Il nuovo eroe della sinistra laica è il capo dei vescovi anti Salvini

La Repubblica benedice il cardinale Bassetti come suo leader

A furia di cercare il papa straniero hanno incoronato Papa Francesco. Di più, il capo dei vescovi italiani Gualtiero Bassetti. È una vecchia storia della sinistra sempre in cerca di un leader per superare crisi e contraddizioni, è un antico ritornello di Repubblica, giornale partito sempre pronto ad imbarcare chiunque critichi gli avversari politici. Così nell'edizione domenicale, una messa cantata, il laicissimo quotidiano battezzato da Eugenio Scalfari nell'acquasanta del dubbio e della cultura liberal, offre la prima pagina a Bassetti e lo strattona in chiave antisalviniana con un'intervista dal titolo roboante: «Non divideranno i cattolici dal Papa». Insomma, il cardinale viene iscritto d'ufficio al partito antisalviniano, come presunto leader di una resistenza antileghista. Argine alla deriva di un certo mondo che userebbe crocifissi e madonne per staccare il popolo dai suoi pastori. Intendiamoci, Bassetti non fa sconti al vicepremier, anche quando non lo cita: «Una politica fondata sulla paura e sulle promesse facili è destinata a rovinare quel poco che ancora resta dell'unità nazionale». E ancora: «Non basta dirsi cattolici per diventare De Gasperi». Ma anche ambienti del Vaticano, interpellati dal Giornale, sottolineano che il testo ha un significato più profondo e intercetta il disagio di molti davanti ai balbettii della politica. Tutta la politica. Quando Bassetti interpreta il dilagare del voto pro Carroccio, anche fra i cattolici, lo fa distribuendo critiche a una parte e all'altra: «Significa che è profonda la crisi di altre proposte».

La verità è che i vertici della Cei non vogliono restare impigliati nelle polemiche di giornata fra destra e sinistra e Bassetti prova a portare la riflessione sul piano dei contenuti, lontano dagli slogan. Ma c'è chi non considera queste sfumature, pure decisive, e arruola il cardinale, come una figurina da incollare sulla propria home page. Dunque, il Papa e i vescovi vengono amplificati quando prendono le distanze dalle politiche antiumanitarie del ministro dell'Interno, diventano invisibili quando - e Francesco lo fa con aspra regolarità - denunciano l'aborto come un crimine. Nell'ultima riunione della Cei Bassetti si è smarcato dai vescovi più intransigenti che chiedevano la «scomunica» di Salvini. Il cardinale si tiene alla larga dai tradizionalisti che contestano a Bergoglio pure le virgole, ma non si lascia beatificare da quelli che raccattano ogni sospiro antisalviniano di preti e suore. Come fa, col turibolo fra le mani giunte, la piissima Repubblica.

Commenti

maurizio50

Lun, 10/06/2019 - 08:43

Pur di contrastare Salvini il giornale dei senzadio è diventato pure la voce dei baciapile.E c'è ancora chi li approva!!!!

diesonne

Lun, 10/06/2019 - 08:53

DIESONNE I LAICISTI,SCALFARI IN PRIMIS,NON POSSONO ERIGERSI A CONSULENTI DEI VESCOVI,ESSI SONO ESTRANEI AI VALORI DEL VANGELO

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 10/06/2019 - 08:58

ormai è diventato chiaro che la chiesa è diventata una succursale del PD....

Ritratto di Walhall

Walhall

Lun, 10/06/2019 - 09:05

Continuino così, facciano pure politica mondialista cinese-comunista, ma stiano attenti: 1-rischieranno di finanziarsi solo attraverso la IOR e le rendite del cospicuo patrimonio accumulato perché l'8x1000 sarà rivisto. 2-chiuderanno molte chiese, la gente vuole esempi di spiritualità, non ingordi di mondanità (basta guardarli in viso e in pancia per capire quanto gli eccessi siano la loro regola di vita). 3-altre religioni sono molto più credibili di questa, non a caso l'emorragia della fede non è solo relegata causa l'ateismo, ma anche all'adesione ad altre confessioni. 4-il loro potere finirà per sterilità, perché con poche nascite e ancor meno vocazioni, questo è il loro destino. 5-fosse per me, li darei l'embargo, almeno imparerebbero a fare sana penitenza, per ingerenza negli affari di Stato altrui, attività sovversiva e aggressione alla Costituzione italiana.

