Il "patentino" alle case? Un'altra tassa

Il governo: obbligatorio il «certificato di stabilità». Piovono critiche: «Irrealizzabile»

Dalla tragedia alla carta bollata: il governo vuole rendere obbligatorio il fascicolo di stabilità per le case, sull'onda del crollo di Torre Annunziata. Mentre ancora si indaga sulle cause che hanno ridotto in briciole il palazzo, uccidendo otto persone, il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio annuncia la novità, che dovrebbe essere contenuta già nella prossima legge di stabilità. «Com'è obbligatoria la certificazione energetica, nei contratti d'affitto o di compravendita lo sarà anche quella statica», dice il ministro. Che pur di raggiungere lo scopo è pronto a estendere il rischio terremoto all'Italia intera: «Il sisma bonus ora consente di fare le analisi delle condizioni statiche degli immobili con la possibilità di detrarre fiscalmente fino all'85 per cento della spesa sostenuta. Il beneficio, per giunta, si può godere praticamente in tutto il Paese, perché l'Italia intera è di fatto sismica, e c'è anche la possibilità di cedere a chi fa il lavoro il credito fiscale nei confronti dello Stato».

Ma Confedilizia stoppa i facili entusiasmi: «Il certificato di stabilità a cui condizionare compravendite e locazioni è irrealizzabile- avverte il presidente Giorgio Spaziani Testa - soprattutto per la preponderante componente condominiale della proprietà in Italia: ogni contratto infatti riguarderebbe una singola unità immobiliare e la certificazione, necessariamente, l'intero edificio. Sarebbe la paralisi di un mercato già sofferente per una tassazione esasperata, com'è quello immobiliare. Piuttosto, ci aspetteremmo che si cominciasse dagli edifici pubblici: il governo, le Regioni, i Comuni si sono già dotati del certificato in questione per tutti gli immobili di loro proprietà?» chiede Spaziani Testa. Per Confedilizia la sicurezza degli immobili richiede un deciso cambio di passo: «La strada da seguire ha due linee direttrici: incentivi sempre maggiori per gli interventi finalizzati alla sicurezza, e non solo il Sismabonus, e controlli serrati su chi effettua interventi sugli immobili. Il resto è superficialità: si rischia di attribuire soluzioni a problemi che hanno cause ben diverse, spesso ad esempio i crolli derivano da abusi edilizi» conclude il numero uno dell'associazione proprietari immobiliari. E cita a sostegno un post dell'autorevole professor Edoardo Cosenza, ordinario di Tecnica delle costruzioni all'Università di Napoli Federico II: «Non facciamo errori sull'onda dell'emotività- afferma il docente - Ottima l'intenzione politica, ma non diciamo cose irrealizzabili. La compravendita riguarda singoli appartamenti. La sicurezza statica l'intero edificio.

Quindi non si può obbligare a preparare e inserire un certificato statico, qualunque esso sia, negli atti delle singole compravendite che riguarda un singolo e non l'intero condominio. Non confondiamo con la certificazione energetica. Lo dico e lo ripeto: si deve incentivare l'uso del Sismabonus, non inventare altre soluzioni fantasiose o irrealizzabili», conclude il professor Cosenza. Sostegno a Confedilizia anche dalla politica: «Ha totalmente ragione- afferma Daniele Capezzone, deputato Direzione Italia - Se vogliamo prevenire disastri e crolli, dobbiamo incoraggiare lavori di ristrutturazione, non il traffico di libretti». Il fascicolo «va bene» ma non è sufficiente per il deputato di Mdp Arturo Scotto.

Commenti

gigi0000

Lun, 10/07/2017 - 09:36

In Italia si è soliti sfornare una nuova legge al verificarsi di qualsiasi problema, invece di cercare una soluzione allo stesso. I cittadini sono ormai stremati e, quando non s'ha più nulla da perdere, oltre alla necessità di non rispettare la legge, viene anche la voglia di fare la rivoluzione. A questo ci vogliono indurre gli imbecilli? Ebbene, non perdiamo altro tempo e cominciamo subito!

