Il Pd toscano "regala" a Macron il trasporto pubblico locale

In Toscana, la Regione a guida Pd ha affidato la gestione del tpl locale alla Autolinee Toscane Spa, che fa capo a un'azienda francese, nonostante sia ancora pendente il ricorso del concorrente italiano. "Decisione grave e immotivata"

Come mai tutta questa fretta? È la domanda che si stanno facendo in molti dopo che la Regione Toscana, a guida Pd, ha pubblicato il decreto di assegnazione ad Autolinee Toscane Spa della gara unica regionale per il servizio di trasporto pubblico locale su gomma in tutto il territorio regionale. Non ci sarebbe nulla di strano, se solo il governatore Enrico Rossi non avesse preso questa decisione mentre è ancora in atto un contenzioso tra l'impresa aggiudicataria e il concorrente italiano, la Mobit. Contenzioso iniziato nel 2016 al Tar, proseguito al Consiglio di Stato e poi alla Corte di Giustizia Europea che, con una sentenza dello scorso 21 marzo, ha confermato che la gara si è svolta regolarmente.

A questo punto mancherebbe l'ultimo passaggio burocratico, ma la Regione non vuole perdere altro tempo e in settimana ha preso una decisione quantomeno discutibile. Infatti la Autolinee Toscane Spa, nonostante il nome italiano, fa capo alla francese Ratp che gestisce anche la metropolitana di Parigi. Come spiega La Verità, la pubblicazione da parte dell'ente regionale del decreto di assegnazione del servizio all'azienda transalpina ha fatto arrabbiare Mobit, il consorzio delle aziende di trasporto pubblico locale. Imprenditori che sono stati esclusi in un momento particolarmente difficile per il mercato.

La diatriba risale al 22 luglio 2015, quando Autolinee Toscane Spa e Mobit Scarl presentarono alla Regione le rispettive offerte. Nel marzo 2016 la Regione aveva affidato il servizio in via provvisoria ad Autolinee Toscane Spa, quindi l'inizio della fase dei ricorsi che hanno coinvolto organi giudiziari nazionali e internazionali. Un lungo braccio di ferro culminato quest'anno nella deliberazione con cui la Corte di Giustizia Ue ha sancito la regolarità della gara effettuata dalla Regione, che prevede l'affidamento del servizio a un unico gestore per 11 anni. Un appalto che fa gola a tutti, dal valore di 4 miliardi di euro.

La gestione del tpl locale rimarrà all'attuale gestore fino al 31 dicembre, mentre la decisione finale del Consiglio di Stato è attesa per il 10 ottobre. Intanto, però, il presidente di Mobit, Giuseppe Gori, ha contestato la decisione della Regione: "Ne prendiamo atto, ma la riteniamo sbagliata e pericolosa". Una decisione che ha scontentato anche parte del Pd. Critiche sono arrivate al governatore Rossi dal sindaco di Prato, Matteo Biffoni, e dal presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani. "L'indirizzo" perseguito dalla Regione "non corrisponde alla volontà dell'assemblea legislativa della Toscana e neppure a profili di opportunità", ha detto Giani. Ancora più preoccupato il deputato di Fratelli d'Italia, Giovanni Donzelli: "Il fascino transalpino per la sinistra è evidentemente irresistibile: dopo aver avallato le rivendicazioni d'Oltralpe sulle origini del genio di Leonardo da Vinci, la Regione Toscana forza inspiegabilmente la mano per affidare alla società di proprietà del governo francese Ratp il trasporto pubblico locale. Una scelta incomprensibile che conferma i sintomi di allergia alla tutela dell'interesse nazionale italiano dei nostri amministratori".

