Di padre, madre, fratello e sorella ignoti

Al Senato è stata depositata una bomba a orologeria per far saltare in aria la famiglia

Al Senato è stata depositata una bomba a orologeria per far saltare in aria la famiglia. Ma lorsignori si trastullano con l'Italicum. Si tratta del ddl della senatrice Valeria Fedeli (Pd) che vuol finanziare con 200 milioni di euro un programma di rieducazione all'ideologia gender. Il fine è adottare a scuola misure e contenuti per «eliminare stereotipi, pregiudizi, costumi, tradizioni e altre pratiche socioculturali fondate sull'impropria “identità costretta” in ruoli già definiti dalle persone in base al sesso di appartenenza».

L'impropria «identità costretta» sarebbe poi la famiglia coi ruoli «già definiti» di padre, madre, figlio, figlia. Non si chiede di riconoscere pari dignità ai transessuali, ma addirittura si chiedono milioni per eliminare dalle teste dei ragazzi l'idea della famiglia con i suoi ruoli definiti e sostituirla col gender. A questa proposta, nata nel partito di maggioranza che fa il paio con la legge Scalfarotto sull'omofobia, chi reagisce? Il movimento Pro-vita che cerca firme per una petizione, Giovanardi, e pochi altri...

Se lo dici rischi di vederti censurato, come è capitato all'avvocato Simone Pillon che aveva denunciato l'osceno materiale didattico in un liceo di Perugia che con l'alibi di fare prevenzione pubblicizzava pratiche per l'eccitazione omosex come l'uso di lubrificanti anali, sex toys e dental dam. Risultato della denuncia: è stato indagato lo stesso Pillon e oscurato il sito del forum famiglia in cui è apparsa la sua denuncia ironica. E qui parliamo di super-canguri...

Annunci
Commenti

gigggi

Sab, 24/01/2015 - 15:14

Io mi chiedo che razza di intellettuale è il sig. veneziani difensore della famiglia quando gli pare...io sono sposato da 50 anni e sempre con la stessa donna,ho procreato come tutte le persone "normali, non condivido i matrimoni omosessuali e mi danno fastidio le ostentazioni degli omo ma facciano quello che vogliono lontano da me ...sono contro l'aborto FERMAMENTE e contro il divorzio che però gli altri possono praticare...sono di sinistra e agnostico...signor veneziani io disprezzo gli uomini che vanno con le ragazzine, che fanno festicciuole a casa propria,che sono divorziati più volte,che sono fidanzati con donne con 50 anni di meno, che si truccano come donnacce da circonvallazione nonostante la avanzatissima età...........mi trova qualche differenza morale??????????Che fate la pubblicate stavolta???????

BIASINI

Sab, 24/01/2015 - 16:02

@@ caro giggi, ma che razza di intellettuale e lei, che non riesce nemmeno a capire il "bersaglio" di Veneziani. Che sia agnostico e di sinistra non è necessariamente un diploma di intelligenza. Anzi, nel caso specifico.....

eloi

Sab, 24/01/2015 - 16:19

A distruggere la famiglia, per adesso solo in pochissimi casi ci ha già pensato "telefono azzurro"

Zizzigo

Sab, 24/01/2015 - 17:05

L'unica certezza è che l'impossibilità della procreazione, tra omosex, estinguerà naturalmente la specie... anche se bisognerà attendere ancora alcune generazioni. Per gli "orgogliosi omosessuali", solo compassione.

IAIA

Sab, 24/01/2015 - 17:45

I comunisti sono da sempre il cancro del nostro Paese! E questa chigghiona li rappresenta tutti.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Sab, 24/01/2015 - 17:51

Gli argomenti di chi difende la propria famiglia 'borghese', senza 'intervenire' nelle scelte di chi sceglie una famiglia e una sessualità 'alternativa' sono, in qualche misura, ineccepibili. Difficile trovare una controrisposta al loro 'perbenismo' (perchè il problema dei perbenismi e dei buonismi è, appunto, la loro inattaccabilità in virtù dei 'buoni propositi' espressi). Ci ho pensato, ci ho pensato. Poi, oggi pomeriggio, ho sentito una cassiera al supermarket che, prossima ad essere zia, vorrebbe una nipotina femmina per far compagnia a sua figlia, troppo 'maschiona' tra fratelli e cugini tutti maschi! L'ho 'punzecchiata' dicendogli: "Beh, che male c’è, tanto stiamo diventando tutti 'transgender'!" La sua risposta? "NO, NO, per carità di Dio!". La saggezza popolare mi è venuta in soccorso. Magari non cambierà il corso delle cose. A ognuno, se vuole, la sua libertà Ma sentire il rifiuto, sano, dell’’imprecisione di genere’ mi ha sollevato!

