Ora il Pd vuole imporre le primarie a tutti

Una proposta di legge di quattro parlamentari renziani prevede pene pecuniarie per i partiti che non faranno le primarie o non ne rispettaranno l'esito ma anche per quei candidati sconfitti che decideranno di presentarsi ugualmente alle urne

Primarie, croce e delizia del Pd. Un vero e proprio chiodo fisso, soprattutto per i renziani che, ora, vorrebbero introdurle per legge. Alla Camera è stata, infatti, presentata oggi una proposta di legge presentata dai deputati Edoardo Fanucci e Dario Parrini, insieme ai senatori Franco Mirabelli e Andrea Marcucci.

I quattro esponenti renziani sottolineano che le primarie resteranno facoltative ma saranno previste delle sanzioni per i ‘soggetti politici’ (non solo partiti) che decideranno di non farle o di non rispettarle e per quei politici che, sebbene sconfitti, decideranno di candidarsi lo stesso. Per la precisione i soggetti politici che rinunceranno alle primarie non beneficeranno del 2x1000 e quelli che non rispetteranno il risultato non avranno la restituzione della cauzione che dovranno obbligatoriamente versare a un collegio dei garanti indipendente e istituito per sovraintendere alla regolarità del voto. I candidati sconfitti che si presenteranno ugualmente alle urne dovranno versare un importo pari a metà della cauzione versata dal partito. “Era necessario trasformare in norma quel patto di lealtà che sta alla base delle primarie perché si accettino le regole e il risultato finale", ha spiegato il senatore Marcucci.

La legge prevede tre tipi di primarie: aperte (a tutti), semi aperte, cioè aperte ai cittadini che al momento del voto aderiscono all’albo degli elettori e chiuse, cioè ristrette soltanto agli iscritti del partito o del soggetto politico che le promuove. Non sono previste, invece le primarie online tanto care ai Cinquestelle. "Ci saranno quando si voterà online” spiegano i parlamentari renziani che ci tengono a precisare che le loro primarie vogliono ricalcare quanto più possibile le votazioni per cui vengono promosse. Ciò significa che, a differenza di come avviene attualmente, il voto è precluso agli immigrati senza cittadinanza italiana e ai minorenni, anche se in quest’ultimo caso forse si farà un’eccezione per quei 17enni che saranno maggiorenni al momento dell’elezione amministrativa o Regionale.

Le primarie per la scelta del premier “non sono possibili per Costituzione” spiegano i promotori della legge che ricordano che spetta al Capo dello Stato la nomina del presidente del Consiglio. Ma “Le primarie sono invece possibili per designare il leader nazionale di un partito nazionale" che, come chiarisce il deputato Parrini, ormai è generalmente anche il candidato premier. L’obiettivo dei quattro proponenti è di approvare la legge entro il 2017 di modo tale da farla entrare in vigore già per gli appuntamenti elettorali del 2018 con la logica del Primarie Day, ovvero uno stesso giorno per tutte le primarie in Italia e per tutti i partiti. Il tutto per una spesa di 15 milioni di euro annui per i prossimi tre anni. Un totale di 45 milioni di euro. Alla faccia della spending rewiew e dei tagli alla politica.

Commenti
Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 31/03/2016 - 17:16

Come buttare altro denaro. ma al PD ed al giullare poco importa.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 31/03/2016 - 17:26

Siamo oltre il paradosso. Non varrebbe neppure la pena di commentare tali fesserie, stupide quanto "pericolose". Basti pensare che con un criterio del genere, ove non vi sia un irrealizzabile sistema di controlli, un partito (il PD tanto per farne un nome) potrebbe far intervenire suoi accoliti nelle primarie altrui per bocciare un candidato ritenuto "pericoloso". Del resto Renzi docet: le cavolate che inventa lui non hanno limiti. A Roma dicono "un cazzaro".

maurizio50

Gio, 31/03/2016 - 17:44

La fantasia dei delinquenti, iscritti al Partito Delinquenti, è irrefrenabile! Non c'è limite: tra poco realizzeranno pure , ovviamente a beneficio del PD, un sistema per cui il voto al PD vale due voti ad altri: cose da partito nazista hitleriano!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

baio57

Gio, 31/03/2016 - 17:54

E così i ladroni vorrebbero imporre le "brogliarie" a tutti ?

