Ponte di Genova, Di Battista: "Nazionalizzare rete autostradale"

Alessandro Di Battista interviene nel dibattito il giorno dopo la grave tragedia di Genova costata la vita a 39 persone

Alessandro Di Battista interviene nel dibattito il giorno dopo la grave tragedia di Genova costata la vita a 39 persone. L'ex parlamentare del Movimento Cinque Stelle chiede la "nazionalizzazione" della autostrade chiedendo duqnue la revoca della concessione come hanno affermato Di Maio e Toninelli: "Non siamo ridicoli e basta con la propaganda. Questo è un momento drammatico dove chi parla di cambiamento ha solo una cosa da fare: far tornare nelle mani dello Stato la gestione delle autostrade", afferma su Facebook.

Poi Di Battista spiega la sua posizione: Io non sono uno di quelli che collega il TAV o altre opere inutili, corrotte e dannose alla tragedia di Genova. Anche se non avessero cominciato quell'idiota buco in Val Susa quel ponte sarebbe venuto giù lo stesso. Il TAV non va fatto a prescindere, non per Genova. Non sono nemmeno uno di quelli che tira in ballo Europa o spread. Cosa c'entra? Il ponte l'hanno buttato giù a Bruxelles? Non siamo ridicoli e basta con la propaganda". A questo punto da un consiglio a chi governa: "La politica faccia la politica. Agisca immediatamente revocando le concessioni autostradali perché è un diritto del Popolo italiano essere padrone delle proprie strade, della propria vita e della propria sicurezza. Ed è dovere dello Stato gestire i servizi essenziali per i cittadini".

Commenti

sibieski

Mer, 15/08/2018 - 18:27

benetton torna a fare la calza

Alessio2012

Mer, 15/08/2018 - 18:59

COL SENNO DI POI SONO CAPACI TUTTI. SIETE UNA BANDA DI INETTI,E GLI ITALIANI CHE VI SEGUONO SONO DEI MASOCHISTI.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 15/08/2018 - 19:11

nazionalizzando, significherebbe che i costi verranno caricati sugli italiani, aumentando le tasse e i debiti... forse non sa dove vive lui! che rimanga in messico !!!

skywalker

Mer, 15/08/2018 - 19:14

Ma vai a cagare, genio del nulla.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Mer, 15/08/2018 - 19:24

Ma vai a cagare.

Ritratto di michageo

michageo

Mer, 15/08/2018 - 19:59

…..Dibba ha mangiato delle tortillas avariate, gli ci vuole un olio lassativo…..

ARGO92

Mer, 15/08/2018 - 20:30

ma chi cxxxo sei? chi ti credi di essere ? semplicemente VAI A CAGARE MISTER NESSUNO

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 15/08/2018 - 20:39

Ancora un ebete che parla, un ebete 100% doc che preferisce destinare i soldi pubblici all'accoglienza di tutti i parassiti africani invece che destinarli in opere che vanno alla sicurezza dei cittadini italiani dalle infrastutture alle opere di miglioria. Un cialtrone da evitare .....

edo1969

Mer, 15/08/2018 - 20:53

e ha ragione !!!

Foxes

Mer, 15/08/2018 - 21:11

Purtroppo la mamma degli idioti è sempre incinta ... dovremmo nazionalizzare anche lei così smetterebbe di fare figli.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 15/08/2018 - 21:23

E qui esce il komunista che sta dentro represso.

routier

Mer, 15/08/2018 - 21:28

E' giusto chiedere di nazionalizzare le autostrade italiane ma con le coperture, gli agganci ed i sospetti intrallazzi e complicità con la politica pregressa, degli attuali gestori, sarà molto difficile riuscirci. In Italia l'onestà, la correttezza, la dignità, l'etica e la deontologia professionale non pagano mai!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 15/08/2018 - 23:05

Nazionalizzare sarebbe bello,tutti i guadagni andrebbero allo Stato, ma soltanto sapete come funziona lo Stato. Funziona che se si vuole assumere qualche raccomandato ne assumerà anche del doppio e poi per non far pesare la spesa sui camionisti lo farebbe pagare a tutti i cittadini sulle tasse.

Gianni11

Mer, 15/08/2018 - 23:51

D'accordissimo con Di Battista. Le strade, come le ferrovie, devono essere statali. Altrimenti i soldi che paghiamo di tasse a che servono?

rokko

Gio, 16/08/2018 - 00:35

Ma sì, nazionalizziamo tutto. Poi quando finiremo in brache di tela, non venite a lamentarvi.

napolitame

Gio, 16/08/2018 - 07:02

il privato è un cancro esattamente come il pubblico. ma,a parita' di inefficienza e disservizi, almeno non arricchisco il benetton di turno

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 16/08/2018 - 08:33

questo dibattista si dimentica della loro assoluta opposizione a nuove infrastrutture alternative al ponte: taccia quindi anche se difficilmente , date le sue incerte capacità mentali, sra in grado di farlo: lo spazio che lascia intravvedere tra le due dita che ci mostra, sono quelle con cui denuncia infatti le proprie capacità intellettive!

