La nostra lotta al terrorismo? I giudici condannano Allam

Il verdetto contro il giornalista a Milano, nei giorni degli attentati in Francia. Per le toghe ha offeso i musulmani, ma nel 2007 aveva solo predetto: "Tentano di imporci lo stato islamico"

Siamo tutti Charlie Hebdo . Però l'asticella della libertà di parola non è fissata una volta per tutte. Oscilla, può salire ma può anche scendere ed essere compressa quando le parole sono un atto d'accusa. Capita, è capitato in questi giorni drammatici innescando un cortocircuito inquietante fra la tragedia di Parigi e il palazzo di giustizia di Milano. Dove Magdi Cristiano Allam, giornalista e scrittore, è stato bacchettato per il suo j'accuse contro l'Ucoii, l'Unione delle Comunità islamiche italiane. Nessun legame diretto, ci mancherebbe, fra l'Italia e la Francia, però una vicenda su cui riflettere. Dunque, Allam, oggi editorialista del Giornale e in passato vicedirettore del Corriere della sera , viene condannato per un articolo in cui attacca il volto più importante dell'Islam italiano. In primo grado Allam era stato assolto: i giudici del tribunale civile di Milano gli avevano fatto scudo dietro il principio della libertà di critica. Oggi quella protezione viene tolta dalla corte d'appello che capovolge il verdetto e condanna Allam a risarcire l'Ucoii. Un dietrofront clamoroso, proprio nelle ore in cui la Francia e l'Occidente vivono una delle pagine più buie della loro storia e il mondo intero si interroga sulle ambiguità dell'Islam e si chiede dove passi il confine fra l'Islam cosiddetto moderato e quello più radicale.

Nel pezzo pubblicato il 4 settembre 2007 Allam racconta la storia di Dounia Ettaib, allora vicepresidente dell'Associazione donne marocchine, aggredita da alcuni connazionali vicino alla moschea di viale Jenner a Milano. Un grave episodio di intimidazione, ancora più grave perché accaduto nelle nostre strade. Allam definisce «tutti noi italiani vittime, inconsapevoli o irresponsabili, pavidi o ideologicamente collusi, che non vogliamo guardare in faccia la realtà, che temiamo al punto di essere sottomessi all'arbitrio o alla violenza di chi sta imponendo uno stato islamico all'interno del nostro traballante stato sovrano». Parole, come si vede, attuali che paiono scritte dopo la tragedia del giornale satirico francese. Parole che in primo grado i giudici avevano ritenuto non censurabili perché frutto delle legittime opinioni di Allam. Ora il giudizio cambia e arriva la condanna. Nel pezzo Allam faceva anche i nomi e i cognomi di chi sosteneva le tesi dell'Islam più radicale e aveva chiamato in causa l'Ucoii: non c'è «alcun dubbio che nelle moschee e nei siti islamici dell'Ucoii e di altri gruppi islamici radicali si legittimi la condanna a morte degli apostati e dei nemici dell'Islam». Sarebbe questo il punto controverso che avrebbe portato alla condanna di Allam: per i magistrati non si tratterebbe di libertà di critica ma di diffamazione. «La verità - spiega al Giornale l'avvocato Luca Bauccio, legale dell'Ucoii- è che Allam ha scritto il falso. Non è vero che l'Ucoii dia una qualche forma di copertura alle tesi dell'Islam più violento. Anzi, l'Ucoii è l'unica associazione di matrice islamica che abbia firmato la Carta dei valori e ammessa alla Consulta dell'Islam».

Il tema è difficile e scivoloso, ma certo Allam è uno degli opinionisti più acuti e duri nei confronti dell'Islam. E della minaccia che oggi le schegge militarizzate del jihidaismo rappresentano per l'Italia. L'articolo incriminato si concludeva con una domanda angosciante che otto anni dopo è ancora lì, pesante come un macigno: «Continueremo a imitare lo struzzo votato al suicidio nell'attesa che i terroristi islamici attuino la loro giustizia qui a casa nostra?» Un quesito che Allam rilancia oggi: «Io racconto la realtà dell'Islam che i tanti commentatori politically correct non vogliono sentire: l'Islam è incompatibile con la nostra democrazia e la nostra civiltà. In gioco non c'è solo la mia libertà di parola, ma quella di tutti noi».

