Ora anche gli elettori del Pd sfiduciano Camusso & Co.

La Cgil è finita ai margini del Pd: nel 2012 i sostenitori erano circa il 53% e nel 2009 oltre il 60%

Matteo Renzi lo va ripetendo in lungo e in largo. Non si farà dettare l'agenda dal sindacato. Anche perché, ormai, con Susanna Camusso e compagni non ha più molto con cui spartire. "Non è una questione di feeling personale, ci mancherebbe - spiega nell'ultimo libro di Bruno Vespa - un’idea del paese, della sua modernizzazione, del ruolo di governo e della rappresentanza civile, non un fatto umano o interpersonale". D'altra parte i sondaggi sono dalla sua parte. Come rileva Repubblica, soltanto un elettore del Partito democratico su quattro sostiene la Cgil. Un'inversione di tendenza senza precedenti.

"Ho grandissimo rispetto per la piazza della Cgil e per i parlamentari che hanno partecipato a quella manifestazione - spiega - ma io sono per il cambiamento che è nel dna della sinistra. E a casa mia la sinistra che non si trasforma si chiama destra". Negli ultimi giorni tra i sindacati e il premier è stata combattuta uno violentissimo braccio di ferro segnato da slogan, minacce e tweet. Uno scontro che ha diviso anche il Pd con la frattura (per ora solo verbale) tra chi ha partecipato alla Leopolda e la sinistra dem che è scesa in piazza con la Cgil. "Non era la piazza del Pd - ammette Renzi - ma c’era anche gente del Pd". Al premier, però, non importa perdere qualche parlamentare. Piuttosto ci tiene a preservare i voti. E, a suo dire, "la modifica dell’articolo 18 preoccupa più qualche dirigente e qualche parlamentare che la nostra base".

La base del Pd, almeno stanto al sondaggio pubblicato su Repubblica, sta con Renzi. "Dal 2009 a oggi - scrive Ilvo Diamanti - la fiducia verso Cisl e Uil è scesa dal 26% al 16%, nei confronti della Cgil dal 35% al 22%". Una Cgil che, secondo il sociologo, "è finita ai margini del Pd di Renzi". I simpatizzanti della Cgil tra gli elettori piddì sono appena il 25%. Uno su quattro, quando nel 2012 erano circa il 53% e nel 2009 oltre il 60%. Questo perché, secondo Diamanti, oggi il Pd di Renzi è "più forte tra gli imprenditori e i lavoratori autonomi, ma anche fra dirigenti, gli impiegati, i liberi professionisti che tra gli operai". In questo quadro non c'è spazio per Camusso e compagni.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 02/11/2014 - 14:02

però se lo diceva berlusconi, le cifre cambiavano, vero? IPOCRITI!!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 02/11/2014 - 14:05

RENZI ora sta pure insultando la destra e non vede quello che è successo negli ultimi 20 anni! è proprio la sinistra quella che NON ha voluto cambiare il paese, ostacolando infatti le riforme di berlusconi! e adesso dice che è la destra a non voler cambiare: è il contrario! la destra ha fatto tante cose, ma ha sempre trovato ostacoli messi di traverso dalla sinistra!! ora è chiarissimo: renzi non può sostenere un governo senza la destra, e berlusconi non gli darà piu appoggio politico !!!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 02/11/2014 - 14:17

Già, molto meglio appoggiare la fuffa di Renzi. Belinoni!

Armandoestebanquito

Dom, 02/11/2014 - 14:21

Quesat signora comunista e borghese che tiene L'Italia nel passato se ne deve andare di una volta per tutte.

jeanlage

Dom, 02/11/2014 - 14:48

La Camusso è l'eccezione alla regola dello scarrafone (scarafaggio in napoletano): non è bella nemmeno per mamma sua!

claudio faleri

Dom, 02/11/2014 - 15:34

sono finiti, lo sanno ma non vogliono mollare i privilegi....feccia pura

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 02/11/2014 - 15:49

La, camusso é il Killer dei posti di lavoro in Italia!.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 02/11/2014 - 17:35

ORMAI I SINDACATI SONO INUTILI DOVREBBERO ESSERE CANCELLATI, NON SERVONO A NIENTE, NON SALVANO N POSTO DI LAVORO, INCASSANO SOLDI DAI LAVORATORI E NON FANNO NULLA, TRANNE SVENTOLARE BANDIRE E DIRE QUALCHE STRONZATA NELLE PIAZZE.