"Quel piano di Di Maio per tornare con Salvini". M5S smentisce: "È Falso"

Secondo il retroscena della Stampa il piano di Di Maio sarebbe quello di riunirsi a Salvini dopo il voto. Il Movimento: "È falso, sono ricostruzioni fantasiose"

Nei giorni scorsi, il leader del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, ha organizzato numerosi incontri, con ministri, deputati e consiglieri regionali. E proprio dai retroscena di quegli incontri emergerebbero, secondo quanto riporta la Stampa, dichiarazioni in contrasto con il governo europeista di cui fanno parte i grillini.

E ora, un sospetto si sarebbe insinuato tra i componenti del Movimento: il leader starebbe facendo di tutto per far cadere il governo e andare al voto. A quel punto, potrebbe riemergere il vecchio legame con Matteo Salvini. Secondo i retroscena riportati dalla Stampa, la spinta alla caduta dell'esecutivo giallorosso potrebbe arrivare dalle Regionali in Emilia Romagna, terreno scivoloso, su cui Di Maio tiene tutti col fiato sospeso: ancora sconosciute, infatti, le intenzioni del ministro degli Esteri, che ieri ha annunciato l'entrata in campo di Rousseau, che deciderà se il Movimento si candiderà contro il Pd.

Il sospetto, però, è stato smentito da fonti vicine al leader: "Come ha dichiarato lo stesso Luigi di Maio, il governo è solido e compatto. Non c'è dunque alcuna volontà di far cadere un esecutivo, che secondo il capo politico M5s ha un orizzonte molto lungo e ancora molti passi da compiere".

In ogni caso, se il governo Conte bis dovesse cadere, il Movimento 5 Stelle tornerebbe al voto, con numeri molto ridimensionati, ma con la certezza di essere ancora una volta "l'ago della bilancia". Secondo la Stampa, la strategia che potrebbe mettere in atto Di Maio guarderebbe a un riavvicinamento a Matteo Salvini: la scorsa settimana, infatti, avrebbe dichiarato di voler "portare a compimento il programma iniziato con la Lega". Non solo. Il leader pentastellato avrebbe anche affermato di vedere nel sovranismo il futuro del Paese: "Ho capito che l'unico modello vincente è il sovranismo- avrebbe detto ai suoi- Quello è il futuro". Vanno in questo senso le ultime dichiarazioni del ministro degli Esteri, che difende Quota cento, il decreto Sicurezza e mette all'angolo lo ius soli: "È un tema che non è mai entrato nel programma di governo, né entrerà ora".

Non vi è nessuna conferma circa la riapertura con Salvini e la Lega, ma se si andasse al voto, una strategia potrebbe essere quella di tornare al fianco del Carroccio, portandogli i consensi dei paesi del Sud, molti dei quali ripongono fiducia nel Movimento 5 Stelle. Numeri di cui Salvini potrebbe avere bisogno, dato che non è riuscito a sfondare al Sud.

Si tratta, però, solamente di voci e sospetti, tutti smentiti dal Movimento 5 Stelle, che oggi ha dichiarato: "Ci ritroviamo a dover smentire un articolo de La Stampa. Nessuno ha in mente un piano post-voto per riunirsi a Salvini. All'interno del pezzo leggiamo tante fantasiose ricostruzioni lontane anni luce dalla realtà dei fatti".

Commenti

schiacciarayban

Gio, 21/11/2019 - 11:24

Cos'è, una barzelletta?

OttavioM.

Gio, 21/11/2019 - 11:45

Invece io lo trovo un ottimo piano, il povero Di Maio non è di sinistra, è ovvio che voglia tornare alla sua collocazione naturale che è la destra sovranista, ma si deve liberare dei fichi e dei fichi secchi che ha nel partito, che invece sono più affini alla sinistra radicale, pro ius sola e pro migranti, che gli fanno perdere voti e tempo.

VittorioMar

Gio, 21/11/2019 - 11:57

..in politica tutto e' possibile ...ma non prima di aver VOTATO !!

agosvac

Gio, 21/11/2019 - 12:21

Intanto che si voti, poi si vedrà.

Ritratto di mina2612

mina2612

Gio, 21/11/2019 - 13:12

È difficile che i due si dividano! Ormai è arcinoto l'accordo sulle spartizioni delle cadreghe: ai 5S la città di Roma in cambio dell'alleanza per sgovernare il Paese.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Gio, 21/11/2019 - 13:30

Toc toc, sono le sei del mattino, è ora di svegliarsi. La lega è all’opposizione e ci resterà per i decenni che verranno.

Alfa2020

Gio, 21/11/2019 - 13:55

stamicchia non ci credi nemmeno tu stessi delle cazz..e che dici la verita e che ai paura e rosica non avete vita lunga

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 21/11/2019 - 16:44

Un "piano" non credibile. Del resto per fare un accordo bisogna essere in due ed M5S é disperatamente sola, vista a sinistra come un pozzo da cui raccogliere voti.

Ritratto di michageo

michageo

Gio, 21/11/2019 - 19:13

Why not?Il cdx, ha in carrozza, con pretese di divano e poltrone , (s)forza italia, che vive di ricordi e vorrebbe rinnovare i fasti di una volta nonostante i numeri da "Renzi"attuali. I Pentastellati hanno la necessità di far pulizia pesante con chi gioca con le cozze e le merendine, credendo di fare alta politica. facendo così il gioco del PD che viaggia in ordine sparso ed usa le sardine come grande novità, ovvero cercadi venderci per nuovo un pullover liso rimagliato, come del resto lo sono stati tutti i cambiamenti di "sesso" dopo lo sfascio del PCI.La Lega appare l'ultimo partito con i numeri a posto, che però per circolare bene deve avere la gomma di scorta FI e le catene da neve montate di FdI . Ed i numeri per una maggioranza ci sono ma , senza riserva strategica salvo un buon supporto di un M5S che abbia effettuato una cura dimagranteda cavallo ideologica .........Mai dire mai.....