Annunci

Commenti

GimmeSong

Lun, 12/01/2015 - 08:22

Nesnche la cruda realtà porta giustizia in Italia

Roberto Casnati

Lun, 12/01/2015 - 08:22

Solita sentenza idiota di una magistratura imbelle, pavida, di parte (SINISTRA) in una parola IDIOTA!

Ritratto di dbell56

dbell56

Lun, 12/01/2015 - 08:40

Allam è un martire di questa magistratura asservita agli extraparlamentari di sinistra di triste memoria e ai loro amici integralisti mussulmani che vogliono distruggere l'occidente!

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Lun, 12/01/2015 - 08:53

La repressione armata del diritto di opinione, scatena la rivolta ideologica di tutto il mondo libero. Tutti dicono "Je suis Charlie". Tutto il mondo libero. Da noi è la magistratura a reprimere o incoraggiare la libertà di pensiero. Secondo chi pensa e secondo chi esterna il proprio pensiero.

Ritratto di rapax

rapax

Lun, 12/01/2015 - 08:59

tutto "normale" secondo voi perche' sta ciofeca e' 154 su 160 tra le magestrature dei paesi organizzati giuridicamente??

Ritratto di aiachiaffa

aiachiaffa

Lun, 12/01/2015 - 09:11

JE SUIS ALLAM MAGDI

vince50

Lun, 12/01/2015 - 09:17

Aveva saggiamente predetto quello che i comunistazzi non vogliono ascoltare,quindi va condannato.Persona molto capace ma con un solo torto,non aver capito che detta legge il Italia e di conseguenza non dire quello che disturba il manovratore.

Marzio00

Lun, 12/01/2015 - 09:18

Forse da ex Mussulmano e convertito al Cristianesimo, lui (a differenza nostra) conosce bene sia il Corano che il Vangelo e la Bibbia, nonché gli ambienti di studio e predicazione con i suoi pro e contro!

GiulioP

Lun, 12/01/2015 - 09:23

"Nessuno è profeta in patria" ... nel caso di Allam, anche nella sua nuova patria ... Certe sentenze dimostrano come certi magistrati, come tanti politici, vivano fuori dalla realtà ...

gyxo

Lun, 12/01/2015 - 09:32

Abbiamo una giustizia politicamente bastarda che da una nuova prova di essere vigliacca e parziale quando condanna Magdi Allan per avere criticato un alto esponente islamico. Dopo avere assolto in primo grado Magdi Cristiano Allan,la mafia giustizia,ucoi,corte d'appello fregandosene del diritto di critica agisce con prepotenza e condanna Magdi Cristiano Allan.Merito di un napolitano indecente che improvvisamente,visto il completo fallimento della sua politica anticostituzionale,scappa dalle sue responsabilità enormi perchè ha capito che ormai ha affossato ,complici le brigate comuniste,la civiltà europea.Il grande codardo comunista guerrafondaio con la sua caporetto cerca di salvare il c..o .Ha distrutto l'Italia e l'ha ridotta a colonia islamica.Almeno levategli la pensione che di soldi e sfarzi ad personam ne ha già presi a sufficenza. Al più indecente capo di stato della repubblica italiana dedichiamo un Bonjour Tristesse-Tristesse-Tristesse.

gs_perugia

Lun, 12/01/2015 - 09:36

Non passera" molto tempo, che questi giudici andranno in pellegrinaggio a casa di Allam per chiedere scusa. Meditate.

Ritratto di giorgio51

giorgio51

Lun, 12/01/2015 - 09:39

DEMENTI. HANNO ROVINATO E CONTINUANO A ROVINARE UN PAESE CHE ERA CIVILE OGGI NON PIÙ

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Lun, 12/01/2015 - 09:39

Diffamare delle persone, con tanto di nomi e cognomi, sarebbe libertà di opinione??? Quindi io se dico che "Pincopallo" è un ladro e non lo provo avrei solo esercitato la mia "libertà di opinione"? Sganciare!!!!

francab

Lun, 12/01/2015 - 09:43

dovrebbero condannare anche me, penso la stessa cosa da taaanto tempo ps non avete notato che i pochi che affermano di avere fiducia nella giustizia sono persone in attesa di giudizio??? la speranza e' l ultima a morire

mezzalunapiena

Lun, 12/01/2015 - 09:44

in Italia non esiste una magistratura nel senso letterale della parola ma esiste un gruppo di magistrati politicizzati che emettono sentenze strettamente basate al colore politico.

