Pochi no e lettone senza limiti. I dieci errori più comuni commessi (anche) dalle mamme perfette

I social condannano i baci "hot" di Belen al figlioletto Santiago. Ma tutti i genitori sbagliano tra vezzeggiativi e iperstimoli

Belen pubblica un video su Istagram mentre gioca con il figlioletto Santiago a tavola e gli leva un po' di crema dal volto con la lingua. «Oddio, quanta perversione in quel gesto» esplodono, bacchettoni, i social network. «Quel bambino avrà il complesso di Edipo», «crescerà gay». Commenti al vento, disciplina in cui la rete si va via via specializzando. «Quello di Belen è solo affetto materno» tenta di scagiornarla qualche tweet. «Ma che ne sa una come lei di come si cresce un figlio?» commentano le irreprensibili mamme alla Rottermaier.

In realtà, chi più chi meno, tutti i genitori commettono errori con i propri figli. Anche solo per troppo affetto. Abbiamo individuato gli errori più comuni assieme a Monica de' Angelis, pediatra di famiglia responsabile scientifico del dipartimento formazione Simpef, il sindacato dei pediatri.

TROPPE COCCOLE

Senza scomodare Edipo, l'eccesso di baci può essere soffocante. Lo sarebbe per tutti. Un'altra cosa è invece l'educazione tattile, molto consigliati i massaggi infantili.

DIRE TROPPI SÌ

L'errore più grave è darle tutte vinte ai figli. I bambini che non ricevono no sono quelli che non hanno paletti in quello che fanno. Il no è come un cartello «attenti al burrone», che mette in guardia i bimbi anche quando osano.

DOTTORE GOOGLE

Troppo apprensive, le mamme consultano Google come se fosse un medico vero, con un'eccessiva disinvoltura, e diventano ancor più apprensive. «Occhio, sempre meglio farsi supportare dal pediatra».

ALLATTARE A DUE ANNI

È vero che ogni madre sa cosa è bene per il proprio figlio, ma gli psicologi mettono in guardia: «Tante volte le mamme fanno fatica a far staccare il bambino da sé e non va bene».

IMBOCCARE A TAVOLA

Sbagliatissimo imboccare i figli a tavola. Molte mamme credono di coccolarli, ma impediscono un rapporto personale col cibo. Piuttosto è bene lasciar fare quando sono i bimbi a imboccare la mamma: è il loro modo per donare.

CIUCCIO NO LIMITS

Sacrosanto nei primi mesi di vita come «consolazione», il ciuccio, dopo il primo anno, andrebbe utilizzato solo nel momento della nanna.

ACCESSO AL LETTONE

I pediatri sono tutti d'accordo: sì ai bimbi nel lettone di mamme e papà ma solo per le coccole della domenica mattina o per qualche occasione speciale. Non come abitudine.

TROPPI VEZZEGGIATIVI

«Patatino mio, hai la bua? Ecco la pappolona». Tutto ha un limite, soprattutto dopo l'anno di età. Piano con le parole storpiate, i bambini non sono stupidi e non vanno trattati come tali anche se tante volte è solo una forma di coccola.

STIMOLI ECCESSIVI

Pallavolo, musica, inglese. Piano con gli impegni. I bambini hanno bisogno di annoiarsi e rilassarsi. È così che stimolano la fantasia e hanno il tempo di inventare nuovi giochi

FOTO SU FACEBOOK

Per le mamme le foto dei bebè sui social network sono motivo di vanto. Ma non esageriamo, la vita dei bambini non va scandita come un evento mediatico.