carpa1

Lun, 10/07/2017 - 09:42

Lo sapete perchè le case crollano? Semplice, perchè sono fatte di "CARTA", sì, quella della burocrazia che inutilmente accumula carta su carta. Fate pena! Pur di foraggiare questa inutile burocrazia e chi ci mangia (professionisti del nulla), e su cui poi non vengono MAI eseguiti controlli vi inventate tutte le cagate di questo mondo ed intanto non si fa altro che complicare la vita che, per fortuna, ci pensano poi la natura ed il tempo a portarcela via. I dipendenti degli uffici tecnici fateli lavorare sul campo, 24 ore su 24 a controllare, non a girare inutile carta straccia negli uffici; forse con questo sistema potremmo avere più fiducia negli edifici "controllati ed omologati" sul posto.

jaguar

Lun, 10/07/2017 - 09:45

Qui si cerca di chiudere la stalla quando i buoi sono già scappati, quanti anni ci vorranno per certificare tutte le case, e soprattutto, a chi non verrà rilasciato il certificato, cosa deve fare, andare sotto un ponte? E le migliaia di case abusive che esistono in alcune regioni italiane verranno abbattute?

elio2

Lun, 10/07/2017 - 09:45

Certamente avranno qualche categoria di amici, o amici degli amici, (che alla fine si tramuteranno in voti), da sistemare. Con il consenso che se ne va, come con il maiale, non si deve buttare via niente, tanto possono continuare a sbandierare al sempre più esiguo popolo rosso, che loro le tasse le hanno sempre ridotte, e qualche idiota che ci crede lo trovano ancora.

qualunquista?

Lun, 10/07/2017 - 10:01

Un adempimento / tassa perfettamente inutile; i professionisti con senso di responsabilità non ne hanno bisogno. Quelli che consentono lavori senza sicurezze non avranno difficoltà a sottoscrivere pezzi di carta da quattro soldi. Intanto chi doveva vigilare su quei lavori ha tutto il tempo di mascherare tutto. Chi ha sottoscritto la DIA, il nuovo proprietario "senza trascrizione" o il vecchio intestatario? E l'Ufficio Tecnico del comune che verifiche aveva disposto? Per gente che lavora così si vuole penalizzare tutta l'Italia?

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Lun, 10/07/2017 - 10:21

Quindi meglio le tragedie di una mappa precisa ed aggiornata dei nostri edifici a partire da quelli pubblici in primis le scuole. Certo a chi vuole proteggere gli abusi edilizi ( abbattere, vero forza italia) e gli scandali sulle costruzione va bene così. Complimenti. Voi criticate per criticare. Fate una volta una proposta decente su un argomento. Questo non mi sembra di poco conto.

abocca55

Lun, 10/07/2017 - 10:27

Ma non fate critiche becere. E' giusto, urgente e importante che le case siano assicurate e verificate dai proprietari. Ogni terremoto si svuotano le tasche degli Italiani, e questo non mi sembra giusto. L'assicurazione deve essere obbligatoria.

Blueray

Lun, 10/07/2017 - 10:39

Nella mia modesta quarantennale esperienza ho visto togliere pilastri per fare autorimesse, muri maestri sventrati e sostituiti da improbabili putrelle d'acciaio, perdite di acqua condotta trascurate che hanno liquefatto il terreno sotto i plinti fondazionali, scavi a filo di fondazione che ne hanno compromesso la staticità, terremoti, e molto altro da scrivere un libro. Il punto non è la mungitura dei proprietari di case ma il controllo dei lavori attuati di volta in volta negli anni da irresponsabili e incompetenti cui dovrebbe essere interdetto il por mano agli edifici, per non parlare dei lavori abusivi.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 10/07/2017 - 10:54

Ed è sempre Delirio!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 10/07/2017 - 11:01

E chiedere, magari, l'autorizzazione tecnica in occasione di ogni ristrutturazione concepita, magari a pallino, dai proprietari (più o meno informati sulle potenziali conseguenze dei loro ritocchi)? Ah già: mancherebbe l'effetto della pesca a strascico..

antonmessina

Lun, 10/07/2017 - 11:08

delrio pressapochista incapace dannoso di una ignoranza abissale senza contare gli scheletri negli armadi

Zizzigo

Lun, 10/07/2017 - 11:10

Ministro Delrio? delirio del ministro?

titina

Lun, 10/07/2017 - 11:11

ma se uno fa lavori che non deve fare la stabilità viene meno.

FRATERRA

Lun, 10/07/2017 - 11:21

Invece di inviare l'ufficio tecnico del comune a controllare nuove costruzioni e ristrutturazioni SUL POSTO; demandano i proprietari a versare altri soldi sulle proprietà GENIALE.....

Una-mattina-mi-...

