Olio tunisino, ecco il colpo di grazia Invasi col voto di Kyenge & Co.

Arriva oggi il via libera definitivo all'aumento delle importazioni senza dazi di olio tunisino

Arriva ora il colpo finale all'Italia. Al suo olio di qualità, messo a rischio dall'invasione "legalizzata" di olio tunisino a basso prezzo. Oggi l'Unione Europea, infatti, ha dato il via libera definitivo alla norma che permette alla Tunisia di esportare una quota aggiuntiva di 70mila tonnellate a dazio zero in due anni (2016 e 2017).

Una norma che il Pd (che l'ha votata all'Europarlamento) e Cecile Kyenge hanno definito come un aiuto alla Tunisia in difficoltà economica a causa del terrorismo e dell'instabilità economica. Il Consiglio dei ministri dell'agricoltura e della pesca oggi a Lussemburgo ha discusso provvedimento che aumenta la quota di import di olio d'oliva dalla Tunisia sul mercato europeo. E ha dato il via libera definitivo.

Quello che cambia rispetto al testo originario del provvedimento sono due particolari. Il primo, l'impossbilità di prorogare oltre i due anni questa misura. Il secondo, l'inserimento di un requisito di tracciabilità: l'olio "libero" dai dazi sarà solo quello effettivamente prodotto in Tunisia. O almeno così si spera. Il provvedimento prevede inoltre che la Commissione europea presenterà una valutazione a medio termine, ed eventuali cambiamenti, qualora i produttori europei risultassero danneggiati.

L'Italia e la Grecia sono i Paesi maggiormente colpiti, insieme alla Spagna, da questa nuova normativa. E gli agricoltori italiani si sono ribellati a quello che considerano un colpo per l'industria nazionale e un rischio per i consumatori. Che potrebbero ritrovarsi nelle tavole un olio venduto come "italiano" ma non totalmente tale. Nel dare l'ok definitivo in occasione della riunione degli ambasciatori di preparazione del Consiglio di oggi, Italia e Grecia in una dichiarazione congiunta hanno espresso "grande preoccupazione" per le modalità con le quali è stata portata avanti la proposta. "Abbiamo preso atto con soddisfazione dell'inserimento nel dossier della dichiarazione Italia-Grecia - ha detto il sottosegretario del ministero delle Politiche agricole, Giuseppe Castiglione - e abbiamo ribadito che questo tipo di misure non deve costituire un precedente".

Nonostante la dichiarazione inserita nel documento finale, il governo e il Pd non si sono adoperate per evitare che l'olio tunisino colpisse la nostra economia. Anzi. Hanno votato compatti in Aula per il sì.

Commenti

Mannik

Lun, 11/04/2016 - 18:59

Cartaldo, lei è tutto ma non un giornalista. Se avesse avuto la compiacenza di informarsi meglio sarebbe stato in grado di informare meglio. Ma lei preferisce la disinformazione evidentemente. Ripeto per lei in quanto ignorante: le 70.000 t sono per tutta la CE, quindi in sostanza per oltre 500 milioni di persone. L'Italia importa già adesso olio perché la produzione italiana non basta per coprire il fabbisogno. La vuole smettere di raccontare frottole ai boccaloni che la seguono? L'ho segnalata all'ordine dei giornalisti come già il suo collega Rame.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 11/04/2016 - 19:08

stiamo letteralmente consegnando le chiavi dell'italia al primo straniero che passa.... veramente deprimente! ah, non ringraziate berlusconi per questo, lui è stato estromesso con la prepotenza e con l'inganno :-)

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 11/04/2016 - 19:09

A proposito di votazioni al parlamento Europeo, l'ultima rilevazione che ho fatto sul sito www.mepranking.eu del 31 Marzo scorso dava: Matteo Salvini (l'assenteista secondo i cocomeriotas che postano qui) con un 88% di presenze alle VOTAZIONI e Kasetu Kyenge con un 83%!!!! DOMANDA, CHI È L'ASSENTEISTA??? Attendo risposte. Se vedum.

