Ora la linea morbida mette a disagio il mondo cattolico

I malumori per le posizioni delle gerarchie ecclesiali: "Ingenue e buoniste, serve verità"

Il Vaticano gremito di fedeli durante l'Angelusa del Papa

La parola disagio stava già stretta prima. Figurarsi oggi dopo la mattanza in una chiesetta della Normandia. Una parte del mondo cattolico fatica a riconoscersi nelle perifrasi delle gerarchie, nel pastoralismo di tante prediche, nel buonismo spalmato sui massacri sempre più frequenti.

Non si tratta di iscriversi al partito degli anti Bergoglio, formuletta frusta e un po' semplicistica, e però diverse voci segnalano un malessere crescente dentro il corpo, vasto e trasversale, della Chiesa italiana che troppo spesso usa un linguaggio politicamente corretto, inadeguato davanti ai drammi della nostra epoca. «La Chiesa - punge Sandro Magister, storico vaticanista dell'Espresso e autore di un blog, Settimo cielo, molto seguito - ha il dovere della verità e invece continua a non chiamare le cose con il loro nome. Nessuno che ai piani alti della Cei metta il terrorismo in relazione con l'Islam. Si utilizzano giri di parole per non dire quel che il fedele vorrebbe sentire. Nessuno che alzi il velo della reticenza: il terrore non è figlio della povertà o della mancata integrazione. In Germania l'integrazione era andata avanti, ma è successo quel che è successo e invece tutti, anche i vescovi, se la cavano parlando di follia, di psichiatria, di emarginazione. La Chiesa - conclude Magister - dovrebbe tornare a Ratzinger e ai suoi ragionamenti sul rapporto fra cristianesimo e illuminismo. Benedetto sosteneva che il cristianesimo ha avuto benefici dall'incontro, pure aspro, con l' illuminismo mentre l'Islam questo confronto non l'ha neanche iniziato. Ma la lezione di Ratzinger è stata oscurata».

La requisitoria di Magister coincide per molti aspetti con quella di Riccardo Cascioli, direttore del foglio on-line La Nuova bussola quotidiana e del mensile Il timone, punti di riferimento per molti laici inquieti e disorientati. «Qui si fanno grandi teorie sull'accoglienza senza distinguere - spiega Cascioli - non si è capito che siamo in guerra, non si è compreso che il Medio Oriente è arrivato qui da noi. Ho appena letto un discorso di monsignor Galantino, voce unica dei vescovi italiani, che dice di non capire chi prega e poi frena sulla politica delle porte aperte a tutti. Ma no, sono io che non capisco lui, come si fa a non misurarsi con quello che sta accadendo?».

Cascioli va all'attacco: «Siamo davanti a una Chiesa ingenua e buonista che ha tradito il realismo cristiano. Ci si balocca con slogan vuoti, si dialoga con l'Islam presunto moderato che pure è una finzione e così si accreditano i fanatici dell'ideologia travestiti da agnelli. E non si distingue fra profugo, rifugiato, immigrato, clandestino perdendo concetti preziosi che sono nel diritto internazionale». Dunque, niente dubbi: «La melassa dei buoni sentimenti non aiuta a capire la complessità delle sfide che dobbiamo fronteggiare e nello stesso tempo annacqua pericolosamente la profondità del messaggio cristiano».

Siamo all'origine, secondo i critici, della malattia. «Guardi - riprende Cascioli - la diagnosi l'aveva già fatta il cardinal Biffi quando diceva che o l'Europa ritrova il suo spirito cristiano, le sue radici, oppure verrà spazzata via dall'Islam. Sarà un'immagine forte ma ora, dopo quello che è successo in Francia, è ancora più vera». E di immagine in immagine, anche il polemista cattolico finisce per recuperare il magistero di Ratzinger e del Benedetto più urticante, quello di Ratisbona: «Il Papa sosteneva che l'Occidente ha come suo

pilastro la ragione ma dimentica la fede, l'Islam al contrario privilegia la fede ma mette in un angolo la ragione. È un discorso scomodissimo ma non per questo meno attuale».

Un tema variegato, con molte suggestioni. L' ultimo tratto lo accenna Stefano Fontana, direttore dell'Osservatorio internazionale cardinale Van Thuan: «La dottrina sociale della Chiesa ci dice che le nazioni hanno il diritto a non perdere la loro identità. E invece dopo Giovanni Paolo II in questa sottolineatura è andata persa in un universalismo zuccheroso e incolore». E il gregge è sempre più confuso.