@ollel63

Lun, 12/01/2015 - 09:50

NON è SOLO UNA MAGISTRATURA IDIOTA, E' CRIMINALE, LIBERTICIDA, TIPICAMENTE COMUNISTA, SCIOCCA A TAL PUNTO DA FAR RIBOLLIRE IL SANGUE NELLE VENE D'OGNI ESSERE PENSANTE.

Ritratto di Gios'',,40.

Gios'',,40.

Lun, 12/01/2015 - 09:51

MAGDI ALLAM'',,, Non a una opinione dura sull'islam,, sono quelli della sinistra che per motivi di voti sono dolci con i nostri prossimi carnefici, chi non sa che i magistrati sono contro tutto che é civile alzi la mano,, non posso scrivere altro non per paura ma il giornale poi censura come sua abitudine ormai'',, pienissima solidarieta a MAGDI,, e persino scusa da parte mia che non scendiamo in piazza e spasciamo tutto come fanno loro con i centri criminali ho pardon centri sociali. Saluti singeri MAGDI ALLAM.

Gaeta Agostino

Lun, 12/01/2015 - 10:08

Scusate ma di cosa ci meravigliamo, che la magistratura italiana è corrotta e politicizzata e applica la legge come più fa comodo a loro calpestando ogni giorno i diritti di noi cittadini italiani? Be non meravigliatevi, il fenomeno non parte da adesso, parte da molto lontano. Ad ogni modo desidero essere processato anche io, penso e dico le stessissime cose che dice pensa Magdi. Giudici italiani ARRESTATEMI, ARRESTATEMI, ARRESTATEMI.

nonnoaldo

Lun, 12/01/2015 - 10:22

Tutti o quasi abbiamo visto e sentito il presidente dell'Ucoii a Porta a Porta la sera dopo la carneficina di Parigi. Non mi sembra di avergli sentito pronunciare parole di ferma codanna, piuttosto dei si... ma... però... con cui tentava di riproporre, a vittime ancora calde, il suo Islam pacifico e tanto amante del prossimo. Quindi Allam ha ragione e questi giudici hanno colto l'occasione per emettere un altro verdetto della serie 150mi su 156.

marcomasiero

Lun, 12/01/2015 - 10:29

siamo tutti Magdi Cristiano !!!

Rossana Rossi

Lun, 12/01/2015 - 10:31

E' da queste vergogne che si evince che oramai in Italia è tardi per correre a qualsiasi riparo. Oramai siamo terra di conquista per i tagliagole sponsorizzati dalla nostra vergognosa sinistra complice di questi delinquenti. Non c'è via di scampo, aspettiamoci di tutto anche attentati dopo i quali ci saranno le solite uggiose lamentele a difesa dell'islam buonista e inesistente e si continuerà così fin che non ci sottometteremo a questa gentaglia. Grazie sinistra.

Rossana Rossi

Lun, 12/01/2015 - 10:31

E' da queste vergogne che si evince che oramai in Italia è tardi per correre a qualsiasi riparo. Oramai siamo terra di conquista per i tagliagole sponsorizzati dalla nostra vergognosa sinistra complice di questi delinquenti. Non c'è via di scampo, aspettiamoci di tutto anche attentati dopo i quali ci saranno le solite uggiose lamentele a difesa dell'islam buonista e inesistente e si continuerà così fin che non ci sottometteremo a questa gentaglia. Grazie sinistra.

Nonlisopporto

Lun, 12/01/2015 - 10:34

Non mi sento e non sono Charlie. W Le Pen Allam basta PD Islam magistratura parassita

Ritratto di hardcock

hardcock

Lun, 12/01/2015 - 10:42

I politici e la magistratura hanno ridotto un popolo capace del Risorgimento ad un branco di pecore senza palle. in altri tempi sarebbero gia state erette da tempo le ghigliottine. CHE ASPETTIAMO?

