Tra pistole e veterani Trump si suicida sparandole grosse

Fa talmente tante gaffe che c'è chi pensa lo faccia apposta. D'accordo con la Clinton

T utti si chiedono in America, specialmente la destra, che cosa diavolo stia combinando Donald Trump il quale ha già dissipato il vantaggio che aveva su Hillary Clinton (quattro punti) trovandosi oggi con undici punti di svantaggio. Perché?

Se si vanno a guardare le tabelle pubblicate dai maggiori giornali si vede che gli imprenditori seguitano a scommettere sulla Clinton, che raccoglie dai suoi sostenitori milioni su milioni per la pubblicità elettorale. Trump invece è a secco. Il fatto che sia ricco di suo rende ancora più imbarazzante la situazione. Sembra cioè che soltanto lui abbia fede in se stesso. L'America è la patria delle teorie cospirative e naturalmente ne gira una fantasiosa secondo cui Trump e Hillary sarebbero d'accordo insieme a Sanders: lui, the Donald, distrugge il partito repubblicano; lei grazie a Bernie Sanders non appare tanto «di sinistra» e alla fine la vittoria democratica è garantita per la terza volta consecutiva, fatto rarissimo.

La teoria cospirativa sarà falsa, ma poggia su fatti concreti: Trump è stato amico per la pelle della coppia Clinton come mostrano centinaia di foto di occasioni sociali. Trump è abortista «pro choise» - mentre nessun vero repubblicano lo è. E infine Trump ha finanziato di tasca sua le precedenti campagne elettorali di Hillary. Oggi lui dice che la Clinton è un mostro di corruzione e una creatura del male, ma questo è quel che dice la maggior parte degli americani, visto che il 53 per cento la considera non onesta.

Adesso è accaduto il fatto nuovo. Trump non si rivolge più agli elettori repubblicani, ma al «popolo del secondo emendamento». Il secondo emendamento è quello che nella Costituzione americana concede al cittadino il diritto di proteggere con le armi la sua vita e la sua libertà. La Clinton e quasi tutto il partito democratico vorrebbero abolire il secondo emendamento accusato di essere l'origine dei continui «mass shooting», le stragi di massa dello sparatore solitario. Una parte importante del popolo americano, democratico e repubblicano, vuole mantenere ad ogni costo il diritto di possedere armi (regolarmente registrate) fra cui i fucili d'assalto che simulano quelli che i soldati usano in battaglia, ma con caricatori più leggeri.

Ebbene, Trump si è rivolto al «popolo del secondo emendamento» (cioè agli americani armati) dicendo loro di «fare qualcosa». «Fare» che cosa? «Non è che per caso - gli ha chiesto il presidente repubblicano alla Camera Paul Ryan - stai suggerendo di far fuori la Clinton? Faresti meglio a chiarire».

Paul Ryan (che in un primo momento Trump ha rifiutato di appoggiare alle elezioni e poi l'ha fatto di malavoglia concedendo con un'alzata di spalle che è «a good guy», un bravo ragazzo) ha chiesto a Trump di non far marcire l'equivoco. Ma che nelle parole di The Donald potesse essere insita un'insidia è stata una immediata preoccupazione anche del Secret Service il quale non è la Cia, o la Dia o un'altra delle agenzie di spionaggio, un corpo speciale che si occupa soltanto della Casa Bianca, dei suoi abitanti e dei suoi impiegati, un po' come i corazzieri al Quirinale. Qualsiasi minaccia contro un presidente in carica o candidato, un suo familiare o anche il vertice del governo, è di competenza del Secret Service che ha carta bianca per garantire la sicurezza sia di chi è in carica, sia di chi è candidato. Ma la sola ipotesi di un subliminale invito a far fuori la Clinton ha creato nuovo nervosismo, specialmente a destra. Così l'emorragia delle defezioni è ripresa in modo crudele. Martedì se n'è andata la senatrice del Maine, Susan Collins, dichiarando che non lo voterà. «Ci rende ogni giorno più faticoso appoggiarlo» dice un esperto come Ryan Williams ex consigliere di Mitt Romney. Ma avverte anche lui odore di bruciato in questo incomprensibile comportamento di Trump: «Sembra che lo faccia apposta. Sembra provocare affinché qualcuno lo denunci. E visto che non lo denunciano, rincara la dose, ogni santo giorno».