Commenti
Ritratto di Lissa

Lissa

Dom, 05/05/2019 - 16:17

Regaliamo ai francesi tutto e tutti del PD.

carlottacharlie

Dom, 05/05/2019 - 16:41

E' dagli '80 che viene regalato ai francesi tutto il nostro bendidio. Tutta l'EU ha brigato con l'aiuto del nostro malvagio farabutto criminale parlamento a renderci poveri. Sarebbe ora di svegliarsi, non vi pare? Fuori dalla gabbia europea se non vogliamo morire da schiavi e servi. Tutti paventano sfracelli se domani dicessimo: Basta, noi ce ne andiamo!- Sono colossali balle che raccontano per tenerci al guinzaglio e spolparci ancor meglio fino all'osso già che noi siamo i maggiori foraggiatori della EU, poi contano sul nostro territorio che fa gola tanta gola. Avere pazienza, sapere perfettamente almeno francese, tedesco, inglese ed andare a scovare i tanti documenti ufficiali che raccontano lo schifo che noi abbiamo sottoscritto da 60anni a questa parte lasciando ci uccidessero.

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 05/05/2019 - 17:01

Quante inesattezze e quanta faciloneria ... per spririti semplici

VittorioMar

Dom, 05/05/2019 - 17:04

...fate prima a controllare i conti di qualcuno e ...capirete anche il perché !!

01Claude45

Dom, 05/05/2019 - 17:47

In NESSUNA delle aziende di trasporto, Tlc, Energetiche, costruzioni navali, armamento, e quelle STRATEGICHE per l'Italia DEVONO ENTRARE gli STRANIERI se non come FINANZIATORI. La "GOLDEN SHARE" è sempre d'obbligo. Certo che con le TdC PiDiote e coi 5 S(talle) è dura, ma non IMPOSSIBILE.

Mauritzss

Dom, 05/05/2019 - 18:01

C'è Rossi e Nardella, cosa pretendete??. . .

killkoms

Dom, 05/05/2019 - 18:26

pusillanimi rossi!

Gio56

Dom, 05/05/2019 - 19:00

Nahum,spieghi lei come stanno le cose?

Ritratto di Galahad12

Galahad12

Dom, 05/05/2019 - 19:37

Mah... non vorrei che ci fossero dietro non motivazioni politiche o "ideali" (sapete che i komunisti sono persone moralmente superiori...), ma di molto più bsssa convenienza. Speriamo non sia così :-)

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Dom, 05/05/2019 - 20:35

No cara Carlottacharlie, bisogna processare i traditori e confiscare lo Stato Vaticano, onde salvare la Chiesa perché é ormai ridotta a una spelonca di ladri.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Dom, 05/05/2019 - 20:45

Magari avranno fatto un'offerta piu' vantaggiosa, che poi, con tarocchi vari rivedranno al rialzo, e cosi' anche la corte europea non avra' avuto nulla da ridire... Gli stipendi dei dipendenti, probabilmente verranno tirati all'osso e cosi' pure i servizi, mentre le plusvalenze andranno a rinsanguare la sempre piu' anemica francia... CONCORDO CON CLAUDE45: sempre un'AZIONE D'ORO, (ma sarebber piu' giusto chiamarla di FERRO, Furio Camillo docet...) italiana a dirimere simili questioni.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 05/05/2019 - 22:12

@Nahum - quanta ipocrisia per difendere l'indifendibile. Che squallidi che siete voi comunisti, pur di fottere gli altri...

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Dom, 05/05/2019 - 22:16

C'é il sospetto di tangente estero su estero.

carlo dinelli

Lun, 06/05/2019 - 08:19

Rossi e Nardella sono altri due geni che, anzichè allo sviluppo, hanno contribuito alla decadenza della Toscana. Il Pd è peggio di Attila: dove passa, non cresce più l'erba

carlo dinelli

Lun, 06/05/2019 - 08:22

Sicuramente a beneficiare degli eventuali nuovi mezzi di trasporto, saranno (gratis, naturalmente) i Rom e le risorse africane, tanto cari a Rossi e a Macron.

veromario

Lun, 06/05/2019 - 08:28

questi sig.governatore e sindaco insieme al pinocchio nazionale di rignano e la gioconda di Laterina alias boschi ci fanno vergognare di essere toscani.