Pietà per il piccolo Omran. Ma su Aleppo quante bugie

L'immagine del bambino ferito in ambulanza spezza il cuore. Non deve però far dimenticare di chi è la colpa

Davanti ad una foto come quella di Omran Daqneesh nessuno può restare indifferente. L'immagine di quel bimbetto siriano di cinque anni coperto di sangue e polvere dopo un bombardamento su Aleppo stringe il cuore, lo riempie di sdegno e d'indignazione. Lo stesso successe un anno fa con la foto di Aylan, affogato mentre con la famiglia passava dalla Turchia in Europa. Entrambe quelle foto nascondono però un trappolone. Quello celato dietro l'immagine del povero Aylan è ben noto. Quello scatto spinse la Cancelliera Angela Merkel ad abdicare all'etica della responsabilità per decidere sull'onda dell'emozione. L'immediata e ingestibile conseguenza fu l'arrivo in Germania di oltre un milione di profughi accompagnati da un numero ancora imprecisato di terroristi ed apprendisti tali. La foto del povero Omran, diffusa dall'Aleppo Media Center, la centrale di propaganda dei ribelli jihadisti, rischia invece di farci dimenticare le cinque grandi menzogne della battaglia di Aleppo.

Un'assedio a parti invertite

Ad assediare Aleppo non sono le forze governative, ma i ribelli jihadisti che, nell'estate del 2012, entrarono in Siria dal confine turco e circondarono la città. Aleppo, nella strategia dei gruppi armati, appoggiati dalla Turchia di Erdogan, dall'Arabia Saudita e dal Qatar, doveva diventare la capitale dei territori liberati e la sede di un governo provvisorio pronto - dopo il riconoscimento dell'Onu, dell'America di Obama e dell'Europa - a prendere il posto del regime di Bashar Assad. Il risultato sono stati invece la nascita dell'Isis e il perdurare di una guerra costata oltre 300mila vite

I quartieri est ovvero una roccaforte di Al Qaida

La parte est della città è oggi in gran parte sotto il controllo di forze qaidiste. L'accerchiamento delle forze governative che a fine luglio bloccavano con l'appoggio russo l'accesso alla zona è stato rotto dai ribelli di Jabhat Fateh al Sham, la fazione qaidista, già conosciuta come Jabat Al Nusra, che a luglio ha cambiato nome ed ha annunciato il divorzio, per semplici ragioni di opportunità politica, dall'organizzazione creata da Bin Laden.

Aleppo e gli inganni del politicamente corretto

La narrativa «politicamente corretta» del conflitto siriano lo descrive come lo scontro tra i ribelli appoggiati della maggioranza sunnita del Paese e il regime del dittatore Bashar Assad sostenuto da quella minoranza alawita, inferiore al 22 per cento della popolazione, a cui appartiene la sua famiglia. Se così fosse Aleppo, citta di quasi due milioni di abitanti in larga parte sunniti, sarebbe caduta da un pezzo. Invece i civili sunniti di Aleppo, come i militari e gli ufficiali di un esercito anch'esso a maggioranza sunnita, hanno preferito restare con il regime anziché schierarsi con dei ribelli considerati troppo fanatici e troppo legati ad interessi stranieri.

Chi impedisce la fuga dei civili

A luglio, prima che i ribelli qaidisti rompessero l'accerchiamento dei quartieri est, Mosca e il regime di Assad garantivano il libero passaggio a tutti i civili decisi ad abbandonare la zona ribelle e ai militanti pronti ad arrendersi. L'offerta s'inseriva nelle cosiddette operazioni di riconciliazione, già sperimentate a Homs e a Damasco, con cui il governo s'impegna a reintegrare nella società i ribelli di nazionalità siriana e d'ispirazione moderata pronti a posare le armi. Ma l'esodo dei civili, accompagnato dalla resa di qualche decina di combattenti, è stato bloccato ed impedito dall'intervento dei ribelli jihadisti.