Intanto, lavorando come una laboriosa ed esperta formica politica, Hillary secondo il giornale di destra Wall Street Journal, sta riconquistando gli elettori che si erano espressi per Trump in Pennsylvania, in Ohio e Iowa. La Clinton, che era sull'orlo di una crisi di nervi prima della sua Convention, ora va a gonfie vele dopo aver incassato lo scoop dei genitori pakistani di un capitano americano caduto in Irak. Per convenzione non scritta, in Usa è vietato mancare di rispetto alla madre di un caduto. La madre di un caduto, come nell'antica Sparta, è considerata una divinità civile. Di lei Trump aveva detto: «Questa donna sta zitta tutta imbavagliata lasciando parlare solo il marito. Chissà che cosa direbbe, se potesse». Scandalo: un brivido di indignazione gela la schiena dell'America, le quotazioni di Trump colano a picco e da allora non ne azzecca più una perdendo punti su punti, ogni giorno.

Commenti

lavieenrose

Gio, 11/08/2016 - 08:51

Che vinca Trump o la Clinton che Dio ci aiuti: uno è uno sbruffone (furbo) l'altra è una pazza scatenata. Non vorrei che trump abbia fatto i suoi calcoli ed abbia capito che economicamente gli conviene perdere. Trarremo le conclusioni dopo un pò di tempo dalle elezioni se vince la Clinton andando a guardare l'incremento degli affari di Trump.

idleproc

Gio, 11/08/2016 - 09:33

Per gli "americani" DOP il secondo emendamento non è una barzelletta, è un fondamento ed è associato al diritto fondamentale del Cittadino armato. Su questo non è una questione di lobby delle armi anche se ci marciano. Non sono europei, è nella loro storia. Trump conosce perfettamente ciò che sta combattendo ed esistono battaglie più che onorevoli che vale la pena di combattere anche se la posibbilità di vincerle sono basse. Non è un richiamo alla violenza, è un richiamo alle "radici" del popolo americano e ai loro valori. Criticabili o meno, è affar loro.

carpa1

Gio, 11/08/2016 - 09:55

"La Clinton e quasi tutto il partito democratico vorrebbero abolire il secondo emendamento accusato di essere l'origine dei continui «mass shooting»". Questa è tutta scema se crede davvero a ciò che dice. Basta guardare all'Italia dove, a parte i cittadini onesti che se mai le posseggono è solo dietro un porto d'armi rilasciato a seguito di una richiesta motivata, sono alla portata di qualunue criminale e nessuno, ripeto nessuno, protegge i cittadini dai delinquenti. Con questo intendo dire che non esiste alcuna prevenzione ed è inutile continuare a fornire informazioni su quanti siano poi finiti dietro le sbarre (per altro solo temporaneamente nella maggiornaza dei casi); andatelo a raccontare ai morti ammazzati!

Giulio42

Gio, 11/08/2016 - 10:15

Sbagliare è possibile perseverare sarebbe diabolico, Presidenti protagonisti che hanno scatenato guerre assurde di cui stiamo ancora pagando le conseguenze ne possiamo fare a meno.

Libertà75

Gio, 11/08/2016 - 10:21

Innanzi tutto va detto che Trump si è speso per una politica di pace e collaborazione con le altre potenze del pianeta (Russia e Cina), mentre la Clinton ha promesso di continuare le ostilità e le politiche di destabilizzazione in Africa ed Europa. Sono quindi sostanzialmente diversi. Tuttavia, la teoria del complotto se pur affascinante non è ancora verificabile. Il momento topico della campagna elettorale comincerà ai primi di settembre, sarà in quel momento che i candidati spenderanno i nomi del loro futuro staff e tireranno fuori il meglio o il peggio di sé. Quindi ancora un mese e sapremo la verità.

lavieenrose

Gio, 11/08/2016 - 10:55

per libertà 75: grazie per il suo messaggio. Mi ha fatto riflettere e penso che lei abbia ragione.

Ritratto di lucavelasco

lucavelasco

Gio, 11/08/2016 - 11:14

Negli States i presidenti che han governato son pochi e tutti repubblicani. I democratici son devoti a finanziatori, elettori e grandi opinioni spiaggiate sui giornaloni. Trump non è democratico ma questo non basta per essere un repubblicano ed oggi a trovarne uno si fa fatica. Le chiacchiere son vere o false. Chissà?

VittorioMar

Gio, 11/08/2016 - 11:20

....purché se ne parli!!...e come sempre i media abboccano!!

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Gio, 11/08/2016 - 11:24

Obama, il grande incapace, ha riportato il medioevo in occidente. La Clinton potrebbe prolungare quest'agonia in maniera irrimediabile. Allo stato attuale l'unica salvezza, per il mondo, è Trump. E servono pure due mandati...

Jimisong007

Gio, 11/08/2016 - 11:30

A chi parla Trump? chi sono oggi gli americani? che ne sanno del secondo amendamento?