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 24/01/2015 - 17:53

@gigggi- Non capisco il suo tono scandalizzato e l'accusa di difendere la famiglia 'quando gli pare'. Il fatto che lei sia e si dica buon padre e marito,che esistano tante brutture e gente dai pessimi costumi sessuali dovrebbe impedire a Veneziani di denunciare l'ideologia gender che si vuole imporre anche attraverso la scuola? Si spieghi meglio, per favore.

Giacinto49

Sab, 24/01/2015 - 18:06

gigggi - Probabilmente perchè è cresciuto assimilando sani principi che, continuando così, ai nostri nipoti e pronipoti nessuno si sognerà più di insegnare. Una eccezione, con tutti i suoi pregi e difetti, è una eccezione, non può diventare la regola, tanto meno con l'"imprimatur" della scuola. Cordialità.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Sab, 24/01/2015 - 18:10

gigggi: il tuo post va benissimo per la serie "non c´entra niente".

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 24/01/2015 - 18:21

Anche l'opposizione è tutta impegnata nei maneggi di Palazzo,accetta tutto, nessuna reazione,non si muove foglia. @eloi- Se si tratta solo di pochissimi casi, perché cita il telefono azzurro?

Joe Larius

Sab, 24/01/2015 - 18:36

Riportare qui ciò che il profeta del comunismo Charly Marx ha sentenziato sul "Manifesto" sarebbe troppo lungo, consigliamo agli interessati di procurarselo e di leggerne il contenuto. Posso riassumere che di seguito all'eliminazione della famiglia egli propone la sottrazione dell'educazione dei figli ai genitori per affidarla allo stato naturalmente comunista. Come esempio da dare ai suoi seguaci, il grande vate non era in grado nemmeno di mantenersi una famiglia in un tugurio londinese (doveva pensarci uno dei, da lui definiti, luridi borghesi di nome Engels (a parte il tugurio, imitato suoi italici seguaci) ed ebbe due dei suoi figli suicidi. Signora Valeria; da ignobile reazionario, mi auguro che lei non abbia figli e se li ha, che vivano una vita molto lontana dalle sue brame dottrinarie.

gigggi

Sab, 24/01/2015 - 18:43

Biasini la invito a contenersi nel dare giudizi affrettati e glielo rispiego anche in riferimento all'articolo precedente a questo di tema simile e in cui il veneziani declamava l'appartenenza a sinistra e la sua ideologia tesa alla distruzione della famiglia, i favoritismi agli omo eccetera ed io ..di sinistra,agnostico ( sarò libero di esserlo senza che lei offenda o no???)dichiaravo d'essere sposato da 50 anni con la stessa signora,con figli,contro il divorzio ,contro l'aborto,contro l'omosessualità,contro i matrimoni omo eccetera...mi sa che è lei a non avere capito niente..si esima la prossima volta se mai ci sarà.

El_kun

Sab, 24/01/2015 - 19:11

E il centrodestra cosa fa? dorme, come al solito; oppure, come comincio a sospettare, è in sintonia con il csx anche su questa porcheria.

Linucs

Sab, 24/01/2015 - 19:26

Maledetti palidi cristiani non vuole capire che noi vuole che loro muore di per sempre!

gigggi

Sab, 24/01/2015 - 19:53

Per chiarirmi ancora...non è necessario essere di destra per essere a favore della famiglia e contro il resto...ma biasini non ha capito niente e come tutti gli adoratori del capo che tutto è tranne che a favore della famiglia ( magari...a favore delle famiglie, tante famiglie, ma tante tante)e che da prendere ad esempio proprio.....ma a voi basta avere il distintivo...

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 24/01/2015 - 20:14

La famiglia c'entra poco caro Veneziani. In gioco c'è ben altro e da tempo:la mitica uguaglianza, l'utopica uguaglianza. Ecco cosa c'è in ballo da ormai due secoli. Quelli meno abbienti di comprendonio tra di noi avevano capito che per uguaglianza, che in natura e nella galassia non esiste, si doveva alludere alla razza, al censo, al sesso. E solo per avere gli stessi diritti, non altro. Nossignori, per uguaglianza gli utopici adoratori intendono anche il genere. Giocano grosso lor signori. Non più uomini, donne, mamme, zie, nipoti, cognati. Tutti caratterizzati da quella cosina lì. No, unico genere. Niente più differenze. Niente maschi, niente femmine, mogli, mariti, figli cognati e cugini. Niente. Tutti indifferenziati. Vi piace? No? Pazienza.

Giacinto49

Sab, 24/01/2015 - 20:28

Linucs - Che tu sia un provocatore o no: prima di scrivere stupidagini impara almeno l'italiano. E non dimenticare che, se necessario, anche "noi vuole" la stessa cosa nei tuoi confronti. E lo sappiamo fare meglio di te. Il "noi" è un "plurale maiestatis". Cercati un interprete!!