Il ruolo dei russi

Oggi l'accerchiamento dei quartieri ribelli per mano russa e governativa suscita lo sdegno dei grandi media e spinge il ministro degli Esteri tedesco Franz-Walter Steinmeier a proporre un ponte aereo per rifornire i quartieri est. L'assedio ribelle ai danni di gran parte della città di Aleppo, durato dall'estate 2012 alla scorsa primavera, non ha, invece, mai mosso a compassione nessuno. Come ha più volte ripetuto al Giornale il vescovo cattolico di Aleppo Monsignor Abu Khazen «solo l'intervento russo ha dato respiro a questa città. Per anni tutti ripetevano di voler combattere l'Isis e il fanatismo, ma solo i russi l'hanno fatto veramente».

Commenti

bezzecca

Ven, 19/08/2016 - 10:31

Ottimo articolo , mi piacerebbe che la Rai , a cui tutti paghiamo il canone raccontasse cosa veramente accade ad Aleppo invece delle solite storie diffuse dai ribelli ...

Tobi

Ven, 19/08/2016 - 10:37

l'importante è che l'amministrazione Obama in combutta con Qatar ed Arabia Saudita possano fare in santa pace la loro guerra contro la Siria avendo loro causato diverse centinaia di migliaia di morti. Poi, quando interviene il "cattivo" Putin, le varie organizzazioni non governative al soldo del governo U.S.A. fanno dichiarazioni (non dimostrate) che una decina di morti sono stati causati dal "cattivo" Putin. Non ha importanza che le diverse centinaia di migliaia di morti in Siria siano responsabilità della guerra voluta dagli U.S.A. mediante i loro mercenari Isis compreso. I TG nostrani poi sono ammestrati dal governo U.S.A. e riportano solo notizie contro Putin e a favore degli U.S.A., addirittura ripetendo i dispacci comunicativi di Al Jazeera mediante un accordo tra RAI italiana e Qatar. Ipocrisia totale.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 19/08/2016 - 10:40

ma non dovrebbe esserci una grande esercito dell'ONU a sistemare le cose quando iniziano queste ostilità. La uerra dovrebbe stroncarsi appena prima diiniziare, possibile che non sappiano niente di quello che potrà accadere? Ma a cosa serve l'ONU?

Massimo25

Ven, 19/08/2016 - 10:46

La verità della situazione in Siria ogni tanto viene a galla.Micalessin ha centrato con obiettività la questione.I media e specialmente le TV distorcono completamente la verità sulle situazioni specialmente in Siria dove sono coinvolte usa e Russia....Servilismo assoluto nel modo più completo del termine...falsificazione totale delle verità..grande stampa grande TV..

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 19/08/2016 - 11:02

Non ricominciamo con sta storia dei bambini feriti. Se è per questo, oltre mezzo milione (poi smisero di contarli) furono massacrati inutilmente dalle forze NATO in Iraq, per una guerra che poi si è appurato fosse totalmente illegale. Iniziamo con riporre le armi nei foderi e no col far vedere bambini in ambulanze et similia. Questa è solo propaganda da libro Cuore.

linoalo1

Ven, 19/08/2016 - 11:03

Certo!!Sarà anche tutto vero,ma come mai non è successo tutto prima???Il mio Grande Dubio è: se Gheddafi fosse stato vivo,cosa non sarebbe successo in Africa ed in Europa???Io ho la mia Risposta Ragionata!!!E voi???

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 19/08/2016 - 11:12

@Tobi 10:37 - Concordo in toto. Ma vedrà che qualche somaro ipocrita dirà il contrario.

Ritratto di thunder

thunder

Ven, 19/08/2016 - 11:14

do-ut-des,l'onu... un altro buco nero divora soldi,uguale alla banca mondiale dove nei paesi poveri da i soldi ai due ricconi e il resto continua a non mangiare.

pappyBoyngton

Ven, 19/08/2016 - 11:21

Il contenuto dell'articolo non ha alcuna importanza. Il bambino potrebbe essere siriano o israeliano o palestinese o uzbeko. Non conta nulla. Non puoi stuprare l'innocenza di un bambino di 5 anni in quel modo. L'umanità è morta. non c'è più nulla.