diesonne

Lun, 10/06/2019 - 09:15

DIESONNE PAPA E VESCOVI STANNO PERDOENDO L'AUTORITA' SUI FEDELI;TANTO SPETTACOLO E CONVEGNI MA SENZA XCERTEZZA MORALE;UN BUONISMO DI FACCIATA

diesonne

Lun, 10/06/2019 - 09:19

DIESONNE PAPA E VESCOVI NON SELEZIONANO LA VERITA' EVANGELICA DA RELATIVISMO IMPERANTE:IL SL SI SI E NO NO DEL VANGELO E' OSCURATO

nopolcorrect

Lun, 10/06/2019 - 09:33

"i vescovi più intransigenti che chiedevano la «scomunica» di Salvini." Non facciano fesserie e si ricordino di Martin Lutero. In Italia ci sono molte chiese protestanti che sarebbero liete di accettare fra i loro fedeli i Cattolici stanchi di questo Papa e di questi vescovi.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 10/06/2019 - 09:57

Il Mondo cambia, come é nella Natura e nella Storia. Il Vaticano, a suo tempo nemico della dottrina comunista e quindi indirettamente favorevole alla parte opposta (che non a caso allora si chiamava Democrazia Cristiana), ora si spinge sempre più a sinistra. Così é se vi pare. Amen

Marcolux

Lun, 10/06/2019 - 10:01

Fate veramente schifo! Non andrò più neanche alla Messa, almeno dove ci sono preti politicanti seguaci di questo Imam che sta rovinando il cristianesimo. Figuriamoci poi se vi dò un solo Euro!

ginobernard

Lun, 10/06/2019 - 10:10

sono dei poveracci e questo passi ... ma come una bestia ferita sono diventati pericolosi e sarebbe meglio che gli elettori li evitassero. Ormai hanno gli occhi iniettati di sangue ... in definitiva hanno solo il terrore di doversi mettere a lavorare sul serio e non spendere la vita da parassiti in questo o quel carrozzone pubblico.

ginobernard

Lun, 10/06/2019 - 10:11

la dimensione giusta per la sinistra è intorno ai 10% basso ... non meritano di più ... e probabilmente ci sono ... il resto di voti al PD glieli garantisce la macchina politica cattolica

DRAGONI

Lun, 10/06/2019 - 10:20

QUESTO PAPA STA DISTRUGGENGO LA CHIESA CHE E' STATA RIDOTTA A CORRENTI CHE SI STANNO ORGANIZZANDO IN PARTITI VERI E PROPRI !!REPUBBLICA NE DA LA VISIBILE SITUAZIONE.

nopolcorrect

Lun, 10/06/2019 - 10:31

"i vescovi più intransigenti che chiedevano la «scomunica» di Salvini." Sono impazziti o sono fuori dal tempo. Oggi una bolla di scomunica non verrebbe bruciata come fece Martin Lutero, verrebbe solo accolta da un coro a cappella di pernacchie che la seppellirebbero. Si devono rendere conto che il Cattolicesimo osservante è fortemente minoritario in Italia, se Salvini venisse scomunicato oltre a far ridere i polli i vescovi lo condannerebbero all'irrilevanza.

Valvo Vittorio

Lun, 10/06/2019 - 10:42

A mio modesto avviso non conviene atteggiarsi contro il fanatismo religioso perché non conduce ad alcuna logica civile, perché asseriscono che la parola di Dio non può essere messa in discussione, ma eventualmente, spetta alla Chiesa dirimerla. E' come se dicesse qui, decido solo io, tu devi solo obbedire. Questa presunzione d'interpretazione non consente nemmeno una discussione fra religioni diverse, tranne che per accordi di secondaria importanza, ma che non intacchino il tornaconto economico!

barnaby

Lun, 10/06/2019 - 11:16

Salvini ha toccato le tasche del clero fariseo quasi annullando l'ingresso di materia prima e riducendo i profitti di quella industria di carne umana che hanno fondato sulla pelle degli italiani e dei migranti.Ecco perché sono pieni di veleno e odio nei suoi confronti. Se una guida spirituale di una religione fondata sull'amore per il prossimo ha tanto livore e malvagità in corpo vuol dire che è più vicino a satana che a Dio.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 10/06/2019 - 11:18

Se ne trovi uno magro è perchè è ammalato.