Ritratto di gioab

gioab

Sab, 24/01/2015 - 22:00

L'ennesima porcheria partorita dalla sinistra ex post neo comunista che ha tra le finalità quella di cancellare i capisaldi della nostra storia e sovvertire la natura. Cercano di cancellare Dio, la famiglia, la cultura del nostro popolo, pervertire la natura per sostituirli con una poltiglia dolciastra in cui tutto si confonde e si dissolve e che ha

opinione-critica

Sab, 24/01/2015 - 23:17

Pare ci sia una coincidenza di interessi, sebbene contradditoria, tra Chiesa e sinistra. Pare che tutte le diocesi hanno degli incaricati per "accogliere" gli omosex e vari ecc. La sinistra, ma non solo, considera la Chiesa un male, quindi, tutto ciò che serve a demolirla va bene. Ovviamente tutti vanno rispettati, famiglia "tradizionale" compresa; considerare l'ideologia gender qualcosa di evoluto da imporre è un sintomo della decadenza di un paese e non solo di una cultura. Sarà possibile che la specie umana si estinguerà, come i dinosauri, per catastrofi naturali, con questa ideologia si anticipano i tempi.

killkoms

Sab, 24/01/2015 - 23:28

i comunisti ci vogliono tutti figli di p() ignota!ma chi sono questi imbecilli comunisti che mandano in parlamento siffatti personaggi?

bombadil

Dom, 25/01/2015 - 06:56

Se il testo parla di" rieducazione" vengono subito in mente i gulag siberiani,un programma di rieducazione nelle scuole...politica gender ...il male assoluto...la deputata non può occuparsi della sessualità degli altri chi lo fa è fascista...rossa!

bombadil

Dom, 25/01/2015 - 07:44

La parola rieducazione riporta alla memoria dei campi di sterminio e dei gulag appunto,luoghi tetrissimi ove regnava il male assoluto,una ideologia quella gender che supera addirittura quella nazista e comunista...ideologie assurde e così strampalate che all'inizio vengono valutate con sufficienza...errore imperdonabile...

Ritratto di il_bue

il_bue

Dom, 25/01/2015 - 09:25

Ma qualcuno dei commentatori l'ha LETTO, il ddl? Vi si parla di educazione al "rispetto delle DIFFERENZE di genere" (sesta riga della relazione introduttiva) e di "sopprimere gli ostacoli che limitano di fatto la COMPLEMENTARITÀ DEI SESSI nella società", due dei mantra di sentinelle e compagnie belle. Che l'autore dell'articolo l'abbia letto ma ne mistifichi il contenuto mi torna, ma che i soliti pecoroni abbocchino acriticam... oh aspetta, forse mi torna anche quello.

Edda Buti

Dom, 25/01/2015 - 09:37

Ho preso parte a incontri con l'Avv. Gianfranco Amato(Pres. Giuristi per la Vita) che si sta battendo contro la legge Scalfarotto. E ha aperto gli occhi a tante persone ignare delle porcherie che questa legge vuole...I bimbi dall'asilo indottrinati a fare scambio di sessualità (genere). Genitori contro a questo obbligo che rischiano in carcere. I genitori e i nonni dovrebbero tutti informarsi su queste ignobili storture verso i nostri figli e nipoti. La diversità fra uomini e donne deve essere una cosa naturale. Innaturale la commistione tra un sesso e l'altro.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Dom, 25/01/2015 - 10:01

Non si può, a mio parere, risolvere l'atteggiamento verso la famiglia con le posizioni 'personali'. La 'cultura' della famiglia non deve ridursi ad un fatto personale, come vorrebbero fare per le religioni (leggi: cattolica), dove vige: "ognuno ha la sua, la prega per conto suo e non la impone e, se possibile, neanche ne parla". La famiglia, con tutti i suoi difetti, è un patrimonio di valori che vanno coltivati, una 'riserva aurea' che va difesa dalla svalutazione, stabilendo una volta per tutte che la 'vera' famiglia è quella 'sessuata', con padre, madre e (possibilmente) figli. Stabilito questo, nessuno impedisce altri 'legami' e altri 'generi', ma che vengano regolati solo giuridicamente e senza alcun paragone con la famiglia 'normale'. Del resto vedo che, specie i ‘campioni della tolleranza’, che vogliono il 'caos' familistico, non disdegnano (e forse preferiscono) passare una vita con la stessa persona, di sesso diverso, e con tanti figli intorno a loro!

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 25/01/2015 - 10:02

@gigggi- Mi scusi se insisto.Lei afferma che i cittadini di destra non dovrebbero esprimere il loro dissenso perché il loro capo, Berlusconi(?) e tanti altri politici hanno comportamenti privati che contraddicono certi principi.Mi permetto qualche obiezione.Il 'capo' è colui al quale si ubbidisce senza contestare gli ordini,invece i politici sono (o dovrebbero essere) solo nostri'rappresentanti', che devono attuare un programma politico, i votanti a quest'ultimo devono guardare,non alla loro vita privata,che, sino a quando non presenta azioni illegali,resta un fatto personale, anche se sarebbe auspicabile la coerenza tra pubblico e privato.Lei forse preferirebbe un politico dalla vita integerrima, ma che, attraverso le leggi,fosse funesto per il Paese? segue...