Ritratto di Willy Wonker

Willy Wonker

Lun, 12/01/2015 - 10:58

Bisogna inanzitutto mandare a casa questi quattro vecchi imbeccili di magistrati che vivono in un'altro mondo/realtà!! Non applicano la legge da tempo ma la interpretano sic!! Magdi è una persona seria in un paese che non lo è da tempo!!! Personalmente penso che l'italia ed europa sta arrivando alla frutta e piu questi si barcamenanno e piu la gente s'incazza e piu dure saranno le conseguenze! Certamente non verserò lacrime ma farò festa se spariscono dalla faccia della terra!!!

buri

Lun, 12/01/2015 - 11:04

ingiustizia è fatta ! che volete di più ? i fatti danno ragiuone ad Allam, ma per i nostri bravi magistrati i fatti bon contano, invece sono importanti le loro opinioni

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Lun, 12/01/2015 - 11:05

Caro Omar, un conto è dire: tu sei un ladro, Un conto è dire: secondo i tuoi comportamenti io penso che tu sia un ladro. Posso pensarla come mi pare o no?

bezzecca

Lun, 12/01/2015 - 11:11

Allam attaccando tutti i musulmani indiscriminatamente trasforma 1 miliardo e mezzo di persone ( tanti sono ) in nostri nemici Molto furbo

m.nanni

Lun, 12/01/2015 - 11:16

quattro milioni per la libertà di espressione a Parigi, ma i giudici italiani condannano in appello (in primo grado era stato prosciolto) Magdi Cristiano Allam che contro un islamismo equivoco l'aveva esercitata. scandaloso che il centrodestraliberaletutto si comporti come per la maglietta di Calderoli e la condanna di Sallusti (quella di Berlusconi è altro inquietante capitolo), voltandosi dall'altra parte e lasciando correre, se non accettando le dimissioni da ministro come per Calderoli! MAGDI ALLAM LIBERO!!!!!!!!!!! CENTRODESTRAFORZAITALIASVEGLIA!!! Silvio, non ci vogliono carri armati da mandare all'estero per difendere le nostre libertà; occorre mostrare gli attributi in Italia! La situazione è gravee!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Lun, 12/01/2015 - 11:19

JE SUIS ALLAM MAGDI

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 12/01/2015 - 11:28

La Magistratura Democratica ha iniziato il suo lungo cammino già dalla fine degli anni sessanta. Dal giudice Francesco Misiani, che si vantava apertamente di essere stato un giudice ideologicamente motivato e di aver partecipato all'abbattimento del sistema, alla MD odierna ormai diventata del tutto diversa dall''Ordine indipendente che dovrebbe essere la nostra giustizia,, ma non 'sovrano'. E chi passa sotto alle sue forche, non ha alcun scampo: Berlusconi è stato ammazzato ed ora ci stanno provando anche con Magdi Cristiano Allam, bombardandolo da tutte le parti! E pensare che solamente ieri hanno sfilato duemilioni di persone con una matita in mano, simbolo della libera espressione.

Joe Larius

Lun, 12/01/2015 - 11:34

Il sinistrume non si rende conto che per non perdere la testa, quando i suoi protetti domineranno il paese in cui vive, dovrà alzare anche lui le sue le chiappe al cielo. Dimenticavo: per lui la religione* non è altro che un pregiudizio borghese che tutela interessi altrettanto borghesi. (*quella che non gli fa comodo naturalmente)

EFISIOPIRAS

Lun, 12/01/2015 - 11:34

aL SIG BEZZECCA: Magdi Allam non attacca i musulmani: Attacca invece IL MODO DI ESSERE MUSULMANI nella peggiore interpretazione che quelle persone fanno in relazione ai versetti satanici o non satanici che invitano ad uccidere chi non è CREDENTE per un fine ben preciso : CONQUISTARE IL MONDO ANCHE CON LA GUERRA O COL TERRORISMO, OSSIA CONQUISTARE IL TERRITORIO DOVE LE POPOLAZIONI DEVONO PERIRE O ADATTARSI ALLA LORO FEDE. E poichè i governi islamici sono guidati dai sacerdoti di maometto o di allah penso che lei dovrebbe capire che l'islamismo è una politica volta alla conquista ossia volta alla guerra. Espressione per ora visibile di detta politica è ALQAEDa, ISIS E BOKO HARAM. Se non capisce questo....

