"Pasqua in una data fissa" Il Papa apre agli ortodossi

Francesco propone di unificare le due feste Così rivoluzionerebbe anche il calendario

Il dialogo ecumenico, il ruolo della donna nella Chiesa, l'Enciclica «verde» che sarà diffusa il 18 giugno, un viaggio nella Repubblica Centrafricana e in Uganda. C'è tutto questo nel discorso che il Papa ha tenuto nella Basilica di San Giovanni in Laterano, davanti a oltre mille sacerdoti provenienti da 90 Paesi dei cinque continenti e riuniti a Roma per il terzo «ritiro mondiale dei sacerdoti».

A colpire, nella lunga meditazione tenuta a braccio (e in spagnolo) dal Pontefice, è soprattutto la mano tesa agli ortodossi e una proposta che potrebbe diventare storica: Bergoglio ha infatti annunciato la disponibilità della Chiesa cattolica a stabilire una data fissa sulla Pasqua, per festeggiarla tutti insieme: cattolici, ortodossi e protestanti.

Il Papa preme così sull'acceleratore in tema di ecumenismo, sottolineando i «rapporti molto buoni» con il patriarca Bartolomeo di Costantinopoli. «La Chiesa Cattolica è disponibile a rinunciare alla data determinata per la domenica di Pasqua dal primo plenilunio dopo l'equinozio di primavera - ha annunciato Francesco -. Dobbiamo metterci d'accordo e la Chiesa Cattolica è disposta sin dai tempi di Paolo VI a fissare una data e rinunciare al primo solstizio dopo la luna piena di marzo».

Fino a questo momento, infatti, la Pasqua ortodossa differiva da quella cattolica perché veniva celebrata una settimana o quindici giorni dopo. A volte coincidevano ma non per una decisa volontà. «Sarà il sinodo panortodosso indetto per il 2016 dal Patriarca Bartolomeo a discutere della proposta - riferiscono al Giornale fonti del Patriarcato di Costantinopoli -. In quell'occasione si riuniranno tutti i patriarchi. Bartolomeo I si è detto favorevole alla proposta di una data fissa tanto che la Chiesa di Costantinopoli, insieme a quella greca, è l'unica che festeggia il Natale il 25 dicembre come Roma, contrariamente a quanto avviene per la Chiesa ortodossa russa che festeggia il giorno dell'Epifania».

Era stato già Paolo VI a offrire la disponibilità della Chiesa cattolica a fissare una data unica per la Pasqua. Ma i tempi non erano ancora maturi. Ora, con Papa Francesco, il Patriarca Bartolomeo I e il Patriarca di Mosca Kirill, le cose sembrano diverse: rapporti migliori e sempre più forti fra le Chiese cristiane.

Bergoglio si è poi soffermato sul ruolo delle donne nella Chiesa. «La Chiesa è donna - ha detto - è sposa di Cristo, è madre del suo popolo di fedeli cristiani». E ha ribadito che «non è femminismo osservare che Maria è molto più importante degli apostoli. Sono contento che qui in prima fila ci siano le donne, perché anche le donne ricevono lo Spirito Santo - ha proseguito il Pontefice - il genio femminile nella Chiesa è una grazia, la Chiesa è donna, è “la” Chiesa, non “il” Chiesa». Un discorso che ha rimandato subito alla memoria quello tenuto da Giovanni Paolo I quando aveva affermato che «Dio è mamma».

Commenti
Ritratto di scappato

scappato

Sab, 13/06/2015 - 08:17

Finalmente risolto il più grande problema del XXI secolo.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Sab, 13/06/2015 - 08:37

il Governo e la Chiesa...possibile che siano loro a dirci come sbagliare? proponendo la "loro politica " o vuote formule che non tengono conto dell' principio di Laicità dello Stato e nemmeno dell' inconciliabilità tra Cristianesimo e Islam o qualsiasi altra fede alternativa? Nel secondo caso poi Si vuole speculare su una concezione irenica della fede che tale non è mai stata. Se la Chiesa di Roma ha avversato con forza e talora con le armi ogni altra fede - addirittura l' Ebraimo o le Chiese Riformate e quelle Ortodosse... che pure le sono affini- come può ora pretendere che anche l' ISLAMISMO sia elevato a FEDE CONDIVISIBILE, quando è palese che esso ( come le altre) Le è alternativo? Oggi un diffuso PACIFISMO suicida pervada la coscienza dell' Occidente, ma come non rendersi conto che tale pacifismo è a senso unico e che il GREGGE DEI FEDELI rischia di essere sbranato dai nuovi barbari?

Ritratto di mrsHope.

mrsHope.

Sab, 13/06/2015 - 08:57

già che ci siamo facciamo data fissa col natale

timoty martin

Sab, 13/06/2015 - 08:59

Basta chiacchiere e poche prediche, apra le porte del Vaticano a tutti gli immigrati

CALISESI MAURO

Sab, 13/06/2015 - 09:24

Invito fortemente gli Ortodossi a stare alla larga dal vaticano, hanno tutto da perdere sopprattutto la Fede. In verita' ci sarebbe bisogno di una forte unione dei Cristiani, ma ripeto stare alla larga da quelli che fanno finta di essere al fianco di Cristo.

Totonno58

Sab, 13/06/2015 - 09:29

Grandioso!!

