Nuovi guai per De Benedetti: altri sei decessi alla Olivetti

La procura di Ivrea apre un fascicolo bis: trovati altri sei casi di morte per l'amianto negli stabilimenti della Olivetti

Nuovi guai per Carlo De Benedetti. Il caso amianti s'ingrossa. La procura di Ivrea ha, infatti, aperto un nuovo fascicolo per le morti da amianto alla Olivetti. Nell'inchiesta, che non è ancora conclusa, starebbero confluendo nuovi casi di patologie di sospetta origine professionale. I reati ipotizzati sono gli stessi che figurano nell’indagine conclusa nei giorni scorsi.

Secondo quanto appreso da fonti vicine alla procura di Ivrea, il fascicolo bis riguarderebbe almeno sei nuovi casi di morte per mesotelioma pleurico. Decessi che andrebbero, quindi, ad aggiungersi ai quattordi casi del fascicolo principale per i quali, nei giorni scorsi, la procura di Ivrea ha notificato il rituale avviso di chiusura indagine a trentanove persone che, a partire dagli anni Sessanta, hanno ricoperto incarichi dirigenziali e di vertice nella società e nelle sue articolazioni. Tra queste appunto Carlo De Benedetti, Roberto Colaninno e Corrado Passera, indagati con l'accusa di omicidio colposo.

I magistrati ipotizzano che le morti di alcuni dipendenti in pensione siano legate alle condizioni di lavoro avute nel periodo in cui erano stati in servizio presso gli stabilimenti della Olivetti. Tra i 39 indagati inoltre figurano anche Camillo e David Olivetti, il primo dei quali amministratore delegato della Olivetti tra il 1963 e il 1964 e consigliere di amministrazione fino al 1981, oltre a Franco De Benedetti che ha anche lui ricoperto la carica di amministratore delegato tra gli anni Settanta e Ottanta. Nella lista compaiono anche Rodolfo e Marco De Benedetti, che in passato hanno fatto parte del consiglio di amministrazione, Guido Roberto Vitale e Elserino Piol.

Commenti

flip

Sab, 27/09/2014 - 18:41

de benedetti è un rosso. impunito non colpevole l' ha fatto per il bene dei lavoratori.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 27/09/2014 - 18:48

e vai!! chi tocca la sinistra muore!! ed infatti de benedetti ha toccato quei sei poveracci, e sono morti perchè toccati!! :-) ora mi chiedo, de benedetti andrà in carcere com'è giusto che sia, oppure la sinistra adopererà le leggi ad personam per aiutare de benedetti a evitare il carcere????????????????? :-) attendo le risposte dei PSICOSINISTRONZI che qui mancano sempre, ma di là, dove c'è berlusconi, non mancano mai! :-)

lento

Sab, 27/09/2014 - 18:48

Non poteva non sapere !!

Ritratto di cable

cable

Sab, 27/09/2014 - 19:05

A me sembra che i veri guai siano per le famiglie dei deceduti. De Benedetti se la caverà, come sempre. É troppo,troppo in alto e fin lì non ci arriva nessuno.

Ritratto di apasque

apasque

Sab, 27/09/2014 - 19:22

Lo dico e lo dico e lo ridico. De Benedetti non verrà mai condannato su questa terra; e se mai lo fosse, sarebbe subito scagionato. Subito dopo "il Giornale" dovrà pagare una montagna di soldi per calunnia a mezzo stampa. I morti saranno incriminati post-mortem per averlo fatto (il morire) al fine di arrecare danno a DB. Prestissimo, poi, partirà una campagna diversiva e "distrattiva" che condurrà dritta dritta alla prescrizione perché i morti si sono suicidati mangiando sandwiches all'amianto. L'ho messa sul ridere? No, a parte qualche forzatura, questo é esattamente ciò che succederà all'amico intimo di Napolitano, Monti, alla tessera n°1 del PD.

fcf

Sab, 27/09/2014 - 19:25

Forse è la volta buona che ce lo togliamo dai piedi.

filder

Sab, 27/09/2014 - 19:39

Parole-Parole-Parole al vento: Non succederà niente per il maccabeo tessera N.ro uno PD, lui ha le spalle coperte e non farà mai la fine che fecero i proprietari dell ILVA,probabilmente Loro la tessera non la avevano.

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Sab, 27/09/2014 - 19:48

Assolutamente non ci saranno guai per debenedetti. I guai somno e continueranno ad essere per noi.

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Sab, 27/09/2014 - 19:49

E' molto triste apprendere che saranno i morti a liberarci (forse) da codesto lugubre parassita.

Ritratto di giangilo

giangilo

Sab, 27/09/2014 - 20:40

Perché nessun telegiornale ne parla di questa persona cosi' perbene?

Ritratto di giangilo

giangilo

Sab, 27/09/2014 - 20:42

Nessun telegiornale ne parla perché "NON POTEVA SAPERE.."