Lun, 10/07/2017 - 11:22

BISOGNEREBBE ANZITUTTO PREVEDERE L'OBBLIGO DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI. LA MAGGIOR PARTE DEGLI IMMOBILI HA FOGNATURE, IMPIANTE ELETTRICI ECC. ASSOLUTAMENTE FATISCENTI. SI COMINCI DA LI'

Marcello.508

Lun, 10/07/2017 - 11:29

Spillar soldi è essenziale, sempre dopo che si verificano tragedie. La prevenzione? Questa sconosciuta! Oramai è chiaro che, non sapendo ad es. dove trovare altri fondi per mantenere migranti, oltre che far sparire certi cartelli stradali che fanno parte di una specifica attività preventiva), vi inventate di tutto. Avete il fiato sempre più corto, "cari" governanti. Il redde rationem s'avvicina e il terrore si sta impadronendo di questo governo sempre più inaffidabile.

dot-benito

Lun, 10/07/2017 - 11:41

SCUSATEMI MA DOVE VIVO IO CIOE' IN FRIULI DOPO IL TERREMOTO DEL 76 TUTTI SONO OBBLIGATI A COSTRUIRE LA CASE ANTISISMICHE CON COSTI MOLTO ALTI PER I PRIVATI MA NESSUNO SI LAMENTA NATURALMENTE POI CI SONO I VARI ARCHITETTI CHE CONTROLLANO TUTTO IL MATERIALE USATO E POI ALLA FINE SE TUTTO E' A POSTO VIENE CONCESSA L'ABITABILITA DAL COMUNE ORA FATEMI CAPIRE MA LE ALTRE REGIONI SONO FUORI DAI CONFINI NAZIONALI?

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Lun, 10/07/2017 - 11:42

Marcello.508- E questa non sarebbe prevenzione? non perda tempo a battere tasti si dedichi ad altro povero disperato.

Popi46

Lun, 10/07/2017 - 11:43

Ovvio,l'unica cosa che i nostri governi, dal nazionale al comunale, sanno fare: tasse,tasse,tasse. Il resto chiacchiere sotto l'ombrellone,al bar,nelle commissioni (come quella antimafia,ah,ah,ah),ecc,ecc....

Idrissecondo

Lun, 10/07/2017 - 12:07

supponiamo che la norma passi. C'è da attendersi che sarà l'ennesima pacchia per i tecnici pagati da proprietari di condomini, capannoni, ville etc. Ma i tecnici saranno anche estremamente restrittivi nel dare l'OK agli mmobili. Se poi l'immobile crolla che fine fa il tecnico? Ci sono immobili a ridosso di linee ferroviarie (a sto punto tutte ingibili) sui gratti di fiumi o a strapiombo sulle montagne. Diciamo che almeno il 30% dei cittadini dovrà sgomerare da casa propria. E Poi? chi fa? chi abbatte? chi ricostruisce?

jaguar

Lun, 10/07/2017 - 12:10

Riflessiva, la prevenzione si fa quando si costruisce una casa, farla dopo 30 o 40 anni non ha senso. Si vuole certificare, va bene, ma con tutte le case malandate e abusive che esistono in Italia, parecchie persone si troveranno senzatetto. E questo perché nel nostro paese non è mai esistita una legge a riguardo.

Marcello.508

Lun, 10/07/2017 - 12:16

riflessiva - I tasti li batte lei inutilmente: è per caso la prima volta che avviene un fatto del genere in Italia nel governo che a lei piace così tanto? Faccia pace con i suoi neuroni e stia sempre serena.

Massimo Bernieri

Lun, 10/07/2017 - 12:49

Se ogni due anni sei obbligato a fare la revisione auto per controllare che tutto è in ordine e l'auto non è un pericolo per te e gli altri,non ci vedo nulla di strano nel controllare un immobile che magari ha oltre 50 anni.Mi sentirei più sicuro.Spero che siano decise tariffe dal governo in funzione della cubatura e i costi siano detraibili al 100% dai proprietari e non che ogni professionista decida il prezzo.

Marcello.508

Lun, 10/07/2017 - 13:14

Chissà cosa accadrà quando, se questa proposta dovesse essere attuata, si faranno controlli di strutture date in uso a migranti e non risulteranno in regola, questo nonostante che certi prefetti li sistemino in quelle strutture forzosamente. Mi viene proprio da sorridere, meglio ghignare..