Rotohorsy

Ven, 19/08/2016 - 11:21

E' strabiliante come la Comunicazione (una foto, i media, i messaggi subliminali) possano manipolare le coscienze e condizionare praticamente tutta la vita di tutte le genti. Che arma potente !

fcf

Ven, 19/08/2016 - 11:21

Le notizie che TV di Stato e stampa annessa ci propinano su ciò che avviene all'estero sembrano le notiziole di un giornaletto di provincia. Importante per la sinistra è mantenere il popolo ignorante, come ha sempre fatto nella sua storia.

Ocram59

Ven, 19/08/2016 - 11:21

Ecco un articolo corretto, coerente con la realtà redatto da un grande professionista quale é Gian Micalessin, uno che mette the boots on the ground. Mandatene una copia agli altri quotidiani pilotati o disinformati.

VittorioMar

Ven, 19/08/2016 - 11:28

...PIETA?.. senza dubbio ma..la foto atroce di una bambina vietnamita è terrificante...!!!!

Ritratto di stufo

stufo

Ven, 19/08/2016 - 11:48

E pietà per le centinaia di migliaia di bambini arsi vivi nel mondo dagli usa negli ultimi settantacinque anni no ?

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 19/08/2016 - 11:50

Hai mai visto la classe politica che si batte il petto dichiarando ... per mia colpa per mia massima colpa ...? Piuttosto preferisce che muoia Sansone con tutti i Filistei ... e i Farisei. Dipoi se i media sono come una muta di cani ammaestrati cosa vuoi che abbaino se non nell'interesse del loro padrone?

Mark01

Ven, 19/08/2016 - 11:52

@ do-ut-des, l'ONU serve a stipendiare le persone inutili come la Boldrini.

alox

Ven, 19/08/2016 - 11:53

Leonida55 credi di intimorire qualcuno: ASINO SEI TU'! Assad e' il responsabile della fuga e morte dei Siriani e Putin lo sostiene: perche' sono dittatori della stessa pasta e dei bimbi e della gente non gli frega meno di niente, esattamente come il NORD COREANO!

antonmessina

Ven, 19/08/2016 - 11:55

ma piantatela!

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 19/08/2016 - 12:04

Di chi e' la colpa? Non ci sono dubbi. E' assodato. I mandanti e finanziatori dell'isis sono usa, arabia, quatar, turchia. Con il silenzio complice della ue. Smettiamola con l'ipocrisia e di far finta di non capire. Sono i nostri alleati, anzi padroni.

Ritratto di leoni_da

leoni_da

Ven, 19/08/2016 - 12:09

prima vengono organizzate cadute di governi,omicidi di capi di stato,stragi,poi ci fanno vedere i bambini..... ma ci prendono per il qu...?

Milosz

Ven, 19/08/2016 - 12:19

Il pericolo più grande è che tutta la Siria cada sotto i terroristi. Questo è un giudizio di valore che non viene espresso dalla Comunità Internazionale e dall’Onu. In una parola, è questo il motivo della persistenza della guerra in Siria. Bisogna dire con chiarezza che nessuna legge, regolamento o risoluzione che tenga, sarà mai in grado di cambiare la verità delle cose: bisogna dire chiaramente che chi mette tutti i soggetti che combattono ad Aleppo ed altrove sullo stesso piano è complice della situazione attuale.