Aristofane etneo

Dom, 25/01/2015 - 10:04

"Dental dam". Dental dam? ... Il Dental dam o diga dentale è un quadratino di lattice di circa 25 x 15 cm. ... (omissis) ...Il Dental dam è anche un utile strumento di prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili ... (omissis) ... durante il rapporto sessuale orogenitale (anilingus e cunnilingus).(da Wikipedia) Minc.ia!, Marcello Veneziani, Lei ne sa una più del diavolo!

Aristofane etneo

Dom, 25/01/2015 - 10:27

Dental dam a parte, concordo pienamente con Lei (come quasi sempre). Da decenni,e in modo ferocemente sempre più repentino, potentati ostili alla nostra cultura hanno messo in atto un processo di destrutturazione della società italiana, per come essa si è evoluta nei secoli. Voglio solo imporci un'idea di "persona" e quindi di "famiglia" diversa, per distruggere il nostro modo di sentire e far prevalere il loro.

Aristofane etneo

Dom, 25/01/2015 - 10:30

Ovviamente, sono disponibile ad impegnarmi per difendere i valori che ci sono stati trasmessi dai nostri padri.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 25/01/2015 - 10:31

gigggi- Non le sembra che vi sia incoerenza tra il suo essere di sinistra e il suo porsi come rigido censore dei costumi da basso impero ora dilaganti? Non è forse la sinistra che ammette come leciti comportamenti che contraddicono la morale e i suoi (di lei, gigggi) principi? Che giustifica e vuole imporre 'ex lege' ogni sorta di scostumatezza, distruggendo le strutture portanti della famiglia e della società? Ma vi è di più: mentre favorisce in nome della 'libertà', dell' 'uguaglianza ' e della 'non discrimazione' ogni forma di deresponsabilizzazione, di libertinaggio, in ambito privato, (con quale finalità ultima? bisognerebbe domandarsi), in quello pubblico poi il cittadino viene trattato come suddito, la sua volontà è nulla,i suoi diritti vengono calpestati, egli ha solo obblighi.Quindi per il comune cittadino bisogna ora dire "Vizi privati, pubblica servitù". Queste sono le mie opinioni, se vorrà e potrà, le contesti pure.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 25/01/2015 - 10:42

@Joe larius - Tanto per dare un'ultima pennellata all'edificante quadretto della vita familiare di Charly Marx, aggiungiamo che dalla relazione adulterina con una specie di 'governante' accolta nel tugurio, ebbe un figlio, che fece adottare ad Engels.

Joe Larius

Dom, 25/01/2015 - 11:10

Che peccato! Quando sono nato il pianeta era popolato dall'"homo sapiens sapiens". Ne ho visto la trasformazione in "homo sapiens". È assai triste vederne la inarrestabile trasformazione in "homo imbecillis". È ancora più deprimente pensare all'"omo (non è un refuso) stronzus" che ineluttabilmente e abbastanza presto lo seguirà.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Dom, 25/01/2015 - 11:12

La ultramillenaria diffusione generale e capillare della famiglia nei tempi e negli spazi della vita dell' umanità, strutturata secondo fondamentali ed immutabili parametri della diversità dei sessi dei suoi componenti suggerisce l'idea innata di una sua corrispondenza ad un ordine naturale difficilmente scalzabile da una costruzione di puro timbro politico-giuridico cui solo per editto può riconoscersi identica valenza come per ogni altra fictio iuris.Identica valenza attribuita che, per ciò stesso, indica che non si tratta della medesima entità naturale ma di assimilazione legale.Stessa considerazione per il rito dell'espressione dell' atto di volontà e dell' assunzione d'impegno solenne e delibato da un soggetto terzo, che ovunque e da sempre si chiama matrimonio come fondamento naturale della famiglia. Se si vuole fare altro, lo si faccia pure; ma gli sia dia un nome suo, per distinguerlo nella sua essenza di prodotto assimilato per legge. Senza offesa.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Dom, 25/01/2015 - 11:18

Ieri, conversando al bar, mi è scappato da dire “...figlio di buona famiglia” e sono stato redarguito con violenza da un astante che aveva udito e minacciava di chiamare i Carabinieri per identificarmi. Temo che debba preoccuparmi per una denuncia. In questo contesto la per legge ci vuole tutti figli di buona donna o di buon uomo, o di sessomilitanti ignoti. Ahi, ci sono ricascato! Boh, ma perché dicono che le pere non fanno male? Invocherò la seminfermità mentale o l' arteriosclerosi. Speriamo che me la cavo.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Dom, 25/01/2015 - 11:49