01Claude45

Lun, 11/04/2016 - 19:11

IO NON COMPRO OLIO TUNISINO. LO PRENDO DIRETTAMENTE AL FRANTOIO ITALIANO. Kyenge, l'olio che hai contrivbuito a far importare in Italia TE LO MANGI TUTTO per me. Se gli ITALIANI SONO VERAMENTE ITALIANI, FANNO TUTTI COME ME. Il tuo olio imposto te lo attacchi.............

nem0

Lun, 11/04/2016 - 19:13

Qualcuno mi spiega perchè gli aiuti alla tunisia debbano essere a carico degli agricoltori del mediterraneo e non dei crucchi?. Scusate ma non ho mangiato abbastanza banane per capirlo da solo.

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Lun, 11/04/2016 - 19:21

....Mannik lei si che ha capito tutto...mi faccia il piacere di informarsi...torni indietro nel tempo e legga gli argomenti trattati.....è un po' la storia del latte....della carne di maiale della verdura ecc. ecc.......si svegli dal torpore

Ritratto di MARKOSS

Anonimo (non verificato)

FRANZJOSEFVONOS...

Lun, 11/04/2016 - 19:28

CERCHEREMO DI LEGGERE BENE E NON FARCI PRENDERE IN GIRO COMPRANDO OLIO ITALIANO O SPAGNOLO, MA NON TUNISINO. QUESTO E' ALTRO TASSELLO PER DISTRUGGERE L'ITALIA. POI SARA' IL TURNO DELLA FRUTTA TENISIA ALGERINO SENZA DAZI. SAPETE CHE SIGNIFICA? CHE CON TUTTA LA PRODUZIONE (COSTO NULLO IN TUNISIA LA MANODOPERA) QUESTE SCHIFEZZE COSTERANNO MENO CON TUTTO IL TRASPORTO DI QUANTO COSTANO ALLA PRODUZIONI AI POVERI BABBEI ITALIANI CHE VOTANO SINISTRA. E POI FANNO BARZELLETTE SUI CONTADINI.

vince50_19

Lun, 11/04/2016 - 19:29

La cosa più grave è che in Tunisia usano, intorno alle piante di ulivo, un potente diserbante chiamato glifosato ma in Ue fanno finta di niente. Per il resto prendo olio da un produttore pugliese che conosco da anni e non mi pongo il problema, anche perché il prezzo è abbastanza alto. Comprare olio a 3 o 4 euro non c'è niente di buono da aspettarsi.

Miraldo

Lun, 11/04/2016 - 19:34

Continuate pure a votare Pd e M5s e questi sono i risultati. Questi 2 partiti che poi sono la medesima cosa ( fanno finta di litigare) porteranno l'Italia allo sfascio senza se e senza ma.........

maurizio50

Lun, 11/04/2016 - 19:35

C'è sempre qualche iper.idi.ota che chiamerebbe ambrosia anche il letame, purchè prodotto da comunisti o da amici degli stessi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di Grisostomo

Grisostomo

Lun, 11/04/2016 - 19:36

Andiamo tutti a mettere sotto sopra Bruxelles. Basta con la tirannia dell'Europa

florio

Lun, 11/04/2016 - 19:52

Mannik, ma cosa vuole denunciare, pensi alle porcherie perpetrate dai sinistrati, Kyenge in primis, voi siete dei soldatini ubbidienti, piuttosto che andare contro al partito mangereste tonnellate di sterco. Mai una volta che abbia sentito un sinistro dire che sbagliano. L'ideologia rossa inculcata negli anni, ha procurato effetti devastanti nelle menti deboli e si vede!

Ritratto di DASMODEL

DASMODEL

Lun, 11/04/2016 - 19:53

Continuerò ad acquistare l'olio ed altri prodotti dal contadino che ha un piccolo frantoio e prodotti genuini della terra curati senza aggiunta di schifezze chimiche. L'olio tunisino usalo tu K.

soldellavvenire

Lun, 11/04/2016 - 20:03

e adesso, forza con la legge che obbliga i bananas a bere SOLO QUELLO, finirete per scoprire che è buono come purgante, e dio solo sa quanto ne avete bisogno

Ritratto di vraie55

vraie55

Lun, 11/04/2016 - 20:10

la Grande Statista di colore (scuro) ha solo precorso i tempi: presto la Tunisia, con Libia ed Egitto entreranno a far parte della UE.

Alessio2012

Lun, 11/04/2016 - 20:24

Non solo diamo lavoro nei campi ai clandestini, non solo dobbiamo pure subire i servizi de Le Iene che ci fanno passare come schiavisti... ora dobbiamo anche comprare l'olio tunisino. Ma quanto dobbiamo pagare solo perché abbiamo la pelle meno abbronzata della loro?