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Lun, 10/07/2017 - 13:16

@Massimo Benieri. Mi permetta una critica, ma è proprio il tuo buonsenso di chi non ne capisce nulla, che lascia spazio a trovate simili. Si tratta di una nuova tassa, che sarà costosa, e non renderà più sicuri gli immobili, come del resto la revisione biennale per i veicoli. Sono cose che succedono, la vita senza rischi non esite e trovare sempre un responsabile per tutto non garantisce più sicurezza.

pardinant

Lun, 10/07/2017 - 13:22

Ormai è tempo di abrogare la legge 180/78, si proprio quella che chiuse i manicomi. Vanno riaperti per coloro che hanno simili trovate e anche per coloro che rilasceranno un certificato di stabilità senza prodromi interventi invasivi volti a stabilire solidità dei vecchi muri e dei solai, in particolare quelli in laterizio. A meno che all'atto pratico non diventi un pezzo di carta inutile, rilasciato a casaccio come il certificato di efficienza energetica.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Lun, 10/07/2017 - 13:35

scommettiamo che i palazzoni di Agrigento o di Secondigliano verranno dichiarati "perfetti" da tecnici compiacenti?

TitoPullo

Lun, 10/07/2017 - 13:38

Non perdete tempo con i "sinistri" !! Capiscono solo le "scartoffie" non hanno nessun senso pratico !" Sinistri" lo dico un'ultima volta per voi poi non lo ripeto piu' : Esistono da 'mo già leggi e normative in merito basta farle applicare ed innanzitutto controllare che vengano applicate !! Ditelo anche agli Uffici tecnici dei vostri Comuni "democratici" !!

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 10/07/2017 - 14:02

Chissà se delirio lo chiederà anche alla Camorra,in questo caso, nonché mafia.'ndrangheta, sacra corona unita??

lawless

Lun, 10/07/2017 - 14:06

la sinistra ce la mette tutta per farsi ODIARE. Ma come può del rio pensare che un pezzo di carta (CHE NATURALMENTE COSTA) possa dimostrare che un fabbricato è sicuro. L'ennesima sanguisuga comunista in azione. ....le crepe possono essere camuffate, le fondamenta se non si fa un carotaggio è impossibile stabilire che tengano, le murature possono essere fasulle solo in una parte dell'edificio senza contare che il tempo logora tutto. I nove figli devono averlo esaurito, mi auguro per la sua salute e soprattutto per la nostra che presto venga messo a riposo!

FRATERRA

Lun, 10/07/2017 - 14:29

SICURAMENTE LE PROPIETA' DEL VATICANO SARANNO ESENTATE DALLA PRESENTAZIONE;CON SOMMA GIOIA DEI FEDELI......

elio2

Lun, 10/07/2017 - 14:35

E' solo uno dei tanti modi per mettere nuove tasse sulla casa, hanno scoperto che poi le case staranno in piedi con i fogli di carta bollata che questi deliranti e abusivi compagni si fanno pagare, ma non importa, ci continueranno ancora ad essere dei compagni, totalmente imbecilli e incapaci di intendere e volere che li continueranno a sostenere, anche se fanno sempre più fatica a trovarli, ecco spiegato perché sperano tanto nei negri che vanno a prendere in Africa, a spese nostre.

guido.blarzino

Lun, 10/07/2017 - 15:23

Delrio ministro delle infrastrutture, ahahah. Non si rende nemmeno conto delle stupidaggini che dice giustamente subito rintuzzato dal presidente di confedilizia. Siamo all'abc dell'edilizia. Anche un bambino delle elementari lo capisce. Delrio dove si è laureato ? Come la Fedeli ???

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 10/07/2017 - 15:33

altra tassa a carico degli italiani veri per fare cassa e mantenere i negri

giovannibid

Lun, 10/07/2017 - 18:46

abbiamo una classe politica IGNORANTE i tutti i sensi

mariolino50

Lun, 10/07/2017 - 20:17

Con queste teorie si dovrebbero abbattere tutti i centri storici e gran parte delle periferie, ma cosa beve questa gente a colazione, caffè o grappa. Può servire solo ad ingrassare chi dovrebbe fare i certificati, come le Ape e altre cacchiate del genere, e visto che le fà anche mia figlia architetto so di cosa parlo. Io invece ero responsabile di caldaie alte 50 m, però la mia di un metro no, devo chiamare uno che non ci capisce quasi nulla perchè non ho la partita iva, tutto fatto apposta per magnare.