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 16/08/2018 - 11:08

con una faccia del genere evidentemente può chiedere cio che vuole: di certo primate era e primate rimane!

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 16/08/2018 - 11:14

-il dibba ha ragione da vendere-e spiace che un tizio così capace se ne stia in messico piuttosto che partecipare alla politica attiva del paese- la privatizzazione potrebbe essere un vantaggio se i soggetti in ballo fossero tanti e si sviluppasse una sana concorrenza-in italy invece le privatizzazioni fanno schifo-si fa un prezzo regalo agli amici del quartierino-si lascia crescere praticamente un monopolio privato-lo stato che dovrebbe controllare i soldi guadagnati dalle società private e quelli spesi si gira dall'altra parte-dei 7mila chilometri circa di strade italiche ai benetton ne sono state date oltre la metà-i soldi guadagnati crescono-i pedaggi pure-i soldi spesi per la manutenzione calano di anno in anno-a sto punto meglio che ci pensi lo stato-un sano comunismo reale-e chi dice che i benetton siano di sinistra fa lo gnorri-i benetton hanno unto le campagne elettorali di tutti i partiti dell'arco parlamentare-pure i leghisti hanno magnato e smentitemi se ci riuscite-

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 16/08/2018 - 11:47

Ma a voi piace che a casa vostra cia sia un'impresa che vi faccia un lavoro, lento malfatto e da spendere poco, oppure un'impresa che sia veloce, il lavoro ben eseguito e che costi quasi il doppio? Che poi ci siano operai sotto pagati penso che non ve ne importi tanto, l'importante che il lavoro sia a regola d'arte. Che poi dopo 50 anni ci possano essere dei problemi nessuno lo sa, oppure si potrebbe immaginarlo, ma non penso che con lo Stato qualcuno averebbe mosso un dito per evitare la catastrofe.

OttavioM.

Gio, 16/08/2018 - 14:17

Non tutte le privatizzazioni sono andate bene, leggetevi il libro di Mario Giordano dal titolo eloquente Avvoltoi, laddove il privato o il concessionario si è arricchito, il servizio è più costoso, ma peggiorato, allora è giusto nazionalizzare, lo propone pure la Meloni.

cir

Gio, 16/08/2018 - 15:40

ha perfettamente ragione . ma prima di tutto lo stato deve diventare una NAZIONE.

Valvo Vittorio

Gio, 16/08/2018 - 15:48

Nazionalizzare non è la panacea dei mali, al contrario li incrementa. Porto due esempi: in Russia uno dei leader eletto come presidente aveva un fratello ingegnere edile che ebbe "il compito" di costruire case popolari in un territorio non idoneo. Alla prima scossa di terremoto tutto crollò! Ancora oggi anche se desueto un grande "lavoratore" fu insignito da Lenin in persona della croce di ferro perché grande lavoratore; ancora oggi stacanovista è usato. Morto Lenin e crollato il muro di Berlino l'organo ufficiale della Russia scrisse che quel lavoratore era un folle e ubriacone! Questi due esempi realmente accaduti dovrebbero rinsavire anche micro cefali facilmente plagiabili!

sparviero51

Gio, 16/08/2018 - 18:03

IL NOVELLO "CHE GUEVARA " DEI MIEI "00" !!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 16/08/2018 - 18:23

Gianni 11 proviamo a parlare di INPS che è nazionalizzato,mi può spiegare dove sono andati a finire tutti i soldi versati dai lavoratori.?? Se ci fossero l'inps non avrebbe bisogno di nuovi lavoratori per pagare le pensioni maturate dopo una vita di versamenti.E lei vuole nazionalizzare??prendiamo la RAI incassa il canone e fa pubblicità tale quale o forse di più di MEDIASET etutti gli anni il bilancio è in rosso?????Se è ancora convinto la sua politica è una sola ......e lei lo sa.

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 16/08/2018 - 19:14

E' un discorso difficile, soprattutto per chi, come me, ha sempre odiato lo atatalismo di sinistra ed è nato e cresciuto nell'illusione del liberalismo. Credo che certe imprese e certi servizi, che non potranno mai produrre utili se ben gestiti e manutenzionati, debbano essere statali. Per contro, lo Stato non sarà mai in grado, per la sua stessa natura, di gestire bene le imprese senza cadere nel nepotismo, nella corruzione e quant'altro. Quindi? Non conosco la soluzione, ma penso che l'ideale potrebbe essere una gestione privata, rigorosamente nazionale, sotto un ferreo controllo da parte dello Stato. E anche così, ci sono ampi spazi di errore, perché lo Stato è composto da uomini e donne... e non necessariamente i migliori.