Ritratto di hardcock

hardcock

Lun, 11/04/2016 - 20:32

Mannik in quanto a disonesta' a lei nessuno puo' insegnare nulla. Deve sapere che in Tunisia marocco etc. L'olio non viene lavorato in macchine chiuse senza contatti con l'esterno e diviso dall'acqua con centrifughe ma viene diviso per affioramento vale a dire enormi vasconi dove l'olio piu' leggero affiora e viene ripescato subendo ossidazione attacchi da insetti e magari piscio di cammelli. In poche parole in Europa l'olio africano e' fuorilegge e tendenzialmente pericoloso per la salute. Molice Linyi Shandong China

swiller

Lun, 11/04/2016 - 20:54

La scura non è italiana eun abitante della savana ricacciatela al suo paese.

Luci60

Lun, 11/04/2016 - 20:59

kyenge importati bansne scimmia

Trinky

Lun, 11/04/2016 - 21:01

La signora Kyenge sa dove dovrebbe mettere il bidone con l'olio tunisino.....occhio che poi non esce più!

swiller

Lun, 11/04/2016 - 21:12

Com'è che l'ha chiamata Calderoli .............beh direi che lp ha azzeccato in pieno.

glasnost

Lun, 11/04/2016 - 21:13

I Comunisti hanno sempre avuto in odio i contadini; il loro capo in testa Stalin aveva fatto deportare ed uccidere 1.000.000 di contadini kulaki. Anche oggi i loro eredi mascherati sotto varie nuove sigle cercano di distruggere i contadini che lavorano e producono senza obbedire al padrone del partito. Però, i contadini, anche nell'iconografia tradizionale, sono dei beoti ed è per questo che, almeno qui in Emilia, continuano a votarli. Per cui ben gli sta quello che avviene.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Lun, 11/04/2016 - 21:14

@Mannik:" ...Il Consiglio dei ministri dell'agricoltura e della pesca oggi a Lussemburgo ha discusso provvedimento che aumenta la quota di import di olio d'oliva dalla Tunisia sul mercato europeo. E ha dato il via libera definitivo". Dove hai letto che erano destinati al solo mercato del nostro Paese? Hai messo in bocca al Giornalista parole che non ha scritto. Tu sei un danno collaterale della legge Basaglia e anche tanto ma tanto PIRLA. Dalton Russell

RawPower75

Lun, 11/04/2016 - 21:18

Solo l'ennesimo esempio dell'odio ideologico della sinistra radical-chic nei confronti degli italiani.

magnum357

Lun, 11/04/2016 - 21:19

Di certo non lo compro perchè vado a leggere le etichette !!!

Una-mattina-mi-...

Lun, 11/04/2016 - 21:21

IL FATTO PIU' GRAVE è la mancanza di chiarezza sulle metodiche di coltivazione e spremitura, sugli eventuali additivi o prodotti chimici impiegati, sul drammatico trattamento, più volte denunciato, dei lavoratori nell'agricoltura tunisina, per lo più donne semischiavizzate. Altro che aiuto alla tunisia, si aiutano le lobby.

APG

Lun, 11/04/2016 - 21:22

Se lo mangi la kienge quest'olio, chissà che la faccia evacuare in eterno!

Dordolio

Lun, 11/04/2016 - 21:36

Mannik, lei segnala dei giornalisti al loro ordine. Ma lei - Mannik - a chi dovrebbe essere segnalato? Forse a qualche procura per aver chiamato "boccaloni" dei lettori? Ci illumini, prego.

Dordolio

Lun, 11/04/2016 - 21:46

In effetti, per questi prodotti (e per molti altri) sarebbe opportuno avere informazioni sui tipi di trattamenti a cui vengono sottoposte le colture nei luoghi di produzione. Conosco già il bla-bla delle "analisi che garantiscono ecc..." Però vengono usati in certi Paesi pesticidi che qui da noi sono PROIBITI da anni. In certi posti addirittura si usa ancora il DDT. Se se ne è proibito l'utilizzo come la commercializzazione da noi una ragione ci sarà. Evidentemente le sole verifiche sul prodotto finito pronto al commercio non bastavano. E la permanenza c'era. Per questo si fece tabula rasa vietandoli IN TOTO. Ci si rifletta....