“...adottare a scuola misure e contenuti per «eliminare stereotipi, pregiudizi, costumi, tradizioni e altre pratiche socioculturali fondate sull'impropria “identità costretta” in ruoli già definiti dalle persone in base al sesso di appartenenza». Azze! Era ora. Chissà che mi credevo o che mi sono perso. A saperlo prima!Mi sarà d'aiuto a togliermi dalla testa la fissa dello stereotipo femmina, che è solo un retrivo pregiudizio, robaccia d'altri tempi, frutto di forzatura sociofamiliari. E così, ormai certo di non essere volgare, dirò: basta che abbia un buco legalmente riconosciuto. Tutto il resto è noia.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 25/01/2015 - 11:50

@il bue- Lei è uno dei relatori del ddl? Ce lo spieghi per benino, con parole semplici, comprensibili anche per i 'pecoroni' quali lei ci considera, o Maestro nella mistificazione.

Giacinto49

Dom, 25/01/2015 - 12:26

DDL S. 1680 - Senato della Repubblica. A dimostrazione di quanto i nostri governanti, anche i più alti in grado, siano dediti al "cavoleggio" cervellotico. A spese nostre. Paginate di stupidagini a cui sarebbe bastato sostituire il recupero dell'insegnamento dell'Educazione Civica (con relativa puntuale verifica del suo apprendimento). Altro che discutibili ritorni al passato! Utopie malefiche e demagogiche tese a stravolgere l'ordine naturale delle cose. Grazie a Marcello Veneziani per averlo segnalato.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Dom, 25/01/2015 - 12:33

Visto che stiamo vivendo formidabili tempi di svecchiamento della famiglia, per maggior sollazzo di tutti io proporrei un modello a tre , quattro o più. Anche questa è libertà. O no? Non vedo il perchè del sopravvivere della costrizione alla misera coppia.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Dom, 25/01/2015 - 13:09

Ieri, conversando al bar, mi è scappato da dire “...figlio di buona famiglia” e sono stato redarguito con violenza da un astante che aveva udito e minacciava di chiamare i Carabinieri per identificarmi. Temo che debba preoccuparmi per una denuncia. In questo contesto la per legge ci vuole tutti figli di buona donna o di buon uomo, o di sessomilitanti ignoti. Ahi, ci sono ricascato! Boh, ma perché dicono che le pere non fanno male? Invocherò la seminfermità mentale o l' arteriosclerosi senile. Speriamo che me la cavo.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Dom, 25/01/2015 - 13:10

“...adottare a scuola misure e contenuti per «eliminare stereotipi, pregiudizi, costumi, tradizioni e altre pratiche socioculturali fondate sull'impropria “identità costretta” in ruoli già definiti dalle persone in base al sesso di appartenenza». Azze! Era ora. Chissà che mi credevo o che mi sono perso. A saperlo prima!Mi sarà d'aiuto a togliermi dalla testa la fissa dello stereotipo femmina, che è solo un retrivo pregiudizio, robaccia d'altri tempi, frutto di forzatura sociofamiliari. E così, ormai certo di non essere volgare, dirò: basta che abbia un buco legalmente riconosciuto e che respiri. Tutto il resto è noia.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Dom, 25/01/2015 - 13:14

Certo...riflettendoci meglio...che noia la solita famiglia, luo lua...allarghiamola a tre, quattro e passa...non vedo perchè continuare con certe costrizioni...una bella ammucchiata e vedi che divertimento al sapore di libertà!

Ritratto di aldolibero

aldolibero

Dom, 25/01/2015 - 15:32

Certamente il relatore di questa proposta, che serve per anticipare la distruzione della famiglia come la pensavamo, girera' con la scorta. Non si distragga al bar che magari......grazie mille

Dordolio

Dom, 25/01/2015 - 16:28

Il sig. gigggi soprattutto col primo intervento mi fa venire in mente una storiella dell'epoca sovietica. Un giornalista russo illustra ad uno americano le meraviglie della metropolitana di Mosca. Stucchi, marmi, scalinate... L'americano però ad un certo punto commenta: "sì, sì... però non vedo qui nè treni nè viaggiatori". Pronto ribatte il sovietico: "E voi negli USA ammazzate i negri!". Giggi bello, si sta parlando d'altro, qui. In altra sede potremo raccontarci il peggio e il meglio del Berlusca. Ma principalmente ci dovrebbe interessare il destino che attende i nostri figli, non quello dell'uomo di Arcore!