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Lun, 12/01/2015 - 11:41

@Omar - Denunciare i comportamenti assassini che la vostra ideologia religiosa genera non è diffamazione ma è la realtà. Se poi si vuol mettere un bavaglio a chi denuncia la verità, allora è 1 - O per voi. Per il momento. Ricordatevi che avete da secoli tentato di occupare e prendere l'Occidente ed è sempre finita male. Per voi. Continuate così che finiremo in guerra civile e vedremo chi vince poi. Idioti ed ignoranti come siete.

scarface

Lun, 12/01/2015 - 11:42

Se volete la prova reale, concreta di cosa pensano gli imam 'moderati', vi prego seguite attentamente questa intervista, organizzata dal Secolo XIX il 27/08/2014 tra Don Valentino Porcile e il rappresentante dei mussulmani di Genova Salah Hussein sul tema "Religione ed Estremismi". In particolare esaminate attentamente quello che dice l'islamico dal minuto: 7:20 in merito all'omicidio. Espressione indiretta dell'inconscio ? Ogni ulteriore commento e' purtroppo inutile. Magdi siamo tutti con Te.

Chaarli

Lun, 12/01/2015 - 11:45

E pensare che ieri a studio aperto, alcuni manifestanti della moschea di Milano( manifestazione x commemorazione Maometto), hanno chiarissimamente , in diretta esoreasso la loro condivisione x gli atti di Parigi. Dov e' la giustizia??

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 12/01/2015 - 11:48

...e non dimentichiamo l'arresto di Abu Omar, il terrorista egiziano ricercato in tutto il mondo occidentale, il cui processo si è svolto sempre a Milano. „I giudici della Corte d'appello di Milano, oltre a condannare Nicolò Pollari e Marco Mancini, rispettivamente a dieci e nove anni di carcere, hanno stabilito un risarcimento a titolo di provvisionale a favore dell'ex Imam, Abu Omar, di un milione di euro. Per la moglie invece la Corte ha stabilito una provvisionale di 500mila euro“. Da siffatte toghe che cosa dobbiamo aspettarci?

Ritratto di indi

indi

Lun, 12/01/2015 - 11:52

Anche se improprio, sovente paragono la giustizia al calcio. L'applicazione delle regole di quest'ultimo dipendono dalla discrezionalità arbitrale. Se risulta insopportabile per un gioco, come è possibile accettare che una sentenza sia l'opposto dell'altra, specialmente in casi di diffazione? Non basterebbe basare il giudizio sulla regola. "È perseguibile colui che senza prove diffama".

Mobius

Lun, 12/01/2015 - 11:53

Tutto sta a vedere (non sono informato) cos'ha detto esattamente Allam, se la sua dichiarazione sull'Ucoii era solo una ipotesi "di lavoro" oppure pretendeva di essere un dato di fatto, da dimostrare. Comunque sia, io sto dalla parte del grande Allam, posto che la magistratura italiana, l'Ucoii e l'Islam mi fanno tutti ugualmente schifo.

Ritratto di fabiobonari

fabiobonari

Lun, 12/01/2015 - 11:59

Dice la Boldrini che gli immigrati ci aiuteranno a cambiare il nostro stile di vita. Riguardo alla libertà di espressione stiamo facendo rapidi progressi.

onurb

Lun, 12/01/2015 - 12:04

Se i magistrati fossero eletti dal popolo, probabilmente saprebbero giudicare in base al comune sentire di chi li ha votati.

Vero_liberista

Lun, 12/01/2015 - 12:15

La vergognosa sentenza emessa contro Magdi Allam mi da l'occasione per rilanciare una mia idea: in passato si è (solo) parlato tanto di riforma della giustizia ma g nessuno ha mai pensato a questo: che ogni magistrato (giudice o pm che sia) per esercitare la professione deve dimostrare non solo le competenze tecniche ma anche di avere un sufficiente grado di equilibrio psicologico e capacità di pensiero e valutazione non influenzata da dogmi, pregiudizi, ossessioni o altre patologie del pensiero. Questo va periodicamente attesta dal superamento di un esame psicologico scientificamente predisposto ad hoc, così come si fa per altre mansioni delicate. Se non li supera non può esercitare la professione e viene espulso dall'ordine. punto. potrà dedicarsi a fare altro (insegnamento, opinionista, romanziere ecc.) ma nulla che comporti decisioni che incidono sulla vita altrui. Vedremo se qualcuno avrà il coraggio per fare questa proposta di civiltà.