Ritratto di SCACIOSO

SCACIOSO

Lun, 11/04/2016 - 22:05

Le cooppe finiranno le tessere , file interminabili di compagni astuti attenti al prezzo bono. @ vince50, speriamo che il sistemico sistemi..

al40

Lun, 11/04/2016 - 22:11

Mannik,lei che sa tutto,mi può per favore spiegare visto che la nostra produzione di olio è insufficiente che fine fa quello che importiamo visto che sugli scaffali non si vedono mai oli stranieri? La ringrazio.

umby69

Lun, 11/04/2016 - 22:14

x il Sig.Mannik: i discorsi non fan farina ma i fatti come in questo caso fan disastri! ricordarsi quando il Sig.Brodi Mortadella comandava a Bruxelles spalancò le porte del commercio ai cinesi mettendo in difficoltà diverse aziende nostrane ed invadendo i mercati con prodotti spazzatura se non addirittura velenosi!!! adesso l'EU sarà invasa da "olio" di cosa? com'è prodotto, cosa ci sarà dentro? quali skifezze mangeranno gli europei attraverso questo prodotto? i parlamentari Euro sono stipendiati dagli europei o dai tunisini? chi è preposto a curare la salute il lavoro e l'economia dei poveri cittadini veramente europei? risponda se ha argomenti validi!!!!!

umby69

Lun, 11/04/2016 - 22:21

propongo che si indica una ricerca sugli olii importati in Italia con ricerche mirate ai pesticidi e che pubblichino le risultanze... ho passato del tempo in Africa ed ho potuto constatare svariate volte i prodotti chimici da noi vietati come là siano costantemente adoperati senza nessun controllo e precauzione...la Tunisia si trova in Afrika!!!...

Raoul Pontalti

Lun, 11/04/2016 - 22:46

Il vantaggio è tutto del consumatore, lo svantaggio è per gli pseudoagricoltori che ora non troveranno remunerazione a spacciare il loro olio lampante poi rettificato come olio vergine o addirittura extravergine perché l'olio tunisino costerà meno delle loro porcate. Ai boccaloni del made in Italy: quello di qualità è di nicchia e costa carissimo, il resto è emme farcita e costa di più delle equivalenti schifezze straniere. La stessa cosa per il latte: quello italiano di qualità è introvabile e carissimo, l'altro è prodotto sfruttando all'inverosimile povere bestie alla fine con costi maggiori che nel resto d'Europa e con risultati di scadente o pessima qualità (ecco perché chiudono le stalle e proprio quelle degli sfruttatori del lavoro extracomunitario che non hanno mai investito in tecnologia e qualità).

Giua

Lun, 11/04/2016 - 23:27

X Mannik: Datosi che l'ulivo non cresce al nord , essi devono importare l'olio italiano che ora non importeranno piu`. Quando si passano certe leggi si dovrebbe in qualche modo compensare i produttori che vanno a perdere cosi` da distribuire il peso in parti uguali da Lampedusa al circolo polare.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 12/04/2016 - 00:01

Solo la finissima acutezza dei DEMOCOMUNISTI del PD, pari solo a quella di un elefante ubriaco in un negozio di cristallerie, poteva fare ministro una congolese che favorisce gli interessi dei tunisini e non i nostri. Facciamo una domanda alla Kienge e all'Europa: I TUNISINI NON SANNO COMMERCIALIZZARE I LORO PRODOTTI COME FANNO TUTTI QUANTI NEL MONDO? PERCHÉ VIENE PERMESSO AI TUNISINI DI BARARE E DI AGGIRARE LE LEGGI DI MERCATO PENALIZZANDO I PRODUTTORI ITALIANI?

19gig50

Mar, 12/04/2016 - 00:26

Tutto il male del mondo.

Royfree

Mar, 12/04/2016 - 01:58

Magari chi vota ed è d'accordo con questo governo di manigoldi va al ristorante e glielo rifilano. Magari passa qualche mese in bagno con la diarrea. Se non peggio..

rossini

Mar, 12/04/2016 - 07:44

Cari agricoltori italiani che avete votato PD e cari agricoltori pugliesi che avete votato per il comunista Emiliano, avete voluto la bicicletta? Pedalate! Godetevi l'olio dalla Tunisia e il grano dalla Turchia. Per voi, controlli (sacrosanti) sanitari, fiscali, amministrativi. Per Tunisini e Turchi libertà assoluta. E questa sarebbe concorrenza? Spero che abbiate imparato la lezione. Alle prossime elezioni andate a votare e votate per la Lega e per la Destra che tutelano i prodotti nazionali.