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Dom, 25/01/2015 - 16:51

Riporto parte del mio post del precedente cucù - “E pensare che il dopoguerra sarebbe stato il momento più favorevole per migliorare la famiglia nelle sue debolezze e fortificarla nelle sue certezze. Invece hanno creato le “diversamente famiglie” facendo passare per famiglia tutto ciò che la famiglia non é. I gay e company, possono tranquillamente vivere tra di loro, legalizzare i loro interessi presso i notai, ma non possono pretendere di essere una famiglia nel senso che da millenni é comunemente dato a tale termine”. - Questo il mio pensiero sull’argomento famiglia, di conseguenza sull’ideologia gender é meglio che non mi pronunci. Ribadisco solo che la Nazione del concetto di libertà non ha capito nulla e che su tale concetto i suoi abitanti dovrebbero riflettere molto, dopo aver depurato tutti i lori neuroni da tutte le sciagurate ideologie che hanno inquinato il XX secolo e portato nel terzo millennio la loro virulenta infezione.

gigggi

Dom, 25/01/2015 - 16:54

Dordolio ...si legga bene gli scritti...chi non ha capito è lei... le scrivo la sintesi.... il riferimento è che chi dovrebbe essere il tutore della moralità, della famiglia eccetera ...è uno zozzone a cui il veneziani ha dato la sua fiducia e prima dello zozzone 80enne aveva dato la fiducia ad un altro zozzone, pelato anche lui, gran affabulatore e con una guerra disastrosa sulle spalle...ERGO la moralità e la difesa della famiglia e tutte le belle cosette non è prerogativa di nessun partito tanto meno della sinistra quanto della destra e men che meno dei berlusconiani e del veneziani che si erge a difensore...quando gli fa comodo..."non sono un manzoniano che tiro quattro paghe per il lesso" lui ....sì.

Holmert

Dom, 25/01/2015 - 17:32

Ed uno che ha del sale in testa anziché dell'aria compressa dovrebbe avallare una ideologia del genere, dei sinistratori di professione? -"Prima l'idea era di essere uguali se cancelliamo la proprietà privata, le differenze sociali, la meritocrazia, se cancelliamo tutto. Oggi, invece, questa utopia dell'uguaglianza ha preso strade diverse: secondo la teoria del gender, l'umanità non è divisa tra maschi e femmine, ma l'umanità è fatta di individui che scelgono chi vogliono essere. Questa utopia dell'uguaglianza è anche quella che sta dietro l'eugenetica: se nessuno è malato, siamo tutti uguali, tutti sani. tutti felici. La teoria del gender è una idea che sostiene la non-esistenza di una differenza biologica tra uomini e donne determinata da fattori scritti nel corpo, ma che gli uomini e le donne sono uguali da ogni punto di vista; c'è quella differenza morfologica, ma non conta niente"Roba da manicomio, che facce di c@lo.

honhil

Dom, 25/01/2015 - 17:41

E mentre i debosciati scavano tunnel sotto la famiglia, Pierfendy , aspirante inquilino del Quirinale, che fa?

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 25/01/2015 - 17:52

@gigggi- Insomma, questa famiglia da chi dovrebbe essere difesa? Come andrebbe difesa? Non ne ha titolo a farlo chi ha dato fiducia a Berlusconi e a Mussolini. La sinistra, che ha dato fiducia a criminali di ogni risma, anche se lei dimentica di dirlo,neanche. Sta di fatto che il ddl in questione è stato presentato da una senatrice del Partito Democratico. Ora bando alle ciance e alla dietrologia,cosa lei ha da dire a questo proposito?

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Dom, 25/01/2015 - 17:52

@gigggi, quello che Lei dice sarà pure giusto. Tuttavia vorrei far presente che i mafiosi, che non sono precisamente specchio di onestà, sono soliti giudicare molto rigidamente la moralità da espletare nel loro ambiente. Per cui: delinquenti magari sì, ma tanto 'casa e famiglia'! Alla luce di ciò, sembrerò anch'io 'tirar quattro paghe per il lesso' (che peraltro non incasso, scrivendo su questo blog a titolo del tutto gratuito), ma preferisco 'lo zozzone' (quello attuale) che non ha mai ammazzato nessuno e non ha mai ingannato i suoi elettori (magari li avrà sporadicamente delusi, ma io, personalmente, sono pronto a perdonarlo) piuttosto che i buoni e bravi virtuosi sinistri, tutti Italia, Costituzione, diritti e ca@@i loro e che, visto che siamo nella settimana della 'memoria', non hanno mai speso una parola contro i genocidi d'oltrecortina e anche più oltre!

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 25/01/2015 - 19:01

Caro Marcello sento ancora le tue mani fremere sopra la tastiera emi chiedo perché mai dovremmo essere così paurosi di fronte alla catastrofe della Nos. Società; l'Etica Cristiana dov'è? Dov'è più il dovere di votare che è, soprattutto, un Diritto della Nos. Dignità? Ecco di cosa dovremmo preoccuparci del dilagare del relativismo e del nichilismo che sono alla base del disfattismo. Shalòm e Forza Italia

