazioni a delinquere.

Raoul Pontalti

Ven, 18/07/2014 - 11:18

BlackMen quello della contraffazione è un argomento che ho seguito (pur non assiduamente) a livello professionale e a contatto con il responsabile nazionale anticontraffazione di un'associazione di categoria e già membro tecnico di una commissione specifica nominata a suo tempo dal Parlamento e quindi ho la presunzione di avere una pur sommaria idea del fenomeno che non si riduce ai vu cumprà da spiaggia o piazze cittadine, ma coinvolge capillarmente il territorio nazionale con organizzazioni criminali che curano la produzione e la distribuzione di un'infinità di tipi di merci contraffatte con conseguenze economiche e sociali devastanti. Ricordo infine che quel mondo è spesso contiguo alla criminalità organizzata di tipo mafioso e in quel mondo vengono reclutati i componenti di una certa manovalanza criminale. In questo settore cedere un poco è capitolare molto, non siamo al lattaio che froda aggiungendo acqua al latte che vende....

il corsaro nero

Ven, 18/07/2014 - 11:33

@raoulpontalti: sono pienamente d'accordo, ma allora il discorso si allarga e tocca anche altri campi! Non pensa, infatti, che l'immigrazione clandestina possa ingrossare le fila di tali organizzazioni criminali? A questo punto non è solo un discorso di contraffazione, ma andiamo sicuramente oltre!!

Raoul Pontalti

Ven, 18/07/2014 - 11:37

ha ragione il cazzaro nero: bisogna assumere le guardie che proteggano i poliziotti che dovrebbero tutelare l'ordine pubblico...Ma le guardie al loro volta dovranno essere protette...e così via: infatti noi abbiamo il record europeo per numero di polizie nazionali (ben cinque, ma ci consoliamo perché l'Iran ne ha sette...) cui dobbiamo aggiungere le polizie municipali e provinciali (a quando quelle regionali?), il recod europeo per numero di polziotti (più di Germania e Austria messi assieme, da rilevare che la Germania ha da sempre un'unica polizia nazionale e l'Austria si è adeguata sopprimendo la gendarmeria e facendola confluire nella polizia, mentre l'Italia, unica al mondo, ha ben due gendarmerie: Guardia di Finanza e Carabinieri) e il record mondiale nel rapporto poliziotti/abitanti con il risultato di avere la delinquenza che impazza ovunque. Faccio rilevare che l'80% per cento degli indossanti divisa delle gendarmerie nostrane e delle FFAA sono meridionali: evidente come si tratti ormai di offerta di posti di lavoro ma senza chiedere che sia effettivamente prestato il lavoro (gli Italiani hanno sviluppato la più avanzata e raffinata filosofia sulla differenza tra lavoro e posto di lavoro).

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Ven, 18/07/2014 - 11:41

A leggere queste cose uno rimane basito .... la commercialista che compra a caro prezzo borse taroccate (sbaglio o non si può? ) per poi spacciarle per vere quando torna al paesello dalla vacanze al mare, l'extracomunitario di turno che vende roba taroccata,se pure con il POS alla mano, ma sempre taroccata : perché Guardia di Finanza non interviene a fermare questa vergogna che manda definitivamente in rovina i commercianti che già sono in difficoltà?

il corsaro nero

Ven, 18/07/2014 - 11:47

@blackman: se cominciassimo a colpire anche gli ambulanti che, come dice lei sarebbero l'ultima maglia della catena, e stroncassimo assiduamente, con continui sequestri e successiva distruzione di merci nonchè con pene severe e certe il commercio di merce contraffatta, pensa che i capi delle organizzazioni criminali non si stancherebbero di continuare nella loro attività criminale?

Ritratto di Markos

Markos

Ven, 18/07/2014 - 11:57

E chi si fiderebbe a strisciare la propria carta di credito nel loro aggeggio .... Hahahahahhahahahaha

Ritratto di Markos

Markos

Ven, 18/07/2014 - 11:59

marino.birocco - facile la vita nel buco statale dove ti hanno intubato compagno ehh ....

gian paolo cardelli

Ven, 18/07/2014 - 12:02

Usano il bancomat, tracciabile, per commettere un reato (vendere merce contraffatta), e qualche demente ancora convinto che "è tutta colpa degli evasori!" ne è pure contento...