Ritratto di Scassa

Scassa

Sab, 27/09/2014 - 20:48

scassa sabato 27 settembre 2014 Certo che leggendo il curriculum vite di dEBENEDETTI ,il Cavaliere ne esce lindo ,come un figlio di Maria e crocifisso anche lui per colpa del Sinedrio ! Con la differenza che il compagnoski ,figlio della magistratura ,ne uscirà come un bebè netto anche dal peccato originale ! ,,mentre l'altro paga per tutti ! La fortuna oltre che cieca ,credo ,e' anche idiota !!!!!!!!!!!!!!!!!!scassa.

isaisa

Sab, 27/09/2014 - 20:50

Ora chi è il pregiudicato ?? Chi avrebbe ( da dimostrare) evaso 7 mli. di euro pagandone però centinaia di milioni o chi ha mandato al creatore i propri dipendenti e mandato in fallimento decine di aziende con perdita di posti di lavoro mentre lui si intascava bei soldoni ?? BUFFONI Speriamo solo che non insabbino tutto e che i magistrati che tratteranno il caso non siano rossi e vigliacchi

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Sab, 27/09/2014 - 20:51

Purtroppo avrei preferito gioire ,per i guai di questo sinistro padrone,per altri motivi ...

alox

Sab, 27/09/2014 - 21:25

Mi ricordo quando per legge obbligarono a comprare i registratori di cassa per salvare l'olivett ai danni dei poveri commercianti ed artigiani! E' fallito comunque e gli auguro la galera ed il fallimento dell'espresso e di tutti i giornalisti comunisti, dall'Annuziata in giu' in la' e in qua (dato che e' grassa)

pinosan

Sab, 27/09/2014 - 21:35

Alla procura di Ivrea sicuramente non gli faranno sconti.Qui non ci sono i suoi amici di Milano o di Roma e finalmente sarà giudicato per le Sue colpe.Certo che ne io e ne lui vivremo tanto per vedere la sentenza definitiva.In Italia,se non cambia,la povera gente non avrà mai giustizia.Ubi maior minor cessat.

Ritratto di Ciccio Baciccio

Ciccio Baciccio

Sab, 27/09/2014 - 21:38

***Quando dicesi: "avere il pelo sullo stomaco". La virtù della Verità,(Fisica % Matematica)insegna che, quando un individuo ha tal "pelo", è soltanto perché, si può permettere di poter RICATTARE a suo piacimento. Esso potrebbe far cadere (Comunque già stramorto, il concepire dell'azione dell'individuo passivo in quanto "crede", specie se TRINARICIUTO sinistrato represso e sottomesso.*

rossono

Sab, 27/09/2014 - 21:54

per niente possiede la tessera n.1 dei sinistri.

Ritratto di MelPas

MelPas

Sab, 27/09/2014 - 23:21

Nuovi guai per De Benedetti: altri sei decessi alla Olivetti. Ma cosa aspetta la magistratura a processarlo e mandarlo in galera per sempre ?? MelPas.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 28/09/2014 - 01:54

Lo squalo capitalista amico dei trinariciuti ha trovato finalmente qualcuno che non si stende ai suoi piedi come fanno gli zerbini rossi. Ha assassinato i suoi dipendenti con la polvere di amianto MA GLI STOLTI TRINARICIUTI CONTINUANO A LECCARGLI I PIEDI PERCHÉ LUI TIENE IN MANO I FILI DEI BURATTINI CHE SCRIVONO SU REPUBBLICA. Quando mai il PD e tutta la sinistra rinuncerebbero alle ignobili trombette della carta stampata pagate per far fuori i loro avversari politici? CHISSÀ SE ANCHE QUESTA VOLTA TROVERÀ QUALCHE TOGA TRINARICIUTA DISPOSTA A SALVARGLI IL DIDIETRO?

timoty martin

Dom, 28/09/2014 - 08:27

De Benedetti ha goduto e guadagnato anche troppo. Non si puo' eternamente essere protetto dagli Dei. Per questo avido "rosso" i tempi cambiano, è finalmente arrivato il momento di ammettere le tante responsabilità e di pagare i conti alla società.

gio 42

Dom, 28/09/2014 - 09:13

Buongiorno, questo signore ha speso la sua vita per il bene dei lavoratori, e aver fatto fallire l'Olivetti, gioiello nel mondo, l'ha fatto per il bene dell'Italia. Lui si mica altri imprenditori italiani. Saluti

gio 42

Dom, 28/09/2014 - 12:44

Buongiorno, la questione importante e nello stesso tempo scandalosa non è, questo signore è cattivo, l'altro signore è bravo. Siamo tutti uomini con i nostri difetti e le nostre colpe. Lo scandalo è che uno di questi, sono vent'anni che è bersaglio di critiche feroci e sentenze sommarie, l'altro invece è super protetto e nessuno osa mettere in discussione il suo operato. Uno è continuamente messo alla berlina e villi peso, l'altro e glorificato e santificato quale benefattore dell'Italia. Saluti