momomomo

Mar, 12/04/2016 - 08:01

Se il fabbisogno di olio d'oliva in Italia supera le capacità produttive del Paese e visto che lo si sta già facendo, importare olio diventa una necessità. E va bene. Visto che lo dobbiamo importare, importiamolo (quasi) non importa da dove, lo si può fare, anzi lo si deve fare. E va bene pure questa. Visto che lo si deve fare, facciamolo pure dalla Tunisia dando come dicono, un incentivo economico a questo Paese, sempre come dicono, in grande difficoltà economica causata, tra altre, dalla lotta che deve sostenere contro il terrorismo. E va bene pure questa. Ma, visto che importando olio tunisino colmiamo il vuoto tra il nostro fabbisogno e le nostre capacità produttive da una parte e aiutiamo anche la Tunisia, per il reciproco beneficio di entrambe le parti, da un'altra parte, una domanda nasce comunque legittima: MA PERCHE' ANCHE SENZA DAZI?

releone13

Mar, 12/04/2016 - 08:03

basta leggere le etichette..............in qualsiasi supermercato si trova olio solo italiano.........le etichette servono per questo. Poi magari il tanto osannato olio ITALIANO si scopre che NON VIENE PRODOTTO CON OLIVE SOLO ITALIANE, come alcune inchieste hanno verificato, per cui anche noi italiani facciamo schifo come gli altri.

routier

Mar, 12/04/2016 - 09:01

La Kyenge è libera di sponsorizzare tutti i prodotti africani che vuole, ma a far la spesa ci vado io e scelgo quello che mi pare, indipendentemente (a volte anche in spregio) alle discutibili norme approvate dal parlamento europeo. Ci rivediamo alle prossime elezioni!

franco-a-trier-D

Mar, 12/04/2016 - 09:13

ma non avete ancora capito che la congolese sta cercando di rovinare la Italia?

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 12/04/2016 - 09:18

Qualcuno l'ha voluta, votata e sostenuta. Ora gedetevela e subiamola, tanto gli Italiani "piegheranno sempre la testa".

antipifferaio

Mar, 12/04/2016 - 09:29

Ci vuole il colpo di grazia per l'Italia....ci vuole altrimenti nessun industriale agroalimentere si sveglia e manda tutto all'aria. Quando al sud e non solo moriranno centianaia di aziende olearie...non ci vuole molto... allora forse qualcuno comincerà a passare dalle parole ai fatti!!.............

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mar, 12/04/2016 - 09:47

C'era proprio bisogno di questa bella iniezione di fiducia, complimenti, alla faccia della globalizzazione. Lavoro e qualità del Made in Italy buttati al vento e poi mr. Bean dice di mettersi le mutande italiane, ridicolo. Che vada a fare un giro tra gli uliveti del sud Italia per capire cosa significa il lavoro in campagna, forse capirà cosa significa la parola LAVORO.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Mar, 12/04/2016 - 09:50

@ Mannik MA DOVE CxxxO E' SCRITTO KE L'OLIO E' DIRETTO SOLO IN ITALIA ??? NELL'ARTICOLO NO. SI METTA GLI OCCKIALI E SI INFORMI MEGLIO LEI. QUANTO POI ALLA SEGNALAZIONE ALL'ORDINE AHAHHAHA GLI TREMERA' IL SOTTANINO DALLA PAURA !!! AHAHAHA

46gianni

Mar, 12/04/2016 - 10:28

scusate ma l'unico olio di cui si sente la mancanza e' l'olio di ricino adv salut

Rossana Rossi

Mar, 12/04/2016 - 10:57

Votate pd così si completerà al più presto la vergognosa svendita di questo povero paese usurpato da dittatorelli incapaci che lo stanno portando al completo fallimento, succube di qualunque potere esterno.........

Mannik

Mar, 12/04/2016 - 10:58

@serramanna - L'invito a documentarsi lo rispedisco al mittente. Evidentemente è lei che ne ha bisogno. Ma non leggendo questo giornale, legga la stampa seria, magari estera piuttosto. Le aprirà gli occhi, se vuole veramente vedere.