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Gio, 31/03/2016 - 17:57

IL PD SI ISPIRA ALLE LEGGI DELLA VECCHIA RUSSIA DI STALIN, UN GOVERNO TOTALITARIO ECCO COSA E' OGGI IL GOVERNO RENZI

giovanni PERINCIOLO

Gio, 31/03/2016 - 18:07

I cittadini invece vogliono un bel referendum sugli emolumenti e vitalizi di tutti i politici e sul numero dei parlamentari!

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 31/03/2016 - 18:22

Compresi anche i brogli di tipo pd?

ziobeppe1951

Gio, 31/03/2016 - 18:41

IMPORRE...mi sa tanto di di NaziStalinismo

Ritratto di marino.birocco

Anonimo (non verificato)

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Gio, 31/03/2016 - 19:22

Invece di voler "imporre" le primarie, ci impongono già le tasse, i clandestini, gli incapaci contapalle deficienti, gli zingari e ci vietano di difenderci. Perché non vi levate per sempre dall'Italia?

pinux3

Gio, 31/03/2016 - 19:40

@02121940...Quello che dici tu può avvenire OGGI, non se le primarie vengono REGOLAMENTATE PER LEGGE. Almeno fino a lì ci arrivate?

Ritratto di .pac'ebbene...

.pac'ebbene...

Gio, 31/03/2016 - 20:09

ma noi semple andale a votale alle plimalie piddi, anche un'eulo a voto

nunavut

Gio, 31/03/2016 - 20:22

@ pinux Dunque se viene regolamentata e impedire quello che pronostica 02121940 ogni persona dovrebbe avere in suo possesso la tessera del partito a cui é iscritto = soldi per i vari partiti,a me sembra che sia una proposta che sarà accolta da tutti partiti,i quali sperano segretamente di riempire le loro casse con le iscrizioni.

Una-mattina-mi-...

Gio, 31/03/2016 - 20:30

COME DIRE: la farsa istituzionalizzata, scrutini inclusi...OPS

tRHC

Gio, 31/03/2016 - 20:41

E continuano a chiamarle primarie... ma allora e' proprio vero che a sinistra non si conosce la vergogna!!!!!!

tRHC

Gio, 31/03/2016 - 20:47

pinux3:se le primarie dovessero arrivare per legge,tutti sarebbero costretti a sostenerne i costi ed e' proprio quello che vuole il tuo amato partito di magnaccia... a me non sta' bene pagare per le primari tue e a te si?? Bene allora continua con le pagliacciate della tua sezione e togli le mani dalle mie tasche!!!!

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Gio, 31/03/2016 - 21:56

Non sono per niente d'accordo nonostante sia favorevole alle primarie,giusto che ogni partito sia libero di organizzarsi come crede e di selezionare i suoi dirigenti compreso il leader

guardiano

Gio, 31/03/2016 - 22:33

Premetto che giudico le primarie fatte come le fa il p.d. sono una vera schifezza, volerle imporre per legge è una losca manovra da regime dittatoriale.

Beaufou

Ven, 01/04/2016 - 08:40

Eh già, i sinistri sono sempre stati convinti sostenitori della filosofia "Mal comune , mezzo gaudio" : hanno scassato tutte le economie e le società che hanno cercato di guidare, e insistono anche con le piccole cretinerie spicciole come le primarie. Ma il trucco c'è...non potendo designare candidati validi perché non ne hanno, vogliono dare la colpa alle primarie se l'eletto, come spesso succede, è incapace, delinquente o ladro. Così possono dire che l'ha scelto la "ggente". La quale fa la sua parte, se è per quello, giudicando spesso a naso o a pancia che dir si voglia.

buri

Ven, 01/04/2016 - 10:13

w poi cosa inventeranno ? di certo il partito unico, bella prospettiva