Dordolio

Dom, 25/01/2015 - 19:18

Francamente non comprendo, gigggi, che gusto lei provi nel dire sciocchezze per le quali viene qui giustamente corbellato. Chi parla di tutori della moralità? E che c'entrano gli zozzoni? Stiamo discutendo di valori assoluti non riferibili a leader o a personaggi di un qualche tipo. Il privato e/o il pubblico di certe figure non c'entra nulla, vuole rendersene conto o dobbiamo farle dei disegnini? Il vero moralista, mi par di capire, è proprio lei, nell'accezione di Wilde: "Atteggiamento da mantenere verso chi non ci è simpatico". Chissà perchè poi gli affossamenti della società e della morale provengono sempre e solo da sinistra. Sarà una pura casualità.

bombadil

Dom, 25/01/2015 - 19:27

"Educare alla diversità a scuola" tre opuscoli per ora bloccati,commissionati dall' UNAR a spese dei contribuenti,diffusi agli insegnanti di ogni ordine delle nostre scuole: negli opuscoli fra le altre perle da minculpop Lgbt si sostiene che "i tratti caratteriali,sociali e culturali come il grado dì religiosità,costituiscono fattori importanti da tenere in considerazione nel delineare i l ritratto di un individuo omofobo" oppure tra i consigli propinati agli insegnanti di scuola elementare quello di non alludere mai al fatto che"un bambino da grande si innamorerà di una donna"...leggere il ddl..ma suvvia in che mondo vive...superficiale...

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Dom, 25/01/2015 - 21:50

GIGGGGI@ Le cosine dolci che scrive le ha viste coi suoi occhi, le sa da piccolo, le ha apprese dopo l'incidente, le sogna durante le pippate, oppure lei è nato proprio così? Se non dubitassi di avere a che fare con un assistito speciale della sanità nazionale andrei avanti ma non credo ne valga la pena. Cambi pasticche.

gigggi

Dom, 25/01/2015 - 22:30

Euterpe , Dordolio Francalanza...io sono su una retta parallela alla vostra ...questo è il motivo della incomprensione... ho espresso il mio pensiero , l'avete capito...ma le rette parallele non si incontrano ...mai, in geometria e non solo... vi porgo i miei saluti!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 26/01/2015 - 01:03

Una che vuole ribaltare il concetto di famiglia e traviare i bambini con le sue folli idee non poteva che appartenere al PD. C'è seriamente da temere che questi demolitori dei fondamenti della nostra cultura SIANO DEGLI ALIENI. Altrimenti che altro pensare? VOGLIONO INSEGNARE AI BAMBINI CHE QUELLO CHE HANNO TRA LE GAMBE NON È SESSO MA UNA "COSTRIZIONE" DELLA NATURA. SI PUÒ ESSERE PIÙ SQUILIBRATI DI COSÌ?

Holmert

Lun, 26/01/2015 - 09:25

Gigggi, allora lei non ricorda le convergenze parallele di Moro? Quelle alla fine si sono incontrate ed eccone i risultati sotto gli occhi di tutti. Risultati malefici operati da matti cerebrolesi, che teorizzano ed operano per il superamento delle diversità, persino dei sessi. Certo che la legge sui manicomi ha messo in libera uscita una infinità di matti, che stanno operando in tutti i settori del genere umano ed animale in generale.

Ritratto di il_bue

il_bue

Lun, 26/01/2015 - 09:50

Euterpe, non sono uno dei relatori del ddl: sono semplicemente uno che è andato a leggerselo, e che invita i commentatori biliosi a fare altrettanto, tutto qua. Lascio a chi è dotato di intelletto proprio e di spirito critico autonomo di decidere se vi si parli di "eliminare dalle teste dei ragazzi l'idea della famiglia con i suoi ruoli definiti e sostituirla col gender". Anche se a dire il vero l'onere della prova spetterebbe a chi accusa. Facciamo un esempio (è un esempio per assurdo, non un paragone, ok?): se io affermassi che nella Divina Commedia Dante sostiene che è cristianamente giusto picchiare a sangue la propria moglie e lei giustamente mi replicasse che non è vero, accetterebbe come risposta "Lei è forse un'esegeta di Dante? Ce lo spieghi lei che non è così!"

Dordolio

Lun, 26/01/2015 - 11:15

Ascolti, gigggi... Porcelloni, pederasti e chi più ne ha ne metta sono ovunque, anche in posizioni di spicco nell'universo politico. Il piccolo problema è che leggi ed iniziative atte a sfasciare la famiglia sembrano arrivare unicamente da sinistra. Il punto è questo, e solo questo...

paolo gippo

Lun, 26/01/2015 - 12:11

Tutti noi siamo a rischio. Il nostro lavoro, le nostre famiglie, la nostra pace. E' sufficiente essere contrari al matrimonio gay per diventare vittime del nuovo regime. Ma chi pensa che stando in retroguardia, facendo finta di nulla, chi pensa di difendere solo il suo orticello di casa, fa un grave errore. Tutti saremo vittima di questa dittatura presto o tardi. Possiamo reagire adesso e provare a fermare l'omosessualismo che domina la politica e l'economia, ma non pensiamo che quando prenderà definitivamente il potere ci lascerà in pace. Sarebbe un errore gravissimo non reagire, le ideologie del male, quando prendono il potere, seminano il mondo di cadaveri.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Lun, 26/01/2015 - 14:07