Ritratto di il navigante

il navigante

Ven, 19/08/2016 - 12:32

@Gian Micalessin- Complimenti! finalmente un giornalista -vero- che sa fare onestamente il suo mestiere, e dice le cose come sono nella realtà e non come le -veline di falsità- che arrivano da chi ci vuole tenere nell'ignoranza, e che la maggior parte dei pseudo-giornalisti ne fa un copia e incolla per i loro vomitevoli e ipocriti articoli. Lei dice bene: "Per anni tutti ripetevano di voler combattere l'Isis e il fanatismo, ma solo i russi l'hanno fatto veramente». Grazie per il suo coraggio e la sua onestà professionale. Invece delle foto di questi piccoli, incominciamo a mettere le foto di chi ha iniziato e vuole continuare questa sporca guerra.

piardasarda

Ven, 19/08/2016 - 12:35

ogni tanto una foto strappalacrime, perché i cattivi sono sempre gli altri e noi i buoni samaritani;

piardasarda

Ven, 19/08/2016 - 12:36

ogni tanto una foto strappalacrime, perché i cattivi sono sempre gli altri e noi i buoni samaritani; AFFARI

Gianni Barbero

Ven, 19/08/2016 - 12:39

Il bambino,ammesso che sia stato estratto veramente dalle macerie(i ribelli sono specialisti in tarocchi),viene messo a sedere come in un set cinematografico,in una strana ambulanza senza medici nè infermieri,e lo lasciano lì,senza nemmeno pulirgli il volto dalla polvere e dal sangue, in posa per i numerosi reporter che "per caso" passavano da lì.Vergogna per quelle ONLUS che pensano di usarlo come spot per i loro scopi politici e finanziari.

Ritratto di il navigante

il navigante

Ven, 19/08/2016 - 12:45

@alox- Conosco personalmente (per lavoro) dei siriani che vivono in Italia ma che hanno i loro genitori in Siria e che ogni tanto vanno a trovare, mi confermano quanto scritto dal bravo giornalista Gian Micalessin in questo suo articolo. Non credere alle brutte bugie della TV e dei mass-media, cerca di informarti meglio e più fondo, e scoprirai che le cose sono molto diverse da quello che ora accetti come verità.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 19/08/2016 - 12:45

assad è sempre stato un dittatore particolarmente sanguinario--è questo è fuori di dubbio---essendo uno sciita in un paese sunnita mantiene il potere con la violenza---assad è anche fortemente anti-israeliano e pretende la restituzione di territori sottratti da israele dopo la guerra dei 6 giorni--avere contro israele non è mai una fortuna perchè israeliani e americani hanno messo su il giochino isis e primavere arabe---putin è intervenuto--ma anche putin non è uno stinco di santo--forse il numero maggiore di morti civili si devono proprio a putin ed i suoi aerei--gli aerei russi sbagliano un casino--prendono scuole ed ospedali a gogò--hasta siempre

telepaco

Ven, 19/08/2016 - 12:50

@alox Lei crede ancora alle idiozie euroatlantiche di chi ci vuole dipingere Assad come un dittatore feroce, quando tutti sanno che prima della guerra nessuno aveva mai sentito nominare lui e i suoi presunti crimini. Assad è un grande presidente che ha mantenuto per 30 anni con suo padre prima la Siria laica, dove tutti potevano pregare il Dio che volevano. Assad rimane un grande, gli ignoranti come lei pure, che sa solo sparare slogan demenziali

agosvac

Ven, 19/08/2016 - 12:53

Egregio alox, lei ha poche idee e tutte sbagliate! Non è stato Assad a cominciare questa guerra. E' stata la Cia ad armare i ribelli contro Assad. Lei dimentica che la Siria di Assad era l'unica nazione in medio oriente in cui si poteva vivere tranquillamente, in cui non c'era distinzione tra islamici e cristiani, tutti avevano diritto a vivere pacificamente! Poi è intervenuta la Cia ed è cominciata questa guerra. Temo che l'ASINO sia solo lei!!!

kitar01

Ven, 19/08/2016 - 12:58

Poi ci si chiede perchè i giornali perdono lettori. Avremmo un gran bisogno di una stampa libera di dire la verità. Articoli come questo dovrebbero essere la regola, non l'eccezione.

