Il paese distrutto due volte: dal terremoto e dal governo

Dalla legge di stabilità neanche un euro di risarcimento per il sisma che nel 2002 colpì San Giuliano di Puglia

San Giuliano di Puglia (CB) - Niente soldi dal Governo per le vittime del terremoto: San Giuliano di Puglia finisce all'asta. A raccontarla non pare vera, la storia del paese che dopo aver visto tanti suoi figli morire tra le macerie d'una scuola viene condannato a risarcirne i padri, riducendosi a vendere anche la scuola assassina. Invece in Molise esiste un luogo dove l'assurdo diventa realtà, superando la fantasia. A San Giuliano di Puglia il tempo e la logica si sono fermati al 31 ottobre del 2002. È di giovedì: alle 11.32 un boato squassa la quiete. La terra trema: 5.4 scala Richter, segnano i sismografi. Il tremore viene avvertito fino a Taranto, ma è lì, tra i monti Frentani e la valle del Fortore, che si consuma la tragedia: come fosse un fuscello in preda alla bufera, la «Francesco Jovine» svanisce all'orizzonte. L'edificio che ospita materne, elementari e medie è l'unico a cadere, facendosi tomba di 27 bimbi e d'una maestra. Tutto accade, si ipotizza da subito, per i lavori di sopraelevazione da poco eseguiti, non sottoposti a verifiche sismiche perché non obbligatorie, per la legge, in un comune non sismico quale San Giuliano di Puglia, ironia della sorte, è classificato. Il resto è litanìa italiana: funerali, promesse, processi. Per il crollo pagano in cinque: assolti in primo grado, condannati in appello, con pene poi limate e confermate in Cassazione.

Tra loro il progettista, il capo dell'ufficio tecnico comunale, i costruttori e il sindaco del tempo, che sotto i solai della «Jovine» perse una figlia. Giustizia matrigna. Individuati i colpevoli, si apre la corsa al risarcimento. E il Tribunale di Campobasso, tra un sentenza e l'altra, calcola in 35 i milioni di euro da riconoscere a 18 tra sopravvissuti e parenti delle vittime, per provare a ricucire almeno le ferite materiali d'una terra straziata. Il conto viene presentato al Comune, che quei soldi non li ha. Tre settimane fa il sindaco, Luigi Barbieri, scrive al premier e al Capo dello Stato: «Il nostro piccolo Municipio, coi suoi 1050 abitanti, rischia la definitiva scomparsa: quegli stessi cittadini che hanno subito un danno immane, avendo perso un'intera generazione di bambini, si trovano a dover risarcire se stessi». Si sperava in un aiuto, ma da Roma non è giunto alcun segnale: muto Renzi, silente Mattarella. E quando lo schema della legge di stabilità è diventato ufficiale, neppure un centesimo per il borgo molisano, Barbieri ha alzato bandiera bianca. L'annuncio è arrivato ieri, durante una manifestazione organizzata dal Consiglio nazionale dei geologi e dall'Associazione vittime universitarie del sisma dell'Aquila: «A settimane sarà dissesto finanziario. In queste ore abbiamo approvato in giunta la delibera per la messa in vendita di tutti i beni comunali». Nell'elenco figurano il villaggio realizzato per ospitare i senza casa all'indomani del sisma, la piscina, il palazzetto dello sport, il centro anziani, il museo e, ironia della sorte, un'ala della ricostruita scuola «Jovine». «Chi comprerà mai questi beni, per di più al loro prezzo reale? Chi spenderebbe 5 milioni per la piscina di San Giuliano?», si domanda Barbieri, lanciando l'ennesimo, disperato appello al Governo: «Ascoltateci, incontrateci». Parole all'Italia che dimentica. A quella che, ha commentato amaro il presidente dei geologi molisani, Domenico Angelone, «ha la memoria corta e scorda facilmente le tragedie». Tutto è perduto. Anche l'onore.

Commenti

swiller

Dom, 29/11/2015 - 09:05

Raduno di buffoni parassiti incompetenti ladri.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 29/11/2015 - 11:12

Votano pd. Ben gli sta.

Beaufou

Dom, 29/11/2015 - 11:33

Già, ma una piscina da 5 milioni per 1050 abitanti, potevano anche risparmiarsela.

buri

Dom, 29/11/2015 - 12:03

una sola parola SCANDALOSO

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 29/11/2015 - 13:01

Spiace per le vittime, ma se dal 2002 hanno sempre """ASPETTATO IL MESSIA, FIDANDOSI DEI LORO COMPAGNI ROSSI""", penso proprio che tutta la colpa vada data ai dirigeni e alle istituzioni DEL COMUNE E DELLA PROVINCIA, COVO DELLA POPOLAZIONE DEI """CAPRONI""".

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Dom, 29/11/2015 - 14:09

Si arrangino. Mettano mano al portafogli o bussino alle banche. Dice il governo che le banche prestano per favorire la ripresa economica. Dai, chiedano alle banche, e vediamo se è vero.

unosolo

Dom, 29/11/2015 - 15:28

Al governo Berlusconi ne hanno dette e fatte di tutti i colori , tutti prendevano appalti su lavori e li passavano in sub , si sono accaparrati miliardi specialmente all'Aquila , nessuno ha indagato su quei passaggi e materiali ma tutti a parlarne male , eppure mai nessun governo fu veloce nel sistemare quella popolazione stabile nonostante i dispetti e trasmissioni contro , ma nessuno ha indagato su chi e chi erano i manovratori , questo fa capire che certamente non erano nel governo Berlusconi altrimenti... ed ecco che non ci sono soldi , forse nel governo non ci sono rappresentanti di quella regione .,.,

unosolo

Dom, 29/11/2015 - 15:29

se si chiamava S.Giuliano di Toscana qualcosa sarebbe cambiato .,.,