Nozze gay senza ultrà Ncd. E Verdini in maggioranza

I renziani esultano: con il no dei vari Giovanardi, Sacconi e Formigoni, nessuno potrà accusarci di avere ceduto ad Alfano. L'ex azzurro pronto a votare la fiducia

«Se finisce così, abbiamo fatto cappotto», dice ai suoi il premier quando gli annunciano che l'ala oltranzista di Ncd si prepara a non votare la fiducia sulle unioni civili.Niente di meglio del «no» dei vari Sacconi, Formigoni, D'Ascola e Giovanardi per dimostrare che il testo su cui Matteo Renzi ha messo il proprio timbro è tutt'altro che un «cedimento» al partitino cattolico di maggioranza. Tant'è che, a parte la stepchild adoption, il maximendamento su cui giovedì si chiuderà la partita delle unioni gay è pari pari il ddl Cirinnà, con aggiustamenti tecnici.Il ragionamento che si fa ai piani alti del Pd è semplice: in aula, a voto segreto, sulle adozioni si rischiava una Caporetto. «O la bocciatura o, peggio, il passaggio di emendamenti come quello sull'affido rafforzato che avrebbero fatto fare un salto indietro alla situazione reale, nella quale i tribunali le adozioni le fanno fare», dice la senatrice Francesca Puglisi. Tolte le adozioni, «su cui la giurisprudenza sta già creando il fatto compiuto e su cui stiamo preparando un testo di legge», resta il fatto che «siamo riusciti a far votare ad Alfano le unioni gay. Roba che fino a due giorni fa sembrava fantascienza», come nota il vicepresidente dei senatori Pd Alessandro Maran.Tagliati fuori dall'approvazione di «una legge storica per i diritti civili», come dicono i renziani, saranno sia i grillini che Sel, che infatti insorgono contro la fiducia. Renzi, davanti ai suoi senatori, è drastico: «Chi insiste che dovremmo affidarci ancora ai grillini, eterodiretti da quel Casaleggio, o non ha capito niente o cerca solo la sconfitta. Pensavo che su questo tema potessero giocare una partita diversa ma sbagliavo: non immaginavo tanto cinismo». A questo punto, ha sottolineato, «l'unica alternativa alla fiducia sono la melina e la palude».Intanto Denis Verdini - che fin dall'inizio si è schierato a favore delle unioni e anche delle adozioni - si prepara al suo primo voto di fiducia al governo Renzi. «Dobbiamo riunirci e decidere, non è un passo indifferente», dice diplomatico il parlamentare Luca D'Alessandro. Ma nel Pd tutti ne sono certi, minoranza inclusa: «Verdini voterà la legge? È scontato», dice Miguel Gotor. Del resto, fa notare il renziano David Ermini, «quelli della minoranza con Verdini, e pure Berlusconi, hanno già votato fiducie a tutto spiano, ai tempi del governo Letta. Non sono verginelle...». Sta di fatto che, col voto di fiducia, l'appoggio esterno dei verdiniani fa un salto di qualità, alimentando gli incubi di chi nel Pd paventa il famoso «partito della nazione». Ma lo fa «sul terreno migliore per noi», sottolineano in casa renziana: «su una battaglia di sinistra come le unioni gay».I bersaniani, che alla vigilia avevano minacciato fuoco e fiamme contro l'intesa con Ncd, nell'assemblea dei senatori Pd ieri sono rimasti silenziosi (a parte un sermone del vecchio operaista Mario Tronti sul tema «popolo ed elite», giudicato «a destra di Giovanardi» dai renziani). «In fondo portiamo a casa un grosso passo avanti», ammette a denti stretti Gotor. Renzi, incassato il via libera al suo Blitz Krieg sulle unioni, corre in Vaticano a celebrare i Patti lateranensi. E da lì rivendica: «Rispettiamo le opinioni della Cei, ma su temi come questo il governo ha posizioni diverse».