Ritratto di lucavelasco

lucavelasco

Ven, 19/08/2016 - 12:59

Dopo le due democratiche atomiche sganciate su Hiroshima e Nagasaki chiunque faccia retorica con foto di bambini vittime di guerra è un mascalzone. Il peggiore è il pacifista Obama con le sue primavere arabe e le sue armi: con cui vengono combattute tutte le guerre di questo mondo.

roberto zanella

Ven, 19/08/2016 - 13:00

Ipocrisia e retorica . Chissà perchè presenti le TV occidentali ad Aleppo e non a Mambij , altra città siriana bombardata dagli USA con danni e morti pure fra i bambini , per cui nessun Omran da mostrare al popolo , perchè? Perchè i bombardamenti russi si fanno vedere quelli americani no . Semplice . Così l'ONU interviene come un allocco per un cessate il fuoco che per gli USA serve solamente per frenare i russi , così loro , gli americani continuano a bombardare da un'altra parte per conquistare più posizioni da anteporre a quelle conquistate dai Russi . Le TV italiane , ridicole , piagnone , RAI,SKY e la marmellata insipida del TGCOM24....che pena !!!

Ritratto di il navigante

il navigante

Ven, 19/08/2016 - 13:10

2° invio) @Gian Micalessin- Complimenti! finalmente un giornalista -vero- che sa fare onestamente il suo mestiere, e dice le cose come sono nella realtà e non come le -veline di falsità- che arrivano da chi ci vuole tenere nell'ignoranza, e che la maggior parte dei pseudo-giornalisti ne fa un copia e incolla per i loro vomitevoli e ipocriti articoli. Lei dice bene: "Per anni tutti ripetevano di voler combattere l'Isis e il fanatismo, ma solo i russi l'hanno fatto veramente». Grazie per il suo coraggio e la sua onestà professionale.

Tamagorà

Ven, 19/08/2016 - 13:14

Quando Milano fu bombardata, nel '43, molti civili morirono e molti bambini intorno ai 10 anni, alcuni amici miei, rimasero intrappolati e affumicati sotto le case crollate. n Non ricordo che ci arrivassero molti soccorsi, dalla Siria, e ci arrangiammo per conto nostro. Non capisco la ragione di tani piagnistei e tanti ricatti morali provenienti da una guerra CHE NON CI RIGUARDA e dalla quale abbiamo gia' un sacco di rogne da chi ci arriva addosso senza alcun sostanziale "diritto".

roseg

Ven, 19/08/2016 - 13:18

Complimenti!!! nessuno ricorda ciò che successe in Vietnan ad opera dello zio sam. Quanti furono i bambini carbonizzati dal NAPALM.

alessandro1975

Ven, 19/08/2016 - 13:58

alox ma che cxxxo dici?? la responsabilità della guerra è interamente di Obama e dei suoi volenterosi carnefici: turchia, qatar, arabia saudita ecc ecc. Che cxxxo centra la russia?? quest'ultima è intervenuta (con il pretesto di combattere l'isis) solo per frenare le vergognose e ciniche velleità espansionistiche dell'america!! Chi è il responsabile di tutta questa sofferenza?? il tuo caro Obama!! È lui che ha voluto tutto questo!! Sei uno di quei anticomplottisti europeisti ignoranti che si allineano alla versione ufficiale dei media, solo perchè c’è un presidente americano di sinistra e nero.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 19/08/2016 - 14:35

---------- e qui che sbagli Tamagorà----finchè l'italia rimane nella nato quello che succede in siria ti riguarda eccome---

roseg

Ven, 19/08/2016 - 14:49

elkid come qualcuno ti ha già fatto suggerito, lascia perdere la politica è roba per adulti...dedicati al tresette, alla briscola, battaglia navale.

Keplero17

Ven, 19/08/2016 - 15:22

Questa si chiama propaganda a favore di al kaeda che è pienamente sostenuta dagli usa e dai suoi alleati dell'area in funzione anti Assad. La guerra moderna è fatta anche di queste cose.

