Ora Di Maio sbotta: "Me ne frego delle agenzie di rating"

"La legge di bilancio è una priorità. È per seguire le agenzie di rating che ci troviamo il numero di disoccupati e di poveri che abbiamo in Italia"

"Io credo che la legge di Bilancio debba essere coraggiosa. Oggi ho visto nei Tg che si dice 'poi se c'è spazio, facciamo il reddito di cittadinanza'". Lo ha affermato il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio a Napoli.

"Ho visto che c'è questa narrazione per cui prima si pensa a tutte le altre misure - ha aggiunto il ministro dello Sviluppo economico -: 5 milioni di poveri, 8 milioni in povertà relativa, tanti giovani che cercano lavoro, tanti che ce l'hanno ma non arrivano a fine mese, sono la priorità della legge di Bilancio, va messo al centro quel tema".

"Non me ne frega niente se c'è un'agenzia di rating che dice che il reddito di cittadinanza è inopportuno, è per seguire quelle agenzie di rating che ci troviamo il numero di disoccupati e di poveri che abbiamo in Italia", ha concluso Di Maio. "Voglio dare soldi a persone mentre si formano per cercare un lavoro e non per stare sul divano".

Commenti

venco

Mar, 04/09/2018 - 18:19

Salvini cancella la flat-tax e in cambio fai cancellare il reddito di Di Maio, altrimenti ribalta il tavolo e torniamo a votare.

cir

Mar, 04/09/2018 - 18:31

bravo Di Maio . questo si chiama parlare chiaro .

amedeov

Mar, 04/09/2018 - 18:47

A che serve la formazione professionale se le aziende sono fuggite all'estero e quelle poche rimaste sono restie ad assumere? Se si vuole veramente risparmiare, si colpiscano gli sprechi a cominciare dalla eliminazione dei senatori a vita

ARGO92

Mar, 04/09/2018 - 20:15

MATTEO FAI SALTARE IL BANCO ALTRIMENTI CON QUESTI IMBECILLI SPROVVEDUTI CAPOTTEREMO DEL TUTTO SAREBBE LA FINE SI SALVI CHI PUO SCAPPANDO DALL ITALIA

Emilia65

Mar, 04/09/2018 - 21:11

Ahi ahi ahi che brutta risposta. Per il bene degli Italiani sarebbe meglio che a Di Maio interessasse molto il giudizio delle agenzie di rating. Se passano tutte in negativo lo spread va alle stelle, e i risparmi fatti con l'aereo di Renzi e le pensioni d'oro sarebbero niente di fronte all'aumento dei costi per l'interesse sul debito.

rokko

Mar, 04/09/2018 - 21:12

ARGO92, "Matteo" in questo marasma ha già ampiamente dimostrato di sguazzarci benissimo, come un pesce nel fiume. Perché dovrebbe far saltare il banco?

Gianni11

Mar, 04/09/2018 - 21:14

Grande DiMaio! NO AI RICATTI DEGLI USURAI GLOBALISTI! Prima gli italiani! VIVA L'ITALIA LIBERA E SOVRANA!

Alighiero

Mar, 04/09/2018 - 22:25

Bravo! Vedremo quanti parassiti sono cojnvolit nello speculativo gioco di borsa perché saranno i primi a lamentarsi!

Yossi0

Mar, 04/09/2018 - 22:28

Per forza, è onesto non sa che cosa sono bisognerebbe che i prof. al governo gli facciano un corso di economia, brevissimo altrimenti la faccenda si complicherebbe perché chissà cosa intenderebbe; peccato però che questi sconosciuti influiscano negativamente sui costi del credito italico che pagano gli italiani con stipendio e pensioni molto ma molto più bassi del suo stipendio......

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 04/09/2018 - 22:36

Occhio che quelle (agenzie rating) hanno buttato con l'inganno giù un colosso come Berlusconi, anche se coadiuvati da parecchia sinistra gentaglia. Non penso che tu abbia esperienza maggiore del cavaliere. Meglio stare in campana.

