Ospedali strapieni in Inghilterra Migliaia di pazienti dimessi di notte

Tagli e posti letto insufficienti, pagano gli anziani e i poveri

Londra - Ospedali strapieni, pronto soccorso intasati, migliaia di persone rimandate a casa nel bel mezzo della notte o alle prime luci dell'alba. La sanità pubblica britannica è al capolinea. Da quando quattro anni fa, un'inchiesta indipendente del Times aveva lanciato l'allarme, nulla sembra essere stato fatto e la situazione ora è divenuta insostenibile. Le cifre parlano da sole. Dal 2012 ad oggi gli ospedali inglesi hanno dimesso durante la notte almeno un milione di persone nonostante questa pratica sia da tempo considerata particolarmente pericolosa soprattutto per i pazienti anziani. Le autorità ospedaliere hanno spesso scoraggiato la procedura, tuttavia in un anno le dimissioni avvenute tra le 11 di sera e le 6 del mattino sono salite da 20 a 25 mila.

Tra i pazienti rimandati a casa anche moltissimi casi di demenza senile alcuni dei quali si sono poi conclusi tragicamente. È il caso di una signora di ottant'anni dimessa in fretta e furia per liberare un letto che serviva ad accogliere un paziente considerato più urgente e che è morta poco dopo l'uscita dall'ospedale. Indossava un pigiama troppo leggero per una notte così fredda e aveva con sé i medicinali destinati ad un altro paziente. Un'altra donna di 88 anni è stata rimandata nella sua abitazione priva di riscaldamento, con indosso soltanto un pigiama da uomo alle due del mattino. Dopo decine di articoli pubblicati dai media nazionali e sotto la pressione politica dell'opposizione, ieri Downing Street ha confermato di aver concesso alle autorità locali il potere di aumentare le tasse per finanziare servizi per gli anziani più efficienti, ammettendo pubblicamente che alcune aree sono particolarmente a rischio. I tagli precedentemente effettuati ai servizi di assistenza pubblica hanno infatti finito per pesare sugli ospedali dove finiscono «parcheggiati» tutti coloro che una volta terminata la cura ospedaliera non possono tornare a casa perché nessuno si occupa di loro e perché non possono permettersi di pagare un'assistenza domiciliare privata.

Ieri il ministro alla Sanità Jeremy Hunt ha detto che la gente deve iniziare a risparmiare di più per affrontare in futuro problemi gravi come la demenza. E Simons Stevens, capo del servizio sanitario inglese, ha richiesto un finanziamento extra immediato spiegando che la crisi ospedaliera è sotto gli occhi di tutti. In una notte possono venir dimesse anche 700 persone, tra cui molti anziani. Il ministro ombra alla Sanità, Jonathan Ashworth, da la colpa a «sei anni di tagli selvaggi che hanno ridotto gli ospedali in condizioni disastrose lasciando poche opzioni a medici e infermieri». «Molto spesso - ha detto Ashworth - l'unica cosa da fare per liberare un letto è quella di dimettere un paziente anche nelle ore notturne». E Jeremy Hughes, presidente dell'Alzheimer Society, ha raccontato di un caso in cui una signora è stata lasciata al mattino presto, al freddo, di fronte alla porta chiusa della sua casa di cura. «Queste cose non dovrebbero e non possono più accadere», ha commentato.

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 15/12/2016 - 09:19

...Questi anziani,e questi poveri,mi immagino siano tutti INGLESI doc,...O mi sbaglio??!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 15/12/2016 - 09:20

Questi anziani e questi poveri,mi immagino siano tutti INGLESI DOC.....O mi sbaglio??!!

linoalo1

Gio, 15/12/2016 - 09:34

E' perfettamete inutile,parlare solo dei casi pietosi!!!Date,invece,i Dati Analitici!Ossia:quanti sono i ricoverati,quanti sono gli Inglesi,suddivisi per gravità!!Mi sembra molto strano che,improvvisamente,gli Ospedali si siano riempiti fino al collasso!!!Se così fosse,vuol dire che gli Inglesi,contrariamente al resto d'Europa,hanno avuto un Incremento Demografico Notevole o,più facilmente,sono aumentati di numero a causa di una Immigrazione Imprevedibile!!!!