Mannik

Mar, 12/04/2016 - 11:01

@florio - dimenticavo, non sono un elettore del PD, quindi il "soldatini ubbidienti" non calza neppure un po' guardi. Anche in questo ragionate per concetti precostituiti e inculcati da questi fogli da strapazzo.

ricktheram

Mar, 12/04/2016 - 11:02

Ognuno ha le sue opinioni e vanno rispettate, però, sig. Mannik se la tunisia è al collasso, non è mettendo in ginocchio la nostra produzione di olio che la si aiuta. Vanno trovate altre soluzioni, ad esempio inviando caschi blu a sedare il terrorismo a CASA LORO. Tu puoi comprare anche tutta la tunisia ma se il terrorismo e i problemi rimangono, non cambia nulla. Quindi questa è la solita soluzione tappabuchi per far intascare a qualcuno bei soldoni.

Mannik

Mar, 12/04/2016 - 11:07

DaltonRussel, l'unico pirla è lei. Si legga TUTTI gli articoli relativi al caso che sono TUTTI truccati e insinuano che l'olio sia adestinato al mercato italiano. Se non sa leggere non è un problema mio, ma dovrebbe pensare a risolverlo. Chi sa leggere determinati vantaggi li ha. Gli articoli sono truccati laddove addossano alla Kyenge la responsabilità in un parlamento composto da oltre 700 persone, parlano di "invasione" dell'olio tunisono quando l'Italia comunque già importa olio per coprire il fabbisogno visot che la produzione nostrana è insufficiente. Se non riesce a cogliere le bufale...

Mannik

Mar, 12/04/2016 - 11:12

@Dordolio - il solo fatto che lei sembra credere al contenuto dell'articolo, quando la realtà è diversa, mi autorizza a usare determinate definizioni.

Mannik

Mar, 12/04/2016 - 11:15

@al40 - Questo lo deve chiedere ai produttori di olio d'oliva in Italia. Comunque vedo che ha già capito che qualche conto non torna. Il problema non è l'olio tunisono che viene importato nella misura del 0,07 l a testa/anno (quindi che invasione sarebbe), non DEVE essere comperato perché il consumatore può scegliere. Negli scaffali trova "olio di olive CE", sono per lo più miscele di olii comunitari...

Mannik

Mar, 12/04/2016 - 11:21

@Giua - La CE significa oltre 500 mio di persone, la quantità di olio tunisino equivale quindi a 0,07 l a testa all'anno. Sa che problema per l'export italiano?

Ritratto di viotte17121957

viotte17121957

Mar, 12/04/2016 - 11:38

Mannik@ lei !! e'un baccalone/ignorante che probabilmente, legge "la Repubblica" (un giornale che non userei neanche per soffiarmi il naso) il problema non e' l'importazione visto che la richiesta del fabbisogno nazionale richiede altro oli extra vergini di oliva originari dell'unione europea ma la vergogna e' che l'olio della tunisia non viene applicato il dazio(tasse)!!!!! a differenza delle nostre aziende ITALIANE!!!!!!! tartassate!!!da questo governo di sinistra!!

Mannik

Mar, 12/04/2016 - 21:10

@Viotte00000 - Visto che usa il termine, l'ignorante è lei. Tutti gli articoli del Giornale non vertono MAI sulla questione dei dazi. Vada a leggerli. Mi pare che non abbia capito a cosa serve tale concessione della CE, ma non lo capirebbe comunque. Le aziende italiane godono dei contributi della CE per la produzione dell'Olio d'oliva, ignorante di un ignorante. E poi truffano anche la CE, ignorante di un ignorante.

Mannik

Mar, 12/04/2016 - 21:16

@ricktheram - Non discuto che possano esserci anche altre soluzioni, obietto le notizie false diffuse da questo giornale e i commenti acritici. E poi i caschi blu in TUnisia? Ma se è l'unico paese tranquillo del Nordafrica. Per risollevare l'economia del paese, l'abolizione dei dazi sull'olio è un piccolissimo aiuto. Comunque ripeto, stiamo parlando di 0,07 kg di olio a testa/anno per tutta la CE! Le sembra che ciò possa mettere in ginocchio i produttori italiani?

Ritratto di viotte17121957

viotte17121957

Gio, 14/04/2016 - 10:21

MANNIK@ ulteriore conferma che lei e'un baccalone/ignorante s'informi ignorante!!!!!!1

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 17/04/2016 - 13:07

MANNIK@ ulteriore conferma che lei e'un baccalone/ignorante s'informi ignorante!!!!!!1