Raffaello13

Lun, 10/06/2019 - 11:48

Il Vaticano si sta sempre più politicizzando a sinistra, facendoci toccare materialmente il perchè della riforma Protestante, contro una chiesa Papista intrallazzona e sfruttatrice delle popolazioni con dogmi che mirano solo al potere materiale, corazzati con una pretesa Linea Diretta con l'Infallibilità dello Spirito Santo. Anche se passa sopra al malessere e rovina di intere popolazioni, le quali potranno rifarsi delle angherie subite in Paradiso ( a patto che esibiscano la sottomissione ecclesiastica).

VittorioMar

Lun, 10/06/2019 - 11:50

...è un'alta VOCE CHE PARLA NEL DESERTO ...dei cattolici ??...e chi lo ASCOLTA ??

VittorioMar

Lun, 10/06/2019 - 12:10

..come si dice in questo caso ?? SI CANDIDI !!...è andata bene a GRILLO &C alle volte ...non si sa' mai....!!!

routier

Lun, 10/06/2019 - 12:17

In questi ultimi tempi il popolo italiano ha dimostrato di saper scegliere usando la propria testa ignorando gli interessati suggerimenti venuti dal Papa e dal Vaticano. Come Pirandello: "Così è (anche) se non vi pare"!

Zizzigo

Lun, 10/06/2019 - 12:41

Il re del VATICONU lo farà santo.

APPARENZINGANNA

Lun, 10/06/2019 - 12:48

Bassetti, Bergoglio, Parolin, non se ne può più! Demagogia sinistrina, altro che Vangelo!

Ritratto di Svevus

Svevus

Lun, 10/06/2019 - 12:48

Noi cattolici abbiamo già deciso : non vogliamo che satana guidi la Chiesa Cattolica e che Levnin , Jugasvili , Beria & c. ne siano i Santi !

Trinky

Lun, 10/06/2019 - 12:49

Dai che alle prossime elezioni si candideranno anche quelli del vaticano......

CidCampeador

Lun, 10/06/2019 - 12:57

pensa all'unita' della chiesa che stai avviando verso ad uno scisma

agosvac

Lun, 10/06/2019 - 13:25

"non divideranno i cattolici dal Papa", a me sembra che a dividere i cattolici ci pensi già, e fin troppo, Papa Francesco. Intanto sorgono forti dubbi che Papa Francesco sia realmente cattolico e non islamico. Da quello che fa e da quello che dice, sembrerebbe più islamico che cristiano/cattolico. Questo lo aveva predetto San Giovanni nella sua Apocalisse: tempi bui per il cristianesimo con nemici al suo stesso interno. Però ha anche predetto che nessun nemico riuscirà a sconfiggere l'insegnamento di Gesù. Dubito che Papa Francesco possa riuscire a distruggere ciò che Gesù ha fatto nella sua vita da uomo.

Giorgio Colomba

Lun, 10/06/2019 - 13:38

"A da passà 'a nuttata" pennivendolo-clerico-immigrazionista.

Demetrio.Reale

Lun, 10/06/2019 - 14:17

Zurlo, non parlare di cose che non capisci, facendo pure le leccatine ai prelati traditori: "Bassetti prova a riportare la discussione sui contenuti, anzichè sugli slogan". Oppure: "Francesco denuncia l'aborto con aspra regolarità". Torna a parlare di cronaca nera milanese, dai....

routier

Lun, 10/06/2019 - 14:33

"RELIGIO INSTRUMENTUM REGNI" (la religione è un ottimo mezzo per dominare i popoli)

ilrompiballe

Lun, 10/06/2019 - 14:43

Articolo che, come il Cardinale, dice e non dice. Resta il fatto che dopo il Concilio Vaticano II la Chiesa ha intrapreso un cammino che ha progressivamente allontanato i suoi membri. La rinuncia di Benedetto XVI è stato il culmine. Il linguaggio evangelico è ormai politichese.

florio

Lun, 10/06/2019 - 15:38

E pensare che c'è qualcunA che copre i crocefissi nelle aule per le votazioni. La Kompagna che piace al clero. Poveri Cristiani, sbeffeggiati, derisi, umiliati, da chi dovrebbe proteggerli. Disse Gesù: i falsi predicatori li riconoscerete dalle loro opere e azioni. Si sono fatti riconoscere molto bene!