User68

Gio, 16/08/2018 - 20:12

Penso che la responsabilità almeno in parte sia sicuramente della società che ha la concessione, ma chi doveva controllare e controfirmare i collaudi periodici? Non era forse lo Stato? Quindi perchè nazionalizzare quando lo Stato non ha vigilato?

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Professor...Malafede

Professor...Malafede

Gio, 16/08/2018 - 21:05

Benetton può campare benissimo vendendo magliette, che poi è il suo vero mestiere, ammesso che gliele comprino ancora... Io mai!

Anonimo (non verificato)

rokko

Gio, 16/08/2018 - 22:29

Sì, perché le strade statali, gestione Anas, sono un modello di efficienza, vero Dibba? Ma vai a cagar

cgf

Ven, 17/08/2018 - 00:50

Riavere le autostrade piene di buche come era prima? NO GRAZIE

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Ven, 17/08/2018 - 07:24

GIA' E KI PAGA ?? TU BATTISTUCCIO ??!!

DRAGONI

Ven, 17/08/2018 - 09:31

MA DAI!LO STATO NON E' STATO IN GRADO DI CONTROLLARE A "DOVERE"IL RISPETTO DELLE CLAUSOLE DELLE "CONCESSIONI" AUTOSTRADALI E ORA QUESTO " BRILLANTE" SIGNORE VORREBBE RIAFFIDARE A QUESTO STATO ADDIRITTURA LA GESTIONE DELLE AUTOSTRADE!!!CON QUESTA SOLUZIONE VERREBBE ELIMINATA ANCHE UNA "SANA" CONCORRENZA TRA ASPIRANTI CONCESSIONARI.

peter46

Ven, 17/08/2018 - 10:38

gianniverde...tu del perchè l'inps è in deficit e soprattutto che la rai incassa in pubblicità quanto o più di mediaset ne 'capisci' na beata m....:per legge 'costituzionalizzata' a mediaset E'RISERVATO(se non si mette mano,ma la si metterà mano,tranquilli tutti,ai conflitti d'interesse)il 65% del tetto totale 'pubblicitario' ed alla rai il canone e parte del restante 35% da dividere con gli altri soggetti sul mercato.Non per niente appena Renzi ha diminuito il canone è tornato di moda Confalonieri che voleva 'pestare' Brunetta per essersi permesso(demagogicamente come sempre,certo)in parlamento,di chiederne l'abolizione e lasciare la pubblicità totale al mercato che avrebbe decretato la chiusura di mediaset.NB:E non rispondere neanche con 'allusioni', l'importante è avermi letto.

peter46

Ven, 17/08/2018 - 10:56

Anche Einstein me lo ripeteva...'finchè non riuscirai a far entrare nelle teste 'bacate' di gente come Takleberry Robocop2000, cgf,rokk...uzzu,Dragoni ma non solo nè gli unici certo,il concetto che 'QUELLO,Q U E L L O,STATO',che abbiamo finora conosciuto e per come era inteso dagl'intrallazzatori che finora ci hanno governato,non poteva essere efficiente(vero rokko se ogni anno,da sempre finora,non c'è stato vertice anas non indagato e condannato?ma che poteva essere formato da meno ladroni?)proprio per come era 'costituzionalizzato' il malaffare(e allargato al tempo del cdx con l'innovazione del general contractor che ci ha portato mose, tav a 4 volte il costo degli altri,sa-rc non ancora terminata, expo,sanità alle stelle eccecceccecc....non può esistere alcun liberismo in ciò che riguarda la vita essenziale quotidiana degl'Italiani.Bravo Dibba.

cgf

Ven, 17/08/2018 - 11:33

@peter46 quando gli sarà passata la sbronza e riuscirà a scrivere due frasi collegate tra loro, magari ripassi un poco l'analisi del periodo, aiuterebbe, magari ci renderà edotti del suo pensiero

rokko

Ven, 17/08/2018 - 14:12

peter46, troppo arzigogolato. La mia domanda è molto più semplice: la gestione statale dell'Anas è un modello di efficienza, per lei? E lasci perdere Einstein, non è il caso di metterlo in mezzo, mi creda.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 17/08/2018 - 16:06

Più nazionalizzati di così non si può: le opere pubbliche le "creano" le compagnie di ventura che incassano i pedaggi, profitti vari mentre al comune cittadino elettore sovrano e contribuente italico "siur Tafazzi", erede degli eroi del Risorgimento del Piave e della Resistenza, resta da sobbarcarsi i danni per i disastri prodotti dall'allegra gestione.