Palermo rivuole Orlando, che vince al primo turno

Il sindaco uscente, sostenuto dal centrosinistra, è riconfermato. Ferrandelli (centrodestra) si ferma al 34%, fuori dai giochi il M5S

Palermo riconferma Leoluca Orlando sulla poltrona di sindaco. Il candidato del centrosinistra si attesta intorno al 42% e raggiunge così il suo quinto mandato. Con la recente riforma della Regione Sicilia, infatti, chi supera il 40% ottiene la vittoria senza dover andare al ballottaggio.

Il candidato del centrosinistra è stato infatti al governo della città dal 1993 al 2000 e poi è stato rieletto nel 2012. Nella sua campagna elettorale ha puntato tutto sui risultati ottenuti e sul fatto di non avere un partito alle spalle, pur essendo di fatto appoggiato dal Pd (all'opposizione negli ultimi 5 anni).

Fin dai primi exit poll, un boato festante si è levato dai sostenitori di Orlando. "Luca, Luca", hanno scandito quando il sindaco uscente è arrivato al comitato. "Credo che stiamo continuando su una strada che sicuramente è carica di futuro, dobbiamo fare altri chilometri per poter raggiungere la perfezione, ma credo che i risultati conseguiti siano stati premiati e ci spingono ad andare avanti", ha detto Orlando, "Voglio dire grazie a tutti coloro che hanno condiviso quella che sembrava una follia, un'anomalia: da Palermo, arriva un segnale molto chiaro all'intero Paese, ovvero che il mondo è cambiato. Chi non lo comprende rimane o chiuso dentro una scatola dell'apparato o in piazza a protestare senza governare"

Niente ballottaggio quindi per Fabrizio Ferrandelli (fermo al 35%), ex candidato del centrosinistra nel 2012, e ora leader del movimento "I Coraggiosi", sostenuto anche da Forza Italia, Udc e "Cantiere Popolare" creata da Saverio Romano. Ferrandelli è stato coinvolto in un'inchiesta per voto di scambio e ha avuto il sostegno pubblico dell'ex presidente della regione Salvatore Cuffaro, due circostanze che lo hanno reso obiettivo di aspre polemiche.

Fuori anche Ugo Forello (al 16%), candidato del Movimento 5 Stelle. I pentastellati sembravano i principali avversari del sindaco uscente, ma negli ultimi mesi sono apparsi indeboliti dopo lo scandalo delle firme false per le amministrative del 2012 e la successiva indagine della procura. Su Forello sono piovute inoltre accuse per un audio di una conversazione del luglio 2016 relativo alla gestione dell'Associazione Addio Pizzo.

Commenti

aredo

Lun, 12/06/2017 - 01:44

Da mandare l'esercito e far fucilare tutti quanti! Hanno pubblicato il risultato della vittoria prima dell'apertura delle urne! Sinistra=mafia e tutti zitti e buoni! Elezioni truccate.

seccatissimo

Lun, 12/06/2017 - 02:21

Non conosco Leoluca Orlando se non per il fatto che ogni tanto se ne sente parlare e vengono riferiti suoi commenti su vari argomenti. Personalmente, diciamo fisicamente, non mi piace; lo considero scostante. Ma questo non è un giudizio serio ma solo una impressione. A questo punto, qualcuno potrebbe spiegarmi il suo ricorrente successo nelle elezioni amministrative di Palermo ? Ha fatto qualcosa di particolare ? Ha amministrato Palermo in modo esemplare ? Ha trasformato Palermo in una città dalla qualità della vita molto migliore di altre ? E' riuscito, in 4 mandati, a ridurre in modo molto sensibile l'influenza della mafia ? Spiegatemi, per favore, il fenomeno Leoluca Orlando. Fatemi sapere. Vi ringrazio in anticipo per ogni segnalazione in merito a Leoluca Orlando.

Michele Calò

Lun, 12/06/2017 - 02:43

Leoluca Orlando LO CASCIO,e sottolineo LO CASCIO, ancora sindaco di Palermo: i pupari non cambiano, nemmeno il "pupo". Regards

swiller

Lun, 12/06/2017 - 07:20

Nella regione magna magna vincono i magnoni.

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 12/06/2017 - 07:47

Contenti loro! Ma poi non si lamentino del degrado...

nikolname

Lun, 12/06/2017 - 08:25

Leoluca Orlando per i Palermitani significa assunzioni bibliche sotto lo stato, di nulla facenti locali, a spese degli italiani. Palermo è questa.

jenab

Lun, 12/06/2017 - 08:49

ridicoli!! in sicilia non si devono fare votazioni, la mafia controlla il voto destra o sinistra, secondo la convenienza. Ci và un comando militare, fino alla soluzione del problema.

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 12/06/2017 - 08:50

ok tutti gli africani clandestini nelle case dei palermitani

apostata

Lun, 12/06/2017 - 08:58

Dispiace per i palermitani. Questo essere orrendo deve essere sempre ricordato per quella sera quando in una trasmissione del santoro, accusò ingiustamente il maresciallo dei carabinieri Lombardo di collusione con la mafia e ne provocò il suicidio. In un paese civile un episodio come quello avrebbe determinato il ribrezzo, la repulsione popolare, l’esclusione da qualsiasi ruolo, invece i palermitani non lo ricordano o fanno finta di non ricordarlo e non si vergognano a convivere e farsi amministrare da professionista della politica così squalificato.