Mr Blonde

Mar, 04/09/2018 - 23:15

mi auguro una finanziaria di transizione poi tutti a casa, immaginiamo al sud quanti cercano lavoro... buffone

INGVDI

Mar, 04/09/2018 - 23:16

Il reddito di cittadinanza e' un provvedimento immorale e il M5s una scuola di parassitismo.

maurizio@rbbox.de

Mer, 05/09/2018 - 00:37

Oh finalmente. Siamo d'accordo. Chi l'avrebbe mai detto.

maurizio@rbbox.de

Mer, 05/09/2018 - 00:41

@amedeov Se si vuole veramente risparmiare, si colpiscano gli sprechi a cominciare dalla eliminazione dei senatori a vita.... non serve a nulla. L'Italia deve TAGLIARE LE TASSE, TAGLIARE LE TASSE, TAGLIARE LE TASSE. Su tutto, persone fisiche, pensionati, imprese. Che si paghi per i servizi se serve. Che ci si assicuri per evitare di pagare troppo.... Anzi che elimino pure il sistema previdenziale... tanto è uno schema-ponzi per cui il denaro fresco serve per pagare i pensionati esistenti. 10% di prelievo fiscale... la DECIMA come si usava nel 1700. Se mi mettono in tasca il 90% del lordo stai TRANQULLISSIMO che me lo amministro da solo il mio reddito, ed esce pure una pensione decente.

Antonio Chichierchia

Mer, 05/09/2018 - 03:32

Da Roma in giù c'è una valanga di lavoratori in nero, diamogli anche il reddito di cittadinanza ...e diamo l'addio alle speranze di far quadrare i conti pubblici della P.A. e dell'Italia.

asalvadore@gmail.com

Mer, 05/09/2018 - 04:18

Battuta da comico in bocca di un demente.

forzanoi

Mer, 05/09/2018 - 06:28

Se costui parlasse un pò di meno, l'Italia andrebbe sicuramente meglio|

Popi46

Mer, 05/09/2018 - 06:33

Il guaglioncello venditore di noccioline si è montato la testa, vedano i suoi due burattinai (anzi uno solo, perché il comico arruffapopoli non è all’altezza) di riportarlo all’ordine, le agenzie di rating con i loro giudizi influenzano direttamente scelte che pesano,eccome se pesano, nell’economia mondiale.... che volete che peso abbia l’Italietta oltre a quello del suo spropositato debito pubblico?

rokko

Mer, 05/09/2018 - 07:04

Di Maio, capisco che tu te ne freghi delle agenzie di rating, ma sarebbe molto meglio se fossero i mercati a fregarsene. Ricordati che ogni anno dobbiamo emettere 400/450 miliardi di titoli, fra debito in scadenza da rinnovare e nuovo deficit, quindi possiamo fregarcene fino ad un certo punto. Comunque fai tu, ma poi non dire che non te lo avevo detto

Duka

Mer, 05/09/2018 - 07:52

Poveretto ! I suoi limiti sono tutti in evidenza-

Duka

Mer, 05/09/2018 - 07:53

x ARGO92 Hai ragione da vendere!

diesonne

Mer, 05/09/2018 - 08:16

diesonne DI MAIO MENO PRESUNZIONE E MENO LINGUAGGIO DA CARRETTIERE -ORMAI IL SUO LINGUAGGIO SPREZZANTE NON SI USA NEèèURE NELLE BETOLE

dario52

Mer, 05/09/2018 - 08:38

Casaleggio non lo fare piu parlare fa solo danni ,non ti sei accorto che salvini ha cambiato rotta sul deficit e sui rapporti con l'europoa ? arrivate sempre in ritardo ......

MASSIMOFIRENZE63

Mer, 05/09/2018 - 08:52

Il reddito di cittadinanza può andare bene in paesi ricchi come la Svizzera e l'Arabia Saudita. Noi non ce lo possiamo permettere perché abbiamo un debito pubblico troppo elevato.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Mer, 05/09/2018 - 08:58

GIGETTO IL PROBLEMA E' CHE I GRANDI INVESTITORI INVECE LE SEGUONO LE AGENZIE DI RATING PER CUI NON SI PUO' IGNORARE IL PROBLEMA. INOLTRE COL DEBITO MOSTRUOSO CHE ABBIAMO QUALSIASI RIFORMA DEVE PREVEDERE NON SOLO DI NON AUMENTARLO MA DI COMINCIARE ANCHE A RIDURRE IL DEBITO. ALTRIMENTI TRA UN PO SALTA TUTTO !! E ALLORA DI POVERI NON NE AVREMO PIU' 8 MA 60 MILIONI !

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Mer, 05/09/2018 - 09:00

AVERE UNA RIDUZIONE DEL RETING SIGNIFICA CHE MOLTI INVESTITORI PER STATUTO ANCHE VOLENDO NON POTREBBERO PIU' COMPRARE I NOSTRI BOT E BTP E ALLORA SAREBBE LA CATASTROFE !

VittorioMar

Mer, 05/09/2018 - 09:02

..OTTIMO DI MAIO !!!.non dare importanza alle AGENZIE né allo SPREAD né ai fasi Economisti PROFETI DI SVENTURE e NEANCHE AL "SOLE" :FATE PRESTO !!..SIAMO ANCORA NEL G7 !!