Commenti
Ritratto di nando49

nando49

Mer, 27/07/2016 - 08:52

La politica della Chiesa non mette a disagio i cattolici, li mette "a rischio della vita". Troppi discorsi sull'accoglienza senza mettere regole e paletti certi. Ne pagheremo le conseguenze.

scarface

Mer, 27/07/2016 - 08:55

Il peones è andato al potere grazie ad un colpo di stato (pontificio). Ridateci il pastore tedesco !!!

Ritratto di ElioDeBon

ElioDeBon

Mer, 27/07/2016 - 08:55

I cristiani dovranno armarsi e agire da soli; certamente non possono attendere il falso papa che usurpa il soglio di Pietro.

@ollel63

Mer, 27/07/2016 - 09:01

così sarà distrutto non solo il vaticano ma l'intera civiltà occidentale.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 27/07/2016 - 09:05

La chiesa dal concilio II in poi è sulla via dell'autodistruzione. Una distruzione chiaramente guidata dall'elite mondialista (e la piccola minoranza).

Angel59

Mer, 27/07/2016 - 09:06

...e il gregge è sempre più confuso. Dunque i cattolici sono pecore da sgozzare?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 27/07/2016 - 09:08

Il cardinale Van Thuan da buon vietnamita non svende la sua nazione. Eroico Vietnam resistente contro il grande satana

lilli58

Mer, 27/07/2016 - 09:15

tra i ministri del culto si moltiplichino e si alzino voci coraggiose come queste!

Ritratto di Maristvanapa

Maristvanapa

Mer, 27/07/2016 - 09:20

Ai veri cattolici importa poco ciò che dice il FALSO papa (papa materialiter) Jorge Bergoglio. Invito tutti ad approfondire la Tesi di Cassiciacum che dimostra come i papi dal Concilio in poi abbiano tradito la fede e spiega ai cattolici come comportarso di conseguenza!

steacanessa

Mer, 27/07/2016 - 09:27

A disagio? Ci fa scappare!

steacanessa

Mer, 27/07/2016 - 09:31

Adesso è chiaro che Benedetto XVI è stato costretto alle dimissioni dalla gerarchia braghe molle che ha poi eletto il gesuita di nome, ma non di fatto.

nopolcorrect

Mer, 27/07/2016 - 09:34

Le Nazioni hanno una loro identità e i giovani figli di immigrati, figli di culture diversissime, non meraviglia che abbiano serissimi problemi psichiatrici vivendo in un ambiente che è lontanissimo dalla loro identità.Non si vuole guardare alla realtà in cui Cechi e Slovacchi si sono separati, Serbi e Croati idem, Fiamminghi e Valloni vivono malvolentieri insieme in Belgio, Russi e Ucraini sono ai ferri corti...cioè anche popolazioni con identità molto simili non intendono integrarsi e noi? Noi sogniamo ad occhi aperti e con la testa nella sabbia di possibili integrazioni che si dimostrano ogni giorno difficilissime o impossibili, vedi il problema razziale negli Stati Uniti.

vince50_19

Mer, 27/07/2016 - 09:35

«Il Papa (Ratzinger) sosteneva che l'Occidente ha come suo pilastro la ragione ma dimentica la fede, l'Islam al contrario privilegia la fede ma mette in un angolo la ragione. È un discorso scomodissimo ma non per questo meno attuale». Condivido questo virgolettato. Caro Francesco che ne pensi? Fai finta di niente? Ti preoccupi di cosa mentre "Lucifero" imperversa dentro le mura vaticane? E' vero: il "gregge cattolico è sempre più confuso". Porgere l'altra guancia va bene, ma prendere in continuazione schiaffoni senza reagire concretamente, se non altro per dignità personale, non mi pare sia la via giusta.

macommmestiamo

Mer, 27/07/2016 - 09:41

secondo le parole di Francesco... e se il clandestino che accogli è gesu'? e se il clandestino che non sfami è gesu'? e se il clandestino che ti sgozza è gesu'? prendi una posizione caro Papa... cosi' sei al servizio del nulla

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 27/07/2016 - 09:48

Io spero vivamente che non ci sia solo disagio ma un vero fuggi fuggi generale.Questa chiesa stupidamente terzomondista,con la sua accoglienza incondizionata si sta autodistruggendo e distruggendo tutti noi.Da fermare,senza se e senza ma.La difesa dello Stato è roba di stato,non è affar di chiesa.

levy

Mer, 27/07/2016 - 09:49

A Ratzinger non gli lo avrebbero fatto fare di andare a prendere 12 mussulmani per portarli in Italia.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 27/07/2016 - 09:50

Il Vaticano è corrotto e venduto al mondialismo. Va espulso. Serve uno scisma liberatorio.