Albius50

Ven, 19/08/2016 - 15:23

GIORNALISTI di nome ma NON DI FATTO dove NESSUNO HA NOTATO CHE L'AMBULANZA ERA NUOVA DI PACCA e SUPER ACCESSORIATA in un paese in guerra con le rovine la polvere ecc... tutto in torno; alla fine la scena è SCENOGRAFIA da FILM.

Ritratto di fluciano

fluciano

Ven, 19/08/2016 - 17:25

Significato forte chiaro di quest'immagine: dobbiamo sopportare l'invasione dei clandestini e, mentre gli italiani muoiono di fame, giustificare l'enormi spese per il loro sostentamento.

doris39

Ven, 19/08/2016 - 17:26

Quello che è insopportabile è constatare che per i mass media , giornalisti asserviti,i bambini non sono tutti uguali! I bambini, uccisi qualche giorno fa in una scuola o in un ospedale nello Yemen, non hanno l'onore di cronaca. Già, loro, poveri piccoli, non servono alla causa.

Ritratto di LordPBA

LordPBA

Ven, 19/08/2016 - 17:33

Non ho parole, ne' per i bambini, ne' per la guerra/caos delle informazioni. Mi viene pero' sempre in mente una frase di Putin che disse all'USA e UE nel 2012 o 2013, non ricordo, quando loro sostenvano i "ribelli contro il regime di Assad", gli disse chiaramente: "Voi siete pazzi, non sapete cosa state facendo"

Ritratto di hermes29

hermes29

Ven, 19/08/2016 - 17:35

Sai quanti piccoli Omran esistono in Italia dove la guerra non c'è, ma tra povertà abbandoni ed invisibilità delle istituzioni muoiono nei silenzi della gente? Mosca Damasco Assad Aleppo Bashar Assad Jabhat Fateh al Sham, sono nomi che non conosceranno mai, ma la fame si, grazie al disinteresse della politica ed istituzioni, che con queste immagini vogliono allontanarci dalla tristezza e bisogni elementari ma giornalieri. Anche da noi diversamene è guerra; tra poveri. Chi ha pietà di noi?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 19/08/2016 - 18:02

Alox ore 11:53 - Grazie dell' asino, ben lungi da me nell'intimorire qualcuno. Mi pare che fosse Obama a cercare di fare la guerra a tutti i costi in Siria, di appoggiare le primavere arabe, con i nefasti risultati che vediamo, compreso la Libia. Senza dimenticare che tali primavere arabe furono tanto invocate e appoggiate da tutti i governi di sinistra italiani degli ultimi anni, e di raglianti loro elettori.

Ritratto di thunder

thunder

Ven, 19/08/2016 - 18:04

elkid,mi sa che lei vaneggia ...ma di brutto!

Ritratto di gloriabiondi

gloriabiondi

Ven, 19/08/2016 - 18:36

Politicamente corretti ipocriti schifosi! il mondo è pieno di bambini così, e di altri fatti a pezzi dalle bombe, ma la colpa è sempre di un feroce dittatore. Invece i buoni, combattenti per la democrazia, sparano caramelle. Che siano affiancati dall'Isis è un dettaglio irrilevante, se cade Assad è certo che si instaura il califfato? I progressisti la soluzione ce l'hanno: dialogo, integrazione, multiculturalità.

Keplero17

Ven, 19/08/2016 - 18:42

El Kid ma da che parte stai? Mi sa che sei vittima della propaganda di sinistra. Assad è finito dritto nel mirino degli israeliani poiché ha fornito i missili anticarro Kornet agli hezbollah con cui è stato sconfitto l'esercito israeliano nel 2006 coi soldati che bruciavano vivi dentro i carri armati Merkava.