VittorioMar

Mer, 05/09/2018 - 09:10

..ma secondo voi,i Falsi Invalidi cosa erano e cosa sono ??...non è un sostegno al reddito ???...chiamatelo come vi pare ma quello è ...!!!

Ritratto di Ninco Nanco

Ninco Nanco

Mer, 05/09/2018 - 09:22

Inchieste giornalistiche molto serie, e antecedenti al presente governo, hanno già dimostrato quanto poco scientifiche siano le valutazioni delle agenzie di rating. Sono pagate da potentati economici stranieri e "legano l'asino dove vuole il padrone". Se amiamo davvero il nostro paese dobbiamo smetterle di considerarle.

buri

Mer, 05/09/2018 - 11:52

queste affermazioni dimostrano palesemente l'incompetenza di Due Maio

rokko

Mer, 05/09/2018 - 12:33

Ninco Nanco, saranno analisi di incompetenti, saranno parziali, ma il dato di fatto di cui conviene prendere atto come tale, è che gli investigatori si basano sui rating di quelle agenzie per operare sul mercato. Noi potremo permetterci di fregarcene del rating il giorno in cui non dovremo più finanziare ogni anno circa il 25% del pil, ma magari solo il 10% o meno. Ma quel tal giorno, i rating saranno tutti positivi e quindi il problema non si porrà nemmeno.

Ritratto di Ninco Nanco

Ninco Nanco

Mer, 05/09/2018 - 13:42

rokko E' come lei dice. Voglio però sottolineare quanto sia assurdo il fatto che uno Stato Sovrano debba dipendere dai pareri capricciosi di un ente privato discusso e discutibile quale può essere "un'agenzia di rating". Nel meccanismo c'è qualcosa di profondamente errato e, infatti, gli effetti sull'economia reale non sono per niente positivi. Cinque milioni di poveri assoluti in uno dei sette paesi più industrializzati del mondo dovrebbero far riflettere, più delle letterine assegnate dall'agenzia di turno.

Giorgio1952

Mer, 05/09/2018 - 15:48

"Non me ne frega niente se c'è un'agenzia di rating che dice che il reddito di cittadinanza è inopportuno, è per seguire quelle agenzie di rating che ci troviamo il numero di disoccupati e di poveri che abbiamo in Italia", Di Maio non ha capito nulla perché non sono le agenzie di rating che condizionano i mercati, sono gli operatori finanziari e le banche, se questi decidono di mettere sul mercato ingenti quantità di un titolo, il suo valore diminuisce al contrario aumenta quando c’è una forte domanda di quel titolo. Le agenzie di rating prendono atto dell’andamento del mercato e ipotizzano il famoso “outlook” termine con il quale si indicano le prospettive o le previsioni dell'andamento di una società o di un paese, teoria allo stato puro. Andate a vedere il rating della Lehman Brothers qualche giorno dell’annuncio di debiti bancari per 613 miliardi di dollari, debiti obbligazionari per 155 miliardi e attività per un valore di 639 miliardi, ovvero il fallimento.

rokko

Mer, 05/09/2018 - 16:53

Ninco Nanco, io penso che stiamo dicendo sostanzialmente la stessa cosa, ma con la lente di ingrandimento posta su due aspetti differenti. Lei ha la lente concentrata sull'assurdità della situazione, io ho la lente posata sulle responsabilità di questo stato di cose. Sintetizzo con un paio di domande quello che vedo con la mia "lente": se una grande nazione industrializzata come l'Italia dipende criticamente, per quanto riguarda le scelte in manovra economico-finanziaria, dal giudizio di una serie di agenzie di rating (lasciando da parte il tema della loro affidabilità o incompetenza), la colpa di chi è, delle agenzie di rating o della classe dirigente (la politica) italiana ? E soprattutto, il problema chi è che ce l'ha, le agenzie di rating o il governo italiano ? Per me le risposte alle due domande sono talmente evidenti da non valere nemmeno la fatica di scriverle ...

Ritratto di Ninco Nanco

Ninco Nanco

Mer, 05/09/2018 - 21:07

rokko Vero. La colpa è di una certa politica italiana passata, che ci ha svenduti ai burosauri della cosiddetta UE. Il problema è nostro. Chi è chiamato a risolverlo è il governo che la maggioranza ha scelto. L'unica cosa positiva è che i demenzial-burosauri dimostrano di avere molta paura dell'Italia, che ha molte buone carte da giocare. Tocca al governo giocarle bene, e spero proprio che lo faccia.