Nuova "censura" di Grillo ai suoi: "Le interviste vanno concordate"

Beppe Grillo torna a stigmatizzare la stampa e a richiamare i parlamentari M5S: "Le interviste vanno concordate coi vertici". E li avvisa: "Chi non condivide il programma se ne può andare"

Dopo un periodo di sostanziale "tregua" con i giornalisti, Beppe Grillo torna a tirare le redini e a vietare ai suoi di rilasciare interviste senza averle prima concordate con i vertici del partito.

"I responsabili della comunicazione del MoVimento 5 Stelle sono Ilaria Loquenzi, Rocco Casalino e Cristina Belotti, rispettivamente alla Camera, al Senato e in Parlamento Europeo, che si coordinano con Beppe Grillo e Davide Casaleggio", si legge sul blog del Movimeno Cinque Stelle, "Tutte le uscite comunicative dei portavoce (partecipazioni a eventi, interviste alla tv, interviste ai giornali, post sui social network riguardanti l’azione politica del Movimento 5 Stelle e simili) devono essere concordate assieme a loro. Altrimenti si rischia di cadere nelle trappole giornalistiche o di danneggiare l’immagine del Movimento 5 Stelle con uscite goffe e maldestre".

E soprattutto ricorca che "chi danneggia l’immagine del Movimento 5 Stelle può incorrere nelle sanzioni definite dal Regolamento: richiami e sospensioni". "Non si fanno sconti a nessuno", tuona Grillo, che smentisce anche qualsiasi possibile alleanza con altri partiti: "I portavoce eletti del MoVimento 5 Stelle hanno un compito ben definito: dedicarsi al compimento del programma votato da 9 milioni di italiani alle politiche del 2013", spiega, "Chi non sarà d'accordo con il programma definito dagli iscritti, potrà perseguire (se riuscirà a essere rieletto) il suo programma in un'altra forza politica".

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 24/01/2017 - 13:33

Poi c'è ancora qualche GONZO che qui scrive che Salvini non vuole fare il congresso perche altrimenti NON viene rieletto segretario!!!lol lol Vero Elpirl????

eolo121

Mar, 24/01/2017 - 14:30

FANNO ridere i 5 stelle a partire dalla figuraccia del europarlamento e dalla Raggi che non riesce a governare ROMA.. PEGGIO DEL PD..

il corsaro nero

Mar, 24/01/2017 - 14:50

alla faccia della libertà di parola!!! Questi so' peggio de qelli de Scientology!!!

pastello

Mar, 24/01/2017 - 15:11

Non sarebbe male intervenire anche sulla raggi quando dichiara di voler ristrutturare edifici a beneficio degli zingari. Caro Grillo, questa signora ti fa perdere voti a vagonate.

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Mar, 24/01/2017 - 15:32

Grillini Bamboccioni e Grillo la Tata? Se questa è Politica se un Kapo': si poteva ottenere Democrazia da un comico che non faceva manco ridere, e adesso di più?

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Mar, 24/01/2017 - 17:22

E' la prova provata che solo Grillo può parlare, gli altri non hanno capacità di fare un discorso senza errori di congiuntivo e con un costrutto logico. Bella figura, li hanno pure mandati al Parlamento Europeo.

Ritratto di vadis

vadis

Mar, 24/01/2017 - 17:51

Heil Grillo!

panzer@57

Mar, 24/01/2017 - 17:59

Mussolini in confronto a Grillo non era nessuno!!!! altro che blog internettiano.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 24/01/2017 - 19:01

In pratica Grillo stabilisce un rapporto diretto tra il CAPO (lui) e il popolo, ed elimina l'attuale regime parlamentare. Ci sono stati molti esempi di rapporto diretto tra il CAPO ed il popolo, e molti di questi hanno degenerato nella sudditanza del popolo al CAPO, sudditanza ben rappresentata dalla frase "il CAPO ha sempre ragione". Il guaio è che, a forza di sentirselo dire, il CAPO finisce con il crederci ed allora sono guai grossi per tutti. Sono cose che accadono quando la democrazia si dimostra incapace di risolvere i problemi.

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 24/01/2017 - 19:51

Signori, questa è democrazia e libertà di espressione. La linea politica la decidono Grillo e Casaleggio jr (per diritto ereditario, come in Nord Corea). Ora decidono anche cosa si può dire, come, quando e dove. Prima di parlare in qualunque circostanza bisogna avere l'approvazione di Rocco Casalino, ex "Grande fratello". Pensate un po' come siamo messi. Li immaginate al governo e duranti incontri internazionali? Ogni volta che dovranno esprimersi su qualunque tema dovranno prima ritirarsi in privato e sentire il Grillo capo o il vice grillo. Oppure gli applicheranno l'auricolare per ricevere le istruzioni in diretta; come faceva Boncompagni con Ambra a Non è la RAI. Buffoni. Qui non è più questione di simpatizzare o meno con Grillo ed il M5S, siamo proprio alla follia pura, roba da fantascienza, da incubo orwelliano, da Metropolis.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 24/01/2017 - 23:02

Si, padre padrone.

timoty martin

Mar, 24/01/2017 - 23:55

Questa si' che si chiama Democrazia. Modi che ricordano certi dittatori della Storia recente