Ritratto di semovente

semovente

Lun, 12/01/2015 - 12:16

Io invece ti, caro Cristiano, assolvo e plaudo alle tue dichiarazioni.

Vero_liberista

Lun, 12/01/2015 - 12:16

La vergognosa sentenza emessa contro Magdi Allam mi da l'occasione per rilanciare una mia idea: in passato si è (solo) parlato tanto di riforma della giustizia ma g nessuno ha mai pensato a questo: che ogni magistrato (giudice o pm che sia) per esercitare la professione deve dimostrare non solo le competenze tecniche ma anche di avere un sufficiente grado di equilibrio psicologico e capacità di pensiero e valutazione non influenzata da dogmi, pregiudizi, ossessioni o altre patologie del pensiero. Questo va periodicamente attesta dal superamento di un esame psicologico scientificamente predisposto ad hoc, così come si fa per altre mansioni delicate. Se non li supera non può esercitare la professione e viene espulso dall'ordine. punto. potrà dedicarsi a fare altro (insegnamento, opinionista, romanziere ecc.) ma nulla che comporti decisioni che incidono sulla vita altrui. Vedremo chi avrà il coraggio per fare questa proposta di civiltà.

ciannosecco

Lun, 12/01/2015 - 12:16

"Omar El Mukhtar"Egregio,lei in pratica ci dice che,chiunque abbia dato del delinquente e pregiudicato a Berlusconi,prima della condanna ,sarebbe da condannare in Tribunale.Saluti.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Lun, 12/01/2015 - 12:24

...Solidarietà incondizionata a Cristiano Allam ed alla compianta grande ed indimenticabile italiana Oriana FALLACE; Contestualmente, il mio biasimo incondizionato va agli "struzzi" che popolano, in misura eccessiva, questo Paese e l’Europa. Quando tra qualche anno i fatti daranno ragione ai Due, sarà troppo tardi ed allora, ci sarà poco da scegliere, tra l'essere "schiavi" nella propria terra o ribellarsi con le debite conseguenze.

Bellator

Lun, 12/01/2015 - 12:27

Certa Magistratura non ha altro da fare !!,in Italia abbiamo il diritto di criticare e contestare il comportamento degli immigrati musulmani,che non rinunciano ai loro usi e costumi, oltre a pretendere che dobbiamo accettare il loro sistema di vita.I componenti della Corte di Appello di Milano, per loro conoscenza, chiedessero al Presidente PUTIN, cosa ha dichiarato in un intervento alla DUMA SOVIETICA, a proposito delle minoranze etniche, che vanno in Russia per lavorare e rimanervi!!.L'Italia è uno Stato di Diritto o uno stato di Inquisizione,retto da una minoranza di Giudici,impiegati dello Stato !!.Chi meglio di Allam, conosce il mondo Musulmano??, non i Giudici, certamente !!.

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Lun, 12/01/2015 - 12:38

La "giustizia" comunista ha colpito, ormai siamo peggio delle repubbliche "democratiche" del'ex est europeo

Freedom1930

Lun, 12/01/2015 - 12:41

Se qualcuno dava ancora il beneficio del dubbio, ora la smetta, sia serio. Con questa ultima sortita, abbiamo avuto tutti la conferma che siamo al terrorismo giudiziario tipico locale, non meno feroce di quello che viene da lontano. Ci vietano le parole (ricchione, negro, immigrato, clandestino, zingaro, etc.) e ci tappano la bocca con condanne aggressive ed esemplari avvertimenti mafiosi se non ci facciamo piacere per forza quello che vogliono e se non condividiamo le loro idee. Anche la critica è messa al bando. Mentre in Francia sono disposti a farsi ammazzare per essere liberi di pensare e di parlare. Molti cattivi pensieri e terribili sospetti, ancorché inesprimibili, dilagano. Presto dovremo tornare sulle montagne o fare pulizia.