anna.53

Ven, 19/08/2016 - 22:06

1)l'ONU è un ente inutile e i suoi rappresentanti super pagati servono a un nulla. Il Vaticano che vi fa parte? Nullità allo stato puro, a livello internazionale tace. In Italia invece è un festival di interferenze a tutto spiano di tipo politico. 2) Grazie a G Micalessin per il lavoro puntuale e documentato di sempre

chebruttaroba

Sab, 20/08/2016 - 01:09

Da quel che sembrerebbe che ad Aleppo ci abbiano mandato anche tutti i bambini di Sirte. A Sirte dove bombarda Obama di bambini sembrerebbe non essercene, è un paese di vecchi che si possono ammazzare. Ad Aleppo sembrerebbe esserci solo bambini.

starigospod

Sab, 20/08/2016 - 07:52

Non si può che confermare il sentimento di pietà che fà nascere la durezza della guerra ad Aleppo, anche se personalmente mi ha più toccato le immagini iniziali della uccisione dell' avviatore giordano bruciato vivo o dello sgozzamento di molti prigionieri o dei bambini che uccidevano altri uomini. Anche la amputazione di una gamba a fini terapeutici non fò piacere, ma è indispensabile per sopravvivere. Quindi non si può pensare di dare fiato all' ISIS mostrando un bambino scioccato da un bombardamento, anche se lo stesso è una vittima, ma non dei russi ma degli integralisti che vanno spazzati via.

linoalo1

Sab, 20/08/2016 - 07:56

In questi casi,bisogna essere CINICI al massimo!!!Per il Bimbo,sarebbe stato molto meglio morire!!Infatti,che futuro avrà???

alox

Sab, 20/08/2016 - 11:55

La Criema non doveva annettere la Russia, adesso Putin per ripicca invadera' l'Ucraina...giusto? Svegliatevi imbecilli!

lucaberardi

Sab, 20/08/2016 - 13:49

Forse Micalessin tra i filoputiniani che scrivono su Il Giornale è il meno peggiore,ma anche lui nasconde alcune verità.Appurato che Assad non è certo migliore dei jihadisti che combatte(basta sapere che oltre 17.000 persone sono state torturate nel carcere siriano di Saydnaya,in pratica un centro di tortura),andrebbe detto che a scatenare la guerra civile è stato Assad a partire dal 2011 (quando l'ISIS non esisteva)quando fece sparare ad Homs sui manifestanti disarmati e spingendo quindi i suoi oppositori Sunniti a ricorrere alle armi e poi dopo ad unirsi con il tempo all'ISIS viste le ulrìteriori efferatezze di Assad (uso di armi chimiche sui civili)

lucaberardi

Sab, 20/08/2016 - 14:53

Forse Micalessin tra i filoputiniani che scrivono su Il Giornale è il meno peggiore,ma anche lui nasconde alcune verità.Appurato che Assad non è certo migliore dei jihadisti che combatte(basta sapere che oltre 17.000 persone sono state torturate nel carcere siriano di Saydnaya,in pratica un centro di tortura),andrebbe detto che a scatenare la guerra civile è stato Assad a partire dal 2011 (quando l'ISIS non esisteva)quando fece sparare ad Homs sui manifestanti disarmati e spingendo quindi i suoi oppositori Sunniti a ricorrere alle armi e poi dopo ad unirsi con il tempo all'ISIS viste le ulteriori efferatezze di Assad (uso di armi chimiche sui civili)

lucaberardi

Sab, 20/08/2016 - 15:57

"un'altra" non si sa bene a cosa si riferisca Emilia, perchè l'unica base militare "estera" in Crimea era quella navale russa a Sebastopoli dove ha stanza la flotta russa del Mar Nero la cui presenza l'Ucraina aveva accettato in base agli accordi di Budapest del 1994. In base agli stessi accordi del 1994 la Russia si impegnava ad accettare e a rispettare i confini dell'Ucraina Crimea compresa, Ovviamente Putin e Medvedev hanno ignobilmente rigettato nel 2014 gli accordi di Budapest 1994. Inoltre la Russia non aveva alcun motivo di intervenire militarmente in Crimea perchè la loro base navale godeva di piena autonomia e i russofoni di Crimea non sono mai stati minacciati dal governo di Kiev