Keplero17

Gio, 15/12/2016 - 09:37

Ecco la spiegazione della Brexit, nonostante l'establishment abbia fatto di tutto per manipolare il voto. La realtà è quella di un paese povero pieno di migranti. Solo la finanza londinese viveva nel lusso dando lavoro ad alberghi ristoranti e locali alla moda.

blackwater

Gio, 15/12/2016 - 09:53

una bella lezione americana si chiama REALISMO: tutto ha un costo ed il welfare è una cosa incompatibile con una società numerosa e multitenica.L'idea britannica della sanità gratis di qualità e per tutti poteva forse andare bene una volta,ora presenta l'ovvia conseguenza di un aumento della pressione fiscale,aumento sempre pericoloso perchè di fatto manda fuori mercato le proprie aziende.Ho letto da qualche parte che il nome di battesimo più diffuso da quelle parti per i nuovi nati è "Mohammed" nelle sue varie declinazioni,ma SICURAMENTE non c'entra.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 15/12/2016 - 10:47

ecco i nodi al pettine, per quelli che dicono che bisogna fare figli e per quelli che dovremmo far arrivare tutti i poveri per aiutarli. Non ci sono sufficienti entrate quindi è una strada sbagliatissima quella di fare arrivare nullafacenti e di crescere figli che non hanno futuro.

Trautmann

Gio, 15/12/2016 - 11:12

@linoalo La cosa ha una spiegazione molto più semplice: ospedali strapieni per continui tagli ai posti letto così ci sono dimissioni selvagge, proprio come da noi...

Ritratto di Svevus

Svevus

Gio, 15/12/2016 - 12:17

Se vi capita di visitare un reparto di Ostetricia in UK o anche solo a Milano vi renderete conto del capovolgimento etnico. In molte scuole del centro di Londra ho fotografato la composizione delle classi esposte in bacheca : tra una ventina di nomi "esotici" compare ..forse..un nome inglese.

killkoms

Gio, 15/12/2016 - 12:56

@do ut des,noi figli ne facciamo pochi (io per la cronaca ne ho 3!) ma in compenso grazie al quaquaraqua fiorentino stiamo campando i figli di .. degli altri!

moshe

Gio, 15/12/2016 - 13:05

... presto anche da noi sarà così, con tutta la feccia che dobbiamo assistere e per di più gratuitamente !!!

Mobius

Gio, 15/12/2016 - 15:19

In fondo situazioni del genere erano prevedibili. I giuggioloni occidentali che accolgono tanto entusiasticamente gli extraterrestri, pardon, extracomunitari, non hanno mai considerato che in certi Paesi c'è la miseria per il semplice motivo che non sono capaci di produrre ricchezza. E venendo da noi ci portano il bene principale di cui dispongono: appunto la loro congenita incapacità di produrre ricchezza.

elpaso21

Gio, 15/12/2016 - 15:22

Ma a Londra non fa mai così freddo, c'è un clima fresco abbastanza piacevole.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Gio, 15/12/2016 - 16:00

Sì e fanno pure schifo!

Raoul Pontalti

Gio, 15/12/2016 - 16:46

Gli ospedali, per carenze di strutture di altro tipo, vengono sovraccaricati di compiti impropri. Gli anziani non autosufficienti per patologie quali la demenza senile o gli esiti invalidanti di ictus, etc. devono essere ricoverati in strutture come da noi le RSA non negli ospedali, idem per le le cd lungodegenze e le riabilitazioni. In ospedale ci si deve restare lo stretto necessario per le cure altrimenti non erogabili, poi il paziente va dimesso e se del caso prosegue la terapia a domicilio oppure in altre strutture, non in ospedale. L'ospedale eroga cure di alto livello e costose, non può essere sprecato per malattie croniche curabili in strutture meno onerose.

risorgimento2015

Gio, 15/12/2016 - 17:17

Siccome tutti la gente del terzo mondo che per 60 anni I britannici hanno importato" e continuano a farlo," sono tutti fradici, sia I vecchi che come minimo hanno la diabete 2 " mangiato porcheria ettinica" oppure I bambini tutti con l'asma debbolissimi sempre pieni di raffreddori e febbri ect..ect.. che imbragano I pronto soccorsi degli ospedali ...potrei scrivere un libbro , essendo che sono un ex dipendente della sanita Britannica. Deduco se non gia` ,in Italia ci stiamo arrivando a quel livello,sara sempre peggio...sempre peggio , a meno che non ci pensi ZIO PUTIN .