Commenti

chebarba

Ven, 13/01/2017 - 09:22

il problema di belen non è che scatena il complesso di edipo del figlio è che qualsiasi cosa faccia la posta sui social, questo crea danno, e qualsiasi cosa faccia lo fa con l'atteggiamento non da mamma ma da sexigirl, gesti e abiti che usa per giocare con il figlio e sculettare a più non posso per postarli ai fans questo è lo sbaglio, le coccole private tra madre e figli sono altra dolcezza

chebarba

Ven, 13/01/2017 - 09:27

ho letto il su esposto decalogo sono regole ovvie e per quanto mi concerne già tutte adottate con mio figlio, so che non per tutti è cosi 1) perchè non si ha voglia di impegnarsi nel dare e far rispettare 3 regole fondamentali ai bimbi per la loro stessa sicurezza, formazione e vivere civile anche in famiglia2) lavaggio del cervello su internet di pseudo guru dell'allattamento, dell'antivaccinazione, delle cure alternative, e amenità varie 3) far finta di nulla è meno impegnativo del no e della relativa spiegazione, seguire i compiti e la vita dei figli senza soffocarli e difficile....

chebarba

Ven, 13/01/2017 - 09:29

aiutami a fare da solo, insegnami, abbi pazienza e amore, fammi capire quando sbaglio, proteggimi, rendimi forte, questo ci chiedono i figli e noi genitori dobbiamo essere forti, giusti, gentili con loro in base ai bisogni di ogni età e di ogni situazione

chebarba

Ven, 13/01/2017 - 10:46

come e perchè si fanno le cose. 1) che motivo c'è di mettere in rete tutti questi video e soprattutto quelli che coinvolgono bambini specie se propri figli 2) nel rapportarsi con il bambino la madre non può abbandonare gli atteggiamenti e i vestiti da sexi diva (che dovrebbe adottare solo in tv o spettacoli) ed essere semplicemente mamma? 3)se uno è rozzo è rozzo qualunque cosa faccia

chebarba

Ven, 13/01/2017 - 11:01

Nessuna mamma è perfetta sbagli per amore o per stanchezza ma il decalogo ad alcuni serve poichè non usano neanche un pò di buon senso, per noi fatto: coccole amore abbracci a richiesta o con slancio d'amore non per affettazione si e no con relative spiegazioni, 3 regole fondamentali e far capir che ogni circostanza può avere risposte diverse, responsabilità pediatra, buon senso e sangue freddo curarsi è cosa seria allattato fino allo svezzamento poi il mangiare diventa cosa seria, educazione alimentare anche sulla qualità e quantità dei cibi, niente zucchero qualche eccezione golosa in un'alimentazione sana, niente mode alimentari si mangia tutto ciuccio morto a 13 mesi con l'arrivo al nido,super uso delle educatrici si è rotto...ricorso al pupazzo notturno di consolazione

chebarba

Ven, 13/01/2017 - 11:01

lettone wend e quando sta male (per poterlo controllare meglio e consolare) sempre parlato in italiano, niente bamboleggiamenti e in base all'età cambia anche il vezzeggiativo per lui uno sport,e poi tante attività sane da fare con mamma e papà nel tempo libero a casa, nel wend o in gita non ho fb e se lo avessi soprattutto per paura dei pedofili mai mi sognerei di postare foto di mio figlio, nè permetto ad altri di fotografarlo. Poi a seconda delle circostanze tutti sbagliamo con un riprovero di troppo è soprattutto il mio cruccio

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 13/01/2017 - 12:12

----------chebarba------nomen omen-----uff---piantalaaaaaaaaaaaaa----non esistono regole codificate per la crescita dei figli e neppure testi sacri ---ognuno si arrangia col la propria sensibilità e maturità----poi capita che il figlio allevato in maniera perfetta diventi il pusher di quartiere--mentre quello allevato non secondo canoni scritti dai più prestigiosi pediatri diventi uno stimato professionista---esiste un'alea in queste cose---hasta

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Ven, 13/01/2017 - 16:13

E quale sarebbe la mamma perfetta? Quella che mostrate nella foto?

Ritratto di ateius

ateius

Ven, 13/01/2017 - 16:18

il legame che lega un figlio alla madre va ben oltre il bacio le coccole e le banali indicazioni di comportamento date dai giornali; il figlio struttura la intera propria personalità sul rapporto che con lei crea nei primi mesi della propria vita.- e su di esso baserà il proprio comportamento nell’età adulta, e anche ogni sua scelta.. consapevole o meno.

Cianna

Ven, 13/01/2017 - 23:00

visto che lo pubblica pure, poveretta non si rende nemmeno conto.....