Pedofilia, la trappola contro il Papa

Monsignore Viganò accusa Bergoglio di omertà. Ma c'è chi sospetta una vendetta

Gli esperti di veleni pontifici a orologeria non avrebbero potuto fare di meglio. La regia è stata eccellente. Non è un caso infatti, che la bomba sganciata da monsignor Carlo Maria Viganò contro il Papa arrivi nel pieno della bufera pedofilia, con Francesco che da giorni ormai continua a implorare perdono per gli errori e il fallimento della Chiesa sul tema degli abusi su minori.

L'ex nunzio apostolico negli Stati Uniti, con una «testimonianza» lunga dieci pagine, ha sparato a zero contro mezza Curia Romana (della vecchia e della nuova guardia) accusando cardinali e monsignori di aver coperto le schifezze di Theodore McCarrick, l'88enne arcivescovo emerito di Washington che lo scorso luglio ha presentato la rinuncia come membro del collegio cardinalizio (rinuncia subito accettata da Bergoglio), dopo l'esplosione dello scandalo pedofilia in Pennsylvania, con oltre 300 preti coinvolti. Non solo: monsignor Viganò ha accusato altri ecclesiastici di rango di essere omosessuali e di aver avallato nomine di altri omosessuali e infine il colpo da maestro: «Avevo informato Papa Francesco nel 2013 del dossier su McCarrick - scrive il nunzio in pensione - ma lui cambiò discorso: adesso sia il primo a dare il buon esempio a cardinali e vescovi che hanno coperto gli abusi di McCarrick e si dimetta insieme a tutti loro». Francesco quindi, a dire di Viganò, sapeva già cinque anni fa dello scandalo McCarrick e non avrebbe preso provvedimenti perché, sempre secondo il monsignore originario di Varese, Francesco sarebbe molto amico dell'ex cardinale americano. Sullo sfondo, sembra chiaro che si sia rimessa in moto la macchina del fango, quella che vorrebbe subito le dimissioni del Papa argentino. La cordata di ecclesiastici (americani e non) intenzionati a far cadere Francesco è la stessa che da anni prova a colpire il Pontefice sulle sue posizioni considerate troppo progressiste. E Viganò è solo una pedina del sistema che è già in movimento per un dopo Bergoglio più conservatore. E se l'obiettivo oggi è «il Papa se ne vada», non è un caso nemmeno il fatto che diversi mesi fa fu Francesco a dire: «Monsignor Viganò se ne vada».

Dopo il ritorno dagli Stati Uniti, nel 2016, infatti, l'arcivescovo accusatore si era trasferito nel suo appartamento da 250 metri quadrati all'interno della Città del Vaticano. Appartamento che durante il servizio diplomatico all'estero non aveva lasciato (come avrebbe dovuto) ma che era riuscito a tenere in suo possesso, come scriveva il Giornale già nel 2013. Qualche mese fa però Bergoglio aveva dato il foglio di via definitivo al monsignore. Non solo dalla Città del Vaticano. L'Apsa (l'Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica) che gestisce tutti gli immobili della Santa Sede, aveva trovato per il nunzio a riposo una nuova sistemazione a Roma, ma Francesco aveva fatto sapere che sarebbe stato meglio un rientro nella diocesi d'appartenenza.

I meglio informati sanno quanto Viganò ci sia rimasto male, anche perché, già dai tempi del primo Vatileaks, il monsignore sognava, non è un mistero, una carriera in Curia con la nomina a presidente del Governatorato Vaticano e a cardinale. Non ha avuto né l'una né l'altra, soprattutto per volere di Bergoglio. «Monsignor Viganò da tempo aveva in animo di vendicarsi e oggi l'ha fatto contravvenendo ai suoi doveri. Aspettavamo una sua reazione all'allontanamento dalla Curia», rivela uno stretto collaboratore del Papa. Di certo c'è però che se come dice Viganò, Papa Francesco è colpevole d'insabbiamento, lui sarebbe colpevole allo stesso modo: ha taciuto sulla faccenda McCarrick e sulla presunta posizione del Papa per cinque anni, attendendo che esplodesse lo scandalo, così da poter infierire sul Pontefice. La sua testimonianza, che andrà ovviamente verificata, non sembra essere del tutto disinteressata.

Commenti

venco

Lun, 27/08/2018 - 09:42

Macché vendetta, Bergoglio mica è una persona seria.

Ritratto di Francescoaverna

Francescoaverna

Lun, 27/08/2018 - 09:53

Non vi è nessuna macchina del fango. Da quando vi è Bergoglio la Chiesa: 1) è diventato un partito politico di SINISTRA; 2) tutti i preti, vescovi e cardinali capaci e Cattolici vengono allontanati e sostituiti con quelli più mondani; 3) la dottrina Cattolica è stata messa da parte, e la smania di spettacolo ha preso il sopravvento... Andate a vedere le chiese di Bergoglio. Non vi è che un esiguo numero di persone anziane. I giovani si fanno vedere solo quando ci sono le feste. Che Chiesa è mai questa? Bergoglio se ami la Chiesa, ti devi dimettere il prima possibile.