GiovannixGiornale

Lun, 12/01/2015 - 12:43

Di che stupirsi? In questo paese è in piedi un regime che agisce in modo capillare e sempre più manifesto. La sinistra occupa ogni posto di potere, dal più piccolo al più grande, da quello politico a quello culturale, da quello economico a quello istituzionale. È così forte che ormai non ha nemmeno più bisogno della farsa dei rituali, governando senza elezioni o condizionando attraverso le proprie sfrontate camarille economiche quelle che per decenza ancora si tengono. I peggiori e frequenti scandali che la coinvolgono, passano presto nel dimenticatoio attraverso la manipolazione del consenso operata dai maitre a penser amici e facilitata dall'inganno che collega nell'immaginario popolare la sinistra alle classi povere. Bisogna gridare tutti che il re è nudo e che almeno cessi l'inganno che ci fa inneggiare ai nostri tiranni.

moshe

Lun, 12/01/2015 - 12:51

Sulla giustizia italiana ormai non c'è più niente di buono da dire. L'Italia è in mano alla dittatura komunista.

steacanessa

Lun, 12/01/2015 - 12:55

Orrore giudiziario senza fine.

Ritratto di ErnestoNonno

ErnestoNonno

Lun, 12/01/2015 - 13:00

Uno dei più lucidi e coerenti opinionisti presenti sulla stampa nostrana . Inascoltato e ghettizzato solo perché non omologato nei salotti politicamente corretti . Esposto in prima persona perché coraggiosamente ha scelto la fede cristiana in aperto contrasto con le sue origini , condannato perché il nostro diritto vieta di dire la verità fino a che non vi è la prova col morto .Ciò che Allam va dicendo dal 2001 si è sempre puntualmente avverato . Ma vi è sempre un giudice zelante che deve acquisire crediti per la sua carriera politica .

sergio_mig

Lun, 12/01/2015 - 13:45

Adesso vediamo se i magistrati condannano i mussulmani che hanno distrutto la statua della Madonna e, sulla quale hanno poi urinato sopra.

paco51

Lun, 12/01/2015 - 13:49

AVETE L'IMPOSSIBILE UN PARLAMENTARE MUSULMANO! quindi non ci si meraviglia di nulla! ma tutto ha fine! speriamo presto la storia si ripete a cicli!

rigadritto

Lun, 12/01/2015 - 13:50

Tutti devono avere il diritto di esprimere opinioni anche scomode

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 12/01/2015 - 14:05

Je suis MAGDI CRISTIANO ALLAM.

Ritratto di marione1944

marione1944

Lun, 12/01/2015 - 14:08

Omar El Mukhtar: non so da dove venga ma torni a casa sua.

Ritratto di marione1944

marione1944

Lun, 12/01/2015 - 14:10

Magdi Cristiano Allam "giustiziato" per aver detto la verità. Giudici italiani = buffoni sinistrati.

luigi.muzzi

Lun, 12/01/2015 - 14:15

Se fosse capitato in italia, Charlie sarebbe stati condannato pure a risarcire le famiglie dei terroristi, certa magistratura è cristianofoba !

Massimo Bocci

Lun, 12/01/2015 - 14:15

Lo assolveranno POSTUMO!!! Che volete la giustizia???? (Si fa per dire) di un REGIME DI LADRI COMUNISTI-CATTO è una fotocopia dello stesso NON TOLLERA LA VERITA'!!! SPECIALMENTE SE ACCLARATE e COMPROVATE DAI FATTI!!! VERI!!!, Verità che disturbano lo status QUO,(IL MAGNA MAGNA!!!) disturba che qualcuno non loro servo gli snoccioli in faccia verità,VERE, dette e GRIDATE (come ultima spiaggia) senza il bon ton IPOCRITA del REGIME,tanto c'è sempre la possibilità (per loro i trini lex???) di riformulare il giudizio, non son mica infallibili LORO LAVORANO PER IL REGIME!!! (E SI VEDE!!!).....segue

Massimo Bocci

Lun, 12/01/2015 - 14:16

2) segue........quindi possono sempre rimangiarsi tutto, ma solo in maniera POSTUMA, si quando il fumo su gli occhi (di prosciutto) degli Italiani (CHE BEOTI CREDONO DI ESSERE IN UNA DEMOCRAZIA...DEL PIFFERO) si dirada,dunque abbiate fede??? E aspettate (Matusalemme) solo le sentenze postume quelle giuste, questa è la solita comparsata di REGIME!!!! Per ora il malcapitato paga (le spese processuali), i media REGIME, (fanno le loro mistificazioni quotidiane) e come affermava il loro vate Lenin :"una menzogna in bocca a un comunista è una verità rivoluzionaria" figuratevi detta in un tribunale del........REGIME!!!!