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Ven, 18/07/2014 - 12:36

Questo dimostra il fallimento totale dell'Italia e degli italiani .

ludovik

Ven, 18/07/2014 - 12:37

pure i vu comprà sono più onesti di tanti artigiani e liberi professionisti italiani....almeno con il pos è tracciabile l'operazione....

midode

Ven, 18/07/2014 - 12:53

@ Blackmen: io conosco una signora che possiede Rolex originali e se li può permettere, ma compra le patacche dagli ambulanti extra :)

il corsaro nero

Ven, 18/07/2014 - 12:54

@raoulpontalti: Complimenti per l'educazione! Dove si è laureato a Cambridge o a Oxford? A prescindere che no ho offeso nessuno, il mio era solo un esempio di come le forze dell'ordine abbiano le mani legate! Si ricordi anche che molte volte gli ordini sono imposti dall'alto! Sicuramente se si cominciasse seriamente ad applicare la legge, ci sarebbero persone (Boldrini docet) che si straccerebbero le vesti incolpando le forze dell'ordine di razzismo (Le dice nulla la compagna denigratoria contro la Polizia nelle vicende della manifestazione del 1 Maggio degli autonomi e dell'assalto dei NO Tav al cantiere in Val di Susa? Ah, dimenticavo, cazzaro sarà lei e tutta la razza sua! Cordialità!

berserker2

Ven, 18/07/2014 - 12:55

Si si.....maria cristina commercialista bolognese de staceppa.... digita pure comodamente il codice segreto.... poi ci penseranno i "consulenti" rumeni ed albanesi dell'ingegnoso afrigano a recapitarti la fatturina....

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 18/07/2014 - 13:06

Pontalti ti fai fregare anche tu dalla disinformazione? Non lo sai che questo genere di prodotti non possono essere contraffatti? La contraffazione riguarda solo ed esclusivamente la griffe. E se uno fa una borsa esattamente eguale a quella di Vuitton ma non ci mette la griffe non ha commesso alcun illecito. Ma tant'è questo giornale deve sempre trovare il modo di sputare addosso agli immigrati anche quando si comportano in modo perfettamente legale. A maggior ragione se danno lezioni alle tanto decantate partite iva italiane!

Spidipizza

Ven, 18/07/2014 - 13:16

le borse made in italy griffate sono prodotte in cina. Quelle false a Prato!

chiara 2

Ven, 18/07/2014 - 13:25

1- che 'sti africani paghino le tasse come faccio io e poi vediamo 2- le merci vengono vendute senza ricevuta quindi sono evasori sia gli africani che gli acquirenti 3- sono merci contraffatte quindi vanno sequestrate e a chi le acquista và fatta una multa (COLPITE GLI ACQUIRENTI) 3- la prossima volta mi cerco un commercialista africano che mi costi la metà e non emetta fattura e poi vediamo questa "signora" se capirà, credendosi furba, quanto in realtà sia una morta de fame, cafona e stupida

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Ven, 18/07/2014 - 13:33

Oh, già, addesso i "vu cumprà" sono la bandiera dell'onestà, aha aha... provate a smontare gli pseudo-pos, altro che tracciabilità, aha aha, ammazza quanti creduloni...

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Ven, 18/07/2014 - 13:33

Oh, già, addesso i "vu cumprà" sono la bandiera dell'onestà, aha aha... provate a smontare gli pseudo-pos, altro che tracciabilità, aha aha, ammazza quanti creduloni...

vigpi

Ven, 18/07/2014 - 13:35

Fermo restando che le grandi griffe non hanno nessun danno dalla vendita di falsi da parte dei Vu cumprà (vuitton non costruisce 10.000 borse. Ne fa 2000 perchè sa che con i suoi prezzi ne vende 2000)il problema secondo me è che occorrerebbe far si che anche i marocchini pagassero le tasse. Tanto la licenza (non costa nulla e te la devono dare subito) ce l'hanno tutti.