@il_bue- E' stato lei ad affermare che noi 'pecoroni'abbiamo frainteso il contenuto del ddl,io le ho chiesto di darcene la giusta interpretazione, non essendo io dantista né 'fedelista', quindi l'onere della prova per ciò che ha detto tocca a lei o almeno dimostri come, dove, perché noi siamo in errore.Volendo restringere il campo, ci dica almeno cosa sono "gli stereotipi di genere che condizionerebbero la libertà delle future scelte dei discenti", tralasciando tutte le fumosità inerenti alla difesa della donna ecc. ecc., che sono un misero e risaputo tentativo di mascherare le vere finalità del ddl 1680, i cui firmatari sono ,tranne poche eccezioni di elementi fiancheggiatori, tutti del Partito Democratico.

gigggi

Lun, 26/01/2015 - 14:24

Dordolio vero è che le mine piazzate da sinistra mirano a creare famiglie diverse che io osteggio ( e non solo io ) fermamente...vero è che i comportamenti della destra erano ( ed io lo posso confermare avendo parecchi lustri sulle mie spalle ...poco manca agli 80)e sono, comportamenti ambigui...le faccio 2 esempi eclatanti di difensori della famiglia e contro il divorzio...di destra : Almirante e Fini tutti e due divorziati e ferventi sostenitori all'epoca, del contrario ..era nato lei?????E mi permetta di ricordarle senza che faccia battute che so fare anch'io che se la sinistra ha le sue "pecche" da porcellina la destra non è da meno ....o no???????

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Lun, 26/01/2015 - 15:07

@gigggi- Complimenti per la sua età.Scusi se m'intrometto, ma @Dordolio le ha indicato il punto importante da considerare. Qui non stiamo a discutere delle vicende personali di alcuni personaggi, siano essi di destra e di sinistra, ma delle LEGGI che una certa parte politica vorrebbe imporre.

Chichi

Lun, 26/01/2015 - 15:37

Dott. Veneziane, anche lei fa terrorismo naturista? Il ddl della Valeri, pd, naturalmente, è volto ad un altissimo fine di civiltà. La senatrice di certo non intende riferirsi ai rom. Per loro un giudice, anche lui politicamente correttissimo, ha gia stabilito che abbandonare una bambina non è «identità costretta»; è il loro «modo di vivere». Credo pensi piuttosto a quella sub cultura di cui parlò Papa Francesco a Strasburgo. Egli, riferendosi alle diverse origini dell’Europa, citava Papa Wojtyła sulla derivazione del concetto di persona «dalla Grecia e da Roma, da substrati celtici, germanici e slavi e dal cristianesimo che li ha plasmati profondamente». Insomma, quella amalgama di sub razze umane che hanno rifiutato il verbo marxista, leninista, stalinista, maoista… Quello sì sarebbe stato un paradiso in terra. Un solo ruolo: tutti proletari con un solo «piccolo grande padre» che si fa omnibus omnia. Non ce l’hanno ancora perdonata.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 27/01/2015 - 00:11

Una che vuole ribaltare il concetto di famiglia e traviare i bambini con le sue folli idee non poteva che appartenere al PD. C'è seriamente da temere che questi demolitori dei fondamenti della nostra cultura SIANO DEGLI ALIENI. VOGLIONO INSEGNARE AI BAMBINI CHE QUELLO CHE HANNO TRA LE GAMBE NON È SESSO MA UNA "COSTRIZIONE" DELLA NATURA. SI PUÒ ESSERE PIÙ SQUILIBRATI DI COSÌ?

Ritratto di deliziosagrc

deliziosagrc

Mar, 27/01/2015 - 13:11

I rossi compagni dovrebbero spiegare una volta per tutte come fanno a conciliare queste boiate sulla imposizione dei ruoli con l'amore smodato per il multiculturale e per tutte le culture fondate sulla rigida discriminazione dei sessi. Non lo sapranno mai spiegare perchè ai compagni dei diritti non frega nulla; a loro interessa solo la destabilizzazione della società.

giovauriem

Mar, 27/01/2015 - 13:34

caro veneziani, fra non più di 20 anni, saranno gli islamici a stabilire quale sara l'unica famiglia possibile

he2web

Mar, 21/07/2015 - 17:52

Parole sante. La controprova? Oggi, mese di Luglio 2015, il nostro mai troppo lodato Presidente della Repubblica, è andato a presentare il suo omaggio -e quello degli italiani che dice di rappresentare- nientepopodimeno che alla comunità islamica in occasione (udite udite!) della fausta ricorrenza della fine del Ramadan. Non commento, per non cadere nel turpiloquio.