angelomaria

Lun, 12/01/2015 - 14:38

NOB CE' GIUSTIZIA DOVE LA GIUSTIZIA DIFENDE I TAGLIAGOLA TERRORISTI E CENSURA LA STAMPA DEMOCRATICA VERGOGNE CHE CI PORTERANO ALL'ANNIENTAMENTO GENTE SENZA FEDE!!!I VERMI SELLA CASTA !

vykort

Lun, 12/01/2015 - 14:42

Io sto con Magdi! Sto con la liberta´ di stampa ANCHE in Italia. Ho paura che le vignette di Charlie Hebdo qui non avrebbero vita. Esiste qui un ordine dei giornalisti che non conosce ancora la liberta´ di stampa!

m.nanni

Lun, 12/01/2015 - 14:49

le dichiarazione odierne del Papa, di pretendere (finalmente!) dai leader religiosi mondiali la condanna di ogni forma di violenza e di distorsione della religione(quello che chiediamo anche noi) rendono ancora più sconsiderata, sconcertante e persino istigativa la condanna inferta a Magd Allam dalla "giustizia" italiana. torno a dire; esiste questa sinistra malata che si sta ingoiando tutto il potere e che spedisce ai servizi sociali gli avversari, esiste questa magistratura a briglie sciolte perchè tutto ciò viene permesso dai suoi avversari. una mano d'aiuto viene data da FI e da Silvio Berlusconi. e ciò è inamissibile e ci fa molto incazzare.

MEFEL68

Lun, 12/01/2015 - 16:20

La religione cattolica si può deridere fino al vilipendio. Barzellette su Dio, caricature dei Gesù in croce, dei Santi e della stessa Chiesa ci hanno anche fatto sorridere e nessuno ha detto o proibito niente. Tutt'altra musica (è il caso di dirlo) quando l'argomento urta la suscettibilità dei nostri "ospiti". Un esempio? In una vecchia canzone di Carosone "Caravan petrol", il verso del ritornello -Allah, Allah, Allah, ma chi t'ha fatto fa- è stato sostituito con -ahahahaha, ma chit'ha fatto fa'. Chi ha sentito questa nuova versione può confermare.

salvatore40

Lun, 12/01/2015 - 16:32

Quest'Italia merita una bella dominazione islamica non-moderata, ad maiorem Allah gloriam.Il Clemente.A noi l'INCLEMENZA !

opinione-critica

Lun, 12/01/2015 - 18:05

I magistrati milanesi sono noti per la loro imparzialità e serenità di giudizio; non hanno mai perseguitato nessuno. Hanno solo perseguito chi gli era antipatico e non era dalla loro parte politica, ma siamo in Italia volete mica che non perseguano chi ha idee politiche diverse dalle loro? E' così che si fa carriera nella magistratura.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 12/01/2015 - 21:23

Si ripete il fiancheggiamento ideologico e giudiziario già fornito ai comunisti. Oggi le toghe tifano spudoratamente per agli islamici perché son sicuri che saranno i prossimi padroni del cucuzzaio. La sinistra sente, per sua natura, che il prossimo alleato per continuare a governare e far soldi sono gli islamici. Consiglierei prudenza ai bellaciao perché i seguaci del profeta in fatto di lealtà non sono del tutto limpidi. E con gli infedeli si sa come si comportano. Parlo degli islamici buoni naturalmente. Gli integralisti bombaroli, fedeli che sbagliano, si sa già come la pensano.

Ritratto di mambo

mambo

Mar, 13/01/2015 - 00:16

i giudici vogliono imporci l'islam? sempre a sinistra la giustizia italiana.

precisazione

Sab, 17/01/2015 - 12:35

Non si capisce il motivo di tanto odio verso la ex-religione propria, indicami uno stato senza necessità di corpo di polizia. Quando ci si crede ad un dilemma significa che è stata disinserita la razionalità che prevede il ricorso all’uso del cervello. Predicare è facile ma mettere in atto sani insegnamenti è molto difficile specie se urtano contro gli interessi propri. Fratellanza e tolleranza!!!! Dove erano quando si è sancito di vietare alle universitarie di portare il velo? Dove erano quando vignettisti oltraggiavano una figura rispettata da più di un miliardo di uomini riconosciuta da occidentali fra i personaggi storici ???