Spidipizza

Ven, 18/07/2014 - 13:45

chiara2 sei la solita superficiale. gli ambulanti non hanno l'obbligo della ricevuta, informati prima di parlare. e non tutti vendono merci contraffatte, come ben evidenziato da questi articolo.

luigi.muzzi

Ven, 18/07/2014 - 13:59

In spiaggia a Rimini passa un ambulante extra ogni 30 secondi, questi non sanno nemmeno cos'è un Pos. La pattuglia dei vigili in spiaggia si vede lontano un miglio, mancano solo le sirene, 3 ombrelloni dopo ricomincia la processione come se nulla fosse.

Cinghiale

Ven, 18/07/2014 - 14:06

Raoul Pontalti - Epiteti a parte concordo con i suoi post, la contraffazione è reato, le forze dell'ordine dovrebbeto intervenire e a chi dice che sono male attrezzate vorrei ricordare che le tasse le paghiamo perchè intervengano. Altrimenti la legge del taglione dovrebbe essere approvata immediatamente, se devo difendermi da solo ci stò, basta che poi non mi metti in galera.

vigpi

Ven, 18/07/2014 - 14:10

sig. spidipizza guardi che sbaglia . Gli ambulanti hanno l'obbligo di rilasciare lo scontrino. Certo che se poi non hanno neanche la licenza..... Io faccio il vigile. Ogni volta che mi avvicino ad un ambulante per effettuare un controllo trovo sempre chi mi urla (e non solo) di lasciare in pace questi poveri marocchini.Non penserai mica che mi sbatto più di tanto..

claudio faleri

Ven, 18/07/2014 - 14:24

è una mossa politica della sinistra per affossare le attività ....si hanno il poss ma il resto è tutta una buffonata, sicuramente non pagano nulla di nulla

Anonimo (non verificato)

il corsaro nero

Ven, 18/07/2014 - 15:38

@OMARELMUKHTAR: il problema è che loro il marchio ce lo mettono eccome! Altrimenti le signore non comprano nulla! E allora come la mettiamo?

hector51

Ven, 18/07/2014 - 16:03

La legge in Italia va fatta rispettare a TUTTI ed alla stessa maniera. Purtroppo brillano per la loro assenza i controllori. Ma esiste in Italia chi (essendo pagato per questo) dovrebbe preoccuparsi e controllare che le leggi vengano rispettate? E se esiste, perché non lo fa??

roseg

Ven, 18/07/2014 - 16:29

Fantastico in italia è permesso vendere da venditori illegali roba contraffatta,cioè illegale, con il POS.

Cobra71

Ven, 18/07/2014 - 16:33

Oddio, mi piego in due dal ridere (o piangere???!!). I Vu Cumprà hanno REGOLARE pos, per vendere merce CONTRAFFATTA? Ma chi volete prendere per il culo?

petra

Ven, 18/07/2014 - 16:39

Com'è ovvio, tutto rigorosamente con scontrino fiscale!

antonio11964

Ven, 18/07/2014 - 17:28

ma qualcuno mi spiega come fa uno ad essere regolare se vende merce falsa ??? avra' pure la licenza manon credo si possa definire corretto e regolare uno cosi'.

Anonimo (non verificato)

chiara 2

Ven, 18/07/2014 - 17:49

spidipizza..superficiale sei tu. io non parlo per sentito dire e tu metti TUTTI gli illegali sullo stesso piano di una piccolissima percentuale di legali. zitto e commentati da solo

eolo121

Ven, 18/07/2014 - 18:30

pare una barzelletta di totò , una commercialista che compra merce taroccata... viene da piangere

eolo121

Ven, 18/07/2014 - 18:30

pare una barzelletta di totò , una commercialista che compra merce taroccata... viene da piangere

Ritratto di frank60

frank60

Sab, 19/07/2014 - 11:47

Io c'è lo con chi compra quella cianfrusaglia....finita l'offerta...finito il venditore...