Commenti

vince50_19

Mer, 24/02/2016 - 09:03

"Tolte le adozioni, «su cui la giurisprudenza sta già creando il fatto compiuto e su cui stiamo preparando un testo di legge», resta il fatto che «siamo riusciti a far votare ad Alfano le unioni gay. Roba che fino a due giorni fa sembrava fantascienza», come nota il vicepresidente dei senatori Pd". Un'impresa epica (come METTERSI NELLE MANI di certa magistratura senza un minimo di decoro politico, subalterni a quest'ultimi), come quella di Verdini, quello che la sx vedeva come il fumo negli occhi ma che è nella maggioranza. Questo significa solo una cosa: dx e sx sono morte politicamente da anni, sono solo FETICCI PER BOCCALONI. Chi comanda sono "altrove" (n.d.r. Von Rompuy)

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 24/02/2016 - 09:27

Caro Verdini fossi in te cambierei l'iniziale del cognome e sarebbe veramente più consono.MMMMMMMMMMM

unosolo

Mer, 24/02/2016 - 09:30

quanto ha lavorato per entrare sull'aereo del PCM , ha iniziato col Nazareno voluto per forza ed ecco che entra a tutti gli effetti in organico dell'aereo , tutti hanno un prezzo è indole di alcuni politici che sanno sfruttare e ricattare , barattare e ottenere poco o tanto l'importante restare nelle grazie , non importa come l'importante e non essere indagati , impressione è solo questa , visto che a destra è un continuo indagare .,

egi

Mer, 24/02/2016 - 09:36

Cosa non si fa per la poltrona, cani e porci avanti tutta bandiera rossa la trionferà

adalberto49

Mer, 24/02/2016 - 09:50

ALFANO STIA DALLA ARTE DELLA FAMIGLIA COSTI QUEL CHE COSTI,ANCHE VOTANDO NO ALLA FIDUCIA!

Ritratto di gattofilippo

gattofilippo

Mer, 24/02/2016 - 10:49

Che partito di melma, hanno preso una batosta e gongolano. Una settimana fa Frottolo diceva che la legge doveva passera così com'era compreso l'art. 5 sulle adozioni dei bambini. Una vittoria di Pirro, ma non conoscono la vergogna.

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Mer, 24/02/2016 - 11:19

Sarei curioso di sapere come si sentono quelli che hanno votato Verdini ed i suoi compagni di merende, eletti quando facevano parte del partito di Berlusconi. Così, solo per capire se continuano a condividere il pensiero di questi voltagabbana o se, invece, si sentono traditi. Scommettiamo che nessuno ammetterà di averli votati?

cameo44

Mer, 24/02/2016 - 11:20

ricordiamo agli Ipocriti e bugiardi del PD che parlano di dare diritti a chi no le ha sanno costoro quanti diritti negati ci sono nel nostro paese? a partire dagli anziani ABBANDONATI DALLO sTATO costretti a ri volgersi a case private che tante volte sono risultate inidonei oltre a costare troppo e non tutti vi possono accedere parliamo pure degli asi li nido carenti le lunghe attese nei pronto soccorsi e per visite spe cialistiche queste sono le priorità e non le nozze gay e solo una lotta ideologica e non per dare diritti come ci dicono in quanto alle adozio ni ricordiamo che avere un figlio non è un diritto e che un bambino ha il diritto di avere un padre e una madre i tanti negli orfanotrofi li possano adottare le normale famiglie formate da un uomo e una donna

cameo44

Mer, 24/02/2016 - 11:31

Di quante maggioranze ha bisogno Renzi per stare al Governo? Renzi ed il PD tutto non hanno il senso della vergogna parlano tanto di morale questi signori che hanno insorto per due senatori passati a F.I. nel Governo Berlusconi ritengono normale e corretto i tanti acquisti fatti dal NCD ai fuoriusciti dei vari partiti dal SEL a Lista Civica ed ora Verdini ed i verdiani Sig Presidente Mattarella anche se è stato mes so lì da Renzi si dia una mossa faccia tornare la democrazia nel Paese Abbiamo un presidente del Consiglio mai eletto ed un governo sostenuto da gente eletta nello schieramento opposto se è vero che la Costitu zione non prevede il vincolo di partito il vincolo cè con gli elettori

giosafat

Mer, 24/02/2016 - 11:55

Basta disseminare il percorso di succulente briciole e i sorci, soprattutto quelli verdi, arrivano a frotte. Una volta bastava il piffero, ma i tempi, e le tariffe, cambiano...

hectorre

Mer, 24/02/2016 - 11:56

poveri sinistri....odiano a comando, alfano e verdini erano considerati servi del padrone,piduisti, massoni...ecc....ecc.....ora che tengono in piedi un governo illegale e un premier farlocco, sono diventati parte integrante del pd e nessuno si lamenta!!!!.....siete un branco di pecore ma vi considerate uomini liberi...ahahahahahah.........e il pd al 34% (saranno attendibili i sondaggi????) certifica la mia considerazione.....bheeeeee...bheeeeee...bheeeeee.....