William_67

Gio, 11/08/2016 - 11:44

Trump non ha alzato le tasse, non ha quadruplicato il prezzo del cibo, non ha lasciato i soldati americani a Bengazi al massacro dei musulmani. Non ha mandato navi US a combattere in favore di Al Qaeda in Siria, non ha armato l'ISIS che sta sterminando i cristiani in medio oriente, non ha tradito Israele e finanziato il programma nucleare iraniano. Non ha rivelato i segreti militari US alls Cina. Trump non ha avvizzito i militari americani e tradito i loro veterani. Non ha paralizzato l'economia US, non ha ingigantito il debito americano di 20 trilioni di dollari. Non ha raddoppiato la disoccupazione degli americani di colore. Non ha aumentato il welfare a un livello record. Non ha dato liberato i terroristi di Guantanamo. Non ha rubato diritti agli americani. Quanto sopra invece lo ha fatto il premio nobel per la pace tale Barack Obama.

arkkan

Gio, 11/08/2016 - 11:48

Il complotto potrebbe anche essere al contrario. I grandi msm sono evidentemente contro Trump, quindi si cerca di enfatizzare il pelo nell'uovo per screditare l'avversario. Però negli USA il 2 emendamento è qualcosa di sacro, sta bene alla maggioranza degli americani, toccarlo è un attentato alla libertà, che praticamente è quello che vuole Hillary e i DEM.

ex d.c.

Gio, 11/08/2016 - 11:56

Speriamo che gli elettori americani siano più intelligenti degli italiani e votino chi meglio protegge i loro interesse. Trump più che rappresentare l'America è l'America.

William_67

Gio, 11/08/2016 - 12:23

ultimo messaggio: non parlo dei democratici americani che sono alla stregua del nostro pd, parlo dei 50 repubblicani che non sostengono Trump +o- per i vostri motivi elencati nell'articolo. Faccio presenti che questi sono solo pretesti perche' quei signori sono finti repubblicani finanziati come i democratici dagli speculatori di wall street: sono come sarkozy in francia: la finta destra che si unisce all'uopo alla sinistra di hollande per far perdere la vera destra della Le Pen. Prendete esempio amici nostrani di FI non fate gli NCD non ve ne tornera' un granche'

zucca100

Gio, 11/08/2016 - 12:32

trump komunista?

Ritratto di combirio

combirio

Gio, 11/08/2016 - 14:48

Ho la vaga sensazione che la politica Democratica in America possa continuare come prima e più di prima! Se la Clinton probabilmente non avrebbe mai vinto adesso può esserci la certezza che potrà vincere grazie a Trumph. Se vogliamo fare i raffronti con la nostra politica, basta ricordare i meriti del Finito per quanto abbia fatto, per distruggere la Destra in Italia. Tante riforme erano già pronte per essere attuate e fatte molto meglio dei pastrocchi che si stanno facendo ora e questo da almeno 10 anni. Adesso godiamoci la povertà, l' immigrazione incontrollata e violenta, voluta dal Sinistrume attuale.

exioba

Gio, 11/08/2016 - 15:41

Secondo me Trump non si aspettava di arrivare dove è arrivato e ora deve assolutamente fare di tutto per perdere......non escludo che si presenti nudo ai prossimi comizi pur si esserne sicuro!

Ritratto di marystip

marystip

Gio, 11/08/2016 - 15:50

Le sparerà anche grosse, certo è che nel mondo tutti quelli che fanno la guerra, usano armamenti americani. Come sarà!

alox

Gio, 11/08/2016 - 17:19

Trump(burattino della Clinton) o Clinton? Speriamo questi 4 anni passino in fretta perche' chiunque avrebbe battuto la Clinton: perfino Jeb Bush!

Massimo25

Gio, 11/08/2016 - 21:04

Su una cosa Trumpf ha ragione da vendere che Obama e la Clinton sono i cofondatori del daesh e loro sponsor in tutto.Ormai ci sono prove talmente schiaccianti che solo i vigliacchi europei non vedono ipocriti e schiavi con l'anello al naso..

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 11/08/2016 - 21:30

(4° invio, così va bene?) Trump non ha detto che bisogna fermare Clinton con le armi, ha detto una cosa diversa, appellandosi agli americani per i quali il Secondo emendamento è sacro (e che Obama, Clinton e democratici vxxxxxxo abolire). Stravolgere il significate delle parole per delegittimare e ridicolizzare l’avversario è tipico della sinistra, di qualunque latitudine. Mi ricorda quando Berlusconi, rivolgendosi a degli imprenditori, disse che "Non si può essere così cxxxxxxi da votare contro il proprio interesse"; frase che fu stravolta in "Chi non vota per me è un cxxxxxxe". La tecnica è la stessa. Strano che Guzzanti non lo ricordi e non capisca il subdolo inganno di questo tipo di propaganda.

swiller

Ven, 12/08/2016 - 09:38

Non ha importanza sono tutti criminali gli americani.