Ritratto di Risorgere

Risorgere

Mer, 27/07/2016 - 10:04

La Chiesa è sull'orlo del baratro, ma pochi se ne sono accorti. Bergoglio, Galantino & C. sembrano gli orchestrali che continuavano a suonare mentre il Titanic stava affondando. Quando i cattolici terrorizzati smetteranno di mandare i loro bimbi a fare i chierichetti o ad andare a messa la domenica mattina, sarà la fine della storia millenaria della Chiesa.

conviene

Mer, 27/07/2016 - 10:15

Ma quale disagio. Sarete a disagio voi che predicate e siete fatti solo di odio allo stato puro.

Ritratto di centocinque

centocinque

Mer, 27/07/2016 - 10:59

Matteo 5.333.37, è molto chiaro, strano che Bergoglio e i suoi sodali non lo abbiano letto.

emigrante

Mer, 27/07/2016 - 11:16

Non s'è mai sentito che un Buon Pastore contribuisca ad introdurre i Lupi nell'Ovile. Questo sta accadendo, ad opera di FALSI PASTORI. E il Vangelo è ben chiaro in proposito: "Guardatevi dai falsi pastori!" E lo stesso, nessuno ha mai prescritto di seminare la zizzania assieme al Buon Grano. Nella parabola Gesù risponde a chi gli chiede il motivo della presenza della zizzania : "Un nemico ha fatto questo" Il nemico si chiama Satana, e abita ai piani alti del Vaticano.

Ritratto di alejob

alejob

Mer, 27/07/2016 - 11:19

Non è questione di linea morbida del Vaticano. E' che questa gente ha vissuto sempre nella BOMBAGIA, hanno avuto tutto senza spendere energie. Ora che si trovano ad un BIVIO, non sanno cosa fare e sicuramente stanno pensando di salire sul carro di coloro che li stanno combattendo per non soccombere. Se noi pensiamo che questi ci difendano siamo dei fessi, questi pensano prima a difendere se STESSI, facendo questa POLITICA BUONISTA, pensando che gli altri l'accettino. E per i cristiani, quelli si possono difendere da soli, ma facendo questo difendiamo pure loro.

venco

Mer, 27/07/2016 - 11:50

Il vaticano con Bergoglio è una grande loggia massonica al servizio dei poteri forti mondiali e del relativismo morale.

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Mer, 27/07/2016 - 12:14

"Se uno dice una parolaccia contro la mia mamma, si aspetti un pugno. È normale!" E se uno uccide un mio fratello o amico, cosa deve aspettarsi?

dani501

Mer, 27/07/2016 - 12:38

un papocchio...

Ritratto di Sarudy

Sarudy

Mer, 27/07/2016 - 12:52

BERGOGLIO GO HOME AS SOON IS POSSIBLE. PLEASE !!!

NickByte

Mer, 27/07/2016 - 12:56

forse i cattolici non hanno ancora capito che devono morire ....

lorenzovan

Mer, 27/07/2016 - 13:00

non capisco certi articoli e certi cattolici...IO sono ateo..ma se fossi cattolico cristiano dovei seguire la dottrina della mia chiesa...ora la dottrina del cristianesimo originario...quello di prima dell'orgia di potere e riccjhezze successivo..quello che che sconfisse le persecuzioni romane e si diffuse in tutto l'impero...era pacifico...non violento.. poco da discutere...Cristo impedi' ai suoi discepoli di difenderlo colle armi...Nessuno vi obbliga ad essere cristiani e cattolici...ma se bolete esserlo siate coerenti...oppure fatevi ebrei o musulmani

19gig50

Mer, 27/07/2016 - 13:02

L'antipapa allontana i fedeli dalla chiesa.

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Mer, 27/07/2016 - 13:07

Questo non è e non sarà mai il PAPA , questo sta facendo scappare tutti i cattolici , se del resto non fa e non dice niente contro questo massacro di cattolici , cosa bisogna aspettarsi da lui ?

soldellavvenire

Mer, 27/07/2016 - 13:35

la "verità" è che la religione cristiana e la ccar cercano il dialogo interreligioso e professano la pace, mentre i fanatici estremisti di TUTTE le parti cercano lo scontro e professano la guerra; è troppo facile ammazzarsi a vicenda ma fate pure, tutta roba già vista

lorenzovan

Mer, 27/07/2016 - 13:40

ritengo per terminare la querelle...Bergoglio un vero cristiano alla stregua dei primi vescovi di roma...ai tempi del paganesimo...quando ancora si seguiva l'esempio di GEsu' e Pietro...il resto sono solo chiacchere di gente con tanti distintivi ma nessun concetto religioso serio interiore...situazioni che portano inevitabilmente agli attici di quattrocento metri...con VISTA SUL VATICANO... solo quello...la vista...