Ritratto di Francescoaverna

Francescoaverna

Lun, 27/08/2018 - 10:15

Mons. Viganò è una persona perbene, che per il suo coraggio nel denunciare i fatti iniqui nel passato, come anche nel presente, è stato e verrà perseguitato. Altro che vendentta, Viganò continua nel suo lavoro di Pastore attendo e amorevole del suo gregge. Bisogna sostenere mons. Viganò. La chiesa di Sinistra è al suo tramonto.

cgf

Lun, 27/08/2018 - 10:42

@venco&Francescoaverna inutile spiegare quanto Monsignor Viganò ha dimostrato con questa uscita, i fatti parlano chiaro, da quando c'è Bergoglio è molto più difficile divenire consacrati, NON solo nei seminari vi sono psicologi proprio per individuare inclinazioni pedofile, ma molto di più. Questa è una delle rivoluzioni silenziose che insieme a quella dello IOR, mandare a casa loro i vescovi, quindi via i vescovi da Roma, vedi anche Viganò, ha creato molto scompiglio, soprattutto nelle gerarchie. Sta continuando il lavoro iniziato da Benedetto XVI, il quale poi non si è sentito più in grado di andare avanti, non a caso s'incontrano frequentemente. Anche Innocenzo VI, poi Gregorio XI...

Ritratto di Suino_per_gli_ospiti

Suino_per_gli_ospiti

Lun, 27/08/2018 - 11:09

Toglierci dalla dominazione culturale pluricentenaria della chiesa non era facile. Grazie a El Papa ce l'abbiamo fatta. Un vero campione, dovrebbe firmarsi PF7.

Ritratto di Francescoaverna

Francescoaverna

Lun, 27/08/2018 - 11:26

Egr. "cgf" ciò che Lei ha detto non corrisponde al vero. Tralascio la questione della diminuzione dei preti, in quanto non c'entra niente la psicologia. C'entra invece la perdita delle vocazioni e CHI FA PERDERE QUESTE VOCAZIONI. Riguardo a Viganò dico solo questo: quando fu responsabile del Governatorato del Vaticano, portò in attivo i conti del Vaticano, che erano sempre stati in deficit, mentre quando fu nunzio apostolico in America cominciò a fare nomi e cognomi di indegni, ma potenti Prelati, finendo in disgrazia. Questo Viganò andrebbe fatto PAPA! E lei cosa fa? Lo attacca, accusandolo di aver agito con coraggio e disinteresse? Vogliamo VIGANO PAPA!!!! Se Viganò voleva far carriera sarebbe rimasto in silenzio.

gneo58

Lun, 27/08/2018 - 11:35

la chiesa cattolica e' in via di estinzione, seguiranno col tempo le altre "confessioni" ormai per le religioni "canoniche" la via del declino e' segnata.

dakia

Lun, 27/08/2018 - 17:25

Ma quale vendetta, se ne è sempre disinteressato, non abbiamo scordato il ragazzo di qualche anno fa sparito nel nulla seppure accusato il prete pubblicamente, i preti non sono più tali e quelli che sta importando dall'africa sono peggiori.

ohibò44

Lun, 27/08/2018 - 19:43

“sembra chiaro che si sia rimessa in moto la macchina del fango” a me non sembra affatto chiaro, mi sembrano accuse molto circostanziate e, se false, facilmente contestabili Non certo col silenzio. O no?

Ritratto di scipione scalcagnato

scipione scalcagnato

Lun, 27/08/2018 - 21:18

Parole rancorose di uno che sperava di diventare cardinale prima e reggente del Governatorato della Santa Sede poi e che invece non ha avuto niente. Non gli restava che una meschina vendetta, tenuto conto che McCarrick la sua punizione da Bergoglio l'aveva già avuta, essendo stato "decardinalizzato".

Ritratto di Professor...Malafede

Professor...Malafede

Lun, 27/08/2018 - 21:37

Fosse pure una vendetta, come dicono, la cosa è talmente grave da farla passare del tutto in secondo piano! Ma scusate uno che dice... Giudicate voi?! Lo dice solo a quei giornalisti super-selezionati per stare intorno a lui! IPOCRITA! FALSO! Giudicate voi dovrebbe dirlo ai genitori e parenti delle vittime, o alle vittime stesse. Troppo comodo dire "giudicate voi" ai giornalisti che tifano per lui! Faccio una proposta al direttore Sallusti: perché il Giornale non organizza una raccolta di firme per chiedere le dimissioni di Bergoglio?

Ritratto di scipione scalcagnato

scipione scalcagnato

Mar, 28/08/2018 - 04:16

E' proprio il caso di dire "da che pulpito vien la predica", visto che questo Viganò ha taciuto sulla faccenda McCarrick e sulla presunta posizione del Papa per cinque anni, attendendo che esplodesse lo scandalo, così da poter infierire sul Pontefice. Una meschina vendetta.