VermeSantoro

Sab, 13/06/2015 - 10:03

A me ha rotto davvero i Cabasisi, che se ne andasse ad Avignone con la sua equipe almeno potrà rompere ai francesi.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 13/06/2015 - 10:07

Azz...ecco i problemi che affliggono l'Italia e che necessitano di soluzioni indilazionabili. Rimandatelo a Buenos Aires col primo volo.

Altaj

Sab, 13/06/2015 - 10:18

Ma questo qui, non lo ha ancora mandato nessuno a c.....e !

Joe Larius

Sab, 13/06/2015 - 10:48

Forse ai Cristiani sarebbe assai più utile conoscere come si deve le sacre scritture, vangeli in primo piano, piuttosto che adattarsi ad eucumenici spostamenti pasquali dei quali nessuno sente il bisogno.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Sab, 13/06/2015 - 10:57

Ora posso dormire tranquillo; una pasqua non unificata mi faceva perdere il sonno.

MARCO 34

Sab, 13/06/2015 - 11:04

A me pare che questo Papa stia facendo cedimenti più che aperture. Vedi anche il previsto incontro con il capo degli omosessuali in Colombia. Quanto poi al fatto che la Chiesa sia la madre di Cristo mi torna nuova, avendo sempre saputo che fu proprio Cristo a fondare la Chiesa

Ritratto di bingo bongo

Anonimo (non verificato)

michele lascaro

Sab, 13/06/2015 - 11:21

Chi si piegherà alla scelta della data, il Papa o Bartolomeo?

Blueray

Sab, 13/06/2015 - 11:24

Beati quelli che non hanno altro di cui occuparsi perché di essi sarà il regno dei cieli

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 13/06/2015 - 11:37

Tutti i cristiani nel frullatore, parola d'ordine: omogeneizzare!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 13/06/2015 - 11:43

@scappato:....gia.@Memphis35:....gia.@Altaj....gia.@oldpeterjazz:...gia......@Totonno58:.....Per lei invece è la più bella notizia del secolo!...Vero?..."Beati i poveri di spirito che saranno accolti,per primi,nel regno dei Cieli"

roberto.morici

Sab, 13/06/2015 - 11:46

Ci sono migliaia di cristiani cacciati dalle loro terre o accoppati dai misericordiosi maomettani e il Papa Francesco che si preoccupa di risolvere il problema relativo al calendario di certe ricorrenze religiose. Annamo bbene...annamo proprio bbene!

Ritratto di Kommissar

Kommissar

Sab, 13/06/2015 - 11:50

Ma si e` reso conto Sua Snatita`, che la data sara` costretto a negoziarla insieme alle categorie di albergatori, commercianti, tassisti, e compagnie di trasporto mondiali, questo per le esigenze turistiche, e poi con le organizzazioni mondiali sindacali, della scuola, industriali, etc, questo per le esigenze del lavoro? E poi dovra` sottoporre la proposta al giudizio del suo dio, e soprattitto del figliolo, che e` direttamente coinvolto nelle celebrazioni. Penso che ci vorranno almeno altri due papati di una certa durata, per arrivare ad un accordo...(A proposito Sua Santita`, come va il processo di adeguamento degli immobili di proprieta` del Vaticano alla legislazione tributaria italiana...?)

zucca100

Sab, 13/06/2015 - 11:57

Sinceramente non capisco la vostra ironia. E' una questione pratico-teologica come tante altre. Se non vi interessa, sfogate il vostro livore da altre parti. Insomma, risparmiate le forze...

Vigar

Sab, 13/06/2015 - 11:58

Ohhh! Ogni tanto una bella notizia! Finalmente risolto uno dei più gravi problemi dell'umanità.Ci voleva Francesco il piacione... E questo è il primo passo; poi ci sarà l'apertura del vaticano agli immigrati e il pagamento dell'IMU allo stato italiano..(con gli arretrati e gli interessi!)

Vigar

Sab, 13/06/2015 - 11:59

Altaj. Io quasi tutti i giorni!.......

Totonno58

Sab, 13/06/2015 - 12:20

Zagovian...non so se per me è la notizia più bella del secolo ma trovo la cosa, ripeto, GRANDIOSA...bona jurnata:)

gabriel maria

Sab, 13/06/2015 - 12:45

ormai gli ortodossi appartenenti a Costantinopoli si contano sulle dita di una mano di un monco!!Erano milioni,grazie alla tolleranza dei turchi si sono ridotti in Turchia a qualche migliaio!!!!In Italia entro due decenni faremo la stessa fine...

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 13/06/2015 - 13:00

@Euterpe:...gia...."melting pot" come dicono i "radical chic"....CALDERONE,come dico io!!!

Gioa

Sab, 13/06/2015 - 21:31

PAPA FRANCESCO CI SONO MOLTI PROBLEMI IN ITALIA...GLI ITALIANI HANNO BISOGNO DI AIUTO... QUESTO NON E' UN PROBLEMA DI PRIMARIA IMPORTANZA... BASTA APRIRE A TUTTI....NOI ITALIANI NON SIAMO RAZZISTI...SONO RAZZISTI TUTTI STI MIGRANTI CHE NON ABBIAMO PIU' POSTO DOVE METTERLI TANTO DA NON PERMETTERCI PIU' DI ESSERE ITALIANI IN ITALIA. QUESTA INVASIONE DI MIGRANDI NON RISPETTA PIU' LA NOSTRA RELIGIONE!!