Rudik

Mer, 27/07/2016 - 13:46

La Chiesa Cattolica apostolica romana ha ormai raggiunto la sua fine. Bergoglio invita i fedeli ad adattarsi alla nuova religione, lo fa con i piccoli passi di chi conosce il marcio nascosto negli uomini della chiesa. La vergogna traspare nelle sue prediche, come difendere una religione che ha giustificato stragi per denaro o per potere? Chi è il Papa per dire che l'Islam è sbagliato? La Chiesa è diventata grande per l'esempio dei martiri che si immolarono per la fede, non per i preti che approfittavano dell'ignoranza dei fedeli. Il vero cristiano sa che il martirio è la strada della fede.... Eccoci accontentati.

ernestorebolledo

Mer, 27/07/2016 - 13:50

LA MISSIONE DELL'ARGENTINO È DISTRUGGERE LA CHIESA CATTOLICA ALL'INTERNO

conviene

Mer, 27/07/2016 - 13:54

x lorenzovan Condivido appieno il suo post. Ma questi non sono,. sono cristiani sono solo peggio della peggior bestia che deve sfogare l'odio innato contro qualcuno. Hanno trovato in questo giornale, che ha come linea l'anti chiesa e l'anti papa , perchè pensa di aumentare la tiratura e di portare vori al suo padrone, il luogo dove sfogare il proprio livore e la loro nullità. Non perda tempo con queste miserabili canaglie

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mer, 27/07/2016 - 13:55

Il problema - fondamentale, assoluto - è che il corano predica l'uccisione degli "infedeli", mentre il vangelo predica il perdono e l'amore anche (soprattutto) del nemico. Con questi presupposti dove mai possiamo andare se non sulla croce? Io sulla croce non ci voglio andare, ci vada don bergoglio e tutti i bischeri come lui; io a chi suona alla mia porta per tagliarmi la gola gli sparo. Amen.

Ritratto di Giano

Giano

Mer, 27/07/2016 - 14:21

Bergoglio non ne ha detta una giusta, fin dall’inizio, a partire dalla sua frase sui gay "Chi sono io per giudicare?". Le sue dichiarazioni sono una serie di strampalate affermazioni, spesso contradditorie, senza capo né coda, né fondamento; roba da meditazione delle “pie donne” al circolo parrocchiale. Comincio ad avere seri dubbi anche sulla sua competenza teologica e, di conseguenza, sulla sua autorevolezza come guida spirituale della Chiesa. Fa gli stessi ragionamenti ed usa le stesse argomentazioni banali e prive di fondamento che avrebbe fatto la vecchia Perpetua di Don Abbondio. Mi ricorda “La professione di fede del vicario savoiardo” di J.J.Rousseau. Solo che quel vicario cercava di spiegare la fede in Dio semplicemente perché lo sentiva con il cuore. Nella sua ingenuità era molto più sincero di Bergoglio: il che è tutto dire.

lorenzovan

Mer, 27/07/2016 - 14:40

xconviene...cio' non toglie che a volte sollevino problemi reali e validissimi...sia pur senza accorgersene...una cosa e' la relione che predica l'accoglienza indiscriminata...altra cosa lo statolaico che deve tutelare i suoi cittadini..il loro benessere e la loro cultura..certi salotti chic hanno confuso religione con stato..e su questo non posso certo concordare...non sono mai stato un giustizialista...ma neppure un buonista a prescindere

lorenzovan

Mer, 27/07/2016 - 14:44

XXoldpeterjazz...anch'io...anch'io...per questo mai potrei chiamarmi cattolico e andare in chiesa...sarei un ipocrita

Garganella

Mer, 27/07/2016 - 16:42

Conviene, non fare più commenti banali. L'odio c'è di natura in tutti i mussulmani.

@ollel63

Gio, 28/07/2016 - 08:26

no, franceschiello, tu non sei un papa! Hai perso la ragione: forse non l'hai mai avuta. DIMETTITI e chiedi perdono a tutto il mondo, ma sparisci.

buri

Gio, 28/07/2016 - 10:33

ridateci Ratzinger